La Vita
Cronologia delle opere
I Canti
Le Operette Morali
Lo Zibaldone
Diario Del Primo Amore
Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani
Pensieri
Recanati città della poesia
CNSL (Centro Naz.le di Studi Leopardiani)
Centro Mondiale della Poesia
Parco Letterario
Giunta Naz.le Leopardiana
Cattedre Leopardiane
Casa Leopardi e Casa Antici
Avvenimenti
Iconografia
Città
Lettere autografe
Laboratori
Multimedia
L'infinito nel mondo
Home - LO ZIBALDONE

[2300]del tutto popolare nella Grecia e nel Lazio, anzi popolare per sua natura, in qualunque popolo, e propriamente una di quelle voci e idee che non essendo adoperate mai dagli scrittori se non per ischerzo, o per filosofica riprensione, sono nondimeno tutto giorno in uso nella comune favella, e in questa sordamente si conservano e si perpetuano, come fanno i pregiudizi e le sciocchissime opinioni, e i più puerili errori della più minuta plebaglia, e delle ultime femminucce; pregiudizi ec. de’ quali in particolare non s’ha notizia fuori di quella tal nazione perchè difficilmente vengono in taglio d’esser mentovati nella scrittura, o nella società, per poco civile che sia. E massimamente se ne perde la notizia, s’essi sono antichi (come appunto delle voci oscene delle quali avranno abbondato le lingue antiche, ne abbondano le moderne, nè però si conoscono da’ forestieri.). [2301]Frattanto essi si conservano tradizionalmente di padre in figlio, e si perpetuano più che qualunque altra cosa volgare, e con essi le parole che loro appartengono specificatamente. Di tal natura è l’antichissima e volgarissima voce Lamia, lamÛa, e l’idea ch’essa significa. V. il Forcell. i Diz. Greci, il Glossar. e il mio Saggio sugli errori popolari degli antichi.

Or questa voce passò in realtà nel volgare italiano, e vi passò non per mezzo degli scrittori, ma per mezzo del volgare latino il che si dimostra in due modi.

1.   Quei pochissimi scrittori latini che usarono questa voce, non poterono esser noti più che tanto a quegl’ignorantissimi che nel 300 adoperarono scrivendo in italiano la voce Lammia. Si vede chiaro ch’ella era in quel secolo volgare in Italia, poichè si trova in iscrittori di questa natura: laddove oggi ella non si trova che negli scritti dei dotti, perchè il volgo [2302]ha finalmente cessato di adoperarla e di conoscerla, avendo non perduto, nè cambiato affatto quella stolta idea che quella parola significava, ma pur tanto cambiatala, ch’ella si esprime ora con altre parole.

2.   Gli scrittori latini adoperarono Lamia in senso di strega, o fata ec. e negli scrittori del trecento ella si trova, credo sempre, in senso di ninfa, tanto che i volgarizzatori di quel tempo, dove i testi latini dicono nympha, traducono regolarmente Lammia. Questa voce non la poterono dunque avere dagli scrittori latini, che l’adoprano in altro senso, ma dal volgare, il quale, come il volgo fu divenuto cristiano, e considerò le ninfe, e le altre deità del paganesimo come demonj, e mali spiriti, cominciò e costumossi a chiamar Lammie le ninfe de’ Gentili. (Del che molti analoghi esempi cristiani si potrebbero addurre.). Ovvero intendendo per Lammie le fate delle quali a que’ tempi si discorreva, e la cui idea somiglia a quella delle streghe ec. e le fate essendo una specie di ninfe, e viceversa, prevalse questo costume di confonder le ninfe [2303]colle Lammie, tutte cose che dimostrano un uso volgare, e una perpetua conservazione della voce Lamia e dell’idea che significava, o di un’idea analoga alla medesima, nel volgare latino fino ai primordi dell’italiano; altrimenti come sarebbero andati quegl’ignorantissimi trecentisti a pescare questa voce e quest’idea ne’ pochissimi (e allora in gran parte ignoti, e tutti malnoti) scrittori latini che l’adoperarono, per poi scambiarla nel volgare italiano con quello che gli scrittori latini chiamavano ninfa? Massimamente se considerate ciò che ho detto di sopra, che questa antica voce Lamia, e questa idea, o altra a lei analoga (com’è naturale che il tempo cambi pur qualche cosa nelle opinioni del volgo, come nella favella, specialmente essendo mutata la Religione), dovea per sua natura conservarsi sordamente e tradizionalmente, ma lunghissimamente nella bocca e nella testa dell’infima plebe (la quale ora finalmente l’ha perduta; e questa voce non è che dei dotti nel senso di strega, de’ pedanti [2304]nel senso di ninfa.) E chi sa che gli stessi antichi latini (e greci) volgarmente non dicessero Lamia per ninfa? Considerando cioè la ninfa come un ente misterioso, e di misterioso potere, qual è appunto la Lamia. Facilissime e naturalissime sono queste confusioni d’idee e di parole, in quelle tra esse che appartengono alla classe abbandonata ai pregiudizi dell’infimo volgo. V. il Forcell. in che senso si prendesse la voce nympha. V. pure il Monti, Proposta, voce Lammia. Io per me credo probabilissima e naturalissima quest’ultima opinione, la quale parimente dimostrerebbe come Lammia derivasse nell’antico italiano (e questo, volgare) dal solo volgare latino. (29. Dic. 1821.). A questo proposito osserva ancora intorno alla nostra voce Fata, ed all’idea ch’essa significa, il Forcell. in Fata ae, e una mia nota al Frontone de Nep. amisso. Troverai che la voce e l’idea prende origine dall’antico latino, e dev’esser passata a noi per mezzo del volgare, essendo essa voce pochissimo o niente usata dagli scrittori latini ec. V. pure il Forcell. Fatum in fine, e sotto il principio, dove cita Apuleio. V. p.2392.

 

I diminutivi sogliono esser sempre graziosi, e recar grazia e leggiadria ed eleganza al discorso, alla frase ec. Riferite quest’osservazione alla grazia che nasce dalla piccolezza.

(29. Dic. 1821.)

[2305]Gl’italiani, i francesi gli spagnoli usano il verbo sapio (sapere, saber, savoir) nel senso di scio. Che vuol dir ciò, se non che così adoperava quel volgare da cui e non d’altronde, tutte tre queste lingue son derivate? Vedi il Forc. e il Glossar. e Sapiens, Sapientia ec.

(29. Dic. 1821.)

Ho detto altrove che gli antichi (e ciò per natura) consideravano il forestiero come naturalmente ed essenzialmente diverso dal paesano, e come ente d’altra natura. Quindi è ch’essi si difendevano da’ forestieri o gli assaltavano, come facevano colle bestie, cogli animali o colle cose d’altra specie, se non quanto ponevano maggior gloria nel vincer gli uomini, come vittoria più difficile. Ma la guerra nell’antica e primitiva idea non differiva o punto o quasi punto dalla caccia, (come non differisce presso i selvaggi). Quindi non quartiere, non pietà, non magnanimità (che allora non si credeva aver luogo col nemico), non perdono col vinto; quindi [2306]ostinazione, risolutezza di non cedere, (e come avrebbero voluto sottostare al governo di animali, di fiere ec.? come dunque a quello di uomini creduti d’altra specie?) disperazione di esser vinto, schiavitù, depredamenti, incendi, distruzioni degli alberghi e dei paesi, delle sostanze e delle persone dei vinti; quindi tutti gli altri effetti dell’antico odio nazionale, che altrove ho specificati, e che sono parimente moderni nei selvaggi, barbari ec.

(29. Dic. 1821.)

Alla p.1283. principio. Io sospetto di aver trovato effettivamente questa radice hil nell’antichissimo latino. Osservate. Nihilum, è quasi ne hilum, dice il Forc. e seco gli etimologi. V. anche il Forcell. in Per hilum. E non v’è questione perocchè Lucrezio dice neque hilo ec. rompendo il composto, in vece di nihiloque, come solevano gli antichi latini, massime i poeti, (come Plauto disque trahere per et distrahere) e questi anche a’ buoni secoli: e così i greci. Nè solo Lucrezio ma altri che v. nel [2307]Forc. in Hilum. Della particella privativa ne (cambiata nella composizione in ni) vedi il Forcell. in ne, e in nego. Potrebbe anche essere un nec, come necopinans ec. significa non opinante ec. e il nec non è che particella privativa come l’Ž dei greci. V. anche lo Scapula in , particella parimente privativa nell’antichissimo greco, del che v. pure Helladii Besantinoi Chrestomathia, colle note del Meursio.

(Nel qual proposito osservo di passaggio. La n è radicale e caratteristica della negativa in latino, e così pure per conseguenza in italiano. Quindi non, ne, nec, neque, (v. il Forcell.) nihil, nil, nemo, nullus cioè non ullus, come pure si dice, nego, nefas, nequam, nepus cioè non purus, nolo, nequeo, nequicquam, nedum, nequaquam ec. de’ quali v. il Forcell. ed osserva la forza e l’uso della particella ne in composizione. Non così nel linguaggio greco dei buoni secoli. Giacchè , oéx, oék, , Ž ec. non hanno n. [2308]Eppure nell’antichissimo greco è chiaro per le sullodate testimonianze, e per l’uso di Omero ec. che la n avea forza di negazione, privazione, ec. Ecco un’altra prova e della fraternità antichissima delle dette due lingue, e dell’esser forse qualche cosa passata piuttosto dal latino nel greco, che viceversa; o certo dell’avere la lingua latina conservate assai più della greca le sue antichissime ed originarie proprietà. E notate che trattandosi della caratteristica negativa, si tratta di cosa primitiva affatto, e di primissima necessità in qualunque lingua.)

Nihilum pertanto è ne hilum, come nemo, ne homo, e v. il luogo di Varrone nel Forcell. in Nequam.

Che cosa significasse questo hilum, antichissima voce latina, non sanno affermarlo i gramatici. Putant esse, dice Festo, quod [2309]grano fabae adhaeret. Dunque egli non sa propriamente che significhi, nè si sapeva al suo tempo. Ed è cosa ben naturale quando tante parole di Dante e d’altri trecentisti o duecentisti (meno lontani da noi, che le origini della lingua latina da Festo) sono o di oscurissima e incertissima, o di perduta significazione.

Io credo che esso non significhi altro che materia, o cosa esistente (che per li primitivi uomini non poteva essere immaginata se non dentro la materia, ed estendi questo pensiero.). E penso che sia nè più nè meno l’ìlh dei greci, ossia quell’antichissimo hilh o hulh che abbiamo detto.

Vogliono che nihil, sia troncamento di nihilum. Al contrario a me pare che nihilum sia parola così ridotta da nihil, perchè divenisse capace di declinazione. Che troncamento barbaro sarebbe stato questo, e quanto contrario al costume latino, se da nihilum primitivo, avessero fatto nihil! e non piuttosto viceversa, [2310]che è naturalissimo. Addolcendosi la favella (massime quelle del gusto meridionale, del gusto della latina) non si troncano, anzi si aggiungono appunto allora le terminazioni, e si proccura inoltre di render declinabili, cioè modificabili secondo le diverse occorrenze del discorso, le voci che già esistono; e non per lo contrario. Indubitatamente per tanto non nihil da nihilum, ma questo viene da quello. Si dice parimente nil contrazione di nihil, (fatto più volte monosillabo da Lucrezio) ma nilum per nil si trova in Lucrezio appena una volta, e chi sa s’è vero, e che non sia errore in vece di nihilum dissillabo. In ogni modo è costante presso il più sciocco etimologo che le terminazioni non vanno calcolate, ed è chiaro che le sole radicali di nihilum, i, o, ec. sono nihil; di hilum, hil. E di questo secondo, la cosa è tanto più manifesta, quanto che abbiamo appunto da esso, nihil, e nil, senza la terminazione declinabile.

Eccoci dunque con questo hil nudo e manifesto nelle mani, e se attenderete alle [2311]cose dette di sopra, e se avrete niente di spirito filosofico, vedrete quanto sia naturale e probabile che siccome ne homo cioè nemo, vuol dire nessuna persona, così ne hil cioè nihil volesse dire primitivamente nessuna materia, cioè nessuna cosa (v. p.2309. mezzo, e i miei vari pensieri sulla necessaria e somma materialità di tutte le primitive lingue, e di tutte le primitive idee umane, anzi non pur delle primitive, ma di tutte le idee madri ed elementari); ovvero non materia, non cosa, cioè, insomma, e formalmente ed espressamente, nulla. (Così i greci oéd¢n neque unum ec. non quidquam mhd¢n, oëti, m®ti ec.)

Non vi par ella naturalissima questa etimologia? Non vi par dunque probabilissimo che l’antico e quasi ignoto hilum volesse dir materia, e fosse tutt’una radice con ìlh e silva adoprata pur essa in senso di materia? Non è chiaro che l’um in hilum non è radicale, ma declinabile ec. e per conseguenza la radice è solamente hil, massime che da hilum abbiamo nihil e nil, parole inverisimili, [2312]e strane e mostruose se fossero un’apocope ec.? Non abbiamo dunque probabilmente trovato in realtà nell’antichissimo latino la semplicissima radice di silva? di ìlh, ec.?

Osservate che in questo caso si renderebbe verisimile che il primitivo e proprio senso di ìlh silva ec. fra quelli ch’essi realmente hanno, fosse quello di materia.

Non so se possa fare al caso l’osservare che noi diciamo filo per nulla, il che potrebbe derivare non da filum da hilum, mutato l’h in f, come viceversa gli spagnuoli, onde appunto per filum dicono hilo. E ricordati di quanto ho detto circa l’antica proprietà della f, cioè di essere aspirazione. Del resto v. la Crusca, il Glossar. i Diz. franc. e spagn. ec. e il Forc. in filum, se avesse nulla.

(30. Dic. 1821.)

I greci conoscevano la letteratura latina appresso a poco come i francesi conoscono oggidì le letterature straniere (specialmente l’italiana), e com’essi le hanno conosciute da poi che la lingua letteratura e costumi loro sono stati [2313]pienamente formati. Eccetto quella differenza che è prodotta dalla diversità de’ tempi e del commercio fra le nazioni, per cui la Francia conosce certo più le letterature forestiere, di quel che la Grecia conoscesse la latina. Ma parlo proporzionatamente. E non è questa la sola somiglianza (estrinseca però) che passa fra lo spirito, il costume, la letteratura francese, e la greca.

(31 Dic. 1821.)

Il grande intreccio in un’azione drammatica, la complicazione dei nodi ec. distoglie affatto l’animo dell’uditore o lettore dalla considerazione della naturalezza, verità, forza della imitazione, del dialogo, delle passioni ec. e di tutte quelle bellezze di dettaglio nelle quali principalmente consiste il pregio d’ogni genere di poesia. Anzi per l’ordinario dispensa l’autore da queste bellezze, lo dispensa dall’osservanza, e dall’efficace e viva ¤ktæpvsiw dei caratteri ec. In questo modo l’unico [2314]o certo il principale effetto ed affetto ed interesse che i drammi di grande intreccio producono, si è la curiosità; e questa sola spinge l’uditore a interessarsi e fare attenzione a ciò che si rappresenta, questa sola trova pascolo, e questa sola è soddisfatta nello scioglimento. Nessun’altra passione o interesse è prodotta in lui da tali drammi, per caldi e passionati che l’autore abbia inteso di farli. Or questo è del tutto alieno dall’essenza della drammatica: esso appartiene all’essenza del racconto: la drammatica essendo una rappresentazion viva e quasi vera delle cose umane, deve destar ben altro interesse che quello della curiosità, come può fare la storia: in questo caso, l’azione drammatica viene ad esser come quella di una novella, il dramma produce lo stesso effetto di una novella, ed è indifferente per l’uditore o lettore che quell’azione accada sotto gli occhi suoi, o gli venga fatta sapere per mezzo di parlate, ovvero che se gli racconti semplicemente il caso come in un romanzo, o in una storia curiosa e complicata. [2315]Quindi la necessità e il pregio degl’intrecci semplici in ogni genere di drammi, ma proporzionatamente più in quelli dove l’interesse della passione, e la commozione dell’uditore dev’esser più viva, come nella tragedia: a cui la semplicità dell’azione è più necessaria che alla commedia. A questa poi ancora è proporzionatamente necessaria per il pieno sviluppo, e la perfetta pittura dei caratteri, e lo spicco dei medesimi, i quali si perdono affatto (per vivi e ben imitati che sieno) quando la curiosità dell’intreccio assorbe tutto l’interesse e l’attenzione dell’uditore. In somma l’uditore non deve tanto interessarsi del successo, e anelare allo scioglimento del nodo, ch’egli perda l’interesse e la commozione ec. successiva, e continua, ed applicata individualmente a ciascuna parte del dramma, e a tutto il processo dell’azione ugualmente.

(31. Dic. 1821.). V. p.2326.

L’animo umano è sempre ingannato nelle sue speranze, e sempre ingannabile: sempre deluso dalla speranza medesima, e sempre capace [2316]di esserlo: aperto non solo, ma posseduto dalla speranza nell’atto stesso dell’ultima disperazione, nell’atto stesso del suicidio. La speranza è come l’amor proprio, dal quale immediatamente deriva. L’uno e l’altra non possono, per essenza e natura dell’animale, abbandonarlo mai finch’egli vive, cioè sente la sua esistenza.

(31. Dic. 1821.)

Circa quello che ho detto altrove del vir frugi de’ latini, che significava uomo di garbo, e propriamente non voleva dir altro che utile, vedi il Forcellini in Nequam, che significa cattivo, e propriamente non vale che inutile. Così in Nequitia ec.

(31. Dic. 1821.)

Alla p.2250. marg. Nihil, vehemens ec. sono adoperati più volte da’ poeti, quello come monosillabo, questo come dissillabo ec. V. il Forcellini. Così Nihilum dove appunto devi vedere il Forcell. in fine della voce. E quel fare di nihil nil, di vehemens vemens (v. il Forc. Vehemens fine), di prehendo prendo ec. cose usitate nelle buone scritture latine anche in prosa, che altro significa se [2317]non che quelle vocali successive, benchè secondo le regole della prosodia si considerassero per altrettante sillabe, nondimeno nella pronunzia quotidiana equivalevano o sempre o bene spesso a una sola? Altrimenti queste tali contrazioni sarebbero state sconvenientissime: e come poi sarebbero elle venute in uso generale, anche presso chi non ne aveva bisogno (quali erano i prosatori), come nil detto indifferentemente per nihil? Ed osservate che qui v’è anche di mezzo l’aspirazione ch’è quasi una consonante, ed oggi la pronunziano per tale. E nondimeno le dette vocali si tenevano per componenti una sola sillaba, e così si pronunziavano. (Come appunto ne’ nostri antichi poeti, anche, se non erro, nel Petrarca, noja, gioia ec. monosillabi, Pistoia dissillabo ec. e così mostra che si pronunziassero.) Mihi parimente si contraeva nelle scritture, e massime ne’ poeti, in mi. E non è apocope, come dice il Forcell. ma contrazione, come nil ec. Che dirò di eburnus per eburneus e di tante altre simili contrazioni di più vocali; mediante le quali contrazioni [2318](autorizzate dall’uso) il considerar quelle vocali come formanti una sola sillaba diveniva alla fine affatto regolare (in ogni genere di scrittori) e conforme alle stesse regole della prosodia? Non dimostra ciò quello ch’io dico? Queis monosillabo, o così scritto o contratto in quis, non è posto fra i dittonghi latini. V. il Forcell. e la Regia Parn. Lascio stare i nomi greci, dove quelli che in greco sono dittonghi, a talento del poeta latino ora diventano dissillabi ec. ora monosillabi come Theseus, Orphea, Orphei dativo, ec. Nè solo i nomi, ma ogni sorta di parole. L’i terminativo dei nominat. plur. 2. declinazione ch’è sempre lungo dovette esser da prima un dittongo, come l’oi greco nei corrispondenti nominativi plurali della 3za.

Lascio ancora che l’ablativo della prima declinazione singolare, da principio, e forse sempre a’ buoni tempi, si pronunziò (cred’io, e v. i gramatici) coll’a doppia, (musaa, o musâ) e pur fu sempre considerata quell’a come monosillaba. E che si pronunziasse coll’a doppia me ne fa fede il veder che se ciò non fosse, molte volte ne’ poeti si troverebbe una brutta cacofonia e consonanza, quando tali ablativi concorrono con altre parole terminate in a, ch’è frequentissimo. Lascio l’antica scrittura di heic per hic, sapienteis, sermoneis ec. ec. dove l’ei fu pur [2319]sempre avuto per monosillabo. Lascierò ancora che tutte o quasi tutte le contrazioni usitate in latino, o per licenza o per regola, dimostrano il costume di pronunziar più vocali in una sola sillaba. P. es. Deum, virum per deorum, virorum, venne dal costume di elidere la r, onde deoum, viroum, dissillabi, e quindi deum, virum, genitivi contratti, forma usitatissima specialmente presso gli antichi, più conformi al volgare. V. p.2359. fine.

Ma il vedere che i latini poeti per costumanza regolare, tanto che il contrario sarebbe stato irregolare (come in quel di Virgilio foemineo ululatu) elidevano costantemente l’ultime vocali delle parole seguite da altre parole comincianti per vocale, e ciò anche da un verso all’altro spesse volte (come in Orazio animumque moresqUE Aureos educit in astra, nigroqUE Invidet Orco ec. e in Virg. Georg. 2.69. Inseritur vero et foetu nucis arbutus horridA: Et steriles platani ec. ec.); e non solo le vocali, ma anche le sillabe am, em, im, um; e sì le vocali che queste sillabe le elidevano anche seguendo una parola cominciante per vocale aspirata (come Virg. Georg. 3.9. TollerE Humo: v. p.2316-17.); e non solo elidevano una vocale, ma anche più d’una ec. tutto ciò non dimostra evidentemente che l’indole della pronunzia latina formava in fatti una sola sillaba delle vocali concorrenti? Giacchè questo solo vuol dire eliderle: non già ch’esse [2320]nella pronunzia si tacessero (ciò forse avveniva alla sola m in simili casi); altrimenti non le avrebbero scritte, ma posto in luogo loro l’apostrofo, come facevano i greci quando le elidevano in verso o in prosa, che quando non ponevano l’apostrofo in luogo loro, non le elidevano mai; e come gli stessi latini ponevano l’apostrofo in luogo di quelle vocali o consonanti che non s’avevano effettivamente da pronunziare, come ain’, Sisyphu’, confectu’ ec. o non ponendo l’apostrofo, tralasciavano di scrivere quelle lettere che non s’avevano da pronunziare, come appunto la s in ain’ per ais ne, ec. ec.

Altra prova e dell’usanza latina di pronunziar più vocali in modo di una sola sillaba, e dell’essere stato originariamente il v latino una semplice aspirazione, e questa essere stata leggera (come l’h), e della dissillabìa della 1. e 3. persona sing. perfetta indicativa delle congiugazioni 1. e 4. ec. ch’è appunto quello che s’ha a dimostrare, e della somiglianza tra l’antichissimo latino conservatosi nel volgare, e le moderne figlie del latino; eccola. Amaverunt, amaverat ec. si diceva spessissimo [2321]amarunt, amarat ec. Donde venne questa contrazione usualissima? Le contrazioni non nascono già, e molto meno diventano comunissime (più spesso troverete amarunt che amaverunt ec.) senza una ragione di pronunzia. Anticamente si disse amaerunt, amaerat trisillabe, senza però che l’ae si pronunziasse e, ma sciolto. Poi coll’aspirazione eufonica, per fuggire l’iato si disse ec. Indi ama Ƒerunt. Ma il volgo continuò a considerarli come trissillabi; e perciò saltando facilmente una lettera, e conservando la parola trisillaba, disse amarunt, amarat ec. E non fece caso dell’aspirazione (ossia del v) non più di quello che in nil per nihil ec. V. disopra. Che il volgo solesse pronunziare così contratto piuttosto che sciolto lo dimostra il nostro amarono, amaron, aimèrent. (E quanto ad amarat vedi la p.2221. fine-segg.) Quest’uso essendo comune a tutte tre le lingue figlie, dimostra un’origine comune cioè il volgare latino. E viceversa le dette considerazioni provano che detto uso moderno, è di antichissima origine, e proprio (forse esclusivamente dell’altro) del volgare latino, com’era pur [2322]proprio della scrittura, e lo fu, sino ab antico, per sempre.

Gli stessi motivi mi fanno credere che p. es. trovando noi nelle tre lingue figlie amammo, amamos, aimâmes, si debba concludere che il volgo latino diceva parimente amamus contratto per amavimus, come abbiamo veduto ch’egli diceva amai (che gli spagn. e i franc. dicono aimai, emè mutato l’ai in e); e come pur diceva amasti, amastis per amavisti ec. (del che discorrete come sopra), onde amasti amaste, amaste amastes, aimas aimâtes (anticamente aimastes.).

(1. Gen. 1822.)

Gli antichi non solo celebravano i giorni natalizi, ma anche gli anniversarii delle morti. V. il quinto dell’Eneide, e segnatamente vers.46-54. Celebravano pure gli anniversarii di vittorie riportate ec. come di quella d’Azio, per cui s’istituirono i giuochi Aziaci. V. Heyne P. Virg. Maron. Vita per annos digesta, anno U. C.723. Così in Atene la festa di Pallade nell’anniversario (se non erro) della battaglia di Maratona o di Salamina. Celebravano annualmente in diversi tempi, diverse [2323]regolari festività in onore di questo o quel Dio, aggiunteci bene spesso delle ricordanze di cose patrie. ec. Le Cereali ec. in Atene. I Lupercali a Roma. ec. Le feste secolari in onore di Apollo e Diana (v. Carmina saecularia di Orazio.). Le feste in onore di Bacco ec. ec.

(2. Gen. 1822.)

Alla p.2019. marg. fine. Il quale exdorsuare (antico verbo) mi pare indizio di un perduto dorsus us in vece di dorsus i, o dorsum i, dal quale si sarebbe fatto non exdorsuare ma exdorsare, come infatti abbiamo noi sdossare (ch’è lo stesso: v. p.2236. segg. 2297. segg. giacchè dosso è lo stesso che dorso, ed è maniera italiana, francese ec. di pronunziar questa parola, ma derivata da antichissima origine, perchè gli antichi latini dicevano infatti dossum i, cambiando al solito la r in s. V. il Forcell. in Dossuarius.), indossare, addossare ec. V. il Gloss. il Forcell. i Diz. franc. e spagn. in queste e simili voci. in detto antico dorsus us è anche dimostrato, al parer mio, dai [2324]derivati dorsualis (da dorsum o dossum verrebbe dorsalis o dossali. Vedilo infatti con altre simili voci nel Gloss.), dossuarius, dorsuosus. Dorsuosus è da dorsus us come luctuosus da luctus us, fructuosus da fructus us, flexuosus da flexus us, sinuosus da sinus us, aestuosus da aestus us ec. ec., actuosus da actus us ec., portuosus da portus us ec., tortuosus da tortus us ec. (V. il Forcell. in monstruosus che forse viene esso stesso da un monstrus us.) adfectuosus da adfectus us ec. Ossuosus par che venga da os, o da ossum i, e pure a’ bassi tempi, o volgarmente si disse ossuum, ossua. V. Forcell. e Gloss. impetuosus, tumultuosus, sumptuosus, untuoso. V. la p.2226. e 2386.

(2. Gen. 1822.)

Assalire, ital. assaillir franc. assaitar spagn. (semplice continuativo di assalire, e derivato dal suo particicipio al modo di cento mila altri verbi; del resto, proprio anche dell’italiano), non dimostrano essi un’origine comune cioè un assalire latino, che non trovandosi negli scrittori, non può essere stato che volgare? V. il Forcell. e il Glossar. se hanno nulla. Nello spurgo di voci senza buona autorità, il Forcell. porta infatti Adsalio, adorior, aggredior. Adsalitura, et Adsaltura, aggressio.

(2. Gen. 1822.)

Alla p.1121. fine. Il verbo periclitari che cosa crediamo noi che sia con quella sua desinenza in tari? Null’altro che un continuativo o frequentativo di un periculari, part. periculatus contratto in periclatus, (come periculum spessissimo in periclum, e qui con più ragione per non dire [2325]duramente periculitari) donde periclitari nè più nè meno come da minatus di minari, minitari. Che è? questo periculor è un sogno? 1. Perchè dunque da periculum o periclum s’ha da far di prima mano periclitor, e non periclor o periculor, secondo tutte le regole? 2. Eccovi periculor presso Festo in Catone, che disse Periculatus sum. (Forcell. in Periculatus). Ed eccovi appunto questo antichissimo verbo dimenticato nella letteratura latina, vivo e verde ne’ volgari dal volgar latino derivati. Pericolare diciamo noi (e non periclitare, come potevamo ben dire, ma non può esser oggi parola se non poetica, e forse forse): peligrar gli spagnuoli, ed è lo stesso, perchè in ispagnuolo periculum s’è fatto peligro. Sempre, ù dialeÛpv l¡gvn, i nostri volgari si trovano più simili all’antichissimo che all’aureo latino. V. il Dufresne in Periculare. (4. Gen. 1822.). Abbiamo però anche periclitare. V. la Crusca.

Volgus, volpes dicevano gli antichi latini ec. ec. e cento mila altre voci similmente, adoperando l’o in cambio dell’u. (V. il Forc. [2326]in O, U ec. ec.) Uso proprio del volgo, proprio dell’antichità, e perciò amato anche recentemente da quelli che affettavano antichità di lingua, come Frontone ec. Or quest’uso appunto eccovelo nell’italiano, solito a scambiare in o l’u latino dei buoni tempi, e restituir queste voci nella primitiva loro forma ch’ebbero fra gli antichi latini, e nelle vecchie scritture. È noto che tal costume è più proprio dell’italiano che dello spagnuolo, e più assai che del francese. ec. ec.

(4. Gen. 1822.)

Alla p.2315. È proprio, appunto per queste ragioni, de’ mediocri o infimi drammatici, il sopraccaricare d’intreccio le loro opere, l’abbondare di episodi ec. Il contrario è proprio de’ sommi. E la ragione è che questi trovano sempre come tener vivo l’interesse dello spettatore (anche in una azione di poca importanza) colla naturalezza dei discorsi, la vivezza, l’energia, collo sviluppo continuo delle passioni, o col ridicolo ec. Quelli non sono mai contenti neppur dopo che hanno trovato o immaginato un caso complicatissimo, [2327]stranissimo, curiosissimo. Esauriscono in un batter d’occhio tutto ciò che il soggetto offre loro. Cioè non sapendone cavare il partito che possono e devono, il soggetto non basta loro se non per poche scene. Fatte o disposte queste; dopo di esse, o nelle scene di mezzo si trovano colle mani vote (per ridondante di passione, di ridicolo ec. che il soggetto possa essere), e non trovano altra via di tener vivo l’interesse e la curiosità, che quella di andare a cercar nuovi episodi, nuove fila, nuovi soggetti insomma, per esaurirli poi essi pure in un momento. Non possono insomma trovarsi un solo istante senza qualche cosa da raccontare, qualche filo da aggiungere alla tela, qualche soggetto ancor fresco, altrimenti non hanno nulla da dire. E quanti autori sono di questo genere? quanti drammi? 999. per mille.

(4. Gen. 1822.)

Alla p.1128. principio. Da cheF (come da cabo acaBar in ispagnuolo e noi pure diciamo condurre ec. a capo, venire a capo ec.) si fa in francese acheVer, mutata la f in v. Scambio (come altrove [2328]ho detto, cioè p.2070. fine,) frequentissimo anche in francese, e frequentissimo per regola come nel caso addotto, e non già per arbitrio, come schifare che si può dire ugualmente schivare. (4. Gen.1822.). Da clavis clef, da cervus cerf, da nervus nerf, ec. ec. ec. Cioè tolta la desinenza al solito, in vece di pronunziare nerv, pronunziarono nerf ec.

Alla p.155. poco sopra il fine. È anche maniera continuativa fra noi star facendo dicendo, ec. V. la Crusca. Anzi il verbo stare, e per sua natura in tutte le lingue (giacchè egli è propriamente ed essenzialmente un continuativo di essere), e per proprietà della nostra, è il più adattato, o piuttosto è precisamente quello ch’esprime la continuità o durata di qualsivoglia azione (sebbene non molto elegantemente). P.e. s’io vorrò esprimere la forza di un continuativo latino, non avrò che ad usare in italiano il verbo stare col gerundio esprimente quell’azione, e per lectare dirò star leggendo, massime se l’azione non è affatto di moto, o materiale o ideale, e metaforico ec. Ma volgarmente diciamo tutto giorno anche star passeggiando, o camminando, o viaggiando e simili, e propriamente e perpetuamente adoperiamo in questa forma il verbo stare in luogo di universale continuativo.

(4. Gen. 1822.). V. p.2374.

[2329]Alla p.1136. fine. Fra le molte prove che si potrebbero addurre di ciò, cavate dalla veramente profonda e non superficiale investigazione della più remota antichità, v’è anche questa. Noi diciamo che lo spirito denso dei greci fu bene spesso trasformato dai latini in una s. Ma il fatto sta che gli antichissimi monumenti greci hanno essi medesimi il sigma, dove poi si costumò di porre lo spirito denso, e forse anche in luogo del lene. V. Iscriz. antiche illustrate dall’Ab. Gaetano Marini, p.184. e soprattutto il Lanzi, della lingua Etrusca. Questo che cosa dimostra? dimostra secondo me, che l’antichissima forma di quelle tali parole comuni ab antichissimo al greco e al latino, era infatti colla s in principio, e non collo spirito; che questo per indole di loro pronunzia fu coll’andar del tempo sostituito dai greci parlatori, e poi dagli scrittori, al sigma, e non viceversa la s allo spirito dai latini; che per conseguenza la forma latina è più antica della greca, la pronunzia cioè e la scrittura latina di tali parole; e che quindi in esse i latini hanno conservato l’antichità e il primitivo più dei [2330]greci. V. p.2143. segg. 2307-8. ed altri miei passi su questo punto di antichità. E quante altre simili osservazioni si potrebbono fare sulle antichissime parole, proprietà, ortografie ec. delle due lingue: osservazioni le quali mostrerebbero che quello che comunemente crediamo venuto dalla Grecia nel Lazio, o è tutto al rovescio, o vien da origine comune; e che quelle differenze che in tali cose s’incontrano fra il greco e il latino e che da noi sono attribuite a corruzione sofferta da quelle parole ec. passando nel Lazio, si debbono invece attribuire a corruzione sofferta in Grecia; e nel Lazio conservano la loro forma antichissima, e non differiscono dalla greca, se non perchè questa s’è allontanata essa stessa dal primitivo assai più della latina.

(5. Gen. 1822.). V. p.2351. fine. e 2384.

Alla p.1153. Tali versi de’ comici, giambici, ec. erano quasi ritmici, cioè regolati e misurati piuttosto sul numero delle sillabe, e la disposizione degli accenti, (poco anche osservata) che sul valore e quantità di ciascuna sillaba. Dunque vuol dire che secondo il ritmo, tali vocali doppie si dovevano pronunziare piuttosto come monosillabe che dissillabe [2331]ec. Dunque pel volgo, anzi nella pronunzia quotidiana esse erano monosillabe, e non altrimenti, fino agli ultimi tempi della lingua latina (giacchè questo med. costume si può molto più notare ne’ versi espressamente ritmici de’ bassi tempi) ec. ec.

(5. Gen. 1822.)

Alla p.928. L’Asia fu la prima a brillare nel mondo per la potenza: essa ebbe le prime nazioni le prime patrie, e perciò ella regnò o colle colonie, o colle leggi medesime e col governo le altre parti del mondo che da lei furono popolate. Dopo l’Asia, o contemporaneamente, l’Egitto divenne nazione e patria, e l’Egitto divenne conquistatore e quasi centro del mondo sotto Sesostri ec. La Grecia chiamata bambina presso Platone, perchè recentissima rispetto alle dette nazioni; la Grecia, quel piccol tratto d’Europa, divenne à son tour il centro del mondo, e la più potente parte di esso, perchè? Perch’ella in quel tempo era divenuta nazione e patria, mentre l’Asia e l’Egitto aveano cessato di esserlo, e conservava il costume naturale, perduto dagli Asiatici ec. E dopo [2332]che la Grecia a causa di questa preponderanza, essendosi resa formidabile ai più grandi regni, pervenne poi anche a conquistarli, distrusse l’immenso impero Persiano, compreso l’Egitto, e mediante le conquiste di Alessandro, l’Asia l’Affrica, l’Europa divennero effettivamente greche, e provincie greche, dopo tutto ciò per qual motivo quell’Italia fin allora sconosciuta nel mondo, ignota nel numero delle nazioni e delle potenze, crescendo a poco [a poco], ingoiò la Grecia e il suo impero, e stabilì il propro regno sulle ruine di quello di Semiramide, di Ciro, di Alessandro ec. ec.? Perchè l’Italia più tardi delle altre parti del mondo era divenuta nazione: la natura già fuggita anche dalla Grecia, restava in questo fondo d’Europa: vi sorgeva la mediocre civiltà (più vicina all’eccesso della barbarie, che all’eccesso della civilizzazione a cui dopo gli Assiri, gli Egizi, i Persiani, erano arrivati anche i greci); e questa li fece padroni del mondo: e sempre che la mezzana civiltà troverassi in mezzo o a popoli non tocchi affatto da incivilimento, o a popoli [2333]pienamente inciviliti (quale fu poi il caso de’ settentrionali sull’impero romano, e lo è oggi di nuovo, massime riguardo alla Russia, sul resto d’Europa); sempre che una nazione una patria esisterà in mezzo a popoli che non abbiano mai avuta, o per l’estremo incivilimento abbiano perduta la nazione e la patria; la mezzana civiltà trionferà di tutto il mondo, e quella nazione che resta, o che nasce, per piccola che sia, diverrà conquistatrice, e segnerà il suo nome nel catalogo delle nazioni che hanno dominato universalmente; finchè questo medesimo dominio non la ridurrà allo stato delle potenze da lei vinte, e distruggerà il suo potere. Il che oggi, stante la marcia accelerata delle cose umane, avverrà più presto che non soleva anticamente.

In questo catalogo delle nazioni dominanti ne’ diversi tempi, dove io ho detto l’Asia, tu devi dividere e porre successivamente le diverse nazioni dell’Asia ch’ebbero impero: gl’indiani forse, e prima di tutti; gli Assiri, i Medi, i Persiani, forse [2334]anche i Fenici, e i loro coloni Cartaginesi ec. E l’impero francese (nato, vissuto e morto in vent’anni, il che serve di prova di fatto a ciò che dico sulla fine della pagina precedente) merita anch’esso un posto fra questo genere d’imperi. Perocchè sebbene la nazion francese è la più civile del mondo, pure ella non conseguì questo impero, se non in forza di una rivoluzione, che mettendo sul campo ogni sorta di passioni, e ravvivando ogni sorta d’illusioni, ravvicinò la Francia alla natura, spinse indietro l’incivilimento (del che si lagnano infatti i bravi filosofi monarchici), ritornò la Francia allo stato di nazione e di patria (che aveva perduto sotto i re), rese, benchè momentaneamente, più severi i loro dissolutissimi costumi, aprì la strada al merito, sviluppò il desiderio, l’onore, la forza della virtù e dei sentimenti naturali; accese gli odi e ogni sorta di passioni vive, e in somma se non ricondusse la mezzana civiltà degli antichi, certo fece poco meno (quanto comportavano i tempi), e non ad altro si debbono attribuire quelle azioni dette barbare, di cui fu sì feconda [2335]allora la Francia. Nata dalla corruttela, la rivoluzione la stagnò per un momento, siccome fa la barbarie nata dall’eccessiva civiltà, che per vie stortissime, pure riconduce gli uomini più da presso alla natura.

(6. Gen. dì dell’Epifania. 1822.)

La metafisica senza l’ideologia, è quasi appunto quello ch’era l’Astronomia prima che fosse applicata alla matematica. Scienza incertissima, frivola, inesatta, volgarissima, o piena di sogni e di congetture senz’appoggio. E molto più la metafisica che l’astronomia. Nè molto minor certezza ed esattezza riceve la metafisica dall’ideologia che l’astronomia dalla matematica, dal calcolo ec.

(7. Gen. 1822.)

Da ciò che altrove ho detto sul Buonarroti che scrisse apposta per dar vocaboli alla Crusca, sul Salvini che non fu niente parco di nuovissimi vocaboli, o tirati da lingue forestiere, o antiche, o da radici italiane, in tutte le sue scritture, e che scrisse contemporaneamente alla compilazione del vocabolario, anzi finchè visse non permise d’esser citato ec. apparisce che i nostri pedanti vogliono espressamente che in quell’atto medesimo che si pubblica il vocabolario [2336]di una lingua, restino per virtù di essa pubblicazione, rivocate in perpetuo tutte le facoltà che tutti gli scrittori fino a quel punto avevano avute intorno alla favella, e chiuse in quel momento per sempre le fonti della lingua, fino allora sempre e incontrastatamente aperte.

(8. Gen. 1822.)

Ho parlato altrove del perchè la sveltezza debba piacere, e com’ell’abbia che fare colla velocità, colla prontezza ec. Ho notato che questa sveltezza piacevole, non è solo nella figura o delle persone, o degli oggetti visibili, nè nei movimenti ec. ma in ogni altro genere di cose, e qualità di esse. P.e. ho fatto osservare come la sveltezza, la pieghevolezza, la rapidità della voce, de’ passaggi ec. sia una delle principali sorgenti di piacere nella musica, massimamente moderna. Or aggiungo. Piace la sveltezza e la rapidità anche nel discorso, nella pronunzia, ec. Le donne Veneziane piacciono molto a sentirle parlare anche per la rapidità materiale del loro discorso, per la copia inesauribile che hanno di parole, perchè la rapidità non le conduce a verun intoppo ec., cioè non ostante la velocità della pronunzia e del discorso, non intoppano ec. Anche [2337]a rapidità, la concisione ec. dello stile, e il piacere che ne ridonda, possono e debbono in parte ridursi sotto queste considerazioni.

(8. Gen. 1822.)

La sveltezza o veduta o concepita, per mezzo di qualunque senso, o comunque, (v. il pensiero precedente) comunica all’anima un’attività, una mobilità, la trasporta qua e là, l’agita, l’esercita ec. Ed ecco ch’ella per necessità dev’esser piacevole, perchè l’animo nostro trova sempre qualche piacere (maggiore o minore, ma sempre qualche piacere) nell’azione, sinch’ella non è o non diviene fatica, e non produce stanchezza.

(8. Gen. 1822.)

Volete veder come sia naturale lo stato presente dell’uomo? Anche quello dell’agricoltore che pur conserva, tanto più che gli altri, della natura? L’uomo presente, e già da gran tempo, vuol latte vuol biade per cibarsi, vino per dissetarsi, lana per vestirsi, vuole uova ec. ec. Ecco seminagioni, vigne, pecore, capre, galline, buoi per arare ec. vacche per partorirli, e per latte ec. Ma il capro nuoce anzi distrugge la vigna; così fanno i buoi ed alla vigna e ad ogni albero da frutto se vi si lasciano appressare; le greggi, e gli armenti, e il [2338]pollame ec. sterminerebbero i seminati se non si avesse infinita cura d’impedirlo; il pollame nuoce alle stalle delle greggi, e degli armenti; i danni del porco sarebbero infiniti ai campi e al bestiame, se non vi si avesse l’occhio ec. ec. Insomma i bisogni che l’uomo si è fabbricati, anche i più semplici, rurali, ed universali, e propri anche della gente più volgare e men guasta, si contraddicono, si nocciono scambievolmente; e la cura dell’uomo non dev’esser solo di procacciare il necessario a questi bisogni con infiniti ostacoli, ma nel provvedere all’uno guardare assai, perchè quella provvisione nuoce ad un altro bisogno ec. E pure è certo che più facilmente potremo annoverar le arene del mare di quello che trovare una sola contraddizione in qualunque di quelle cose che la natura ha veramente e manifestamente resa necessaria, o destinata all’uso si dell’uomo, come di qualunque animale, vegetabile ec.

(8. Gen. 1822.). V. p.2389.

Alla p.2019. marg. Così da metus us, metuere. Actuar (da actus us) per ridurre ad atto o mettere in atto dicono gli spagnuoli. V. attuare nella Crusca, [2339]actuare nel Ducange.

La cagione poi per cui dalle voci della quarta congiugazione si facevano i verbi in uare (o uere ec.) e non in are semplicemente come da quelli della seconda, io credo che fosse questa, che le dette voci anticamente e propriamente terminassero in uus, giacchè anche oggi, almeno nel genitivo singolare, o ne’ nominativi e accusativi plurali, si suole scrivere metûs, fluctûs, actûs ec. col circonflesso. V. i gramatici, e gli eruditi. Infatti contro il costume della lettera u, nella prosodia latina, essa lettera è lunga nella desinenza del genitivo e ablativo singolare, nominativo e accusativo plurale della quarta declinazione. Dove appunto io credo che l’u anticamente fosse doppio, e quindi poi lungo, come l’a dell’ablativo singolare 1. declinazione per la stessa causa. V. la p.2360. 2365. (Ed osserva che questa è un’altra prova dell’essersi dagli antichi pronunziate le vocali doppie come sillabe semplici, giacchè metus ec. presso tutti i poeti è dissillabo, e metum seguito da vocale, resta monosillabo ec.) Laonde togliendo ad esse voci la terminazione in us come nè più nè meno a quelle della seconda, restava un altro u, ed aggiungendo la desinenza in are, conveniva dire fluctu-are, e non fluct-are ec. Come appunto da continuus, ch’essendo della seconda, pur finisce in uus, si fa (togliendo la desinenza in us) continu-are, da perpetuus pertu-are, da cernuus cernu-are, ec. da vacu-us evacu-are, da Febru-us o da Febru-a, orum, februare ec. da obliquus obliquare ec. da viduus viduare ec. (9. Gen. 1822.), da Fatua fatuari, da fatuus infatuare.

[2340]Alla p.2357. Faxo usato assai dagli scrittori, massime antichi, giacchè è parola al tutto antica, per faciam fut. indicat. non è gramaticalmente altro che un’antica forma del fut. congiunt. fecero, come levasso di levavero, presso Cic. nel principio de Senectute. V. il Forcell. in Faxim.

(9. Gen. 1822.)

Alla p.1107. fine. Ausus participio del neutro o attivo audere, participio di significazione neutra o attiva alla forma dei deponenti (participio che anche si coniuga, dicendo ausus sum, es, ec. in luogo di che gli antichi dissero ausi, onde poi comunemente ausim per ausus sim o fuerim), può servire anch’esso molto bene a dimostrare questo antico uso di dare ai verbi attivi o neutri il participio passato di significazione non solamente passiva, ma anche attiva o neutra, come ne’ deponenti. Ausus è anche passivo. (9. Gen. 1822.). V. pure il Forcell. in osus, exosus, perosus participii attivi. Cautus incautus sono qui cavit o non cavit, participii verissimi di caveo verbo neutro, e significanti non passione, ma azione neutra. S’usano anche passivamente come appunto amatus. V. il Forcell. e p.2363.

Alla p.1114. marg. Da motus di movere si ha siccome motitare, così anche motare della cui significazione continuativa, e di costume, ec. puoi vedere il Forcell. in moto, in motatio ec. e segnatamente in motator.

(9. Gen. 1822.)

Alla p.1181. marg. fine. Abbiamo pure le [2341]carra dal neutro carrum che i buoni latini dicono piuttosto carrus, ma che per testimonianza di Nonio, si soleva dire carrum. Ma egli, dice il Forc. de suo tempore loquitur, ed io credo ch’egli voglia intendere che così volgarmente si diceva, benchè i buoni scrittori usassero il mascolino. V. il Forcell. e il Glossar.

(9. Gen. 1822.)

Alla p.1120. fine. Vedi il Forcellini in certo as, il quale egli chiama frequentativo, ed io credo piuttosto continuativo da cerno, quasi cernito, derivando da certus originariamente participio di cerno, e lo stesso che cretus. V., dico, il Forcell. tanto in certo, quanto in certus, in cerno ec.

(9. Gen. 1822.). V. p.2345.

Alla p.2138. marg. fine. Così appunto di certus abbiamo detto nel pensiero qui sopra, il quale vedi, e di certare che ne deriva. Il qual certus non è originariamente addiettivo ma participio, e certare viene così da un participio, e non come pare, da un addiettivo. (9. Gen. 1822.). Di tutus onde tutari o tutare vero continuativo di tueor, o tuor, o tueo ec. v. il Forcell. in tutti questi luoghi. Sebbene tutus sia divenuto semplice addiettivo esso non è che un participio.

[2342]Il mondo deride chi fedelmente e sinceramente osserva i suoi doveri, o prova effettivamente e segue i sentimenti dettati dalla natura e dalla morale; e si scandolezza e biasima chi trascura pubblicamente i medesimi doveri, chi mostra di disprezzarli, chi pienamente non gli adempie in faccia al pubblico, quando anche egli abbia i suoi giustissimi motivi per non farlo, e non seguire il costume in questa parte. Una donna è derisa s’ella piange sinceramente il suo marito recentemente morto, se a chi la tratta, dà segno di sentir vivo e vero dolore della sua perdita; ma s’ella, anche per circostanze imperiose, trascura il menomo dei doveri che il costume impone in questi casi, s’ella un giorno più presto del tempo prescritto dall’uso si fa vedere in pubblico, s’ella, anche a solo fine di portar qualche alleggerimento al suo vero dolore, si permette prima del detto tempo, qualche menomo spasso o distrazione, il mondo severissimamente la giudica, e inesorabilmente la condanna, senz’aver riguardo a ragioni nè circostanze, per reali che possano essere, e non lascia di mordere [2343]e di riprendere la più piccola violazione dei doveri apparenti, mentre è prontissimo a schernire chi gli osservi di buona fede ec.

(10. Gen. 1822.)

Alla p.1141. fine. Rechiamo un altro esempio del quanto giovi la mia teoria a conoscere e sentire il vero proprio ed intimo significato di moltissimi passi degli ottimi scrittori latini, ignorato finora, o male, o imperfettamente e indistintamente sentito, e interpretato.

Cogite oves, pueri: si lac praeceperit aestus,

Ut nuper, frustra pressabimus ubera palmis.

 

Virg. Ecl. 3. v.98.99. Quel pressabimus che cos’è? Lo stesso che prememus? Non vedete quanto dice di più? Quanto accresce la durata dell’azione di premere? Perocchè vuol dire, se il latte sarà consumato dal caldo, invano STAREMO LUNGAMENTE PREMENDO colle mani le mammelle delle pecore. Infatti quando il latte non viene, tu non ti contenti di premere, ma stai un pezzo premendo, per vedere di farlo venire, e proccurando di farlo venire. D’altra parte è questa forse un’azione frequente? È frequentativo il pressabimus? è diminutivo? Come mai può aver qui loco o la frequentazione [2344]o la diminuzione? Questa sarebbe tutta contraria al proposito: quella niente espressiva. Che cosa è egli dunque il pressabimus? Vero continuativo, esprimente la maggior durata dell’azione significata da premere, e come tale espressivissimo, e proprissimo in questo loco, ed efficacissimo. Efficacia e proprietà che non ha potuto finora esser ben intesa da alcuno che abbia considerato pressare o come sinonimo o come frequentativo di premere, e che non l’abbia tenuto per capace di accrescere la durata dell’azione, cioè per continuativo. V. gl’interpreti. (10. Gen. 1822.). Pressare continuativo di costume, v. in Virg. En. 3.642.

Alla p.1108. sul principio. Da tentus parimente, ma non di tenere, bensì di tendere, viene distentare, ed extentare, de’ quali v. il Forcell. Il primo si trova a quel ch’io sappia in un solo luogo ed è di Virgilio, cit. dal Forcell.; dove l’Heyne dietro il Vossio stampò distentant, presente ottativo, l’Heinsio distendant, il Forcell. e bene, secondo me, distentent. Non so qual verbo possa dinotare un distentant presente ottativo. Forse e l’Heyne, e il Vossio, e l’Heinsio furono tratti in errore dal [2345]non conoscere la teoria de’ continuativi, della loro formazione e del loro significato. Distentare qui par che sia un continuativo significante costume. Distentent, sempre riempiano ec. Il verbo extentare da extentus di extendere, di cui v. il Forc. può servir di prova alla verità di questa lezione distentent, cioè del verbo distentare. E parimente il verbo ostentare (di cui v. p.1150.) da ostentus di ostendere. Distentare è senza dubbio continuativo indicante costume, come responsare ne’ luoghi addotti p.1151. Ed ostentare lo è forse parimente nel luogo di Cic. p.1150. V. anche Praetento nel Forcell. in fine. V. pure Intentus e intentare verissimo continuativo di intendere. Abbiamo pure, e così gli spagnuoli intentare da tentare. V. Forc. intentatus, e il Glossario. Retentus per retensus, Forc. V. gl’interpreti e comentatori ec. di Virgilio. Viceversa il nostro contentare (contenter, contentar) vengono da contentus di continere, come tentare da tenere. Contentare latino è del Glossario. (10. Gen. 1822.). Retentare vedilo nel Forc. ed En. 5.278.

Alla p.2341. capoverso 1. Certare continua l’azione di cernere, come captare di capere. Nè il prendere nè il decidere possono essere azioni continue ma ben continue possono essere quelle azioni che conducono o son necessarie a prendere e a decidere, e che producono questo e quello. O piuttosto cernere, e capere sono atti, certare e captare azioni. Ed osserva che disceptare formato da captare significa appunto un’azione continua simile a quella di certare. Del resto certare sta per cernitare (come [2346]dice il Forcell.) solamente in quanto l’antico e regolare participio di cernere dovette essere non cretuscertus ma cernitus. Non già che se cernitare si trovasse, e se certare n’è sincope, esso venga da altro che dal participio passato di cernere. E da che il detto participio fu ridotto a certus (vero participio di cernere, e più antico di cretus ch’è una pura metatesi di certus siccome questo originariamente è sincope di cernitus, come lectus di legitus ec.) regolarissimo suo derivativo è certare, continuativo vero di cernere e per forma e per significato.

(11. Gen. 1822.)

Dell’uso invalso fra i latini fino da antichissimi tempi di contrarre i participii passati di moltissimi verbi, tanto che questi participii nella buona latinità non si trovano più se non contratti, come lectus, e non mai legitus ec., e non solo nella buona, ma in qualunque o anteriore o posteriore latinità, non si trovano più i veri e regolari participii, ma solo i loro vestigii ne scopre l’erudito; v. p.1153. capoverso ult. ec.

[2347]Se dunque assai volte si trovano nella lingua italiana, o spagnuola o francese altri tali participii contratti, che nella buona latinità, non si trovano se non distesi, non perciò si debbono credere recentemente corrotti, ma così venuti dal volgare latino, vedendo che tale fu l’antichissimo costume di quella lingua, prevaluto anche negli ottimi scrittori in riguardo a molti altri participii dello stesso genere. E molti infatti di questi participii che l’uso italiano ec. contrae, e che gli scrittori latini non solevano contrarre, si trovano nondimeno contratti allo stesso modo de’ moderni, in altri scrittori latini, ne’ poeti, e soprattutto ne’ più antichi, nova prova di ciò ch’io dico. P.e. posto dicono gl’italiani, e puesto gli spagnuoli, per quello che i latini sogliono scrivere positus. Ma voi troverete postus ne’ frammenti di Ennio, in Lucrezio, in Silio. (Forcell. positus, a, um, in fine.) Troverete repostus (riposto) in Orazio ec. Compostus (composto, compuesto) in Virgilio Eneide. 1. 249. ed altri de’ quali v. il Forcell. Anzi questa forma pare [2348]più antica dell’altra, e propria degli antichi latini, ed ha sapore antico, e nondimeno si trova, come vedi, anche in Virgilio ec. e nondimeno vive nelle lingue moderne; segno ch’ella fu propria continuamente del conservatore dell’antichità, dico il volgare. E credo che la troverai anche assai spesso nelle iscrizioni di qualunque tempo, che erano o composte o incise da uomini volgari, nelle medaglie, ne’ latino-barbari ec. de’ quali v. il Glossar.

(12. Gen. 1822.)

Alla p.1107. principio. In quel luogo però di Virg. Ecl. 1. v.52.-53. Fortunate senex! hic inter flumina nota, Et fontes sacros frigus captabis opacum, il verbo captare è vero continuativo nel senso stesso di prendere, e vuol dire STARAI PRENDENDO il fresco. Nè ha già che far nulla col frequentativo.

(13. Gen. 1822.)

Alla p.2222. marg. Quest’uso di dire p.e. erat invece di esset o fuisset, è un’enallage molto frequente ne’ latini (anche ottimi) scrittori; frequente ed elegante in italiano ancora, (e principalmente nei nostri più antichi ed eleganti scrittori) precedendola, o accompagnandola, o seguendola ec. la particella condizionale, (siccome pure in latino) a questo modo: [2349]se non fosse stato aiutato, egli moriva, ovvero egli moriva, se non era aiutato ec. cioè moriebatur in luogo di sarebbe morto, mortuus esset, periisset ec.; analogo finalmente assai, benchè non precisamente conforme, a quello degli spagnuoli di cui ora si discorre ec.

(13 Gen. 1822.). V. p.2350.

Alla p.1108. Nelle aggiunte appartenenti a questa teoria de’ continuativi mi pare di aver già parlato de’ verbi cursare da cursus di currere (v. infatti la p.1114.), e forse anche di occursare, concursare, e altri tali composti. De’ quali tutti bisogna, occorrendo, vedere il Forcell. Intanto ecco un esempio di Virgilio dove il verbo recursare è preciso continuativo significante consuetudine (non già frequenza). Parla di Venere. En. 1. 662. Urit atrox Iuno, et sub noctem cura recursat. Cioè recurrere solet. E notate che Virgilio poteva egualmente dire recurrit, e non senza ragione e proprietà di lingua ha preferito recursat. Questo esempio si può anche riferire alla p.1148. segg.

(13. Gen. 1822.)

[2350]Alto, altezza e simili sono parole e idee poetiche ec. per le ragioni accennate altrove, (p.2257.) e così le immagini che spettano a questa qualità.

(14. Gen. 1822.)

Alla p.2349. Virg. En. 2. 599.600. et, ni mea cura resistat, Jam flammae TULERINT, inimicus et HAUSERIT ensis. In vece di tulissent o ferrent. Locuzione comunissima nell’elegante latinità, ed analoga anch’essa al proposito nostro. Così En. 3.187. crederet, e moveret per credidisset, e movisset, avrebbe creduto, o mosso. Locuzione pure frequentissima. Traherent per traxissent En. 6.537. Admoneat e irruat per admoneret irrueret, ib. 293.-4. e diverberet parimente; modo pure elegante e ordinarissimo. Generalmente si può osservare una gran varietà, ed un grand’uso di figure di dizione presso gli scrittori latini circa i tempi del congiuntivo, ora scambiati fra loro, come qui che il perfetto sta in vece del piucchè perfetto, ora scambiati con quelli dell’indicativo ec. E la stessa varietà si trova intorno ai medesimi tempi nelle 3. lingue figlie, varietà o relativa alla lingua latina, o ad esse stesse fra loro, o a ciascuna di esse in se stessa. Varietà derivata certo dal volgare latino, come si vede per gli addotti esempi.

(14. Gen. 1822.)

Alla p.2249. principio. Qua, que o quae, [2351]qui, quo, quu, sono sempre monosillabi in latino, (seppur talvolta, ma per licenza, non per regola, non dividono il quü), eppure essi sono bivocali, e non contati fra’ dittonghi. Gua gue ec. ora sono dissillabi come in ambiguus a um, irriguus, exiguus ec. ora monosillabi, come in anguis, sanguis ec. Che ragion v’è perchè ora dissillabi, ora no? Per natura dunque essi non sono nè l’uno nè l’altro, ma la sola pronunzia decide. Dicono che l’u spesso si considera come consonante. V. il Forcell. in U. Che si consideri va bene, ma non lo è in natura, e gua ec. e altri simili bivocali, hanno effettivamente due suoni vocali, e tuttavia si pronunziano monosillabi, nè sono contati fra’ dittonghi. Qua ec. gua ec. è sempre monosillabo in italiano, e neppur la licenza poetica li può dividere in 2. sillabe. Così in ispagnuolo.

(14. Gen. 1822.). V. p.2359. fine.

Alla p.2330. Nella lingua sascrita (di immensa antichità) troviamo parole, forme, declinazioni, coniugazioni ec. o similissime, o al tutto uguali alle corrispondenti latine, massime se si abbia riguardo, come [2352]va fatto, alle sole lettere radicali. E notate che gran parte di questi nomi o verbi sono di prima necessità (come il verbo essere, la parola uomo, padre, madre ec.), o rappresentano idee affatto primitive nelle lingue. E parecchie di tali voci sascrite si trovano anche corrispondere alle analoghe greche, ma effettivamente meno che alle latine, e forse in minor numero. Che segno è questo dunque, se non che la lingua latina conserva assolutamente più numerosi e più chiari della greca i vestigi della remotissima antichità, della sua remotissima condizione, e forse della sua sorgente? Giacchè le relazioni avute dal Lazio coll’India sono tanto antiche che si perdono nella caligine, e sono ignote alla storia. Aggiungete che tali parole ec. essendo di prima necessità ed uso, dimostrano non una semplice, nè recente relazione avuta con quelle parti, ma un’antichissima derivazione o comunione di origine con quei popoli e quelle lingue. E le dette parole sono assolutamente proprie e primitive della lingua latina non già forestiere nè recenti nè ascitizie ec. E nessuno le può credere o derivate dall’India [2353]mediante il più recente commercio avuto da’ romani con essa, quando la lingua latina era già formata, e quelle parole in uso continuo negli scrittori, monumenti ec. che ancora rimangono, ed analoghe poi anche alle greche; o viceversa derivate in quel tempo dal Lazio nell’India, essendo esse di uso sì quotidiano e necessario, essendo la lingua indiana antichissima, (che certo non aspettò sì bassi tempi a provvedersi di parole necessarie, quando essa era già da gran tempo più perfetta della latina) essendo ancora quelle coniugazioni, forme, parole ec. tanto proprie e inerenti al capitale, e all’indole e sostanza del sascrito, quanto del latino; e finalmente potendosi, cred’io, trovare, e trovandosi che l’uso loro nel sascrito è anteriore non poco ad ogni menoma relazione del Lazio coll’India, che sia conosciuta dalla storia. Nè si può credere che tali parole venissero anticamente nel Lazio per mezzo della lingua greca, mentre esse sono più simili al sascrito di quello sieno le corrispondenti greche, laddove al contrario avrebbe dovuto essere. E sono più simili alle [2354]sascrite che alle greche. Il che in ogni modo è segno di ciò che vogliamo dimostrare, cioè che la lingua latina derivata da una stessa, o da simil fonte colla greca, o quando anche fosse figlia della greca, conserva i vestigi dell’antichità (e sua e greca) più della stessa lingua greca, in quanto e nel modo che l’una e l’altra ci sono note.

(20. Gen. 1822.)

Virg. En. 6. v.567.-69. dice che Radamanto, il giudice criminale delle anime, condanna coloro che non hanno fatto ammenda delle loro colpe. Castigatque auditque dolos; subigitque fateri Quae quis apud superos, furto laetatus inani, (cioè vanamente rallegrandosi di aver negata agli Dei la soddisfazione dovuta loro per li suoi falli) Distulit IN SERAM commissa piacula MORTEM. Parole notabilissime perchè danno a conoscere come anche i gentili avessero chiara idea ed opinione della possibilità e necessità della penitenza, e dell’empietà e stoltezza di chi indugia a pentirsi e placar gli Dei sino alla morte. E notate qui in Virgilio un’espressione quasi Cristiana. Della possibilità e necessità d’impetrare dagli Dei il perdono delle proprie colpe, v. Senofonte, Memorab. l.2. c.2. p.14.

(22. Gen. 1822.)

[2355]Alla pagina 1150. fine. Ostentare assoluto continuativo di ostendere in senso di semplicemente mostrare, ovvero far mostra ec. e continuativo di durata, eccolo in Virg. En. 3.701.-4. Adparet Camerina procul, campique Geloi, Immanisque Gela fluvii cognomine dicta. Arduus inde Acragas OSTENTAT maxima longe Moenia, magnanimum quondam generator equorum. Cioè, non tanto fa pompa, quanto semplicemente dimostra, ma siccome quest’azione di dimostrare qui è continuatissima, però Virgilio potendo pur dire ostendit, che sarebbe stato improprissimo, benchè egualmente adattato al verso, disse giustissimamente ostentat.

(22. Gen. 1822.)

Noi diciamo leccare, i francesi lécher, (gli spagnuoli vedilo), i greci leÛxein, i latini nulla di simile. A primissima giunta è manifesto che il greco leÛxv, cioè lecho, o licho è tuttuno col nostro lecco, che anche, volgarmente, si dice licco. E notate pure che il francese non dice léquer o lecquer, ma lécher, conservando il x greco. Queste parole sono antichissimamente e primitivamente proprie delle nostre lingue. Sono volgarissime, anzi plebee; nè s’usa altra voce nel linguaggio familiare per dinotare la stessa azione. [2356]Antichissima e proprissima della lingua greca è la voce leÛxv. Come dunque questa conformità fra l’antichissimo greco, e il modernissimo, vivente, ed usualissimo italiano, francese ec.? Non è egli evidente che leccare, lécher ec. ci viene dal volgare latino? E da qual altra fonte che da un volgare ci può esser venuta una parola sì volgare, e propria del nostro più familiare discorso? E qual altro volgare che il latino può ed avere avuta questa parola greca, usandola volgarmente, ed averla comunicata a queste due lingue moderne, nate l’una separatamente dall’altra? Ma come potè nel volgare latino divenire sì familiare, e conservarsi poi sino all’ultimo, un antichissimo verbo greco? Certo il volgo latino non istudiava il greco, e più grecizzanti erano i nobili che la plebe. È dunque manifesto che tal verbo deriva niente meno che da quella primitiva sorgente da cui vennero il greco e il latino (volgari tutti due quando nacquero, come son tutte le lingue); e che perduto poi, o escluso dalle polite scritture, e dal linguaggio nobile, come tante altre, [2357](e come accade appunto nell’italiano che parecchie voci volgari benchè derivate dalla purissima latinità, cioè dalla nostra madre, si escludono dalle polite scritture o discorsi, perchè appunto fatte troppo familiari dall’uso quotidiano della plebe, ec. e si antepongono altre d’origine o di forma corrottissima) si conservò perpetuamente nel popolare. Ed appunto qui possiamo osservare un esempio di ciò che ho detto nella parentesi, poichè lingo (v. il Forcell.) non è che corruzione di leÛxv, o lecho, o licho; pur quello fu adottato nelle scritture, questo escluso, benchè certo esistesse nella lingua latina, come abbiamo veduto. V. il Ducange in Lecator, e nota anche Licator sì quivi in un esempio, come al suo luogo.

(23. Gen. 1822.)

Ho detto altrove che lo spagnuolo sitiar per assediare forse viene da un sidiari, o sidiare semplice di obsidiari ec. Aggiungo, se quivi non l’ho già detto, che parimente sitio per assedio non sembra esser altro che sidio sidionis, cioè obsidio tolta la preposizione ob la quale infatti non è che aggiunta ad una parola semplice, che non può essere se non [2358]sidio. E siccome il semplice è più antico del composto, così veniamo ad avere nello spagnuolo (certo non per altro mezzo che del volgare latino) una parola più antica di obsidio, ignota alle scritture latine, che non riconoscono se non quest’ultima, e per conseguenza non potuta conservarsi se non nel volgare fino ab antichissimo. (24. Gen. 1822.). V. il Gloss. se ha nulla.

Alla p.2282. marg. Non trovi ne’ moderni volgari mas, ma sibbene masculus (maschio, mâle, v. lo spagnuolo). Oculus è mero diminutivo di un antico occus perduto nelle scritture latine, restandovi in vece il solo diminutivo, (perduto anche nel volgare latino seppur da occus non deriva l’oco dei russi), onde occhio, oeil (come da auricula oreille, secondo l’uso della pronunzia francese), e ojo, che non viene già da occus, ma da oculus, come oreJA da auriCULA ec. E v. in proposito di ciò e di tali diminutivi la p.980. seg.

(24. Gen. 1822.)

Alla p.2052. La moderata difficoltà anche d’intendere le scritture, gli stili, ec. da qualunque cosa derivi, o dal pensiero, o dall’elocuzione, e nominatamente se deriva dalla concisione, rapidità, strettezza dello stile ec. piace perchè pone l’animo in esercizio, e par che gli dia una certa forza, e tutte le [2359]sensazioni di forza sono piacevoli, sì nell’animo che nel corpo, siccome appunto è piacevole un moderato esercizio del corpo, che gli dà un conveniente senso di vigore ec.

(24. Gen. 1822.)

Alla p.1154. marg. A questo luogo appartiene anche il verbo irritare, in quanto significa irritum facere (forse anche sempre), significazione però poco latina, dice il Forc. Irrito, in fine. Giacchè irritus viene da ratus, participio di reor ec. V. il Forcell. in tutti questi luoghi, e il Gloss. se ha nulla. Del resto appunto il vedere che da ratus in composizione si fa irritus, e cento altri esempii di diversissimo genere, dimostrano quanto la mutazione dell’a in i sia familiare ai latini, quando le loro radici o parole comunque, subiscono qualche passione, qual è quella di formare p.e. da imperatus un frequentativo, cioè imperitare.

(24. Gen. 1822.)

Alla p.2351. fine. Così dico di cui, huic, ec. monosillabi. V. il Forcell. in Qui ec. e la Regia Parnasi.

(25. Gen. 1822.)

Alla p.2319. marg. Circa le contrazioni, indizio [2360]certo di ciò ch’io voglio dimostrare, v. particolarmente il Forcell. in Semianimis all’ultimo §. dove osserva che queste tali sillabe formate presso i poeti di più vocali, sono già notate dagli eruditi, e chiamate figure (cioè in realtà dittonghi de’ quali nella prosodia non si discorre), e queste denominate co’ loro proprii nomi, cioè sinizesi, sinecfonesi, ec. V. p.e. in Virg. En. 4.686. Semianimis quadrisillabo; ib. 3.578.5.697. semiustus trisillabo ec. Osserva pure che la sillaba mia di semianimis è breve, benchè doppia di vocali, il che dà forza alla mia opinione. E di tutte cotali voci v. la Regia Parnasi. Ho detto p.2339. (e vedila) che i nominativi specialmente plurali, i genitivi singolari ec. della quarta conjugazione sono tutte contrazioni perocchè da principio si diceva manuus ec. con doppio u. Or vedi a questo proposito, manum, gen. plur. in Virg. En. 3.486. cit. da me p.2250. marg. Ed anche altre volte troverai così contratti i genitivi plurali della quarta, e mi ricordo di averne trovato altro esempio nello stesso Virgilio. (En. 6.653.) Contratti dico, o nella scrittura, o nella ragion del metro. Credo anche che hoc ablativo si dicesse anticamente, e forse si scrivesse hooc, o insomma sia contrazione di 2 vocali ec.

(25. Gen. 1822.). V. p.2365.

Extremus, formaque ante omnes pulcher Julus,

Sidonio EST INVECTUS equo: quem candida Dido

[2361]Esse sui dederat monumentum et pignus amoris.

 

En. 5.570.-2. Assolutamente per invehitur, locuzione simile al nostro volgare: è posto, è assiso; è portato da un cavallo Sidonio ec. Perocchè il nostro presente passivo è formato del verbo essere e del participio passato. Non così in latino. E tuttavia in questo luogo est invectus, non è preterito, ma presente. Ed in uno scrittore così elegante come Virgilio. V. i Comentatori. Del resto v. il contesto di Virgilio, e troverai che non può essere se non presente, quali sono, prima e dopo, gli altri verbi da lui adoperati; portat, ducit, fertur, ec.

(26. Gen. 1822.)

Che vuol dire che l’uomo ama tanto l’imitazione e l’espressione ec. delle passioni? e più delle più vive? e più l’imitazione la più viva ed efficace? Laonde o pittura, o scultura, o poesia, ec. per bella, efficace, elegante, e pienissimamente imitativa ch’ella sia, se non esprime passione, se non ha per soggetto veruna passione, (o solamente qualcuna troppo poco viva) è sempre posposta a quelle che l’esprimono, ancorchè con minor perfezione nel loro soggetto. E le arti che non possono esprimere passione, come l’architettura, sono tenute le infime fra le belle, e le meno dilettevoli. E la drammatica e la lirica son tenute fra le prime per la ragione [2362]contraria. Che vuol dir ciò? non è dunque la sola verità dell’imitazione, nè la sola bellezza e dei soggetti, e di essa, che l’uomo desidera, ma la forza, l’energia, che lo metta in attività, e lo faccia sentire gagliardamente. L’uomo odia l’inattività, e di questa vuol esser liberato dalle arti belle. Però le pitture di paesi, gl’idilli ec. ec. saranno sempre d’assai poco effetto; e così anche le pitture di pastorelle, di scherzi ec. di esseri insomma senza passione: e lo stesso dico della scrittura, della scultura, e proporzionatamente della musica.

(26. Gen. 1822.)

Gl’italiani, i francesi gli spagnuoli usano il verbo adcolligere, (accogliere, accueillir, acoger) in senso di excipere. V. i rispettivi vocabolari, il Gloss. e il Forcell.

(27. Gen. 1822.)

Aurum rustici orum dicebant, ut auriculas oriculas. Festo in Orata, presso il Forc. auricula. Ed oggi pure italiani francesi e spagnuoli dicono come quegli antichi rustici, nè solo queste ma mille altre tali parole.

(27. Gen. 1822.)

Aliter usato in latino alla maniera italiana di altrimenti, cioè come noi diciamo p.e. fa questo; [2363]altrimenti t’ammazzo, cioè per se no, o se non che ec. (v. la Crusca in Se non §. 4. dove spiega sin secus, alioquin, e in italiano, Altrimenti, benchè a questa voce non faccia parola di tal uso) usato dico in tal senso, è raro assai ne’ buoni latini, e potrebbe credersi sproposito, e frase moderna. Eccone esempio dall’En. 6.145. segg. Et rite repertum (il ramo d’oro, sacro a Proserpina come dice v.138.) Carpe manu. Namque ipse volens facilisque sequetur, Si te fata vocant: ALITER non viribus ullis Vincere, nec duro poteris convellere ferro. V. il Forcell. aliter §. ult. Dubito però che quei 2. esempi, specialmente il primo, facciano precisamente al caso.

(27. Gen. 1822.)

Alla p.2340. marg. Vedi pure il Forcell. in Fido, Fisus, Confido, Confisus (participii passati non passivi ma neutri, e non di deponenti ma di neutri), e Virg. En. 5. v. penult. (870-1.) O nimium coelo et pelago CONFISE sereno, Nudus in ignota, Palinure, iacebis arena.

(27. Gen. 1822.)

Quei pochissimi poeti italiani che in questo o nel passato secolo hanno avuto qualche barlume di genio e natura poetica, qualche poco di forza nell’animo [2364]o nel sentimento, qualche poco di passione, sono stati tutti malinconici nelle loro poesie. (Alfieri, Foscolo ec.). Il Parini tende anch’esso nella malinconia, specialmente nelle odi, ma anche nel Giorno, per ischerzoso che paia. Il Parini però non aveva bastante forza di passione e sentimento, per esser vero poeta. E generalmente non è che la pura debolezza del sentimento, la scarsezza della forza poetica dell’animo, che può permettere ai nostri poeti italiani d’oggidì (ed anche degli altri secoli, e anche d’ogni altra nazione), a quei medesimi che più si distinguono, e che per certi meriti di stile, o di stiracchiata immaginazione, son tenuti poeti, l’essere allegri in poesia, ed anche inclinarli e sforzarli a preferir l’allegro al malinconico. Ciò che dico della poesia dico proporzionatamente delle altre parti della bella letteratura. Dovunque non regna il malinconico nella letteratura moderna, la sola debolezza n’è causa.

(27. Gen. 1822.)

È proprio della nostra lingua, della francese della spagnuola il far servire la preposizione senza col suo caso, come per aggettivo, p.e. dicendo luogo senz’acqua, vento senza umidità, casa senza luce ec. cioè priva di ec. [2365]Ciò non è frequente in latino e può parere un barbarismo. Pur vedilo in Virg. En. 6.580. nel Forc. in sine, I. esempio, nel detto di Caligola presso Svetonio, arena sine calce ec. Così noi ci serviamo d’altre preposizioni allo stesso modo; uso non molto proprio del buono latino, ma di cui pur si troverebbero molti altri esempi. Ce ne serviamo pure a modo di avverbi, come ho detto p.2264. segg.

(28. Gen. 1822.)

Alla p.2360. fine. Come dunque si contrasse poi il genitivo plurale dicendo manum per manuum, così si dovettero contrarre gli altri casi, che dovevano da principio aver doppio u, come appunto il detto genitivo. Parimente il vedere che l’i, sempre o quasi sempre breve nelle regole della prosodia latina (dico nelle regole, e non in quei casi che dipendono dal solo costume, come in italia ec.) è regolarmente e sempre lungo nella desinenza dei dativi plurali della prima e 2. declinazione, fa credere che quivi da principio egli fosse doppio, o accompagnato da qualche altra vocale, che rendesse quella sillaba bivocale, e dÛfJoggon. Nel qual proposito osservate che le vocali lunghe per natura nel greco, h, ed v furono da principio doppie cioè due E Ǝ, due OO. Nello stesso modo io penso che tali vocali lunghe per regola nel latino, fossero da principio doppie.

(28. Gen. 1822.)

Nimium vobis Romana propago

Visa potens, superi, propria haec si dona fuissent.

 

Virg. En. 6. 870-1. [2366]parlando di Marcello giuniore in persona di Anchise. Riferiscilo a quello che ho detto altrove, dell’invidia delle cose umane attribuita dagli antichi agli Dei, del credere che gli Dei potessero ingelosire, e pigliar ombra e timore della nostra potenza ec. Della quale e d’altre simili opinioni tanto assurde, quanto naturali e primitive, non si trovano in Virgilio se non piccoli vestigi, essendo egli troppo dotto, e scrivendo in tempo troppo spregiudicato, e filosofico, e cominciato ad attristare dalla metafisica, che produsse di lì a poco il Cristianesimo.

(29. Gen. dì di S. Francesco di Sales. 1822.)

Meglio per più vedilo nella Crusca, stimato idiotismo provenzale. Adflictis MELIUS confidere rebus dice Virg. En. 1.452. Vedi il Forcell. in Melior, e in confido, o Fido, e gl’interpreti di Virgilio.

(29. Gen. 1822.)

Tra me, tra se, fra te ec. dicono gl’italiani (credo anche gli spagnuoli) per quello che i latini mecum, secum ec. cioè dentro di me, nel mio pensiero ec. V. la Crusca. Eccovi questa stessa frase in latino, e presso scrittore elegantissimo qual è Virg. En. [2367]1.455. dove inter se, io credo certamente che in verità non vaglia altro che questo. Vedi gl’interpreti. Il Forcell. in inter, non ha nè questo nè altro esempio nè significato simile. Vedilo in Se, Me ec. se avesse nulla, e così l’Append. e il Glossar.

(29. Gen. 1822.)

Alla p.1132. verso il fine. Così di gerere in aliger, armiger, penniger; di ferre in armifer, alifer (v. il Forc.), mellifer, lethifer, umbrifer ec. ec. ec. ec. ec. e di cento altri simili similmente.

(29. Gen. 1822.)

Alla p.2267. marg. Nate, patris summi qui tela Typhoea temnis (Virg. En. 1.665.): oe dissillabo. V. gl’interpreti il Forcell. la Regia Parnasi.

(29. Gen. 1822.)

In proposito di quanto ho detto altrove del Sacerdozio che presso gli antichi non era disgiunto dalle professioni civili e militari ec. ec. nè esigeva alcun particolar genere di vita, di modestia, ritiratezza ec. v. Virg. En. 2.318. seqq. confrontandolo con 429-30. e soprattutto v. ib. vers. 201. e nota come i sacerdoti si traessero a sorte dal numero de’ cittadini, de’ magistrati, de’ militari ec. e non per sempre, ma per un tal tempo, o per una sola occasione ec. Lascio che [2368]i sacrifizi ec. privati ec. erano eseguiti da quello stesso che offriva la vittima, come da Enea spessissimo e v. in particolare En. 6.249-54. Fra i greci si sceglievano i sacerdoti per le pubbliche cerimonie, feste, sacrifizi ec. fra i patrizi, e i più ricchi, che potessero spendere ec. ed era questo un carico oneroso, come quello di fornire una trireme ec. Alle volte esso era ereditario in certe famiglie ec. Vedi Senofonte nel Convito c.8. §.40.

(29. Gen. 1822.)

Tristis per cattivo all’italiana, mi par di trovarlo nell’En. 2.548. V. gl’interpr. il Forcell. il Gloss. ec.

(29. Gen. 1822.)

Alla p.1154. marg. principio. Anche dalla prima coniugazione si fecero tali contrazioni ne’ participii in us e ne’ supini, togliendo l’a di atus, o atum, o fosse che detti participii o supini contratti, si fossero prima ridotti alla desinenza di itus come domitus ec. P.e. partus (quando non viene da pario) è mera contrazione di paratus, e non già un traslato, come dice il Forcellini. Il che si vede chiaro per gli esempi che egli adduce, ma molto più per questo (ch’egli omette) dell’En. 2.784. (vedilo) [2369]dove parta, non vuol dir neppure comparata, acquisita, it. procacciata ec. come spiega partus il Forcell. ma semplicissimamente parata, giacchè non solo non era ancora acquistata nè procacciata, ma doveva costare lunghissime, e innumerabili, e grandissime fatiche e rischi il guadagnarla, come poi dice Virgilio tante altre volte, e di queste fatiche e rischi fa tutto il soggetto dell’Eneide: la quale sarebbe finita in quel passo, se parta volesse dire guadagnata.

(30. Gen. 1822.)

Noi diciamo fare una cosa di buona gana, cioè alacriter. Presso gli spagnuoli gana vale alacritas. Gli scrittori latini non hanno parola da cui questa si possa derivare. E pure dove credete che rimonti la sua origine? Alle primissime sorgenti delle due lingue sorelle latina e greca. G‹now in greco vuol dire laetitia, gaudium, voluptas. V. il Lessico co’ suoi derivati. Come dunque questa voce nostra e spagnuola, volgarissima in ambo le lingue, anzi plebea, nè degna della scrittura sostenuta, può esser mai derivata dal greco? quando ne’ tempi barbari in cui nacquero tali lingue, [2370]appena si sapeva in Italia o in Ispagna che vi fosse al mondo una lingua greca? come può esser venuta questa voce se non dal volgare latino, e per mezzo di esso?

Non basta. Questa radice, non solo è delle antichissime nella lingua greca, ma di quelle che s’avevano per antiquate negli stessi antichi tempi della greca letteratura. V. il Simposio di Senofonte, c.8. §.30, dove ricerca l’etimologia del nome di Ganimede e per provare che Ganu, viene da una radice che significa godimento, diletto, ec. ricorre ad Omero. Dunque al tempo di Senofonte, ell’era già disusata, e certo non era volgare, quantunque ella si trovi anche in alcuni pochi autori o contemporanei o posteriori a lui: il che non dee far maraviglia perchè l’imitazione di Omero durò sempre nella poesia greca; le sue parole e la sua lingua furono sempre tenute proprie d’essa poesia; oltre che il poeta usa senza biasimo molte parole antiquate per più ragioni che ve l’autorizzano, ed anche glielo prescrivono. Ora questa voce (e suoi derivati) non si trova quasi che ne’ poeti, e si può dir poetica. Così durano fra [2371]nostri scrittori, e massime poeti, molte parole ec. di Dante, disusate nel resto ec. E dal luogo di Senofonte si vede che quella voce era sin d’allora in Grecia, quel che sarebbe fra noi una voce detta dantesca.

Quest’antichissima radice, non riconosciuta dagli scrittori latini, come mai vive oggi in due volgari derivati da una lingua sorella della greca? Dunque ella fu propria della lingua latina fino da’ suoi principii, cioè da quando ebbe comune origine colla greca (non dopo, 1. perchè già divenuta fuor d’uso tra’ greci, così che il volgo romano non potè da essi prenderla, il che sarebbe già inverosimile per se; e come avrebbe potuto prender dai greci una voce poetica? 2. perchè non si trova negli scrittori latini, i quali, e non il volgo, furono coloro che poi massimamente grecizzarono il latino). Dunque d’allora in poi il volgare latino la conservò fino all’ultimissimo suo tempo, e fino a lasciarla nelle bocche del moderno popolo italiano e spagnuolo dove ancora rimane. Dunque ecco anche un’altra prova che la lingua latina fosse più tenace della sua remotissima antichità che la greca, dove questa voce ec. era uscita d’uso al tempo [2372]già di Senofonte.

E perchè non resti dubbio che il nostro gana sia tutt’una radice col greco g‹now, se non bastasse l’identità delle lettere radicali, e la quasi identità del significato, osserveremo che ¤pig‹nnumai significa insulto. La preposizione ¤pÜ in composizione spessissimo risponde alla latina in (come appunto insilire, o insultare nel senso di saltar sopra, risponde ad ¤f‹llomai). Ora il nostro ingannare, (spagn. engañar) se derivi da ingenium (v. il Dufresne in ingenium 1.) o da gannare non voglio ora asserirlo. Certo è che gannare (onde gannum ec. che v. nel Dufresne), voce conosciuta solamente nella barbara latinità, significò irridere ec. Ed osservare che appunto illudere illusione ec. che significa primitivamente lo stesso, passò poi, specialmente presso i francesi, a significare assolutamente inganno, errore ec. V. il Forcell. e il Gloss. Gannare vien dunque da gana, e ne viene come ¤pig‹nnusÕai da g‹now, e con lo stesso significato. (Non so se ganar gagner ec. possano aver niente a fare col proposito. V. il Gloss. ec.).

Ecco dunque queste due parole, l’una latino-barbara, cioè gannare, l’altra vivente e popolare italiana [2373]e spagnuola, d’ambe le quali, non solo non si sarebbe creduto che fossero antiche, e de’ più buoni tempi, ma si sarebbe penato a congetturare l’etimologia; dimostrate non solo non moderne, non solo non derivate da’ tempi barbari, ma identiche con una radice antichissima che si trova nell’antichissimo greco, che nel greco de’ buoni secoli era già fatta antiquata, che non potè passare nel latino, donde solo potè venir sino a noi e al nostro volgo, se non da quando nacque il latino da una stessa origine col greco, e che perduta nel latino scritto, si è conservata perennemente nel volgare, in modo che oggi la nostra plebe usa familiarmente una radice ch’era già poetica, e però già divisa dal volgo, sino dal tempo del più antico scrittore profano che si conosca, cioè di Omero. Tanta è la tenacità del volgo, e tanto sono antiche tante cose e parole che si credono moderne, perciò appunto che l’eccesso della loro antichità nasconde affatto la loro origine, e l’uso che anticamente se ne fece. E quindi potete argomentare [2374]quante voci frasi ec. latino-barbare, o italiane, francesi o spagnuole, della cui origine non si sa nulla, e si credono moderne o di bassa età, perchè solo ne’ moderni o ne’ bassi tempi e monumenti si trovano, si debbano stimare appartenenti all’antichissima fonte de’ nostri volgari e del latino-barbaro, cioè all’antico latino, e quindi al latino volgare ch’è il solo mezzo per cui i nostri volgari comunicano colla detta antichissima fonte: e ciò quantunque in ordine a esse parole e frasi non si possa dimostrare, appunto a causa della troppo loro antichità, che conservandole ne’ volgari o greci o latini, le bandì dalle scritture. Come vediamo fra noi molte antichissime parole italiane vivere nella plebe di questa o quella parte d’Italia, e non esser più ricevute nelle scritture.

(31. Gen. 1822.)

Alla p.2328. fine. (Così l’Alamanni, Coltivaz. lib.6. v.416-7. O se l’ingorde folaghe intra loro Sopra il secco sentier VAGANDO STANNO.). Ed è ben ragione perocchè il verbo essere è di sua natura in tutte le lingue applicabile a qualsivoglia [2375]cosa, qualità, azione ec. Ora il verbo stare è sostanzialmente e originariamente continuativo di essere (in latino in italiano in ispagnuolo), e partecipa della di lui natura, e viene al caso ogni volta che s’ha da significare continuazione o durata di qualunque cosa è. Osservate i latini, osservate Virgilio e vedrete che laddove essi congiungono il verbo stare co’ nomi addiettivi, o co’ participii d’altri verbi, esso verbo non tanto significa stare in piedi, ec. quanto continuazione o durata di ciò ch’è significato da’ detti nomi o participii. Talia perstabat memorans (En. 2.650.), Stabant orantes ec. (En. 6.313.). Mi ricordo anche di altri luoghi di Virgilio dove ciò ch’io dico è anche più manifesto, e l’uso del verbo stare si rassomiglia più decisamente a quello che noi e gli spagnuoli ne facciamo co’ gerundii. V. gl’interpr. e il Forcell.

(31. Gen. 1822.)

Alla p.980. marg. Questi tali nomi passarono nell’italiano alla desinenza in chia o chio, nello spagnuolo in ja o jo, nel francese in eille o eil, o ouille ec. perchè prima invece di culus furono pronunziati clus. (oclus ec.) (così da avunculus [2376]oncle). Giacchè il cl fu da noi trasmutato quasi sempre in chi, come quello di claudere o cludere, (v. p.2283) clericus, clavis, clavus ec. Così il gulus o gula prima in glus, poi in ghio ec. Unghia ec. (franc. ongLE.) Così stipula si disse prima stipla, poi stoppia ec. V. il Gloss. ec. Così gli stessi latini, massime i poeti solevano contrarre siffatte voci, come periclum ec. maniplum (Virg. Georg. 3.297.) ec.

(31. Gen. 1822.)

È costume massimamente italiano di elidere e togliere il c dalle parole latine, specialmente e per esempio avanti il t. Ora anche gli antichi ed ottimi scrittori e monumenti usano spesse volte lo stesso in molte parole, dicendo p.e. artus per arctus (dove il c è radicale, perchè arctus fu da principio arcitus, participio di arcere), ec. v. p.1144. se vuoi. (nel Virg. dell’Heyne trovi sempre artus, mai arctus) autor per auctor, autoritas ec. V. il Cellar. il Forcell. l’Ortograf. del Manuzio ec. E nelle antiche iscrizioni medaglie ec. si troveranno infiniti esempi di ciò, come dire Atium, o Atius, o Atia, per Actium ec. ec. Il qual costume o sia buono o cattivo in riga di [2377]latinità, e di retta ortografia (che certo in molti casi sarà cattivo, perocchè detto modo di scrivere è incostante ma frequentissimo nelle dette iscrizioni medaglie, ne’ codd. più antichi ec.), serve sempre a dimostrare che quel costume che il volgo italiano ha poi adottato, e comunicato finalmente per regola alle ottime scritture (che ne’ primi secoli della nostra lingua adoperarono in questo e simili casi assai frequentemente l’ortografia latina), fu antichissimo nella pronunzia del volgo o non volgo, giacchè poteva cagionare ordinariamente tali vizi di scrittura negli amanuensi, lapidarii ec. La qual considerazione si dee generalizzare e riferire a tutti quei casi (che son molti) ne’ quali (o spettino all’ortografia o ad altro) gli antichi monumenti codici ec. si trovano ordinariamente, e con decisa frequenza imbrattati d’errori che si accostano o s’agguagliano alla pronunzia o al costume qualunque sia della lingua italiana, o delle sue sorelle ec.

(1. Feb. 1822.)

[2378]Che non si dà ricordanza, nè si mette in opera la memoria senz’attenzione. Prendete a caso uno o due o tre versi di chi vi piaccia, in modo che possiate, leggendoli una volta sola, tenerli tanto a memoria da poterli poi ripeter subito fra voi, il che è ben facile in quello stesso momento che si son letti: e ripeteteli fra voi stesso dieci o quindici volte, ma con tutta materialità, come si fa un’azione ordinaria, senza pensarvi e senza porvi la menoma attenzione. Di lì ad un’ora non ve ne ricorderete più, volendo ancora richiamarli con ogni sforzo. Al contrario leggeteli solamente una o due volte con attenzione, e intenzione d’impararli, o che vi restino impressi; ovvero poniamo caso che da se stessi v’abbiano fatto una decisa impressione, ed eccitata per questo mezzo la vostra mente ad attendervi, anche senza intenzione alcuna d’impararli. Non li ripetete neppure fra voi, o ripetendoli, fatelo solo una o due volte con attenzione. Di lì a più ore vi risovverranno anche spontaneamente, e molto più se voi lo vorrete; e se allora di nuovo ci farete attenzione, in modo che quella reminiscenza [2379]non sia puramente materiale, ve ne ricorderete poi anche più a lungo per un certo tempo. Dico tutto ciò per esperienza, trovando d’essermi scordato più volte d’alcuni versetti ch’io per ricordarmene avea ripetuto meccanicamente fra me una ventina di volte, e di averne ritenuto degli altri ripetuti una sola o due volte, con decisa attenzione alle parti ec. E così d’altre cose ec. E chi sa che queste o simili osservazioni non fossero il fondamento di quell’arte della memoria che fra gli antichi s’insegnava e si professava come ogni altra disciplina, siccome apparisce da molte testimonianze, e fra le altre da Senofonte nel Convito c.4. §.62.

Aggiungete. Ciascun di noi ha qualche metodo di vita, qualche cosa ch’egli soglia fare ogni giorno, ovvero ogni tanti giorni, a quella tal ora, in quel tal luogo, occasione ec. Ma se questa cosa o azione ci è divenuta (come sono necessariamente moltissime in qualunque individuo) così abituale che noi la facciamo macchinalmente, e senza porvi più nessuna, o quasi nessuna [2380]attenzione, spessissimo c’interverrà che anche poco dopo fatta, non ci ricordiamo se l’abbiam fatta o no, massimamente se non vi sia nessuna circostanza o particolare, ovvero ordinaria, ma presente ec. ec. che aiuti in quel momento la memoria, (il che si può fare anche riandando di mano in mano le altre operazioni di quel tal tempo, le circostanti, le conseguenze, le antecedenze; ovvero proccurando di salire dalle più vicine alle più lontane ec.) nel qual caso probabilmente non ce [ne] potremo ricordare in nessunissimo modo, e l’uomo della più gran memoria del mondo sarà nella stessissima condizione. Generalmente è nulla o scarsissima la memoria degli atti detti dell’uomo, dei quali ciascuno ne fa giornalmente e continuamente infiniti, nè mai se ne ricorda un solo, anche volendo, se qualche particolare impressione non l’aiuta ec. Nè solo di questi, ma anche di quelli, che benchè non siano o propriamente o totalmente dell’uomo, si fanno però con pochissima riflessione ed attenzione, e ponendoci poca o nessuna importanza, di questi tali dopo pochi momenti, non ci ricordiamo o appena ci ricordiamo del come, del quando, del perchè, del se gli abbiamo fatti. E generalmente la memoria va sempre in ragion diretta dell’attenzione posta non già alla ricordanza, ma a ciò ch’è il soggetto della ricordanza.

(1. Feb. 1822.)

[2381]Giovanette di 15. o poco più anni che non hanno ancora incominciato a vivere, nè sanno che sia vita, si chiudono in un monastero, professano un metodo, una regola di esistenza, il cui unico scopo diretto e immediato si è d’impedire la vita. E questo è ciò che si procaccia con tutti i mezzi. Clausura strettissima, fenestre disposte in modo che non se ne possa vedere persona, a costo della perdita dell’aria e della luce, che sono le sostanze più vitali all’uomo, e che servono anche, e sono necessarie alla comodità giornaliera delle sue azioni, e di cui gode liberamente tutta la natura, tutti gli animali, le piante, e i sassi. Macerazioni, perdite di sonno, digiuni, silenzio: tutte cose che unite insieme nocciono alla salute, cioè al ben essere, cioè alla perfezione dell’esistenza, cioè sono contrarie alla vita. Oltrechè escludendo assolutamente l’attività, escludono la vita, poichè il moto e l’attività è ciò che distingue il vivo dal morto: e la vita consiste nell’azione; laddove lo scopo diretto della vita monastica anacoretica ec. è l’inazione, e il guardarsi dal fare, l’impedirsi di fare. Così che la monaca o il monaco [2382]quando fanno professione, dicono espressamente questo: io non ho ancora vissuto, l’infelicità non mi ha stancato nè scoraggito della vita; la natura mi chiama a vivere, come fa a tutti gli esseri creati o possibili: nè solo la natura mia, ma la natura generale delle cose, l’assoluta idea e forma dell’esistenza. Io però conoscendo che il vivere pone in grandi pericoli di peccare, ed è per conseguenza pericolosissimo per se stesso, e quindi per se stesso cattivo (la conseguenza è in regola assolutamente), son risoluto di non vivere, di fare che ciò che la natura ha fatto, non sia fatto, cioè che l’esistenza ch’ella mi ha dato, sia fatta inutile, e resa (per quanto è possibile) nonesistenza. S’io non vivessi, o non fossi nato, sarebbe meglio in quanto a questa vita presente, perchè non sarei in pericolo di peccare, e quindi libero da questo male assoluto: s’io mi potessi ammazzare sarebbe parimente meglio, e condurrebbe allo stesso fine; ma poichè non ho potuto a meno di nascere, e la mia legge mi comanda di fuggir la vita, e nel tempo stesso mi vieta di terminarla, ponendo la morte volontaria fra gli altri peccati per cui la vita [2383]è pericolosa, resta che (fra tante contraddizioni) io scelga il partito ch’è in poter mio, e l’unico degno del savio, cioè schivare quanto io posso la vita, contraddire e render vana quanto posso la nascita mia, insomma esistendo annullare quanto è possibile l’esistenza, privandola di tutto ciò che la distingue dal suo contrario e la caratterizza, e soprattutto dell’azione che per una parte è il primo scopo e carattere ed uffizio ed uso dell’esistenza, per l’altra è ciò che v’ha in lei di più pericoloso in ordine al peccare. E se con ciò nuocerò al mio ben essere, e mi abbrevierò l’esistenza, non importa; perchè lo scopo di essa non dev’esser altro che fuggir se medesima, come pericolosa; e l’essere non è mai tanto bene, quanto allorchè in qualunque maggior modo possibile è lontano dal pericolo di peccare, cioè lontano dall’essere e dall’operare ch’è l’impiego dell’esistenza.

Questo è il discorso di tali persone. E questo raziocinio, e la risoluzione che ne segue, e la vita che le tien dietro, sono assolutamente e dirittamente nello spirito del Cristianesimo, e inerenti alla [2384]sua perfezione. Lo scopo di essa e dell’essenza del Cristianesimo, si è il fare che l’esistenza non s’impieghi, non serva ad altro che a premunirsi contro l’esistenza: e secondo essa il migliore, anzi l’unico vero e perfetto impiego dell’esistenza si è l’annullarla quanto è possibile all’ente; e non solo l’esistenza non dev’essere il primo scopo dell’esistenza nell’uomo (come lo è in tutte le altre cose o create, o anche possibili), ma anzi il detto scopo dev’essere la nonesistenza. Assolutamente nell’idea caratteristica del Cristianesimo, l’esistenza ripugna e contraddice per sua natura a se stessa.

(2. Feb. dì della Purificazione di Maria SS. 1822.)

Alla p.2330. Altra prova. I nomi delle cose che sogliono esser denominate prima d’ogni altra in qualsivoglia lingua, nel latino, se bene osserverete, sono o monosillabi, o tali che facilmente se ne scuopre una radice di non più che una sillaba. Segno evidente di conservata antichità, e questa remotissima e primitiva. Non così, o non sì spesso in greco, dove sovente i detti nomi non sono monosillabi, nè se ne può trarre una [2385]radice monosillaba. Dies ²m¡ra, vir Žn¯r ec. sol ´liow, lun-a sel®ne. Forse non poche volte, se quella parola che nella grecità conosciuta è rimasta in uso, non è monosillaba, lo sarà però un’altra equivalente, che si trova solo in Omero, o ne più antichi o ne’ poeti, o che si conosce per congettura; che in somma a’ buoni e perfetti tempi della lingua greca era già disusata e antiquata almeno nel linguaggio comune. Ma questa medesima è un’altra prova anche più materiale che la lingua latina fosse più tenace della sua antichità.

(2. Feb. 1822.)

Alla p.2281. marg. fine. Questo mischiare non viene certo da mescolare ma da misculari latino immediatamente 1. perchè non diciamo miscolare (nè i franc. mîler o misler, nè gli spagn. mizclar) laddove i latini doverono certo dir così, e vedendosi che la i cambiata nel mescolare in e s’è conservata nel mischiare, ciò non può procedere da altra ragione che dalla sua origine latina. 2. perchè è costume bensì dell’idioma italiano il cangiare in chi il latino cul, (v. p.2375.) non così però di cangiare l’italiano col. Così che mischiare [2386]denota un misculare o i latino, dal quale necessariamente dev’essere stato preceduto. Questa 2. ragione vale anche per meschiare altra corruzione di mischiare, cioè cambiato poi l’i in e, come in mescolare mezclar ec.

(3. Feb. 1822.)

Alla p.2324. sul principio. V. pure il Forcell. in montuosus il quale inclino a credere che possa dinotare un vecchio ed antiquato, o popolare e corrotto dal volgo montus us. V. il Gloss. se ha nulla.

(3. Feb. 1822.)

Stimabile è la menzogna quando giova a chi la dice e a chi l’ode non fa nocumento. Parole in persona di Cariclea fanciulla greca, presso Eliodoro Delle cose Etiopiche Libro Primo tradotto dal Gozzi, Opere, Venez. Occhi. 1758. t.6. p.92.

(4. Feb. 1822.)

La lingua italiana ha un’infinità di parole ma soprattutto di modi che nessuno ha peranche adoperati. - Ella si riproduce illimitatamente nelle sue parti. Ella è come coperta tutta di germogli, e per sua propria natura, pronta sempre a produrre nuove maniere di dire. - Tutti i classici o buoni scrittori crearono continuamente nove frasi. Il vocabolario ne contiene la menoma parte: e per verità il frasario di un solo [2387]di essi, massime de’ più antichi ec. formerebbe da se un vocabolario. Laonde un vocabolario che comprenda tutti i modi di dire, ottimi e purissimi, adoperati da’ classici italiani, e dagli stessi soli testi di lingua, sarebbe impossibile. Quanto più uno che comprendesse tutti gli altri egualmente buoni che sono stati usati, o che si possono usare in infinito! Usarli dico e crearli nuovamente, e nondimeno con sapore e natura tutta antica: anzi non la moderna, ma la sola antica lingua italiana possiede ed è capace di questa fecondità. - Deducete da ciò l’ignoranza di chi condanna quanto non trova nel Vocabolario. E concludete che la novità de’ modi è così propria della lingua italiana, e così perennemente ed essenzialmente, ch’ella non può conservare la sua forma antica, senza conservare in atto la facoltà di nuove fogge.

(5. Feb. 1822.)

eb.1822

Ni sabian que pudiesse haver sacrificio sin que muriesse alguno por la salud de los demàs. Parole di Magiscatzin, vecchio Senatore Tlascalese a Ferdinando Cortès, presso D. Antonio de Solìs, Hist. de la Conquista de Mexico, lib.3. capit.3. [2388]en Madrid 1748. p.184. col.1. Ecco l’origine e la primitiva ragione de’ sacrifizi, e idea della divinità. Si stimava invidiosa e nemica degli uomini, perchè gli uomini lo erano per natura fra loro, e per causa delle tempeste ec. le quali appunto si cercava di stornare co’ sacrifizi. Nè si credeva già primitivamente che gli Dei godessero materialmente godessero della carne o sangue o altro che loro si sacrificava, ma della morte e del male della vittima, e che questo placasse l’odio loro verso i mortali, e la loro invidia. Egoismo del timore, che ho spiegato in altro luogo. Quindi si facevano imprecazioni ed esecrazioni sulla vittima, che non si considerava già come cosa buona, ma come il soggetto su cui doveva scaricarsi tutto l’odio degli Dei, e come sacra solo per questo verso. Quindi quando il timore (o il bisogno, o il desiderio ec.) era maggiore, si sacrificavano uomini, stimando così di soddisfar maggiormente l’odio divino contro di noi. E ciò avveniva o tra’ popoli più vili e timidi (e quindi più fieramente egoisti), o più travagliati dalle convulsioni degli elementi (com’erano i Tlascalesi ec.), o ne’ tempi più antichi, [2389]e quindi più ignoranti, e quindi più paurosi. E nell’estrema paura, si sacrificavano non solo prigionieri, o nemici, o delinquenti ec. come in America, ma compatrioti, consanguinei, figli, per maggiormente saziare l’odio celeste, come Ifigenia ec. Eccesso di egoismo prodotto dall’eccesso del timore, o della necessità, o del desiderio di qualche grazia ec.

(6. Feb. 1822.)

Nè fra gli antichi, nè fra’ popoli poco civilizzati fu mai che il popolo conquistato s’avesse per compatriota del conquistatore, come oggidì.

(14. Feb. 1822.)

Alla p.2338. Ho detto delle contraddizioni naturali che occorrono fra quegli oggetti che il presente stato dell’uomo gli rende necessarii anche nell’agricoltura ec. Aggiungo che di quegli stessi animali ch’egli nodrisce, molti sono nemici fra loro per natura, e si danneggiano scambievolmente quando non ci si provveda, o che lo facciano volontariamente, o anche involontariamente per fisiche disposizioni, senza esser nemiche ec. come le galline nuocciono ai buoi.

(16. Feb. 1822.)

[2390]L’attenzione de’ fanciulli è scarsa 1. per la moltitudine e forza delle impressioni in quell’età, conseguenza necessaria della novità ed inesperienza: le quali impressioni tirando fortemente l’attenzione loro in mille parti e continuamente, l’impediscono di esser sufficiente in nessuna: e questa è la distrazione che s’attribuisce ai fanciulli, tanto più distratti, quanto più suscettibili di sensazioni vive e profonde: 2. perchè anche la facoltà di attendere non si acquista senz’assuefazione ec.: 3. perchè la natura ha provveduto in modo che fin che l’uomo è nello stato naturale, come sono i fanciulli, poco e insufficientemente attende, essendo l’attenzione la nutrice della ragione, e la prima ed ultima causa della corruzione ed infelicità umana.

(16. Feb. 1822.)

Della convenienza di conservare agli scrittori la facoltà di fabbricar nuove parole e modi sopra le forme già proprie della lingua, cioè sopra le varie facoltà per le quali essa n’ha prodotto degli altri di quel tal genere, vedi un bello ed espressivo luogo del Caro, Apologia, Parma 1558. p.52. dopo aver parlato delle voci Suo merto et tuo valore nel Predella, prima di entrare nelle opposizioni numerate.

(18. Feb. 1822.)

[2391]Ma nulla fa chi troppe cose pensa. Tasso Aminta, Atto 2. scena 3. v. ult.

(20. Feb. primo di Quaresima. 1822.)

I muti hanno essi la facoltà della favella? No certo. Eppur quanto alla favella n’hanno tutta la disposizione naturale quanta n’ha il miglior parlatore del mondo. Ma questa non è altro che possibilità, la quale il muto non riduce mai all’atto e non adopera in verun modo, perchè non avendo udito, non impara dagli altri (cioè non si avvezza) a farlo, e coll’assuefazione, di cui non ha il mezzo, non acquista la facoltà. Ecco che cosa sono tutte le pretese facoltà naturali ed ingenite nell’uomo. E qual si crede più naturale della favella? principal caratteristica dell’uomo, e suo maggior distintivo dai bruti.

(20. Feb. 1822.)

Cogliere (che anche si dice corre) e coger non sono altro che colligere; scegliere (anche scerre) ed escoger dimostrano un excolligere latino detto volgarmente a preferenza e in vece di eligere 1. perchè la preposizione ex della quale sono composti questi due verbi moderni non significa niente in queste due lingue (oltre ch’ella è qui sfigurata in modo che anche [2392]significando per se, non significherebbe nulla in questi casi, non essendo più lei) bensì in latino. 2. perchè questi due verbi sono tanto simili che dimostrano l’unità dell’origine, e tanto diversi fra loro che danno ad intendere di non esser derivato nessuno di essi due dall’altro.

(22. Feb. 1822.)

Alla p.2304. vedi un luogo notabile di Francesco da Buti comentatore ms. di Dante, presso la Crusca v. Strega.

(26. Feb. 1822.)

Asseriscono che la natura ha data espressamente all’uomo la facoltà di perfezionarsi, e voluto che l’adoprasse, e però non ha provveduto a lui del necessario così bene come agli altri animali, anzi glien’ha mancato anche nel più essenziale. E da questa facoltà vogliono che l’uomo sia tenuto per superiore e più perfetto degli altri esseri. 1. Vi par questa una bella provvidenza? Dare all’uomo la facoltà di perfezionarsi, cioè di conseguire la felicità propria della sua natura; ma frattanto perchè questa perfezione non si poteva conseguire se non dopo lunghissimo spazio di tempo, e successione d’infinite esperienze, [2393]fare decisamente, e deliberatamente infelici un grandissimo numero di generazioni, cioè tutte quelle che dovevano essere innanzi che questa perfezione propria dell’esser loro, e non per tanto difficilissima e remotissima, si potesse conseguire, come ancora non possono affermare che si sia fatto. E per rispetto di questa medesima facoltà di perfezionarsi, di questo dono, di questo massimo privilegio dato dalla natura alla specie umana, mancare alla medesima del necessario, quando era evidente che questa facoltà non avrebbe avuto effetto, e non avrebbe potuto supplire al preteso mancamento della natura verso di noi, se non dopo lunghissimo tempo, e dopo che moltissime generazioni avrebbero dovuto, a differenza di tutti gli altri esseri, sentire e sopportare il detto mancamento, e l’infelicità che risulta dal non essere nello stato proprio della propria natura. In verità che questo, se fosse vero, mostrerebbe una gran predilezione della natura verso di noi, e gran superiorità nostra sugli altri esseri. 2. Non essendo la perfezione altro [2394]che l’essere nel modo conveniente alla propria natura, e tutti gli animali e le cose essendo così, tutte sono perfette nel loro genere, e ciò vuol dire che son perfette assolutamente, non potendo la perfezione considerarsi fuori del genere di cui si discorre. La natura dunque (giacchè gli animali e le cose non hanno acquistata questa perfezione da loro, e sono in tutto secondo natura) ha fatto gli animali e le cose tutte perfette. L’uomo solo, secondo voi, l’ha fatto perfettibile. Bella superiorità e privilegio. Dare agli altri il fine, a voi il mezzo; a tutti la perfezione, a voi non altro che il mezzo di ottenerla. E di più un mezzo o inefficace e quasi illusorio, o così poco efficace, che, lasciando gl’infiniti ostacoli, e l’immenso spazio di tempo che s’è dovuto passare prima di ridurci allo stato presente, in questo ancora non possiamo esser tanto arditi nè sciocchi da darci per perfetti (che vorrebbe dir felici, quando siamo il contrario): e oltre a questo non sappiamo quando lo potremo essere: anzi non possiamo congetturar neppure in che cosa potrà consistere la nostra [2395]perfezione se mai s’otterrà: e per ultimo, se parliamo da vero, siamo o dobbiamo essere omai più che persuasi, che la detta perfezione, qualunque ce la figuriamo, non s’otterrà mai, e non diverremo mai più felici. E pur gli animali lo sono dal principio del mondo in poi, senza essersi mossi dalla natura. Ecco la superiorità naturale su tutti gli esseri, che si scopre in noi mediante la bella e generale supposizione della nostra perfettibilità.

(5. Marzo 1822.)

P‹nta gŒr ŽgaJŒ m¢n kaÜ kal‹ ¤sti pròw ’n ¦Xú: kakŒ kaÜ aÞsXrŒ pròw ’n kakÇw. Quippe omnia bona sunt ac pulcra, ad quae bene se habent; mala vero ac turpia, ad quae male. Leunclav. Parole di Socrate ad Aristippo appresso Senofonte 'Apomnhmoneum‹tvn bibl. gƒ. kef. 8. §.7.

(17. Marzo 1822.)

Nelle scritture de’ moderni puristi italiani (p.e. del Botta) per lo più si vede chiaramente un moderno che scrive all’antica, e quindi non ha la grazia dello scrivere antico, non avendone lo spontaneo. Una delle due, o s’ha da parere un [2396]antico che scriva all’antica, vale a dire che questo scrivere paia naturale dello scrittore, e venuto da se; o s’ha da essere un moderno che scriva alla moderna: e volendo parere un moderno, non si dee volere scrivere altrimenti, se si vuol fuggire il contrasto ridicolo e l’affettazione; e molto meno volendo scriver cose moderne, e pensieri di andamento moderno (cioè insomma propri dello scrittore, che mentre vive non sarà mai antico): le quali cose e i quali pensieri, da che mondo è mondo, in qualsivoglia nazione non si sono scritti nè potuti scrivere in altra lingua che moderna (perchè questa sola è loro connaturale, e perciò sola dà il modo di bene e pienamente esprimerli), e non altrimenti che alla moderna.

(19. Marzo dì di S. Giuseppe. 1822.)

Quando mai, se si potesse, dovressimo, quanto allo stile, parere antichi che pensassero alla moderna. Laddove nei nostri accade tutto il contrario.

Il P. Dan. Bartoli è il Dante della prosa italiana. Il suo stile in ciò che spetta alla lingua, è tutto a risalti e rilievi.

(22. Marzo 1822.)

Domandato se credesse che la morte d’alcuno fosse stata pianta da vero, affermò, portando per esempio quella di Bartolommeo Cacciavolpe, ch’era vissuto [2397]di beni d’usufrutto, e di pensioni (assegnamenti) a vita, e morto pieno di debiti.

(25. Marzo dì dell’Annunziata. 1822.)

Decia (Motezuma), que no era crueldad ofrecer à sus Dioses unos Prisioneros de Guerra, que venian yà condenados à muerte; no hallando razon, que le hiciesse capaz de que fuessen proximos los Enemigos. D. Antonio de Solìs, Hist. de la Conquista de Mexico, lib.3. capitulo 12. en Madrid año de 1748. p.230. col.2.

(25. Marzo, dì dell’Annunziazione di M. V. SS. 1822.)

Il Vocab. della Crusca non ha interi due terzi delle voci, o significati e vari usi loro, e nè pure un decimo dei modi di quegli stessi autori e libri che registra nell’indice. E questi non sono appena una terza o quarta parte di quegli autori e libri italiani de’ buoni secoli che secondo ogni ragione vanno considerati e sono autentici nella lingua, anche nella pura lingua antica. Aggiungeteci ora i libri moderni bene scritti, e le voci e modi che usati o non usati ancora da buoni scrittori, sono necessarissimi a chi vuole scriver [2398](com’è dovere) delle cose presenti, e a’ presenti o futuri, massime le spettanti alle scienze immateriali o materiali, e che tutti mancano al Vocabolario; si può far ragione che questo non contenga più d’una quarantesima parte della lingua italiana in genere (a dir molto); e non più d’una trentesima dell’antica in particolare, ossia di quella che s’ha per classica. Del che non si può far carico ai compilatori, se non quanto alle mancanze relative agli autori de’ quali professano d’aver fatto spoglio e formatone il vocabolario. Perchè del resto nessuna lingua viva ha, nè può avere un vocabolario che la contenga tutta, massime quanto ai modi, che son sempre (finch’ella vive) all’arbitrio dello scrittore. E ciò tanto più nell’italiana (per indole sua). La quale molto meno può esser compresa in un vocabolario, quanto ch’ella è più vasta di tutte le viventi: mentre veggiamo che nè pur la greca ch’è morta, s’è potuta mai comprendere in un Vocabolario nè men quanto alle voci, che ogni nuovo scrittore, ne porta delle nuove. [2399]Molto meno quanto ai modi ne’ quali ell’è infinita e a disposizione degli scrittori, come appunto la nostra, e ciascuno scrittor greco ne forma de’ nuovi a suo piacere, e in gran numero. Or non è cosa ridicolissima che mentre nessun’altra nazione stima che la sua lingua sia determinata e prescritta dal suo vocabolario, non ostante che questo sia molto meglio fatto, molto più esteso (relativamente) del nostro, e che la lingua loro possa più facilmente o meglio esser compresa in un vocabolario; noi la cui lingua è impossibile (sopra qualunque altra) che vi si possa comprendere, che di più, abbiamo un vocabolario inesattissimo nelle cose stesse che porta, molto più inferiore alla ricchezza della nostra lingua di quello che le convenga o se le debba perdonare di essere, fatto sopra un piano sopra cui nessun altro è fatto, cioè sopra il piano dell’antico, mentre noi siamo moderni, e della pura autorità quando la lingua è viva; noi dico vogliamo che un vocabolario così ridondante d’imperfezioni, e poco proprio della lingua nostra (e d’ogni lingua viva), abbia su di questa una virtù, un’autorità e un dominio, che i più perfetti vocabolari delle altre nazioni (anche nazioni unite come la francese e l’inglese) nè si arrogano, nè sognano, nè pensano che [2400]sia menomamente proprio dell’essenza loro, nè compatibile colla natura delle lingue vive, e che nessuno s’immagina mai di riconoscere in essi.

(29. Marzo. Venerdì dell'Addolorata. 1822.)

 

P‹lin ¢pvtÅmenow (Socrate), ² ŽndreÛa pñteqon eàh didaktòn µ fusikòn; oimai men, ¦fh, Ësper sÇma sÅmatow ioxurñteron pròw toçw pñnouw fæetai, oìtv kaÜ cux¯n cux°w ¤r=vmenest¡ran pròw deinŒ fæsei gÛgnesJai. „OrÇ gŒr ¤n toÝw aétoÝw nñmoiw te kaÜ ¦Jesi trefom¡nouw polæ diaf¡rontaw Žll®lvn tñlmú. NomÛzv m¡ntoi p�san fæsin maJ®sei kaÜ mel¡tú pròw ŽndreÛan aëjesJai. Xenof. Žpomnhm. b.g.ƒ kef. J.ƒ §. -. Così possiamo discorrere di tutto il resto.

(16. Aprile, Martedì in Albis, 1822.)

Estaban persuadidos (los Mexicanos) à que no huvo Dioses de essotra parte del Cielo (cioè che non ci ebbe altri Dei se non un solo che tra essi non avea nome, ma s’aveva per superiore a tutti, e se gli attribuiva la creazione del Cielo e della Terra, e davasegli sede in cielo), hasta que multiplicandose los hombres, empezaron sus calamidades; considerando los Dioses como unos genios favorables, que se producian, quando era necessaria su operacion; sin hacerles dissonancia (à los Mexicanos), que adquiriessen el Sèr (estos Dioses), y la Divinidad en la miserias de la Naturaleza. Don Antonio de Solìs, Hist. de la Conquista de Mexico, lib.3. capitulo 17. en Madrid, año de 1748. p.259. col. 1.

(21. Aprile. 1822.)

Non è da far mai pompa della propria infelicità. La sola fortuna fa fortuna tra gli uomini, e la sventura non fu mai fortunata; nè si può far traffico, e ritrarre utilità dalla miseria, quando ella sia vera. Nessuno fu mai più stimato o più gradito per esser più infelice degli altri. E però allo sventurato, volendo esser bene accolto ed accetto, o [2402]farsi tenere in pregio, non solamente conviene dissimulare le proprie disgrazie, ma fingersi del numero de’ fortunati, pretendere a questo titolo, combatter la fama o chiunque glie lo neghi, e mettere ogni studio per ingannar gli altri in questo punto.

(23. Aprile. 1822.). V. p.2415.2485.

Intorno alla gelosia che avevano i romani della preminenza della loro lingua sulla greca, vedi Dione p.946. nota 86.

(23. Aprile 1822.)

Di quelli che non avendo mani, supplirono all’ufficio loro coi piedi, v. Dione Cassio l.54. c.9. p.739. e quivi la nota 91.

(25. Aprile. 1822.)

La natura vieta il suicidio. Qual natura? Questa nostra presente? Noi siamo di tutt’altra natura da quella ch’eravamo. Paragoniamoci colle nazioni naturali, e vediamo se quegli uomini si possono stimare d’una stessa razza con noi. Paragoniamoci con noi medesimi fanciulli, e avremo lo stesso risultato. L’assuefazione è una seconda natura, massime l’assuefazione così radicata, così lunga, e cominciata in sì tenera età, com’è quell’assuefazione (composta d’assuefazioni infinite e diversissime) che ci fa esser tutt’altri che uomini naturali, o conformi alla prima natura dell’uomo, e alla natura generale degli esseri terrestri. [2403]Basti dire che volendo con ogni massimo sforzo rimetterci nello stato naturale, non potremmo, nè quanto al fisico, che non lo sopporterebbe in verun modo, nè posto che si potesse quanto al fisico ed esternamente, si potrebbe quanto al morale ed internamente; il che viene ad esser tutt’uno, non potendo noi esser più partecipi della felicità destinata all’uomo naturalmente, perchè l’interno nostro, che è la parte principale di noi, non può tornar qual era, per nessuna cagione o arte. Che ha dunque a fare in questa quistione del suicidio, e in ogni altra cosa che ci appartenga, la legge o l’inclinazione di una natura, che non solo non è nostra, ma anche volendo noi e proccurandolo per ogni verso, non potrebbe più essere? Il punto dunque sta qual sia l’inclinazione e il desiderio di questa seconda natura, ch’è veramente nostra e presente. E questa invece d’opporsi al suicidio, non può far che non lo consigli, e non lo brami intensamente: perchè anch’ella odia soprattutto l’infelicità, e sente che non la può fuggire se non colla morte, e non tollera che la tardanza di questa allunghi i suoi patimenti. [2404]Dunque la vera natura nostra, che non abbiamo da far niente cogli uomini del tempo di Adamo, permette, anzi richiede il suicidio. Se la nostra natura, fosse la prima natura umana, non saremmo infelici, e questo inevitabilmente, e irrimediabilmente; e non desidereremmo, anzi abborriremmo la morte. (29. Aprile, 1822.). La natura nostra presente è appresso a poco la ragione. La quale anch’essa odia l’infelicità. E non v’è ragionamento umano che non persuada il suicidio, cioè piuttosto di non essere, che di essere infelice. E noi seguiamo la ragione in tutt’altro, e crederemmo di mancare al dover di uomo facendo altrimenti.

Alla p.1287. principio. Io son certo che gli antichi orientali, o i primi inventori dell’alfabeto, non s’immaginarono che i suoni vocali fossero così pochi, e tanto minori in numero che le consonanti. Anzi dovettero considerarli come infiniti, vedendo ch’essi animavano, per così dire, tutta la favella, e discorrevano incessantemente per tutto il corpo di essa, come il sangue per le vene degli animali. O pure, (e questo credo piuttosto) non li considerarono neppure come suoni, ma come suono individuo, e questo infinito e indeterminabile e indivisibile, come appunto immaginarono gli antichi filosofi quello spirito animator del tutto che totam agitat molem, et toto se corpore miscet. Ed è verisimile che l’idea di rappresentare i suoni vocali col mezzo de’ punti (alieni affatto, e avventizi alla [2405]scrittura ebraica) non venisse (così tardi) in mente ai rabbini, se non per la pratica che aveano contratta delle lingue occidentali, diffuse nell’Asia da gran tempo ec. oltre che i medesimi ebrei s’erano già sparsi da gran tempo per l’occidente, o per paesi dove correvano le lingue occidentali. Par che gli antichi ebrei considerassero le vocali come spiriti, o come inseparabili dalle consonanti (p.e. a, d ec.) laddove le consonanti per lo contrario sono inseparabili dalle vocali. Ma la sottigliezza e la spiritualità, e il continuo uso del suono vocale nella favella, impedivano loro di considerarlo nelle sue parti, se non come legato colle consonanti, o colle aspirazioni che rendevano la vocale più aspra, più notabile, piùcorporea, e quasi la trasmutavano in consonante, ovvero esse stesse eran come consonanti, legate necessariamente a questo o quel suono vocale; p.e. l’aspirazione a al solo suono dell’a, non comportando forse un’altra vocale, quella tal razza di aspirazione ec.

(29. Aprile. 1822.). V. p.2500.

Essendo vissuto lunghissimo tempo in città piccola, e fra gente lontanissima da quel che si chiama buon tuono, e spirito di mondo, quantunque io non abbia più che tanta pratica della così detta buona società, mi par nondimeno [2406]di avere in mano bastanti comparazioni per potere affermare che ne’ paesi piccoli, e fra gli uomini e le società di piccolo spirito, si apprende assai più della natura umana, e sì del carattere generale, sì de’ caratteri accidentali degli uomini, di quello che si possa fare nelle grandi città, e nella perfetta conversazione. Perchè, oltre che in queste gli uomini son sempre mascherati, e d’apparenze lontanissime dalla sostanza, e dai caratteri loro individuali; oltre che sono tanto più lontani dalla natura, e dal vero carattere generale dell’uomo, e lo sono, non solo per finzione, ma anche per carattere acquisito; il principale è che son tutti appresso a poco d’una forma, sì ciascuno di essi, come ciascuna di tali società rispetto alle altre. Laonde veduto e conosciuto un uomo solo, si può dir che tutti, poco più poco meno, sieno veduti e conosciuti. Al contrario di quel che succede nelle città piccole, e nella piccola società, dove non è individuo, che non offra qualche nuova scoperta circa le qualità di cui la natura umana è capace. Maggior varietà si trova fra questi tali uomini che nelle stesse campagne (o fra’ selvaggi, o non inciviliti ec.) [2407]perchè gli uomini affatto o quasi affatto incolti, sono abbastanza vicini alla natura (ch’è una qualità e un tipo generale) per rassomigliarsi moltissimo scambievolmente, mediante la stessa natura. Questi sono simili fra loro, quelli che sono perfettamente o quasi perfettamente colti, si può dir che sieno uguali gli uni agli altri, in virtù dell’incivilimento che tende per essenza ad uniformare. Lo stato di mezzo è il più vario, il più suscettivo di diverse qualità, e il più conformabile secondo le circostanze relative e individuali. Queste osservazioni si possono estendere, e distinguere in diversi modi. P.e. si conosce assai meglio la natura umana e la sua capacità di forme, esaminando un uomo volgare, che un dotto, un filosofo, uno esperimentato negli affari, o vissuto nel gran mondo ec. ec.; assai meglio esaminando il carattere di una società piccola, che d’una grande; assai meglio esaminando una nazione non perfettamente colta, che una perfettamente civile (spagnuoli, tedeschi-italiani francesi); assai meglio esaminando lo spirito di quella tal nazione civile, o delle sue parti, lontano dalla capitale, o dal centro [2408]della società nazionale, ch’esaminando la società di essa capitale ec. Così dico ancora del carattere nazionale, il quale p.e. rispetto ai francesi, si conoscerà molto meglio esaminando la società della Bretagna, o della Provenza, che quella di Parigi.

(30. Aprile. 1822.)

Che la lingua greca si conservasse incorrotta, o quasi incorrotta, tanto più tempo della latina, e anche dopo scaduta già la latina ch’era venuta in fiore tanto più tardi, si potrà spiegare anche osservando, che la letteratura (consorte indivisibile della lingua) sebbene era scaduta appresso i greci, pur aveva ancor tanto di buono, ed era eziandio capace di tal perfezione, che talvolta non aveva che invidiare all’antica. Esempio ne può essere la Spedizione di Alessandro, e l’Indica d’Arriano, opere di stile e di lingua così purgate, così uguali in ogni parte e continuamente a se stesse, senza sbalzi, risalti, slanci, voli o cadute di sorte alcuna (che sono le proprietà dello scriver sofistico e guasto, in qualsivoglia genere, lingua, e secolo corrotto), di semplicità e naturalezza e facilità, chiarezza, nettezza ec. così spontanea ed inaffettata, così ricche, così [2409]proprie, così greche insomma nella lingua, e nella maniera, e nel gusto, che quantunque Arriano fosse imitatore, cioè quello stile e quella lingua non fossero cose naturali in lui ma procacciate collo studio de’ Classici (come è necessario in ogni secolo dove la letteratura non sia primitiva) e principalmente di Senofonte, non per questo si può dire ch’egli non le avesse acquistate in modo che paiano e si debbano anzi chiamar sue, nè se gli può negare un posto se non uguale, certo vicinissimo a quello degl’imitati da lui. Ora il tempo d’Arriano fu quello d’Adriano e degli Antonini, nel qual tempo la letteratura latina, con tutto che fosse tanto meno lontana della greca dal suo secol d’oro, non ha opera nessuna che si possa di gran lunga paragonare a queste d’Arriano ne’ suddetti pregi, come anche in quelli d’una ordinata e ben architettata narrazione, e altre tali virtù dello scriver di storie. Tacito fu alquanto anteriore, e nella perfezion della lingua non si potrebbe ragguagliar troppo bene ad Arriano: forse neanche nelle doti di storico appartenenti [2410]al bello letterario, sebben egli l’avanza di molto in quelle che spettano alla filosofia, politica ec. Ma quel che mantiene la lingua, è la bella letteratura, non la filosofia nè le altre scienze, che piuttosto contribuiscono a corromperla, come fece lo stile di Seneca. E però Plutarco contemporaneo di Tacito, e com’esso, alquanto più vecchio d’Arriano, non si può recar per modello nè di lingua nè di stile, essendo però stato forse più filosofo di tutti i filosofi greci, molti de’ quali sono esempi di perfettissimo scrivere. Ma non erano così sottili come Plutarco, siccome Cicerone non lo era quanto Seneca, questi corrottissimo nello scrivere, e quegli perfettissimo.

(1. Maggio 1822.)

Dalla mia teoria del piacere segue che per essenza naturale e immutabile delle cose, quanto è maggiore e più viva la forza, il sentimento, e l’azione e attività interna dell’amor proprio, tanto è necessariamente maggiore l’infelicità del vivente, o tanto più difficile il conseguimento d’una tal quale felicità. Ora la forza e il sentimento dell’amor proprio è tanto maggiore quanto è maggiore la vita, o il [2411]sentimento vitale in ciascun essere; e specialmente quanto è maggiore la vita interna, ossia l’attività dell’anima, cioè della sostanza sensitiva, e concettiva. Giacchè amor proprio e vita son quasi una cosa, non potendosi nè scompagnare il sentimento dell’esistenza propria (ch’è ciò che s’intende per vita) dall’amore dell’esistente, nè questo esser minore di quello, ma l’uno si può sempre esattamente misurare coll’altro. E tanto uno vive, quanto si ama, e tutti i sentimenti di chi vive sono compresi o riferiti o prodotti ec. dall’amor proprio: il quale è il sentimento universale che abbraccia tutta l’esistenza; e gli altri sentimenti del vivente (se pur ve n’ha che sieno veramente altri) non sono che modificazioni, o divisioni, o produzioni di questo, ch’è tutt’uno col sentimento dell’essere, o una parte essenziale del medesimo.

Dal che segue che l’uomo avendo per la sua natura ed organizzazione esteriore ed interiore maggior vita, maggior capacità di più vasta e più numerosa concezione, maggior sentimento insomma, o maggior sensibilità di tutti gli [2412]altri viventi, dee necessariamente avere maggiore intensità, attività, ed estensione o quantità o sentimento d’amor proprio, che non ne ha verun altro genere di viventi. Quindi l’uomo per essenza propria e inseparabile, è, e nasce più infelice, o meno capace di felicità che verun altro genere di viventi, o di esseri.

Questo si deve intendere dell’uomo naturale. Ma siccome questa capacità ed intensità e forza ed attività di sentimento della quale egli è naturalmente provveduto sopra ogni altro animale, rende il suo spirito più conformabile, più suscettibile di sempre maggior sentimento, più raffinabile, vale a dire più capace di sempre più vivamente e più variamente sentire; anzi siccome essa capacità non è altro che conformabilità, e suscettività di nuovo sentimento, e di nuove modificazioni dell’animo; così l’uomo, perfezionandosi, come dicono, cioè crescendo la forza e la varietà e l’intimità del suo sentimento, e perciò prevalendo in lui sempre più lo spirito, cioè la parte sensitiva, [2413]al corpo, cioè alla parte torpida e grave; acquista egli e viene di secolo in secolo necessariamente accrescendo la forza e il sentimento dell’amor proprio, e quindi di secolo in secolo divien più, e più inevitabilmente infelice. Dal che segue che l’uomo, come dicono, perfezionato, è, per essenza umana, e per ordine generale della natura, più infelice del naturale, e tanto più quanto è più perfezionato. E così l’infelicità dell’uomo è sempre in ragion diretta degli avanzamenti del suo spirito, cioè della civiltà, consistendo essa negli avanzamenti dello spirito, e non potendo dire alcuno che il corpo dell’uomo si sia perfezionato mediante di essa. Anzi è manifestamente scaduto da quel ch’era nell’uomo naturale, in cui la preponderanza del corpo o della materia tenea più basso, e men vivo il sentimento, e quindi l’amor proprio e quindi l’infelicità.

In uno stesso secolo, essendo altri più raffinato, colto ec. di spirito, altri meno, segue [2414]dalle predette cose che quegli debba necessariamente esser più infelice, questi meno, in proporzione; e l’ignorante e il rozzo e il villano manco infelice del dotto, del polito, del cittadino ec.

Indipendentemente dalla coltura, nascendo gli uomini quali con maggior sensibilità, o vivezza di spirito, o conformabilità, o sentimento d’uomo (dice il Casa, Galat., cap.26. princip.), quali con minore, dalle predette cose resta spiegato il perchè gli uomini quanto più sensibili, tanto più sieno irreparabilmente infelici, e il perchè la natura dica agli uomini grandi, Soyez grand et malheureux (D’Alembert). Giacchè questo maggior sentimento non è altro che maggior vivezza e profondità e senso ed attività d’amor proprio, o non può star senza queste cose, abbracciando l’amor proprio ogni possibile sentimento animale, e producendolo, o essendo sostanzialmente legato con essolui, e in proporzion diretta con esso.

(2. Maggio 1822.). V. p.2488.

[2415]Alla p.2402. Non solo non bisogna vantarsi delle proprie sciagure, ma guardarsi di confessarle, e ciò anche a quelli cui sono notissime. Se ne perde, non solo la protezione, o l’amore efficace, ma eziandio la semplice affezione, e lo so per propria sperienza.

(5. Maggio. 1822.)

La vita è fatta naturalmente per la vita, e non per la morte. Vale a dire è fatta per l’attività, e per tutto quello che v’ha di più vitale nelle funzioni de’ viventi.

(5. Maggio. 1822.)

Una lingua non è bella se non è ardita, e in ultima analisi troverete che in fatto di lingue, bellezza è lo stesso che ardire. E che altro sarebb’ella? L’armonia ec. del suono delle parole? Quest’è una bellezza affatto esterna, e della quale poco o nulla si può convenire, essendo diversissime in questo genere le opinioni e i gusti, secondo le nazioni e i secoli. Per noi è bruttissimo il suono delle parole orientali, e per gli orientali altrettanto sarà delle nostre. E parlando esattamente che cosa intendiamo noi dell’armonia della lingua greca che pur chiamiamo bellissima? Che sentimento, che gusto [2416]ne proviamo noi, se non, per dir poco, incertissimo, confusissimo, e superficialissimo? Certo è che l’armonia della lingua nostra, qualunque ella sia, ed ancorchè asprissima, ci diletta, ed è sentita da noi molto più che quella della lingua greca, e quindi non avremmo alcuna ragione di preferir questa lingua per la bellezza, neppure alla tedesca, o alla russa. Forse la bellezza consisterà nella ricchezza? Ricchezza di frasi e di modi non si dà se non in una lingua ardita, perchè, di forme esatte e matematiche, tutte le lingue ne sono o ne possono essere egualmente ricche nè più nè meno: e questa ricchezza non può molto stendersi, essendo limitatissima per natura sua: giacchè la dialettica poco può variare, anzi derivando da principii uniformi e semplicissimi, tende e produce naturalmente somma uniformità e semplicità di dicitura. La ricchezza poi di parole puramente, giova alla bellezza, ma non basta di gran lunga; ed anch’essa è una qualità quasi estrinseca, e senza quasi accidentale alla lingua, la quale senza punto punto alterarsi, o scomporsi in niun [2417]modo può essere ed è, oggi più abbondante di parole, domani meno, secondo le circostanze nazionali, commerciali, politiche, scientifiche ec. Infatti la lingua francese è in verità ricchissima di parole, massime in filosofia, scienze, conversazione, manifatture, e in ogni uso e materia di società, di commercio ec. ec. e non per questo è bella, nè più bella dell’italiana, e neanche della spagnuola. La vera e non accidentale, ma essenziale bellezza di una lingua, quella che non si può perdere, se la lingua non si corrompe formalmente, è una bellezza intrinseca, e spetta all’indole della lingua; e questa non può consistere in altro che nell’ardire. Or questo ardire che cos’è, fuorchè la libertà di non essere esatta e matematica? Giacchè quanto all’esattezza, torno a dire, tutte le lingue ne sono egualmente capaci, e tutte per mezzo suo posson divenire, e diverrebbero uniformi affatto nell’indole, essendo la ragione, una; e non trovandosi varietà se non se nella natura. Quindi se lingua bella è lingua ardita e libera, ella è parimente lingua non esatta, e non obbligata [2418]alle regole dialettiche delle frasi, delle forme, e generalmente del discorso. Osservate tutte le lingue chiamate belle, antiche e moderne, greca, latina, italiana, spagnuola: in tutte troverete non altra bellezza propriamente che ardire, e questo ardire non posto in altro che nelle cose sopraddette. Osservate anche gli scrittori chiamati belli ed eleganti in ciascuna di tali lingue, e paragonateli con quelli che non lo sono. Osservate per se, ciascuna frase, forma ec. chiamata bella ed elegante, e paragonatela ec. Non v’è lingua bella che non sia lingua poetica, cioè non solo capace, anzi posseditrice d’una lingua distintamente poetica (come l’hanno tutte le suddette, e come non l’ha la francese), ma poetiche, generalmente parlando, eziandio nella prosa, benchè senza affettazione; vale a dir poetiche in quanto lingue, e non quanto allo stile, come sono sconciamente, e discordantissimamente poetiche tutte le prose francesi. Or lingua poetica, è lingua non matematica, [2419]anzi contraria per indole allo spirito matematico. (La sascrita, riputata bellissima fra le orientali, è notatamente arditissima e poeticissima.)

Quelli pertanto che essendo gelosissimi della purità e conservazione della lingua italiana, si scontorcono, come dice il Bartoli (Torto ec. c.11.), ad ogni maniera di dire che non sia stampata sulla forma della grammatica universale, non sanno che cosa sia nè la natura della lingua italiana che presumono di proteggere, nè quella di tutte le lingue possibili. Ciascuna bellezza, sì di una lingua in genere (eccetto l’armonia e la ricchezza delle parole, o delle loro inflessioni), sì di un modo di dire in ispecie, è un dispetto alla grammatica universale, e una espressa (benchè or più grave or più leggera) infrazione delle sue leggi.

(5. Maggio. 1822.). V. p.2425.

L’animo forte ed alto resiste anche alla necessità, ma non resiste al tempo, vero ed unico trionfatore di tutte le cose terrene. Quel dolore profondissimo e ostinatissimo, che sdegnava e calpestava la consolazione volgare [2420]della sventura, cioè l’inevitabilità, e l’irreparabilità della medesima, e il non poterne altro, che rinasceva ogni giorno e talvolta con maggior forza di prima, che per lunghissimo spazio, era sembrato indomabile e inestinguibile, e piuttosto pareva accrescersi di giorno in giorno che scemarsi; per tutto ciò non può far che ricusi e non ammetta la consolazione del tempo, e dell’assuefazione che il tempo insensibilmente e dissimulatissimamente introduce, e che in ultimo, dopo ostinatissima guerra non si trovi vinto e morto, e che quell’animo feroce non pieghi il collo, e non s’adatti a strascinare il suo male senza sdegno, e senza forza di dolersene. E ben può egli avere sdegnato e rifiutato per lungo tempo anche la consolazione del tempo, ma non perciò l’ha potuta sfuggire. (5. Maggio. 1822.). Si può ricusare la consolazione della stessa necessità, ma non quella del tempo.

Il punto d’onore (come dicono gli spagnuoli) fu conosciuto egualmente dagli antichi e dai moderni, e quasi da tutte le società, benchè poco o [2421]niente civili, in qualunque tempo, come anche da’ Messicani, anche da’ selvaggi. Ed è naturale all’uomo posto in relazione cogli uomini. Tuttavia in questo punto gli antichi differiscono dai moderni, e i selvaggi dai civili, infinitamente, e l’utilità del punto d’onore che fra gli antichi e i selvaggi era somma, fra i moderni e civili è nulla o quasi nulla, o anche il contrario dell’utilità. Le ragioni eccole.

Il punto d’onore è una delle tante illusioni dell’uomo sociale, ed è tutto riposto nell’opinione. Or questa opinione (giacchè nella sostanza e verità delle cose esso non è nulla) può esser più o meno utile, ed esser utile o disutile secondo primieramente in quali cose ella ripone il punto d’onore (e questo è già chiaro), poi secondo il genere intrinseco di quest’onore per se, e la sua maggiore o minor grandezza, e la sua diversa qualità, e il suo peso specifico, indipendentemente dagli oggetti sui quali si esercita, o da’ quali deriva.

Paragoniamo ora gli antichi ai moderni, e in questo paragone saranno inclusi anche i [2422]selvaggi e i civili, mettendo quelli per gli antichi, e i civili in luogo de’ moderni. Per punto di onore quei due parenti o amici di Leonida (vedi meglio la storia) alle Termopile, ricusarono l’ambasciata che questi proponeva loro di fare, e dicendo ch’erano quivi per combattere, e non per portar lettere, restarono, e morirono coi loro compagni in difesa della patria, essendo già certi di non potere scampar la morte, quando fossero rimasti. Per punto d’onore quel giovane offeso pubblicamente da un altro, lo sforza a combattere colla spada, e mette a rischio la propria vita, e quella eziandio d’un amico intrinseco e carissimo, che inavvertentemente, o per un accesso di passione l’abbia ingiuriato.

Qui sono da considerar tre cose. 1. La forza del punto d’onore, e la necessità ch’egli impone. Questa è uguale in tutti e due i casi: perchè nell’uno e nell’altro l’infamia (secondo l’opinione ch’è il solo fondamento del punto d’onore) sarebbe stata la pena di quei due greci, e di questo giovane, se avessero contravvenuto alle leggi del punto d’onore. Sicchè questa forza (notate bene) non è niente scemata da’ tempi [2423]antichissimi in qua, se non forse nell’estensione, cioè in quanto ella opera in minor numero di persone. Ma in quelli in cui opera ell’è dello stesso valore.

2.   L’utilità del punto d’onore ne’ due casi. Questa è chiaro che nel primo caso è somma, nel secondo è nulla, anzi in luogo suo v’ha una grandissima disutilità, e danno.

3.   La grandezza e la qualità di quest’onore, ossia la natura di quell’idea che l’uomo se ne forma. Questa si può vedere considerando che il premio di quei due greci per aver osservato le leggi del punto d’onore, furono il rispetto e l’invidia portata dai loro concittadini ai loro parenti; la sepoltura pubblica; gli onori piuttosto festivi che funebri renduti alla loro memoria; gl’inni e i cantici de’ poeti e dei musici per tutta la Grecia, e quindi per sempre nelle altre nazioni civili; la ricordanza eterna delle storie patrie e forestiere; l’immortalità in somma, non solo presso i greci, ma presso tutti gli altri popoli colti, fino a oggidì. Il premio di quel giovane duellatore è la stima di pochi giovanastri suoi pari, d’una società di caffè, [2424]o per dir molto, degli scioperati d’una provincia; e bene spesso la carcere, o l’esilio volontario, la confisca dei beni ec.

In somma, considerando attentamente, si vede che l’onore antico, anche in quanto era oggetto del punto d’onore, non si differenziava dalla gloria, e da una gloria riconosciuta da tutti per tale; laddove il moderno in molti casi, e presso molta, e (per lo più) la miglior parte della società, non si differenzia dall’infamia. Questa è la più notabile ed importante diversità che passa fra l’onore antico e il moderno; che quello era gloria, e questo, per dir poco, è nulla.

La qual differenza si può vedere anche nelle cose, dove il punto d’onore moderno sarebbe utile, non altrimenti che l’antico. Che gloria, che immortalità si guadagna, che entusiasmo commove un uffiziale che per punto d’onore, tien fermo in un posto pericolosissimo, o vi resta morto? Si può veramente dire che l’onor moderno è tutto opinione, e più opinione di quel che lo fosse l’antico. Giacchè l’onor moderno sebbene riconosciuto da molti, sta tutto nell’opinione [2425]individuale di ciascuno per se, e dopo ch’egli n’ha osservato le leggi, anche con suo sommo sacrificio, nessuno onore gliene viene, neanche dall’opinione degli altri, che lo dispensa. Come quegli atti secreti di virtù, quelle buone opere di pensiero, che in questo mondo non son premiate se non dalla propria coscienza. Tutto l’opposto succedea fra gli antichi.

Era punto d’onore nelle truppe spartane il ritornare ciascuno col proprio scudo. Circostanza materiale, ma utilissima e moralissima nell’applicazione, non potendosi conservare il loro scudo amplissimo (tanto che vi capiva la persona distesa), senza il coraggio di far testa, e di non darsi mai alla fuga, che un tale scudo avrebbe impedita.

(6. Maggio 1822.)

Alla p.2419. Come può esser bella una lingua che non ha proprietà? Non ha proprietà quella lingua che nelle sue forme, ne’ suoi modi, nelle sue facoltà non si distingue dalle forme, modi, facoltà della grammatica generale, e del discorso umano regolato dalla dialettica. Una lingua regolata da questa sola [2426]non ha niente di proprio; tutto il suo è comune a tutte le nazioni parlanti, e a tutte le altre lingue; il suo spirito, la sua indole, il suo genio non è suo, ma universale; vale a dire ch’ella non ha veruna originalità, e quindi non può esser bella, cioè non può esser nè forte, nè distintamente nobile, nè espressiva, nè varia (quanto alle forme), nè adattata all’immaginazione, perchè questa è diversissima e moltiplice, e nel tempo stesso ella è la sola facoltà umana capace del bello, e produttrice del bello. Ora che cosa vuol dire una lingua che abbia proprietà? Non altro, se non una lingua ardita, cioè capace di scostarsi nelle forme, nei modi ec. dall’ordine e dalla ragion dialettica del discorso, giacchè dentro i limiti di quest’ordine e di questa ragione, nulla è proprio di nessuna lingua in particolare, ma tutto è comune di tutte. (Parlo in quanto alle forme, facoltà ec. e non in quanto alle nude parole, o alle inflessioni delle medesime, isolatamente considerate.) Dunque se non è, nè può esser bella la forma di una lingua che non ha proprietà, non è nè può esser [2427]bella una lingua che nella forma sia tutta o quasi tutta matematica, e conforme alla grammatica universale. E così di nuovo si viene a concludere che la bellezza delle forme di una lingua (tanto delle forme in genere, quanto di ciascuna in particolare) non può non trovarsi in opposizione colla grammatica generale, nè esser altro che una maggiore o minor violazione delle sue leggi.

La lingua francese si trova nel caso detto di sopra: poich’ella in quanto alla forma, esattamente parlando, non ha proprietà, vale a dir che non ha qualità sua propria, ma tutte le ha comuni con tutte le lingue, e colla ragione universale della favella. Il che quanto noccia alla originalità, anzi l’escluda, e quanto per conseguenza favorisca la mediocrità, anzi la richieda e la sforzi, resta chiaro per se stesso. (Bossuet, scrittore non mediocre, ebbe bisogno di domare, come gli stessi francesi dicono, la sua lingua; e come dico io, fu domato e forzato alla mediocrità dello stile, dalla sua lingua. E così lo sono tutti quegli scrittori francesi [2428]che hanno sortito un ingegno naturalmente superiore al mediocre. Nè più nè meno di quello che la società, e lo spirito della nazion francese, sforzi alla mediocrità in ogni genere di cose gli uomini i più elevati della nazione, e gli spiriti più superiori all’ordinario. Essendo la mediocrità non solo un pregio, ma una legge in quella nazione, dove il supremo dovere dell’uomo civile, è quello d’esser come gli altri).

Dalle dette considerazioni segue che la lingua francese, non avendo nessuna o quasi nessuna proprietà, e quindi ripugnando alla vera e decisa originalità dello stile (ben diversa da quelle minime differenze dell’ordinario, che i francesi esaltano come somme originalità), non può aver lingua poetica; e così è nel fatto.

Segue ancora, che, non avendo niente di proprio, ma tutto comune a tutte le lingue, e tutto proprio del discorso umano in quanto discorso umano, dev’essere accomodata sopra tutte alla universalità: e così è realmente.

(7. Maggio 1822.)

[2429]A voler esser lodato o stimato dagli altri, bisogna per necessità intuonar sempre altamente e precisamente alle orecchie loro: io vaglio assai più di voi: acciocchè gli altri dicano: colui vale alquanto più di noi, o quanto noi. La fama di ciascheduno in qualsivoglia genere, o propriamente o almeno metaforicamente parlando, è sempre incominciata dalla bocca propria. Se tu fai nel cospetto di quanta gente tu vuoi, un’azione o una produzione ec. la più degna e la più lodevole che si possa immaginare; t’inganni a partito se credi che quell’azione ec. essendo manifestissima, e manifestissimamente lodevolissima, gli altri debbano aprir la bocca spontaneamente, e cominciare essi a dir bene di te. Guardano, e tacciono eternamente, se tu non rompi il silenzio, e se non hai l’arte o il coraggio d’essere il primo a far questo. Ciò massimamente in questi tempi di perfezionato e purificato egoismo. Chi vuol vivere, si scordi della modestia.

(7. Maggio. 1822.)

Che società, che amicizia, che commercio potresti tu avere con un cieco e sordo, o egli con te? [2430]Al quale nè coi gesti nè colle parole potresti communicare alcuno de’ tuoi sentimenti, nè egli a te i suoi? e per conseguenza qual comunione di spirito, cioè di vita e di sentimento potresti aver seco lui? qual sentimento di te penseresti d’aver destato, o di poter mai destare nell’animo suo? E nondimeno tu sai pur ch’egli vive, ed oltracciò di vita umana e d’un genere medesimo colla tua; ed egli potrebbe forse in qualche modo darti ad intendere i suoi bisogni, e beneficato esteriormente da te, o in altro modo influito, potrebbe aver qualche senso della tua esistenza, e formarsi di te qualche idea; anzi è certo che ti considererebbe come suo simile, non ch’egli n’avesse alcuna prova certa, ma appunto per la scarsezza delle sue idee; come fanno i fanciulli, che sempre inclinano a creder tutto animato, e simile in qualche modo a loro, non conoscendo, nè sapendo neppure insufficientemente concepire altra forma d’esistenza che la propria, nonostante ch’essi pur vedano la differenza della figura, e delle qualità esteriori.

[2431]Or se contuttociò, tu non crederesti di poter aver con costui nessuna o quasi nessuna società, e non ti soddisfaresti nè ti compiaceresti in alcun modo del suo commercio, che dovremo dire di quella società che i filosofi tedeschi e romantici, vogliono che il poeta supponga, anzi ponga e crei fra l’uomo e il resto della natura? La qual società vogliono che sia tale che tutto per immaginazione si supponga vivo bensì, ma non di vita umana, anzi diversissima secondo ciascun genere di esseri? Non è questa una società peggiore e più nulla di quella col cieco e sordo? Il quale finalmente è uomo. Ma qui sebben tu creda, e poeticamente t’immagini che le cose vivano, non supponendo che questa vita abbia nulla di comune colla tua, che sentimento di te puoi presumere di destare in loro, o qual sentimento della vita loro puoi presumere di ricever da essi, non potendo neppur concepire altra forma di vita se non la propria? Che giova alla tua immaginazione e alla tua sensibilità il figurarti che la natura viva? Che relazione può la tua fantasia fabbricarsi [2432]colla natura per questo? Ella è cieca e sorda verso te, e tu verso lei. Non basta al sentimento e al desiderio innato di quasi tutti i viventi che li porta verso il loro simile, il figurarsi che le cose vivano, ma solamente che vivano di vita simile per natura alla propria. Tolta questa non v’è società fra viventi, come non vi può esser società fra cose dissimili, e molto meno fra cose che in nessun modo si possono intendere l’une coll’altre, nè comunicarsi alcun sentimento, nè farsi scambievolmente verun segno di se, e neppur concepire o formarsi nessuna idea del genere di vita l’una dell’altra. Fra le bestie e l’uomo non è di gran lunga così, e perciò qualche società può passare e passa fra questo e quelle, e maggiore, quanto più la loro vita, e il loro spirito è simile al nostro, e quanto più esse mostrano di concepire le cose nostre, e noi le loro; e maggiore eziandio generalmente perchè l’immaginazione nostra (e probabilmente anche la loro) entra in questo commercio altresì, e ce le dipinge molto più simili a noi che forse non sono, e noi a loro parimente. [2433]Certo è poi che grandissima affinità e somiglianza passa tra la vita degli animali e la nostra, tra le loro passioni (radicalmente parlando) e fra le nostre ec. Affinità e somiglianza che non si trova o non apparisce fra l’esistenza delle cose inanimate e la nostra; che l’immaginazione antica, e fanciullesca, e, più o meno, quella di tutti i tempi, non vedendola, la suppone e la crea; che i bravi tedeschi non vogliono che si supponga, e che non per tanto s’immagini e si conservi un commercio scambievole fra le cose inanimate e l’uomo.

(8. Maggio. 1822.)

Amando il vivente quasi sopra ogni cosa la vita, non è maraviglia che odi quasi sopra ogni cosa la noia, la quale è il contrario della vita vitale (come dice Cicerone in Lael.). Ed in tanto non l’odia sempre sopra ogni cosa, in quanto non ama neppur sempre la vita sopra ogni cosa; p.e. quando un eccesso di dolor fisico gli fa desiderare anche naturalmente la morte, e preferirla a quel dolore. Vale a [2434]dire quando l’amor proprio si trova in maggiore opposizione colla vita che colla morte. E perciò solo egli preferisce la noia al dolore, cioè perchè gli preferisce eziandio la morte, se non quanto spera di liberarsi dal dolore, e il desiderio della vita è così mantenuto puramente dalla speranza.

Del resto l’odio della noia, è uno di quei tanti effetti dell’amor della vita (passione elementare ed essenziale nel vivente) che ho specificati in parecchi di questi pensieri. E l’uomo odia la noia per la stessa ragione per cui odia la morte, cioè la non esistenza. E quest’odio medesimo della noia è padre d’altri moltissimi e diversissimi effetti, e sorgente d’altre molte e varie passioni o modificazioni delle medesime, tutte essenzialmente derivanti da esso odio, delle quali ho pur detto in più luoghi.

(8. Maggio 1822.)

Che le passioni antiche fossero senza comparazione più gagliarde delle moderne, e gli effetti loro più strepitosi, più risaltati, più materiali, [2435]più furiosi, e che però nell’espression loro convenga impiegare colori e tratti molto più risentiti che in quella delle passioni moderne, è cosa già nota e ripetuta. Ma io credo che una differenza notabile bisogni fare tra le varie passioni, appunto in riguardo alla maggiore o minor veemenza loro fra gli antichi e i moderni comparativamente; e per comprenderle tutte sotto due capi generali, io tengo per fermo (come fanno tutti) che il dolore antico fosse di gran lunga più veemente, più attivo, più versato al di fuori, più smanioso e terribile (quantunque forse per le stesse ragioni più breve) del moderno. Ma in quanto alla gioia, ne dubiterei, e crederei che, se non altro in molti casi, ella potesse esser più furiosa e violenta presso i moderni che presso gli antichi, e ciò non per altro se non perch’ella oggidì è appunto più rara e breve che fosse mai, come lo era nè più nè meno il dolore anticamente. Questa osservazione potrebbe forse servire al tragico, al pittore, ed altri imitatori delle passioni. Vero è che nel fanciullo e la gioia e il dolore sono del pari [2436]più violenti, ed altresì per la stessa ragione più brevi che nell’adulto. Ed è vero ancora che l’abitudine dell’animo de’ moderni li porta a contenere dentro di se, ed a riflettere sullo spirito, senza punto o quasi punto lasciarla spargere ed operare al di fuori, qualunque più gagliarda impressione e affezione. Contuttociò credo che la detta osservazione possa essere di qualche rilievo, massime intorno alle persone non molto o non interamente colte e disciplinate, sia nella vita civile, sia nelle dottrine e nella scienza delle cose e dell’uomo; e intorno a quelle che dall’esperienza e dall’uso della vita, della società, e de’ casi umani non sono stati bastantemente ammaestrati ad uniformarsi col generale, nè accostumati a quell’apatia e noncuranza di se stesso e di tutto il resto, che caratterizza il nostro secolo.

(9. Maggio. 1822.)

Il mondo, o la società umana nello stato di egoismo (cioè di quella modificazione dell’amor proprio così chiamata) in cui si trova presentemente, si può rassomigliare al sistema [2437]dell’aria, le cui colonne (come le chiamano i fisici) si premono l’une l’altre, ciascuna a tutto potere, e per tutti i versi. Ma essendo le forze uguali, e uguale l’uso delle medesime in ciascuna colonna, ne risulta l’equilibrio, e il sistema si mantiene mediante una legge che par distruttiva, cioè una legge di nemicizia scambievole continuamente esercitata da ciascuna colonna contro tutte, e da tutte contro ciascuna.

Nè più nè meno accade nel sistema della società presente, dove non ciascuna società o corpo o nazione (come presso gli antichi), ma ciascun uomo individuo continuamente preme a più potere i suoi vicini, e per mezzo di esso i lontani da tutti i lati, e n’è ripremuto da’ vicini e da’ lontani a poter loro nella stessa forma.

Dal che risulta un equilibrio prodotto da una qualità distruttiva, cioè dall’odio e invidia e nemicizia scambievole di ciascun uomo contro tutti e contro ciascuno, e dal perenne esercizio di queste passioni (cioè [2438]in somma dell’amor proprio puro) in danno degli altri.

Con ciò resta spiegata una specie di fenomeno. Lo stato d’egoismo puro, e quindi di puro odio verso altrui (che ne segue essenzialmente) è lo stato naturale dell’uomo. Ma ciò non è maraviglia, spiegandosi esso, e dovendosi necessariamente spiegare, col negar la pretesa destinazione naturale dell’uomo allo stato sociale stretto (cioè diverso da quello ch’hanno fra loro quasi tutte le bestie, massime le più svegliate); al quale stato ripugnano per natura loro le dette qualità naturalissime e assolutamente proprie dell’uomo (come si può vedere anche nel fanciullo ec.). La maraviglia è ch’essendo tornato l’uomo allo stato naturale per questa parte (mediante l’annichilamento delle antiche opinioni e illusioni, frutto delle prime società e relazioni contratte scambievolmente dagli uomini), la società non venga a distruggersi assolutamente, e possa durare con questi principii distruttivi [2439]per natura loro. Il qual fenomeno resta spiegato colla sopraddetta comparazione. E questo equilibrio (certo non naturale, ma artifiziale), cioè questa parità e questa universalità d’attacco e di resistenza, mantiene la società umana, quasi a dispetto di se medesima, e contro l’intenzione e l’azione di ciascuno degl’individui che la compongono, i quali tutti o esplicitamente o implicitamente mirano sempre a distruggerla.

Dalla detta comparazione caveremo altresì un corollario morale. Se qualche colonna d’aria viene a rarefarsi, o a premer meno dell’altre, e far meno resistenza per qualunque accidente, ciascuna delle colonne vicine, e ciascuna delle lontane addossandosi alle vicine, senza un istante d’intervallo, corrono ad occupare il luogo suo, e non appena ella ha lasciato di resistere sufficientemente, che il suo luogo è conquistato. Così la campana pneumatica anderebbe in minutissimi pezzi, mancando la sufficiente resistenza dell’aria quivi rinchiusa, se non si provvedesse a questo colla configurazione [2440]della campana. Lo stessissimo accade fra gli uomini, ogni volta che la resistenza e reazione di qualcuno manca o scema, sia per impotenza, sia per inavvertenza, sia per volontà o inesperienza. E però son da ammonire i principianti della vita, che se intendono di vivere, e di non vedersi preso il luogo immediatamente, e non esser messi a brani o schiacciati, s’armino di tanta dose d’egoismo quanta possano maggiore, acciocchè la reazion loro sia, per quanto essi potranno, o maggiore o per lo meno uguale all’azione degli altri contro di loro. La quale, vogliano o non vogliano, credano o non credano, avranno infallibilmente a sostenere, e da tutti, amici o nemici che sieno di nome, e tanta quanta maggiore sarà in poter di ciascuno. Chè se il cedere per forza, cioè per causa della propria impotenza (in qual genere ch’ella si sia), è miserabile; il cedere volontariamente, cioè per mancanza di sufficiente egoismo in questo sistema di pressione generale, è ridicolo e da sciocco, e da inesperto o irriflessivo. E [2441]si può dire con verità che il sacrifizio di se stesso (in qual si voglia genere o parte) il quale in tutti gli altri tempi fu magnanimità, anzi la somma opera della magnanimità, in questi è viltà, e mancanza di coraggio o d’attività, cioè pigrizia, e dappocaggine; ovvero imbecillità di mente; non solamente secondo l’opinione degli uomini, ma realmente e secondo il retto giudizio, stante l’ordine e la natura effettiva e propria della società presente.

(10. Maggio 1822.). V. p.2653.

Non si nomina mai più volentieri, nè più volentieri si sente nominare in altro modo chiunque ha qualche riconosciuto difetto o corporale o morale, che pel nome dello stesso difetto. Il sordo, il zoppo, il gobbo, il matto tale. Anzi queste persone non sono ordinariamente chiamate se non con questi nomi, o chiamandole pel nome loro fuor della loro presenza, è ben raro che non vi si ponga quel tale aggiunto. Chiamandole o udendole chiamar così, pare agli uomini d’esser superiori a questi tali, godono dell’immagine del loro difetto, sentono e si ammoniscono in certo modo della propria superiorità, l’amor proprio n’è lusingato e se ne compiace. Aggiungete l’odio eterno e naturale dell’uomo verso l’uomo che si pasce [2442]e si diletta di questi titoli ignominiosi, anche verso gli amici o gl’indifferenti. E da queste ragioni naturali nasce che l’uomo difettoso com’è detto di sopra, muta quasi il suo nome in quello del suo difetto, e gli altri che così lo chiamano intendono e mirano indistintamente nel fondo del cuor loro a levarlo dal numero de’ loro simili, o a metterlo al di sotto della loro specie: tendenza propria (e quanto alla società, prima e somma) d’ogn’individuo sociale. Io mi sono trovato a vedere uno di persona difettosa, uomo del volgo, trattenersi e giocare con gente della sua condizione, e questa non chiamarlo mai con altro nome che del suo difetto, tanto che il suo proprio nome non l’ho mai potuto sentire. E s’io ho veruna cognizione del cuore umano, mi si dee credere com’io comprendeva chiaramente che ciascuno di loro, ogni volta che chiamava quell’uomo disprezzatamente con quel nome, provava una gioia interna, e una compiacenza maligna della propria superiorità sopra quella creatura sua simile, e non tanto dell’esser libero da quel difetto, quanto del vederlo e poterlo deridere e rimproverare in quella creatura, essendone libero esso. E per quanto frequente fosse nelle loro bocche quell’appellazione, io sentiva e conosceva ch’ella non usciva mai dalle loro labbra senza un tuono esterno e un senso e giudizio interno di trionfo e di gusto.

(13. Maggio 1822.)

Juvare col dativo, caso comune al nostro giovare, è rarissimo negli scrittori latini, vedilo appresso Plauto, nel Forcellini.

(21 Maggio 1822.)

Ho detto altrove d’una grande incertezza e di molti scambi che si trovano nell’uso latino circa i tempi dell’ottativo o soggiuntivo, ora scambiati fra se, ora sostituiti a quelli dell’indicativo: ed ho mostrato come questi usi che si tengono per pure eleganze degli scrittori latini, fossero comuni anche al volgare, e si conservino nelle lingue derivate, non certo dal latino elegante, ma da esso volgare. A questo proposito si può notare il presente ottativo latino, usato spessissimo ed elegantemente in vece dell’imperfetto ottativo, e in certo modo anche del futuro indicativo, come in Orazio Sat. 1. v.19. l.1 nolint per nollent, o nolent; [2443]od. 3. v.66. e 68. l.3. pereat, ploret, per periret, ploraret, o peribit, plorabit. E ciò massimamente (come appunto ne’ due luoghi citati), precedendo la condizionale si o simile, espressa o sottintesa: nel qual caso appunto ho notato altrove la detta varietà, e figurato uso dell’ottativo, e suoi diversi tempi. E vedi, fra gli altri pensieri relativi a questo, pag.2221. fine, e 2257.

(24. Maggio 1822.)

Di ciò che ho notato altrove che l’uso di fabbricar nuovi composti, e di supplir così al bisogno di esprimer nuove idee, o nuove parti d’idee (ch’è tutt’uno, secondo le osservazioni della moderna ideologia), essendo stato così comune alle lingue antiche, e alle stesse moderne ne’ loro principii, s’è poi quasi dimenticato, per utilissimo che sia; se ne possono dar, fra l’altre, le seguenti ragioni.

1.   Che tutte le lingue ne’ loro principii sono per necessità più ardite che nel progresso, e le lingue antiche rispettivamente più ardite delle moderne. Or queste composizioni richiedono un certo ardire, massime trattandosi di farne un grand’uso, e d’applicar questa facoltà a quasi tutti i nuovi bisogni della lingua.

2.   Che nelle lingue antiche la necessità di far grand’uso de’ composti, era molto ma molto [2444]maggiore che nelle moderne, a causa del tanto minor numero ch’esse avevano di parole originarie. Le radici, come ho detto altrove, e assegnatene le ragioni, son sempre scarsissime in una lingua nascente. Quindi l’assoluto bisogno della composizione, crescendo il numero delle cose da esprimersi, e volendosi perfezionar l’espressione delle cose, e distinguerla meglio; e arrivando gli uomini appoco appoco a staccare un’idea dall’altra, e a suddividerle (ch’è tutto il progresso dello spirito umano), e però avendo mestieri di nuove parole. E infatti si vede che l’incremento e il perfezionamento di qualunque lingua antica è stata ridotta a una certa perfezione, fu sempre compagno, o anch’effetto dell’uso di comporre più parole in una, arricchendo così la lingua: nel qual uso, e in quello dei derivativi (de’ quali parimente intendo qui di ragionare) i greci e latini furono singolari maestri.

Ma derivando le lingue moderne da lingue già perfezionate e letterate, la scarsezza delle radici non vi si osserva più, essendo divenute radicali, o in qualunque modo semplici e indipendenti per noi, quelle infinite parole [2445]che, p.e. in latino, sono evidentemente composte o derivate da altre, e che son rimaste in uso p.e. nell’italiano. Dove, quantunque la provenienza e dipendenza loro ci sia così manifesta e vicina, pur fanno offizio, ed hanno, relativamente alla lingua nostra, la vera natura di radicali 1. o perchè gli elementi di cui si compongono, separati che sieno, non significano niente in italiano, come significavano in latino, o quando anche l’un d’essi abbia qualche significato da se, l’altro, o gli altri, non l’hanno; 2. o perchè corrotte e travisate in modo che la forma de’ loro elementi è perduta affatto, quando anche essi elementi sussistano ancora per se stessi nell’italiano; 3. o perchè, essendo esse derivative in latino, non sussistono nell’italiano quelle voci latine da cui esse derivano; 4. o perchè, sussistendo anche queste voci, non sussiste più il costume di derivarne le altre parole in quei tali modi latini; e così le originarie e le derivate, quanto al latino, nella lingua nostra sono indipendenti l’une dall’altre, e rispetto alla nostra lingua, non hanno fra loro alcun’affinità (forse neanche di significato, per le solite alterazioni), [2446]ma l’une e l’altre quanto all’italiano, si debbono egualmente riconoscere per radicali.

Da tutte le quali cose è seguito che abbondando noi sommamente di radicali, abbiamo intermesso, e poi lasciato, e finalmente quasi dimenticato l’uso delle derivazioni, e principalmente delle composizioni di nuove parole; e con ciò resolo assai difficile a chi voglia richiamarlo. Il qual uso, sebbene non tanto quanto in greco e in latino, pur fu comune ai primi scrittori italiani, perciocchè la lingua era ancor povera di radici, come accade a tutte le lingue ne’ loro principii, e quindi si ricorse necessariamente a questo mezzo, a cui tutte le lingue ricorrono col perfezionarsi. Ma impinguata poi la lingua sì con questo mezzo, sì coll’arricchirla d’infinite parole latine, che per noi, come ho detto, vengono ad esser tante radici, si dimenticò l’uso della derivazione e composizione, come suol pure accadere alle altre lingue per cagioni simili; p.e. alla lingua latina accadde quando ella s’impinguò strabocchevolmente di parole greche, le quali per lei divenivan tante radicali, e così cresciuto di moltissimo il numero delle sue radici, dimenticò o scemò l’uso di comporre o derivare nuove parole dalle già esistenti, per li nuovi bisogni, come [2447]ho significato di proposito altrove.

Nè perciò la lingua latina ne divenne più potente che fosse prima: nè la lingua italiana similmente. Le radici, per quante vogliano essere, son sempre poche al bisogno, essendo infinite le idee, e la memoria e le facoltà degli uomini essendo limitatissime, e però incapaci di ritener precisamente tante parole quante sono le idee, e le parti e diversità loro; se queste parole sono affatto diverse e dissimili e indipendenti l’una dall’altra, come avverrebbe se tutte fossero radicali. E quindi l’uomo è incapace di possedere e di usare una lingua che abbia nel tempo stesso tante parole quante mai sono le cose da esprimersi, e che sia tutta composta di radici sole. La composizione e derivazione sono il mezzo più semplice e vero, riducendo infinite parole sotto pochi elementi, come ho spiegato altrove paragonando questo mezzo alla scrittura nostra, e una lingua tutta composta di radici alla scrittura Cinese.

Quindi non potendo mai bastar le radici, e avendo noi lasciato l’uso della derivazione e composizione di nuove parole dalle già esistenti, vediamo infatti che con tanto maggior numero di [2448]radici, la lingua nostra è infinitamente meno ricca e potente, e meno esatta e propria nell’espressione delle minime diversità delle idee, di quel che fossero la latina e la greca con tanto meno radici.

La conclusione è che bisogna a tutti i patti, e malgrado qualunque difficoltà, riassumer l’uso di spiegar le nuove idee col comporre, derivare, e formare nuove parole dalle radici della propria lingua; essendo questo, per natura delle cose (che tutto opera per modificazione degli elementi, e non per aggiunzione di sempre nuovi elementi, per modificazione o composizione e non per moltiplicazione), l’unico, proprio, ed assoluto mezzo di rendere una lingua sufficiente ed uguale a qualunque numero d’idee, ed a qualunque novità d’idee; e renderla tale non accidentalmente ma per propria essenza, e non per alcuni momenti, come può essere adesso p.e. la francese, ma per sempre finch’ella conserva il suo carattere: come s’è veduto manifestamente nella lingua greca che da’ tempi antichissimi fino a oggidì, è stata ed è eternamente capace di qualunque novità d’idee, [2449]antiche o moderne che sieno, e per diversissime che vogliano essere da quelle che correvano quando la lingua greca era in fiore. E simile in ciò credo che le sia la tedesca. Abbia cura di conservarsi tale.

Perocchè tali son tutte ne’ loro principii. Ma perfezionandosi, e però civilizzandosi, e pigliando commercio con lingue e letterature e nazioni straniere, e così impinguandosi di parole forestiere che per lei divengono radicali, dismette l’uso della composizione ec.: e per pochi momenti supplisce bene a’ suoi bisogni colle radici pigliate in prestito, ma di lì a poco, o diviene una stalla d’Augia a forza di stranierismi moltiplicati in infinito, o volendosi conservar pura, non può più parlare, perchè s’è lasciato cadere il solo istrumento che avesse per supplire alla novità delle idee conservandosi pura, cioè il coltivare e far fruttare le sue proprie radici. E forse perciò conservarono sempre i greci questa facoltà, perchè poco pigliarono da’ forestieri, o non volendo prenderne per la nota loro superbia nazionale, o perchè realmente non si trovavano intorno altra nazione letterata e [2450]civile, dalla quale potessero prendere, sebbene con molte commerciarono, ma la letteratura le scienze e la civiltà de’ greci, da’ tempi noti in poi, furono sempre puramente greche.

E così accadde cosa osservabilissima: cioè che la lingua greca per essersi conservata pura, divenne e si mantenne (ed ancora si mantiene) la più potente e ricca e capace di tutte le lingue occidentali. Non per altro se non perch’ella restringendosi in se sola, non lasciò mai di porre a frutto e a moltiplico il proprio capitale. E viceversa per esser divenuta così potente, si mantenne pura più lungo tempo di qualunqu’altra (ancor dopo ch’ebbe a fare con una nazione civile e signora sua, come la latina). Giacchè non ebbe alcun bisogno nè di parole nè di modi stranieri per esprimere qualunque cosa occorresse: e i greci avendo alle mani facile e pronto e spendibile il capitale proprio, non si curarono dell’altrui, il quale sarebbe stato loro più difficile a usare, e manco manuale del proprio. L’opposto di quello che avviene a noi per aver trasandato di porre a frutto il nostro bellissimo e vastissimo capitale, che benchè sia tale (oltre che la maggior parte ce n’è ignota), non basta [2451]nè potrà mai bastare al continuo e sempre nuovo bisogno della società favellante, se non lo faremo fruttare, come non solo concede amplissimamente, ma porta e vuole l’indole e la natura sua.

(30. Maggio 1822.). V. p.2455.

Beato colui che pone i suoi desiderii, e si pasce e si contenta de’ piccoli diletti, e spera sempre da vantaggio, senza mai far conto della propria esperienza in contrario, nè quanto al generale, nè quanto ai particolari. E per conseguenza beati gli spiriti piccoli, o distratti, e poco esercitati a riflettere.

(30. Maggio 1822.)

Alla p.2252. L’idea dell’eternità entra in quella di ultimo, finito, passato, morte, non meno che in quella d’infinito, interminabile, immortale. E vedi altro mio pensiero già scritto in questo proposito, (30. Maggio 1822.) cioè p.2242. 2251.

Quanto sia più naturale e semplice l’andamento della lingua greca (tuttochè poeticissima), che non è quello della latina; e quindi quanto men proprio suo, e quanto la lingua greca dovesse esser meglio disposta all’universalità che non era la lingua latina, si può vedere anche da questo.

[2452]Sebben l’italiana e la spagnuola son figlie vere e immediate della latina, pure è molto ma molto più facile di tradurre naturalmente e spontaneamente in italiano o in ispagnuolo gli ottimi autori greci, che gli ottimi latini. E tanto è più facile quanto i detti autori greci son più buoni, cioè più veramente e puramente greci. Siccome per lo contrario, quanto ai latini, è tanto meno difficile, quanto meno son buoni, cioè meno latini, come p.e. Boezio tradotto con molta naturalezza dal Varchi, e le Vite de’ SS. Padri (che non hanno quasi più nulla del latino) tradotte egregiamente dal Cavalca, e gli Ammaestram. degli antichi da F. Bartolomeo da S. Concordio ec. ec. Cicerone, Sallustio, Tito Livio, difficilissimamente pigliano un sapore italiano, se non lasciano affatto l’indole e l’andamento proprio. Al contrario di Erodoto, Senofonte, Demostene, Isocrate ec. Ora essendo l’andamento delle lingue moderne generalmente assai più piano e meno figurato ec. delle antiche, questo è un segno che la lingua greca, adattandosi alle moderne molto più della latina, doveva esser molto più semplice e naturale nella sua costruzione e forma.

(30. Maggio 1822.)

[2453]Se l’uomo sia nato per pensare o per operare, e se sia vero che il miglior uso della vita, come dicono alcuni, sia l’attendere alla filosofia ed alle lettere (quasi che queste potessero avere altro oggetto e materia che le cose e la vita umana, e il regolamento della medesima, e quasi che il mezzo fosse da preferirsi al fine),[1] osservatelo anche da questo. Nessun uomo fu nè sarà mai grande nella filosofia o nelle lettere, il quale non fosse nato per operare più, e più gran cose degli altri; non avesse in se maggior vita e maggior bisogno di vita che non ne hanno gli uomini ordinarii; e per natura ed inclinazione sua primitiva, non fosse più disposto all’azione e all’energia dell’esistenza, che gli altri non sogliono essere. La Staël lo dice dell’Alfieri (Corinne, t.1. liv. dern.), anzi dice ch’egli non era nato per iscrivere, ma per fare, se la natura de’ tempi suoi (e nostri) glielo avesse permesso. E perciò appunto egli fu vero scrittore, a differenza di quasi tutti i letterati o studiosi italiani del suo e del nostro tempo. Fra’ quali siccome nessuno o quasi nessuno è nato per fare (altro che fagiolate), perciò nessuno o quasi nessuno è [2454]vero filosofo, nè letterato che vaglia un soldo. Al contrario degli stranieri, massime degl’inglesi e francesi, i quali (per la natura de’ loro governi e condizioni nazionali) fanno, e sono nati per fare più degli altri. E quanto più fanno, o sono naturalmente disposti a fare, tanto meglio e più altamente e straordinariamente pensano e scrivono.

(30. Maggio 1822.)

Grazia dallo straordinario. I nei che altro sono se non difetti, e false produzioni della cute? E non sono stati considerati lungo tempo come bellezze? (Anzi così anche oggi volgarmente si sogliono chiamare). E le donne col porsegli dintorno non facevano insomma altro che fingersi dei difetti, e fabbricarseli appostatamente, per proccurarsi grazia e bellezza.

(1. Giugno 1822.)

Qual fosse l’opinione di Socrate, o di Senofonte, e anche degli altri antichi, circa quelle arti e mestieri che da gran tempo si stimano e sono veramente necessarii all’uso del viver civile, anzi parte, alimento ec. della civilizzazione, e che intanto nocciono alla salute e al viver fisico, e in oltre all’animo, di chi gli esercita, v. l’Econom. di Senofonte cap.4. § .2.3. e cap.6. §.5.6.7.

(3. Giugno 1822.)

[2455]TÇn svm‹tvn Jhlunom¡nvn (si corpora effeminentur), kaÜ cuxaÜ polç Žr=vstñterai gÛgnontai. Socrate ap. Senofon. Econom. c.4. §.2.

(3. Giugno. 1822.)

Alla p.2451. L’Alfieri fu arditissimo e frequentissimo formatore di parole derivate o composte nuovamente dalle nostrali, e sebbene io non credo ch’egli, facendo questo avesse l’occhio alla lingua greca, nondimeno questo suo costume dava alla lingua italiana una facoltà e una forma similissima (materialmente) all’una delle principalissime e più utili facoltà e potenze della lingua greca. Io non cercherò s’egli si servisse di questo mezzo d’espressione colla misura e moderatezza e discrezione che si richiede, nè se guardasse sempre alla necessità o alla molta utilità, nè anche se tutti i suoi derivati e composti, o se la maggior parte di loro sieno ben fatti. Ma li porto per esempio acciocchè, considerandoli, si veda più distintamente e per prova, quante idee sottili o rare o non mai ancora precisamente significate, quante cose difficilissime e quasi impossibili ad esprimersi in altro modo (anche con voci forestiere), si esprimano chiarissimamente e precisamente e facilmente con questo mezzo, senza punto uscire della lingua nostra, e senza quindi nuocere alla purità. Certo [2456]è che quando l’Alfieri chiama il Voltaire Disinventore od inventor del nulla, (vere principali e proprie qualità ed attributi della sapienza moderna) quel disinventore dice tanto e tal cosa, quanto e quale appena si potrebbe dire per via d’una lunga circollocuzione, o spiegare e sminuzzare pazientemente, stemperatamente e languidamente in un periodo.

(3. Giugno. 1822.)

La religion Cristiana fra tutte le antiche e le moderne è la sola che o implicitamente o esplicitamente, ma certo per essenza, istituto, carattere e spirito suo, faccia considerare e consideri come male quello che naturalmente è, fu, e sarà sempre bene (anche negli animali), e sempre male il suo contrario; come la bellezza, la giovanezza, la ricchezza ec. e fino la stessa felicità e prosperità a cui sospirano e sospireranno eternamente e necessariamente tutti gli esseri viventi. E li considera come male effettivamente, perciocchè non si può negare che queste tali cose non sieno molto pericolose all’anima, e che le loro contrarie (come la bruttezza ec.) non liberino da infinite occasioni di peccare. E perciò quelli che fanno professione di devoti chiamano fortunati i brutti ec. e considerano la bruttezza ec. come un bene dell’uomo, una fortuna della società, e come una condizione, una qualità, una [2457]sorte desiderabilissima in questa vita. Similmente dico della prosperità, la quale rende naturalmente superbi, confidenti in se stessi e nelle cose, e quindi distratti e poco adattati all’abito di riflettere (ch’è necessarissimo alla cura della salute eterna), e dà molto attaccamento alle cose di questa terra. E quindi l’opinione che le disgrazie (o come le chiamano, le croci), sieno favori di Dio, e segni della benevolenza divina: opinione stranissima e affatto nuova; inaudita in tutta l’antichità e presso tutte le altre religioni moderne (tutte le quali consideravano anzi il fortunato solo, come favorito di Dio, onde fra gli antichi beato, mak‹riow ölbiow ec. era un titolo di rispetto e di lode, e tanto a dire come sanctus, o come vir iustus etc. L’etimologia di eédaÛmvn è favorito dagli Dei, o che ha buon Dio cioè favorevole. Al contrario dusdaÛmvn, infelice, che ha mali Dei. V. p.2463. V. i Lessici: e nella stessa religion cristiana da principio si chiamavano beati, anche vivendo, gli uomini più distinti o per virtù o per dignità, come oggi si chiama Beatitudine il Papa); inaudita presso qualunque popolo non civile; e finalmente tale ch’io non so se verun’altra opinione possa esser più dirittamente contraria alla natura universale delle cose, e a tutto l’ordine dell’esistenza [2458]sensibile.

(4. Giugno. 1822.)

Alla p.1660. mezzo. Non so bene se il Salviati o il Salvini sia quel che dice dell’antica falsa, e latina ortografia degl’italiani, e particolarmente dell’et non mai pronunziato se non e, o ed. Tutte le lingue nascono, com’è naturale appoco appoco, e per lungo tempo non sono adattabili alla scrittura e molto meno alla letteratura. Cominciando ad adattarle alla scrittura, l’ortografia n’è incertissima, per l’ignoranza di quei primi scrittori o scrivani, che non sanno bene applicare il segno al suono: massime quando si servano, com’è il solito, di un alfabeto forestiero, quando è certo che ciascuna nazione o lingua ha i suoi suoni particolari, che non corrispondono a quelli significati dall’alfabeto di un’altra nazione. Venendo poi la letteratura, l’ortografia piglia una certa consistenza, ed è prima cura de’ letterati di regolarla, di ridurla sotto principii fissi, e generali, e di darle stabilità. Ma anche questa opera è sempre imperfettissima ne’ suoi principii. Per lo più la letteratura di una nazione deriva da quella di un’altra. Quindi anche l’ortografia in quei principii [2459]segue la forma e la stampa di quella che i letterati hanno sotto gli occhi, troppo deboli ancora per essere originali, e per immaginar da se, e seguire e conoscer bene la natura particolare de’ loro propri suoni ec.: le quali cose non son proprie se non di quello ch’è già o perfezionato o vicino alla perfezione. Nel nostro caso poi, questa lingua letterata, e di ortografia già regolatissima e costante, sopra la cui letteratura s’andavano formando le moderne, era anche immediatamente madre delle lingue moderne. E benchè queste (massime la francese), avessero perduto molti de’ suoi suoni, e sostituitone, o aggiuntone molti altri, contuttociò la somiglianza fra la madre e le figlie era tanta, e la loro derivazione da lei era così fresca, che cominciando a scrivere e poi a coltivare queste lingue non mai ancora scritte o coltivate, non si pensò di potersi servire d’altra ortografia che della latina. La quale ortografia già esisteva, e la nostra s’avea da creare: ma nessuna cosa si crea in un momento, massime che tante altre ve n’erano da creare allo [2460]stesso tempo, le quali occupavano tutta l’attenzione di quei primi formatori delle favelle moderne. Uomini che ad una materia putrida (giacchè tutte erano barbarissime corruzioni) aveano a dar vita, e splendore.

Quindi l’ortografia italiana del trecento, anche quella dei primi letterati, era tutta barbaramente latina. Si può vedere il manoscritto della divina Commedia fatto di pugno del Boccaccio e del Petrarca, e pubblicato quest’anno o il passato da una Biblioteca di Roma. Quindi conservato l’h che niun italiano pronunziava più (se non colla g, e c); quindi l’y, lettera inutile, avendo perduta la sua antica pronunzia di u gallico; quindi il k, ec. ec. E siccome per lunghissimo tempo, anche dopo stabilita la nostra letteratura, si durò a credere che il volgare non fosse capace di scrittura e d’uso più che tanto nobile e importante (e per molto tempo realmente non lo fu, perchè non v’era applicata); così fino al cinquecento, e massimamente fino a tutta la sua prima metà, [2461]si seguitò a scrivere l’italiano, con ortografia barbaramente latina, o non credendolo capace d’ortografia propria, o non sapendogliela ancora trovare, e ben regolare e comporre, o pedantescamente volendo ritornare il volgare al latino quanto più si potesse. Vedi la edizione della Coltivazione dell’Alamanni fatta in Parigi 1546. da Rob. Stefano, sotto gli occhi dell’autore, e ristampata colla stessa ortografia in Padova, Volpi 1718, e Bologna 1746. e quella delle Api del Rucellai, Venez. 1539, che fu la prima, (per Giananton. de’ Nicolini da Sabio) ristampata parimente ne’ detti luoghi. Dice il Volpi che quella maniera e di scrivere e di puntare che vedesi all’Alamanni esser piacciuta, è alquanto diversa non solo da quella che oggidì s’usa, ma da quella eziandio che a tempi di lui universalmente si costumava. (G. A. V. a’ Lettori). Vedi anche le lettere del Casa al Gualteruzzi, da un ms. originale, nelle sue op. t.2. Venez. 1752. Io non so se sia vero, nè se quella del Rucellai p.e. se ne diversifichi notabilmente: non mi par che l’edizioni italiane di que’ tempi (come quella delle Rime del Firenzuola in Firenze, cit. nel Voc.) [2462]ne vadano molto lungi: ma se ciò fosse, verrebbe dalla dimora dell’Alamanni in Francia. V. p.2466.

In somma la lingua italiana pericolava di stabilirsi e radicarsi irreparabilmente in quella stessa imperfezione d’ortografia, in cui si veniva formando, e poi per sempre si radicò la lingua francese. Fortunatamente non accadde, anzi ell’ebbe la più perfetta ortografia moderna: non lettere scritte le quali non si pronunzino: non lettere che si pronunzino e non si scrivano: ciascuna lettera scritta, pronunziata sempre e in ogni caso, come si pronunzia recitando l’alfabeto ec. V. p.2464.

Cagioni di questo vantaggio furono l’infinita capacità, acutezza e buon gusto d’infinite persone in quel secolo, e l’altre circostanze ch’ho notate altrove. Alle quali si può e si dee forse aggiungere che i suoni della lingua latina, e generalmente la pronunzia e l’uso di essa, sopra la cui ortografia si formava naturalmente la nostra, era molto meno diverso dall’uso e pronunzia nostra e spagnuola, di quel che sia dal francese. [2463]Quindi essendo tutte tre queste ortografie formate da principio egualmente sulla latina, le due prime che poco avevano da mutarla per conformarla all’uso loro, facilmente la corressero (massime l’italiana) e ve l’uniformarono; ma la francese che avrebbe dovuto quasi trovare una nuova maniera di scrivere (essendo nella pronunzia, come in ogni altra parte, la più degenere figlia della latina), ed anche trovare in parte un nuovo alfabeto (come per le e mute ec.), fu incorrigibile.

Fra tanto queste osservazioni si debbono applicare a dimostrar con un esempio recente, quanto debbano essere state alterate le primitive lingue nell’applicarle alla scrittura e all’alfabeto o proprio o forestiero, e nella creazione della loro ortografia, e quanto poco ci possiamo fidare del modo in cui esse ci ponno essere pervenute, cioè pel solo mezzo della scrittura.

(5. Giugno, vigilia del Corpus Domini. 1822.)

Alla p.2457. marg. Qual nazione, se non dopo fatta Cristiana, non riputò per doni [2464]di Dio, e segni del favor celeste le prosperità, e per gastighi di Dio, e segni dell’odio suo le sventure? (Onde fra’ più antichi, e fra gli stessi ebrei, come i lebbrosi ec., si fuggiva con orrore l’infelice come scellerato, e quando anche non si sapesse, o non si fosse mai saputa da alcuno la menoma sua colpa, si stimava reo di qualche occulto delitto, noto ai soli Dei, e la sua infelicità s’aveva per segno certo di malvagità in lui, e se l’avevano creduto buono, vedendo una sua sciagura, credevano di disingannarsene.). Al contrario accadde nella nostra religione, la quale, se non altro, definisce per maggior favore, e segno di maggior favore di Dio l’infelicità, che la prosperità.

(5. Giugno. 1822.)

Alla p.2462. mezzo - non elementi dell’alfabeto inutili, o che esprimano più d’un suono indarno ec. come p.e. nello spagnuolo è inutile che il suono del j sia espresso anche nè più nè meno dal x avanti vocale, e dal g avanti l’e e l’i. E non solo inutile, ma in ispagnuolo produce ancor molta confusione e varietà biasimevole [2465]e inutile nel modo di scrivere una stessa parola, anche appresso un medesimo scrittore, in un medesimo libro: sebbene io credo che la moderna ortografia spagnuola (rettificata e resa più esatta, come tutte le altre, e come tutte le cose moderne) sia emendata in tutto o in parte di questi difetti, e di queste inutilità. Similmente la ç, o zedilla è un elemento inutile, e produce confusione, e varietà dannosa. ec. ec.

(6. Giugno, dì del Corpus Domini. 1822.)

I greci JeÝow, gli spagnuoli Tio, gl’italiani zio, esprimendo questi col Z, quelli col T, il suono del t aspirato che nè gli uni nè gli altri hanno. Donde questa parola così necessaria e usuale e volgare in tutti i linguaggi, e usualissima e volgarissima nello spagnuolo e nell’italiano; donde, dico, e per qual mezzo può esser passata dal greco a questi volgari moderni, se non per mezzo del volgare latino, non trovandosi nel latino scritto? L’avranno forse presa gli spagnuoli e gl’italiani dal greco moderno, o da quello de’ bassi tempi (non si saprebbe con qual mezzo), e avrebbe potuto divenir usuale e volgarissima e scacciar la parola antica, [2466]una parola forestiera significante una cosa che tuttogiorno s’era nominata e si nomina? E siccome si potrebbe dubitare che alcune o tutte queste parole ch’io dimostro uniformi nel greco e ne’ nostri volgari, ci fossero derivate per mezzo del francese ne’ bassi tempi, e il francese l’avesse avute dalle colonie greche state anticamente in Francia ec. del che ho discorso altrove, notate che questo JeÝow si trova in tutti i volgari derivati dal latino, fuorchè appunto nel francese che da avunculus dice oncle. Oltre che la qualità della cosa significata da questa voce, non permetterebbe, come ho detto, ch’ella fosse passata così tardi, e potuta stabilirsi ne’ nostri volgari in luogo dell’antica denominazione; se questa, cioè, non fosse antica e antichissima. Vedi però il Forcell. il Gloss. i Diz. franc. ec. (8. Giugno 1822.). V. anche calare a cui la Crusca pone per greco xal�n.

(9. Giugno 1822.)

Alla p.2462. principio. Si scrivevano ancora (massime più anticamente, chè nel cinquecento la maggior dottrina dava un poco più di regola) le parole italiane o non latine in modo latino, [2467]o le parole latine (italianate) in modo non latino, e non conveniente all’italiano, come con lettere non italiane che in quelle tali parole non ci andavano neppure in latino: p.e. ymago o ymagine ec. Effetto dell’ignoranza in cui si era anco riguardo al latino e alla sua buona ortografia, (quando infatti non si sapeva di gran lunga bene nè pur la lingua latina, e i codici poi erano scorrettissimi ec. e pochi confronti s’eran potuti fare ec.) o del cattivo modo di scriver latino a quei tempi, e dell’imperfezione e infanzia dell’ortografia nostrale. Queste osservazioni serviranno a spiegare il perchè p.e. nella lingua francese, le imperfezioni dell’ortografia molte volte non paia ch’abbiano a far niente coll’ortografia latina, scrivendosi malamente anche delle parole non venute dal latino; e altre venute dal latino scrivendosi in maniera discordante così dalla buona ortografia latina, come dalla pronunzia francese. Intendo parlare delle parole francesi ch’erano in uso anche anticamente, perchè le più moderne, di qualunque origine siano, già si sa che nello scriverle s’è seguito il costume di quella tale imperfetta ortografia ch’era già stabilita. Ma la prima causa di questa imperfezione, fu secondo me, quella che ho detta, [2468]cioè la cattiva, indebita e puerile applicazione dell’ortografia latina (anch’essa in gran parte falsa e mal conosciuta, come anche la lingua latina, e cattiva) all’ortografia volgare.

(10. Giugno 1822.)

Nelle annotazioni alle mie Canzoni (Canzone 6. stanza 3. verso 1.) ho detto e mostrato che la metafora raddoppia o moltiplica l’idea rappresentata dal vocabolo. Questa è una delle principali cagioni per cui la metafora è una figura così bella, così poetica, e annoverata da tutti i maestri fra le parti e gl’istrumenti principalissimi dello stile poetico, o anche prosaico ornato e sublime ec. Voglio dire ch’ella è così piacevole perchè rappresenta più idee in un tempo stesso (al contrario dei termini). E però ancora si raccomanda al poeta (ed è effetto e segno notabilissimo della sua vena ed entusiasmo e natura poetica, e facoltà inventrice e creatrice) la novità delle metafore. Perchè grandissima, anzi infinita parte del nostro discorso è metaforica, e non perciò quelle metafore di cui ordinariamente si compone risvegliano più d’una semplice idea. [2469]Giacchè l’idea primitiva significata propriamente da quei vocaboli traslati è mangiata a lungo andare dal significato metaforico il quale solo rimane, come ho pur detto l. c. E ciò quando anche la stessa parola non abbia perduto affatto, anzi punto, il suo significato proprio, ma lo conservi e lo porti a suo tempo. P.e. accendere ha tuttavia la forza sua propria. Ma s’io dico accender l’animo, l’ira ec. che sono metafore, l’idea che risvegliano è una, cioè la metaforica, perchè il lungo uso ha fatto che in queste tali metafore non si senta più il significato proprio di accendere, ma solo il traslato. E così queste tali voci vengono ad aver più significazioni quasi al tutto separate l’una dall’altra, quasi affatto semplici, e che tutte si possono omai chiamare ugualmente proprie. Il che non può accadere nelle metafore nuove, nelle quali la moltiplicità delle idee resta, e si sente tutto il diletto della metafora: massime s’ell’è ardita, cioè se non è presa sì da vicino che le idee, benchè diverse, [2470]pur quasi si confondano insieme, e la mente del lettore o uditore non sia obbligata a nessun’azione ed energia più che ordinaria per trovare e vedere in un tratto la relazione il legame l’affinità la corrispondenza d’esse idee, e per correr velocemente e come in un punto solo dall’una all’altra; in che consiste il piacere della loro moltiplicità. Siccome per lo contrario le metafore troppo lontane stancano, o il lettore non arriva ad abbracciare lo spazio che è tra l’una e l’altra idea rappresentata dalla metafora; o non ci arriva in un punto, ma dopo un certo tempo; e così la moltiplicità simultanea delle idee, nel che consiste il piacere, non ha più luogo.

(10. Giugno 1822.). V. p.2663. iu.1822

Proma voce latina, feminino sustantivo di promus, è da aggiungersi al Lessico e all’Appendice del Forcellini. Il Forcellini dice: Promus i, m. (cioè mascolino) semplicemente, e non ha esempi del feminino, se non uno in aggettivo. Sta in un frammento del libro primo Œconomicorum di Cicerone, portato da Columella, e nella mia ediz. di Senofonte (Lipsiae 1804, cura Car. Aug. Thieme, ad recensionem Wellsianam) t.4. p.407. Vi si legge haec primo tradidimus. Errore. Leggi promae. Corrisponde [2471]al tamÛa di Senofonte Oikonomikoè c.9. art.10. taèta tamÛ& paredÅkamen. E che anche Cicerone l’abbia detto in femminino, e non v. g. promo, apparisce da quel che segue: EAMQUE admonuimus etc., cioè promam. Questo errore è anche nella mia ediz. di Columella l.12. c.3. (forte al.4.) dov’è portato il detto passo.

(10. Giugno 1822.)

Alla inclinazione da me più volte notata e spiegata, che gli uomini hanno a partecipare con altri i loro godimenti o dispiaceri, e qualunque sensazione alquanto straordinaria, si dee riferire in parte la difficoltà di conservare il secreto che s’attribuisce ragionevolmente alle donne e a’ fanciulli, e ch’è propria altresì di qualunque altro è meno capace o per natura o per assuefazione di contrastare e vincere e reprimere le sue inclinazioni. Ed è anche proprio pur troppe volte degli uomini prudenti ed esercitati a stare sopra se stessi, i quali ancora provano, se non altro, qualche difficoltà a tenere il segreto, e qualche voglia interna di manifestarlo (anche con danno loro), quando sono sull’andare del confidarsi con altrui, o semplicemente del conversare, o discorrere, [2472]o chiaccherare. Dico lo stesso anche di quando il segreto non è d’altrui ma nostro proprio, e quando noi vediamo che il rivelarlo fa danno solamente o principalmente a noi, e come tale, ci eravamo proposto di tacerlo, e poi lo confidiamo per isboccataggine.

Ma che anche questa inclinazione, non sia naturale nè primitiva (come pare), ma effetto delle assuefazioni, e dell’abito di società contratto dagli uomini vivendo cogli altri uomini, lo provo e lo sento io medesimo, che quanto era prima inclinato a comunicare altrui ogni mia sensazione non ordinaria (interiore o esteriore), così oggi fuggo ed odio non solo il discorso, ma spesso anche la presenza altrui nel tempo di queste sensazioni. Non per altro se non per l’abito che ho contratto di dimorar quasi sempre meco stesso, e di tacere quasi tutto il tempo, e di viver tra gli uomini come isolatamente e in solitudine. Lo stesso si dee credere che avvenga ai solitari effettivi, ai selvaggi, a quelli che o non hanno società o poca, e rara, all’uomo naturale insomma, privo del linguaggio, o con poco uso del medesimo, al muto, a chi per qualche accidente ha dovuto per lungo tempo viver lontano dal consorzio degli uomini, come naufragi, pellegrini in luoghi di favella non conosciuta, carcerati ec. frati silenziosi ec.

(11. Giugno. 1822.)

[2473]Alle ragioni da me recate in altri luoghi, per le quali il giovane per natura sensibile, e magnanimo e virtuoso, coll’esperienza della vita, diviene e più presto degli altri, e più costantemente e irrevocabilmente, e più freddamente e duramente, e insomma più eroicamente vizioso, aggiungi anche questa, che un giovane della detta natura, e del detto abito, deve, entrando nel mondo, sperimentare e più presto e più fortemente degli altri la scelleraggine degli uomini, e il danno della virtù, e rendersi ben tosto più certo di qualunque altro della necessità di esser malvagio, e della inevitabile e somma infelicità ch’è destinata in questa vita e in questa società agli uomini di virtù vera. Perocchè gli altri non essendo virtuosi, o non essendolo al par di lui, non isperimentano tanto nè così presto la scelleraggine degli uomini, nè l’odio e persecuzione loro per tutto ciò ch’è buono, nè le sventure di quella virtù che non possiedono. E sperimentando ancora le soverchierie e le persecuzioni degli altri, non si trovano così nudi e disarmati per combatterle e respingerle, come si trova il virtuoso. [2474]In somma il giovane di poca virtù non può concepire un odio così vivo verso gli uomini, nè così presto, com’è obbligato a concepirlo il giovane d’animo nobile. Perchè colui trova gli uomini e meno infiammati contro di se, e meno capaci di nuocergli, e meno diversi da lui medesimo. Per lo che, non arrivando mai ad odiare fortemente gli uomini, e odiarli per massima nata e confermata e radicata immobilmente dall’esperienza, non arriva neppure così facilmente a quell’eroismo di malvagità fredda, sicura e consapevole di se stessa, ragionata, inesorabile, immedicabile ed eterna, a cui necessariamente dee giungere (e tosto) l’uomo d’ingegno al tempo stesso e di virtù naturale.

(13. Giugno. 1822.)

Diciamo tuttogiorno in volgare: venir voglia a uno d’una cosa, venirgli pensiero, talento, desiderio, ec. ec. V. la Crusca e i Diz. francesi e spagnuoli. Or chi ardirebbe di dir questo in latino? Chi non lo stimerebbe un barbaro italianismo o volgarismo? Or ecco appunto una tal frase parola per parola nel poema più perfetto del più [2475]perfetto ed elegante poeta latino, e in un luogo che dovea necessariamente esser de’ più nobili, cioè nel principio e invocazione delle Georgiche: (l.1. v.37.) Nec tibi regnandi veniat tam dira cupido, Nè ti venga sì brutta voglia di regnare cioè nell’inferno. V. il Forcell. e il Gloss. se hanno niente al proposito.

(14. Giugno. 1822.)

Dell’antica fratellanza della lingua greca colla latina, ossia della comune origine d’ambedue, e come in principio l’una non differisse dall’altra, ma fossero in Italia e in Grecia una lingua sola, vedi un bel luogo di Festo portato dal Forcellini v. Graecus in fine.

(14. Giugno. 1822.)

Chi negherà che l’arte del comporre non sia oggi e infinitamente meglio e più chiaramente e distintamente considerata, svolta, esposta, conosciuta, dichiarata in tutti i suoi principii, eziandio più intimi, e infinitamente più divulgata fra gli uomini, e più nelle mani degli studiosi, e aiutata oltracciò di molto maggior quantità di esempi e modelli, che non era presso gli antichi? e massime presso quegli antichi e in quei secoli ne’ quali meglio e più perfettamente e immortalmente si scrisse? Eppure [2476]dov’è oggi in qualsivoglia nazione o lingua, non dico un Cicerone (quell’eterno e supremo modello d’ogni possibile perfezione in ogni genere di prosa), non dico un Tito Livio, ma uno scrittore che nella lingua e nel gener suo abbia tanto valore quanto n’ha qualunque non degli ottimi, ma pur de’ buoni scrittori greci o latini? E dov’è poi un numero di scrittori, non dico ottimi, ma buoni, uguale a quello che n’hanno i greci e i latini? Trovatemelo, se potete, ponendo insieme tutti i migliori scrittori di tutte le nazioni letterate, dal risorgimento delle lettere sino a oggidì. E dico buoni precisamente in quel che spetta all’arte del comporre, e del saper dire una cosa, e trattare un argomento con tutta la perfezione di quest’arte. Dico buoni quanto alla lingua loro, qualunqu’ella sia, e perfetti in essa e padroni, come fu Cicerone della latina, o come lo furono gli altri scrittori latini e greci, men grandi di Cicerone in questo e nel rimanente, ma pur buonissimi e classici. [2477]Dico buoni in questo senso, giacchè non entro nell’arte del pensare, ec. E quel che dico de’ prosatori, dico anche de’ poeti, colle stesse restrizioni, e quanto al modo di trattare e significare le cose immaginate: chè l’invenzione e l’immaginazione in se stesse e assolutamente considerate, appartengono a un altro discorso.

Fatto sta che oggi tutti sanno come vada fatto, e niuno sa fare. Niuno sa fare perfettamente, e pochissimi passabilmente. E gli ottimi scrittori moderni di qualunque lingua o tempo, appena si possono paragonare all’ultimo de’ buoni antichi. O se gli agguagliano in qualche parte o qualità, o se anche li vincono, sottostanno loro grandemente in altre parti, e nell’effetto dell’insieme, e nel complesso delle qualità spettanti all’arte del ben comporre, e ben enunziare i propri sentimenti, e formare un discorso. Siccome per l’opposto non è sì mediocre scolare di rettorica, il quale abbia pur letto la rettorica del Blair, e non ne sappia, quanto al modo e alla ragione del ben comporre, più di Cicerone.

[2478]Tant’è. Secondo l’osservazion del Democrito Britanno Bacon da Verulamio tutte le facoltà ridotte ad arte steriliscono, perchè l’arte le circonscrive. (Gravina, Della Tragedia, cap.40. p.70. principio.). L’arte si trova sempre e perfezionata (ovvero inventata e formata), e divulgata e conosciuta da tutti, in quei tempi nei quali meno si sa metterla in pratica. A tempo d’Aristotele non v’erano grandi poeti greci: l’eloquenza romana era già spirata a tempo di Quintiliano (il quale forse, in quanto al modo di fare, se n’intendeva più di Cicerone). Lo stesso saper quel che va fatto è cagione che questo non si sappia fare. Anche qui si verifica che il troppo è padre del nulla, e che il voler fare è causa di non potere, ec. ec. Gli scrupoli, i dubbi, i timori di cader ne’ difetti già ben conosciuti ec. ec. legano le mani allo scrittore, e i più se ne disperano, e non seguendo nè i precetti dell’arte, nè essendo più a tempo di seguir la natura propria già in mille modi distorta, stravolta, e alterata dall’arte, scrivono, come vediamo, pessimamente, benchè sappiano ottimamente quel che s’abbia da fare a scriver bene.

(15. Giugno. 1822.)

[2479]Quanto prevaglia nell’uomo la materia allo spirito, si può considerare anche dalla comparazione dei dolori. Perocchè i dolori dell’animo non sono mai paragonabili ai dolori del corpo, ragguagliati secondo la stessa proporzione di veemenza relativa. E sebben paia molte volte a chi è travagliato da grave pena dell’animo, che sarebbe più tollerabile altrettanta pena nel corpo; l’esperienza ragguagliata dell’una e dell’altra può convincere facilmente chiunque sa riflettere che tra’ dolori dell’animo e quelli del corpo, supponendoli ancora, relativamente, in un medesimo grado, non v’è alcuna proporzione. E quelli possono esser superati dalla grandezza o forza dell’animo, dalla sapienza ec. (lasciando stare che il tempo consola ogni cosa), ma questi hanno forza d’abbattere e di vincere ogni maggior costanza.

(15. Giugno 1822.)

Molto ragionevolmente s’ammira la ritirata dei diecimila greci, eseguita per lunghissimo tratto d’un immenso paese nemico, e impegnato invano ad impedirla; dal core del [2480]regno, a’ suoi ultimi confini. ec. Or che si dovrà dire di una non ritirata, ma conquista di un regno anch’esso immenso, qual era quello del Messico, eseguita non da diecimila, ma da mille, o poco più spagnuoli, e in tanta maggior lontananza dal loro paese, e questa, di mare, ec. ec.? Quanto più corre il tempo, tanto più cresce la differenza ch’è tra uomini e uomini, e la superiorità degl’inciviliti sui barbari. Non erano così differenti i Persiani dai greci, benchè differentissimi, nè così inferiori, benchè sommamente inferiori, quanto i Messicani (benchè non privi nè di leggi, nè di ordini cittadineschi e sociali, nè di regolato governo, nè anche di scienza politica e militare ridotta a certi principii) per rispetto degli spagnuoli. E principalmente nelle armi, i Persiani e i greci non differivano gran cosa, laddove gli spagnuoli dai Messicani moltissimo. E così rispettivamente nella Tattica.

(16. Giugno. Domenica. 1822.)

[2481]N. N. diceva che gli ossequi ec. e i servigi interessati rade volte conseguiscono l’intento loro, perchè gli uomini sono facili a ricevere e difficili a rendere. (tutti ricevono volentieri, e rendono mal volentieri e poco.) Ma eccettuava da questo numero quelli che i giovani prestano talvolta alle vecchie ricche o potenti. E soggiungeva che non v’ha lusinghe, ossequi o servigi meglio collocati di questi, nè che più facilmente e più spesso ottengano il loro fine.

(17. Giugno. 1822.)

Grazia dal contrasto. La medesima insipidezza o del carattere, o delle maniere, o de’ discorsi, o degli scherzi, sentimenti ec. in una persona bella, fa molte volte effetto, ed è un charme tanto nelle donne rispetto agli uomini, come viceversa. La stessa rozzezza, o una certa poca delicatezza di modi ec. è spesse volte e per molti graziosa e attraente in una persona di forme delicate ec.

(17. Giugno. 1822.)

Ho discorso altre volte della ferocia cagionata nell’uomo virtuoso, nel giovane, ec. dalla risoluzione di commettere a occhi aperti [2482]un primo delitto. Ho anche ragionato del danno involontariamente recato dal Cristianesimo e dallo stabilimento e perfezionamento della morale, stante che gli uomini (sempre inevitabilmente cattivi) operando oggi più chiaramente e decisamente contro coscienza, sono peggiori degli antichi, e calpestando il timore che hanno de’ gastighi dell’altra vita, ne divengono più feroci e più terribili nel malfare, come persone condannate e disperate, ec. Aggiungo che l’uomo il quale per la prima volta s’è risoluto a commettere un delitto, ha dovuto con gran fatica e pena trionfare della propria coscienza, e delle proprie abitudini: e si trova allora nell’atto di aver riportato questo trionfo. Il che è cagione di una gran ferocia, simile a quella che dicono del leone, o d’altra tal bestia salvatica, che va in furore, ed è più che mai terribile appena ch’ell’ha gustato, o veduto il sangue d’altro animale. Perocchè l’uomo in quel punto è come sparso e macchiato di sangue, cioè omicida [2483]della propria coscienza. E generalmente l’esecuzione di qualunque proposito è tanto più efficace ed energica ed infiammata ed avventata e pronta, quanto la risoluzione è stata più faticosa e difficile, e quanta maggior pena e contrasto è costato a formarla. Perocchè l’uomo teme di pentirsi, e s’avventa nell’esecuzione, come fuggendo con grand’impeto e fretta e spavento dal proprio pensiero, che dandogli luogo a discorrere ancora, potrebbe distorlo, o precipitarlo di nuovo nell’irresoluzione, che l’uomo teme e odia naturalmente, e ch’è uno de’ principali travagli dell’animo. Massime quando l’effetto della risoluzione (o sia il piacere, o sia l’utile, o sia la vendetta, o sia la soddisfazione di qualsivoglia passione umana) lo tira e lo invita gagliardamente, ed egli teme che il proprio pensiero gl’impedisca di cercarlo e di conseguirlo, e d’altra parte desidera vivamente di non perderlo, e non privarsene per proprio difetto.

(17. Giugno. 1822.)

[2484]I francesi non hanno poesia che non sia prosaica, e non hanno oramai prosa che non sia poetica. Il che confondendo due linguaggi distintissimi per natura loro, e tutti due propri dell’uomo per natura sua, nuoce essenzialmente all’espressione de’ nostri pensieri, e contrasta alla natura dello spirito umano: il quale non parla mai poeticamente quando ragiona coll’animo riposato ec. come par che sieno obbligati di fare i francesi, se vogliono scrivere in prosa che sia per loro elegante e spiritosa ed ornata ec.

(19. Giugno. 1822.)

Quanto sia vero che i talenti in gran parte son opera delle circostanze, vedasi che ne’ paesi piccoli è infinitamente maggiore che ne’ grandi, il numero delle persone di grado agiato e comodo e (negli altri luoghi) colto e civile, che non hanno il senso comune, e da’ quali non si può fidare l’esecuzione o il maneggio del menomo affare ec. Lo stesso dico proporzionatamente delle città meno grandi, rispetto alle più grandi, delle meno colte o socievoli rispetto alle più colte, delle capitali dove tutti son obbligati [2485]a conversare, a trattar negozi ec. rispetto alle città di provincia ec.

(19. Giugno. 1822.)

Alla p.2402. Qualunque inferiorità o svantaggio abbia un uomo o rispetto agli altri, o rispetto a qualcuno in particolare, l’unico rimedio è dissimularlo arditamente, costantemente e ostinatamente. E questo è ancora l’unico mezzo, se lo svantaggio e il male è compassionevole, e se pur si trova in alcuno la compassione, d’esserne compatito. Chi lo confessa per qualunque cagione, o perchè creda non poterlo dissimulare (ch’è falso, ancor che sia visibile, o notissimo, o in qualunque guisa manifesto), o per altro, e con ciò crede di guadagnar compassione, e pensa che negandolo o proccurando di nasconderlo, e mostrando di non avvedersene, gli altri lo debbano maggiormente disprezzare e deridere, e non compatire, s’inganna a partito, che anzi questo è il modo sicuro d’esserne disprezzato e deriso. L’uomo non lascia per qualunque cagione di profittare del vantaggio ch’egli ha sopra gli altri [2486]uomini, o sopra un tal uomo, se questi non fa grandissima forza perchè gli altri, quanto è possibile, non s’accorgano o ricordino del suo svantaggio, o non se ne possano profittare. E perciò dev’egli operare e portarsi sempre come se quello svantaggio non esistesse, o come s’egli non se n’avvedesse, e mostrare affatto di non sentirlo; e proccurare anche di far quelle cose che più si disdicono ec. a’ suoi pari rispetto al detto svantaggio. Quanto sono maggiori gli svantaggi che s’hanno, tanto più bisogna che l’individuo stia per se stesso. Perocchè gli altri uomini non istaranno mai per lui, e quel che desiderano e vogliono principalmente si è ch’egli si confessi loro inferiore. Il che dev’egli sempre fermamente ricusare.

(21. Giugno 1822.)

Ho detto altrove del kalòw k™gaJòw de’ greci, come dimostri il sentimento e la forza ch’aveva in quella nazione la bellezza, e la sublimità che le attribuivano, pigliandola per parte e nome di virtù. Aggiungi l’uso della loro lingua di chiamar kalŒ tutte le cose buone, oneste, virtuose, utili. V. fra gli altri, Senof. ƒApomn. b. . kef. . Alla immaginazione degl’italiani (come le sopraddette cose a quella de’ greci) si deve sotto lo stesso aspetto attribuire l’uso che fanno [2487]delle parole significanti la grazia esterna per dinotare la probità, onestà, bontà ec. de’ costumi: uomo DI GARBO, GALANTuomo.

(21. Giugno. 1822.)

Quel che si dice, ed è verissimo, che gli uomini per lo più si lasciano governare dai nomi, da che altro viene se non da questo che le idee e i nomi sono così strettamente legati nell’animo nostro, che fanno un tutt’uno, e mutato il nome si muta decisamente l’idea, benchè il nuovo nome significhi la stessa cosa? Splendido esempio ne furono i romani, esecratori del nome regio, i quali non avrebbero tollerato un re chiamato re, e lo tollerarono chiamato imperatore, dittatore, ec. e dichiarato inviolabile (cosa nuova) col nome vecchio della potestà tribunizia. E che non avrebbero tollerato un re così detto, si vede. Perocchè Cesare il quale, bench’avesse il supremo comando, pur sospirava quel nome, non parendoli essere re, se non fosse così chiamato, (e ciò pure per la sopraddetta qualità dell’animo nostro, bench’egli fosse spregiudicatissimo), fattosi [2488]offerire la corona da Antonio ne’ Lupercali, fu costretto rigettarla esso stesso da’ tumulti ed esecrazioni di quel popolo già vinto e schiavo, e che poi chiamato di nuovo alla libertà, non ci venne. E gl’imperatori che furono dopo, e che da principio (cioè finchè il nome d’imperatore non fu divenuto anche nella immaginazion loro e del popolo, lo stesso e più che re) ebbero lo stesso desiderio di Cesare, non crederono che quel popolo domo si potesse impunemente ridurre a sostenere il nome di re, benchè non dubitarono di fargli avere un re e di fargli tollerare ed anche amare la cosa significata da questo nome.

(22. Giugno. 1822.)

Alla p.2414. fine. Tutti gli uomini e tutti gli animali amano se stessi nè più nè meno secondo la misura ed energia della loro vitalità. Quindi non mi par più vero quel ch’io dico altrove, che la quantità dell’amor proprio sia precisamente uguale in ciascun vivente. Perocchè le diverse specie di viventi, e i diversi individui d’una medesima specie, e questi medesimi individui in diversi tempi e circostanze [2489]hanno relativamente diverse somme di vitalità. Come altre specie hanno più spiriti, altre meno. E fra queste l’umana ne ha più di tutte. Ma fra gli uomini altri n’hanno più, altri meno: ed anche naturalmente questi nasce con più, questi con meno talento.

Di più l’amor proprio essendo una qualità del vivente, e queste qualità, come ho provato in più luoghi, essendo disposizioni, e queste disposizioni conformabili, e che possono fruttificare e produrre delle facoltà, e questo massimamente nell’uomo, ne segue che l’amor proprio, specialmente nell’uomo, è conformabile e coltivabile come le altre qualità. Anzi tanto più quanto egli abbraccia tutte le qualità dell’animo del vivente. Quindi anche l’amor proprio fa progressi, come ne fa lo spirito umano, ed è maggiore non solo in una specie o individuo naturalmente più vivo e sensitivo, ma anche in un individuo colto rispetto ad uno non colto, in un secolo colto rispetto [2490]ad un altro meno colto, in una nazione civile rispetto a una barbara, e in uno individuo medesimo, è maggiore dopo lo sviluppo delle sue qualità o disposizioni sensitive, sentimento, vitalità, ingegno, è maggiore, dico, che non era prima.

E siccome ho provato che l’infelicità dell’animale è sempre in ragion diretta dell’attività del suo amor proprio, così resta chiaro, e perchè l’uomo sia naturalmente meno felice degli altri animali, e perchè a misura ch’egli s’incivilisce, il che accresce di mano in mano l’attività dell’amor proprio, egli divenga ogni giorno più infelice, necessariamente, e quasi per legge matematica.

Che poi l’amor proprio sia conformabile, coltivabile, modificabile, sviluppabile, suscettivo d’incremento, e di maggiore o minore attività e influenza, si farà chiaro considerando l’amor proprio, come una passione. E infatti lo è, anzi non v’è passione che non sia amor proprio, e tutte sono un effetto suo [2491]non distinto dalla causa, e non esistente fuor di lei, la quale opera ora così, e si chiama superbia, ora così, e si chiama ira, ed è sempre una passione sola, primitiva, essenziale. Dimodo che le passioni sono piuttosto azioni ch’effetti dell’amor proprio, cioè non sono figlie sue in maniera che ne ricevano un’esistenza propria, e separata o separabile da lui.

Or p.e. l’ira o l’impazienza del proprio male, non è ella modificabilissima e diversissima, non solo in diverse specie, o individui, ma in un medesimo individuo, secondo le circostanze? Ponetelo nelle sventure ed assuefatecelo. Sia pure impazientissimo per natura; col tempo e coll’assuefazione, diviene pazientissimo. (Testimonio io per ogni parte di questa proposizione). Fate che questo medesimo non abbia mai provato sventure, o assuefatelo di nuovo alla prosperità, o supponete in una di queste due circostanze un altro individuo, e sia egli di natura mansuetissima. Ogni menomo male lo pone in impazienza. Or qual effetto più sostanziale dell’amor proprio, che l’impazienza del male di questo che si ama? E pur questa [2492]impazienza è maggiore e minore secondo le nature, le specie, gl’individui, e le circostanze e le assuefazioni di un medesimo individuo. Così dunque l’amor proprio del qual essa è opera.

(22. Giugno. 1822.)

Intorno al suicidio. È cosa assurda che secondo i filosofi e secondo i teologi, si possa e si debba viver contro natura (anzi non sia lecito viver secondo natura) e non si possa morir contro natura. E che sia lecito d’essere infelice contro natura (che non avea fatto l’uomo infelice), e non sia lecito di liberarsi dalla infelicità in un modo contro natura, essendo questo l’unico possibile, dopo che noi siamo ridotti così lontani da essa natura, e così irreparabilmente.

(23. Giugno. 1822.)

Il fatto sta così e non si può negare. La somma della moralità pratica era ed è tanto maggiore presso gli antichi, i pagani, i selvaggi, che presso i moderni, i Cristiani, gl’inciviliti, quanto la somma della morale teorica, e la perfetta cognizione, definizione, analisi e propagazione della medesima è maggiore presso questi che presso quelli. E nella stessa [2493]proporzione si deve discorrere anche oggidì de’ Cristiani più rozzi, e meno (o più confusamente) istruiti de’ doveri sociali ed umani, per rispetto alla gente più colta e addottrinata ne’ medesimi doveri.

(24. Giugno dì di S. Gio. Battista. 1822.)

Nè il titolo di filosofo nè verun altro simile è tale che l’uomo se ne debba pregiare, nemmeno fra se stesso. L’unico titolo conveniente all’uomo, e del quale egli s’avrebbe a pregiare, si è quello di uomo. E questo titolo porterebbe che chi meritasse di portarlo, dovesse esser uomo vero, cioè secondo natura. In questo modo e con questa condizione il nome d’uomo è veramente da pregiarsene, vedendo ch’egli è la principale opera della natura terrestre, o sia del nostro pianeta, ec.

(24. Giugno. dì del Battista. 1822.)

L’amor proprio, il quale, come ho dimostrato più volte, è necessaria o quasi necessaria sorgente d’infelicità, era però (oltre l’essere una essenziale conseguenza e parte [2494]dell’esistenza sentita e conosciuta dall’esistente) necessario ancora e indispensabile alla felicità. Come si può dare amor della felicità senz’amor di se stesso? anzi questi due amori sono precisamente una cosa sola con due nomi. E come si potrebbe dar felicità senza amor di felicità? Giacchè l’animale non può godere e compiacersi di quel che non ama. Dunque non amando la felicità, non potrebbe goderla nè compiacersene. Dunque quella non sarebbe felicità, ed egli non la potrebbe provare. Dunque l’animale, se non amasse se stesso, non potrebbe esser felice, e sarebbe essenzialmente incapace della felicità, e in disposizione contraddittoria colla natura di essa. Quindi si deve scusar la natura, e riconoscere che sebbene l’amor proprio produce necessariamente l’infelicità (maggiore o minore), la natura non ha però sbagliato nell’ingenerarlo ai viventi, essendo necessario alla felicità, e però il suddetto [2495]inconveniente era inevitabile come tanti altri, e deriva come tanti altri da una cosa ch’è un bene, e fatta per bene.

(24. Giugno. 1822.)

Quanto sia vero che l’amor proprio è cagione d’infelicità, e che com’egli è maggiore e più attivo, maggiore si è la detta infelicità, si dimostra per l’esperienza giornaliera. Perocchè il giovane non solo è soggetto a mille dolori d’animo, ma incapace ancora di godere i maggiori beni del mondo, e di goderli e desfrutarlos più che sia possibile, e nel miglior modo possibile, finchè il suo amor proprio, a forza di patimenti, non è mortificato, incallito, intormentito. Allora si gode qualche poco. Cosa osservata. Com’è anche osservatissimo che l’uomo è tanto più infelice quanto ha più e più vivi desiderii, e che l’arte della felicità consiste nell’averne pochi e poco vivi ec. (Ch’è appunto la cagione per cui il giovane nel predetto stato, con [2496]un ardore incredibile che lo trasporta verso la felicità, con la maggior forza possibile per poter gustare e sostenere i piaceri e anche fabbricarseli coll’immaginazione, proccurarseli coll’opera ec.; in un’età a cui tutto sorride, e porge quasi spontaneamente i diletti; contuttochè sia privo del disinganno, e però veda le cose sotto il più bell’aspetto possibile, e di più essendo nuovo e inesperto dei piaceri, sia ancor lontano e ben difeso dalla sazietà, e capace di dar peso a ogni godimento, non gode mai nulla, e pena più d’ogni altro, e si sazia più presto; e tanto più quanto egli è più vivo [così spesso il Casa] e sensitivo ec., e quindi per necessità più amante di se stesso.) Ora la misura dei desiderii, la loro copia vivezza ec. è sempre in proporzione della misura, vivezza, energia, attività dell’amor proprio. Giacchè il desiderio non è d’altro che del piacere, e l’amor della felicità non è altro che il desiderio del piacere, e l’amor della felicità non è altro che l’amor proprio.

(24. Giugno. 1822.). V. p.2528.

Quindi osservate che tutto quanto si dice dell’amor proprio si deve anche intendere [2497]dell’amor della felicità ch’è tutt’uno (v. p.2494.). E però la misura, la forza, l’estensione, le vicende, gl’incrementi, gli scemamenti, tanto individuali che generali, dell’uno di questi amori, son comuni all’altro nè più nè meno.

(24. Giugno. 1822.)

L’antichissima e propria significazione del verbo pareo, in luogo di cui vennero poi in uso i suoi composti adpareo, compareo ec. s’è conservata in uso familiarissimo e frequentissimo presso gl’italiani e gli spagnuoli (parere, parecer, si pare ec.). Per qual mezzo, se non del volgare antico latino? V. il Forc. e il Gloss. Così i francesi paroître, o paraître ec.

(25. Giugno. 1822.)

Ho detto altrove che il timore è la più egoistica passione dell’uomo sì naturale e sì civile. Così anche degli altri animali. Ed è ben dritto, perocchè l’oggetto del timore pone in pericolo (vero o creduto) l’esistenza o il ben essere di quel sè che il vivente ama per propria essenza [2498]sopra ogni cosa. L’uomo il più sensibile per abito e per natura, il più nobile, il più affettuoso, il più virtuoso, occupato anche attualmente, poniamo caso, da un amore il più tenero e vivo, se con tutto ciò è suscettibile del timor violento, trovandosi in un grave pericolo (vero o immaginato) abbandona l’oggetto amato, preferisce (e dentro se stesso e coll’opera) la propria salvezza a quella di quest’oggetto, ed è anche capace in un ultimo pericolo di sacrificar questo oggetto alla propria salute, dato il caso che questo sacrifizio (in qualunque modo s’intenda) gli fosse, o gli paresse dovergli esser giovevole a scamparlo. Tutti i vincoli che legano l’animale ad altri oggetti, o suoi simili o no, si rompono col timore.

(26. Giugno 1822.)

L’estrema possibile semplicità o naturalezza dello stile, dello scrivere o del parlar francese civile, è sempre di quel genere ch’essi medesimi (in altre occasioni) chiamano maniéré. Anche il Salvini lo chiama ammanierato. V. la definizione di maniéré ne’ Diz. francesi, dove lo diffiniscono per un’abitudine viziosa che deforma tutto, e fa proprio al caso. V. p.e. il Tempio di Gnido, e le Favole di La Fontaine.

(26. Giugno 1822.)

[2499]Ho assegnato altrove come principio d’infinite e variatissime qualità dell’animo umano (p.e. l’amor delle sensazioni vivaci) l’amor della vita. Questo amore però è non solo necessaria conseguenza, ma parte, ovvero operazione naturale dell’amor proprio, il quale non può non essere amore della propria esistenza, se non quando quest’esistenza è divenuta una pena. Ma ciò non in quanto esistenza, chè l’esistenza in quanto esistenza, è per natura eternamente amata sopra ogni cosa dall’esistente. Perocchè tanto è amar la propria esistenza in quanto esistenza, quanto è amar se stesso. E sarebbe una contraddizione quasi impossibile a concepirsi, che l’esistenza non fosse amata dall’esistente; e quindi che in certo modo l’esistenza fosse odiata dall’esistenza, e combattuta dall’esistenza, e contraria all’esistenza, o anche semplicemente non cara e non gradita a se stessa, nemmeno inquanto se stessa.

(26. Giugno. 1822.)

[2500]Alla p.2405. Un corollario si può tirare molto ragionevolmente dal vedere che le scritture orientali mancano per lo più delle vocali. Ed è che quelle lingue fossero le prime ad esser coltivate, la scrittura orientale la prima ad essere inventata (appunto perchè più imperfetta, e similmente si potrebbe dire della struttura ec. delle loro lingue), le letterature orientali le prime a nascere, e in somma l’oriente il primo ad esser civilizzato, e quindi probabilmente il primo ad esser popolato, e ridotto alla società ec. Confermando con questa, le altre prove che già s’hanno delle dette proposizioni, e dell’origine che il genere umano ha dell’oriente.

(26. Giugno. 1822.)

Per qual cagione il barbarismo reca inevitabilmente agli scritti tanta trivialità di sapore, e ripugna sì dirittamente all’eleganza? Intendo per barbarismo l’uso di parole o modi stranieri, che non sieno affatto alieni e discordi dall’indole della propria lingua, e degli orecchi nazionali, e delle abitudini ec. Perocchè [2501]se noi usassimo p.e. delle costruzioni tedesche, o delle parole con terminazioni arabiche o indiane, o delle congiugazioni ebraiche o cose simili, non ci sarebbe bisogno di cercare perchè questi barbarismi ripugnassero all’eleganza, quando sarebbero in contraddizione e sconvenienza col resto della favella, e cogli abiti nazionali. Ma intendo di quei barbarismi quali sono p.e. nell’italiano i gallicismi (cioè parole o modi francesi italianizzati, e non già trasportati p.e. colle stesse forme e terminazioni e pronunziazioni francesi, chè questo pure sarebbe fuor del caso e della quistione). E domando perchè il barbarismo così definito e inteso, distrugga affatto l’eleganza delle scritture.

Certo è che non ripugna alla natura nè delle lingue, nè degli uomini, nè delle cose, e non è contrario ai principii eterni ed essenziali dell’eleganza, del bello ec. che gli uomini di una nazione esprimano un certo maggiore o minor numero d’idee [2502]con parole e modi appresi e ricevuti da un’altra nazione, che sia seco loro in istretto e frequente commercio, com’è appunto la Francia rispetto a noi (ed anche agli altri europei) per la letteratura, per le mode, per la mercatura eziandio, e generalmente per l’influenza che ha la società e lo spirito di quella nazione su di tutta la colta Europa. Torno a dire che questo non ripugna naturalmente al bello, se quelle voci e modi non sono di forma assolutamente discorde e ripugnante alle forme della propria lingua. E tale si è appunto il caso nostro. Bisogna dunque cercare un’altra cagione fuori della natura generale e immutabile, perchè questo barbarismo distrugga sensibilmente l’eleganza, e non possa stare seco lei. Egli è pur certo, e tutti i maestri dell’arte l’insegnano e raccomandano, e io l’ho spiegato e dimostrato altrove, che non solo il pellegrino giova all’eleganza, ma questa non ne può [2503]fare a meno, e non viene da altro se non da un parlare ritirato alquanto (più o meno) all’uso ordinario, sia nelle parole, sia ne’ loro significati, sia ne’ loro accoppiamenti, nelle metafore, negli aggiunti, nelle frasi, nelle costruzioni, nella forma intera del discorso ec. Or come dunque il barbarismo, ch’è un parlar pellegrino, il barbarismo dico, quando anche non ripugni dirittamente, anzi punto, all’indole generale e all’essenza della lingua, nè all’orecchio e all’uso de’ nazionali, in luogo di riuscirci elegante, ci riesce precisamente il contrario, e incompatibile coll’eleganza? Ecco com’io la discorro.

I primi scrittori e formatori di qualsivoglia lingua, e fondatori di qualsivoglia letteratura, non solo non fuggirono il barbarismo, ma lo cercarono. V. Caro, Apologia, p.23-40. cioè l’introduzione del Predella. Tolsero voci e modi e forme e metafore e maniere di stile e costruzioni ec. (e questo in gran copia) dalle lingue madri, dalle sorelle, e anche dalle affatto aliene, [2504]massimamente se a queste, benchè aliene, apparteneva quella letteratura sulla quale essi si modellavano, e dalla quale venivano derivando e imparavano a fabbricar la loro. Dante è pieno di barbarismi, cioè di maniere e voci tolte non solo dal latino, ma dall’altre lingue o dialetti ch’avevano una tal qual dimestichezza o commercio colla nostra nazione, e in particolare di provenzalismi (che vengono ad essere appunto presso a poco i gallicismi, tanto abominevoli oggidì); de’ quali abbondano parimente gli altri trecentisti, e i ducentisti ec. Di barbarismi abbonda Omero, com’è bene osservato dagli eruditi: di barbarismi Erodoto: di barbarismi i primi scrittori francesi ec.

E non è mica da credere nè che questi barbarismi de’ primi e classici scrittori, fossero, a quei tempi, comuni nella loro nazione, ed essi scrittori si lasciassero strascinar dall’uso corrente; ne che gli usassero e introducessero per solo bisogno, o per arricchir [2505]la loro lingua di parole e modi economicamente utili. Gli usarono, come si può facilmente scoprire, per espresso fine di essere eleganti col mezzo di un parlar pellegrino, e ritirato dal volgare. E sebben furono costretti, volendo essere intesi, a usar gran parte delle voci e modi correnti, e formarne il corpo della loro scrittura, pur molto volentieri e con predilezione s’appigliarono quando poterono alle voci e modi forestieri, per parlare alla peregrina, e per dare al loro modo di dire un non so che di raro, ch’è insomma l’eleganza. E p.e. di Dante, si vede chiaramente ch’egli si studiò di parlare a’ suoi compatrioti co’ modi e vocaboli provenzali, a cagione che la nazion provenzale era allora la più colta, ed aveva una specie di letteratura, abbastanza nota in Italia, e che rendeva la lingua provenzale così domestica agl’italiani colti, che le sue parole o frasi, italianizzandole, non erano enigmi [2506]per loro, e così poco volgare che le dette voci e frasi non erano ordinariamente nella loro bocca (come non lo sono ora le latine che p.e. i poeti derivano di nuovo nell’italiano, e che tutti intendono), nè in quella del popolo: il quale però eziandio era sufficientemente disposto ad intenderle (senza perdere il piacere del pellegrino) a causa delle canzoni provenzali, amorose ec. ch’andavano molto in giro, e si cantavano ec. Or dunque da queste canzoni, e dalla letteratura e dalla lingua provenzale tirò Dante molte voci e modi per essere elegante: e ci riuscì allora; e con tutti questi che oggi si chiamerebbero barbarismi, sì egli, come Omero, e tali altri scrittori primitivi, s’hanno da per tutto per classici, e taluni per eleganti; o se s’hanno per ineleganti, viene piuttosto dall’arcaismo che dal barbarismo.

In somma il barbarismo, quando è veramente un parlar pellegrino, e che non ripugna ec. come sopra, e che s’intende, è [2507]sempre (da qualunque lingua sia tolto, rispetto alla lingua propria) non solo compatibile coll’eleganza, ma vera fonte di eleganza.

Cresciuta, formata, stabilita la lingua, e la letteratura di una nazione, interviene le più volte, che introducendosi il commercio fra questa ed altre lingue e letterature, parte l’uso, e l’assuefazione di udire voci e modi forestieri, parte la necessità di riceverne insieme cogli oggetti coi libri coi gusti cogli usi colle idee che da’ forestieri si ricevono, parte l’amor delle cose straniere e la sazietà delle proprie, ch’è naturale a tutti gli uomini sempre inclinati alla novità (v. Omero Odiss. 1. v.351-2.), parte fors’anche altre cagioni riempiono la favella nazionale di voci e modi forestieri in guisa che appoco appoco, dimenticate o disusate le voci e maniere proprie, divien più facile il parlare e lo scrivere con quelle de’ forestieri, che s’hanno più alla mano, e s’usano più giornalmente, e più familiarmente. Ed ecco un’altra volta introdotto il barbarismo nella lingua [2508]e letteratura nazionale, ma per tutt’altra cagione e fine, e con tutt’altro effetto che l’eleganza e l’arricchimento loro. Quanto all’arricchimento, questo è il punto in cui la lingua nazionale comincia a scadere e scemare sensibilmente, e impoverirsi, e indebolirsi fino al segno che dimenticate e antiquate la maggiore o certo grandissima parte delle sue voci e modi, e anche delle sue facoltà, ella non ha più forza nè capacità di supplire ai bisogni del linguaggio, e di fornire un discorso del suo, senza ricorrere al forestiero. (E la nostra lingua è già vicina a questo segno, non solo per le ricchezze proprie ch’avrebbe dovuto venire acquistando, e non l’ha fatto, ma anche per quelle infinite ch’aveva già, ed ha perdute, e molte irrecuperabilmente). E così dico della letteratura.

Quanto poi all’eleganza, quelle voci e modi, non essendo più pellegrini, non sono più eleganti. Anzi non c’è cosa più volgare e ordinaria di quelle voci e modi forestieri. Come accade appunto in Italia oggidì, che non si può nè parlare nè scrivere in un italiano più volgare e corrente, che parlando e scrivendo in un italiano alla francese. [2509]Il che è ben naturale e conseguente, secondo le cagioni che ho assegnate, le quali introducono questo secondo barbarismo in una lingua. Perocchè esse l’introducono ed influiscono direttamente, non negli scritti de’ grandi letterati e degli uomini di vero e raffinato buon gusto (come ho detto di quel primo barbarismo) ma nella favella quotidiana, e da questa passa il barbarismo nei libri degli scrittorelli che non istudiano, non sanno, non conoscono, e neanche cercano, nè si vogliono affaticare ad indagare altra lingua da quella che son soliti di parlare, e sentire a parlar giornalmente, e non si saprebbero esprimere in altro modo, nè possiedono altre voci e forme di dire. Di più seguono ed approvano (secondo il poco e stolto loro giudizio) l’uso corrente, la moda ec. ed accattano l’applauso e la lode del volgo, e si compiacciono di quella misera novità, e vogliono passar per autori alla moda: così che oltre all’ignoranza, li porta al [2510]barbarismo anche la volontà, ed il cattivo loro giudizio; e l’esempio gli strascina ec. Di più formandosi a scrivere sui soli o quasi soli libri stranieri divulgati nella loro nazione, non conoscono altre voci, frasi, e maniere di stile, che quelle di que’ libri, o non si vogliono impazzire a scambiarle coll’equivalenti nazionali, che non hanno punto alla mano. E così imbrattano sempre più la lingua e letteratura nazionale di cose forestiere, anche oltre all’uso della favella ordinaria de’ loro compatrioti.

Introdotto così, e fondato e propagato in una lingua il barbarismo per la seconda volta, la stessa sua propagazione lo rende inelegante al contrario della prima volta. Perocchè allora la lingua volgare non è quella che si chiama così e ch’è veramente nazionale, ma è quella barbara e maccheronica che si parla e scrive ordinariamente, e però chi scrive alla forestiera, scrive volgarissimo, e quindi inelegantissimo. [2511]Dov’è da notare che allora il barbarismo non è contrario all’eleganza come forestiero: chè anzi il forestiero bene inteso da’ nazionali, e non affettato, è sempre elegante. Ma per l’opposto è inelegante come volgare.

E laddove la prima volta, quand’esso non era volgare, riusciva elegante, e più elegante di quel ch’era nazionale, questa seconda volta il puro nazionale riesce molto più elegante del forestiero, non già come puro nè come nazionale (chè queste qualità non furono mai cagione di eleganza), ma come non volgare, come ritirato dall’uso corrente e domestico, come proprio oramai de’ soli scrittori, e questi anche pochi.

Ecco che la purità della favella è divenuta quasi sinonimo dell’eleganza della medesima: e questo con verità e con ragione, ma non per altro, se non perch’essa purità è divenuta pellegrina.

Così quelle voci e modi che una volta [2512]perchè familiari alla nazione non erano eleganti, anzi fuggite dagli scrittori di stil nobile ed elevato, o che tali pretendevano di essere; divengono già elegantissime e graziosissime perchè da una parte si riconoscono ancora facilmente per nazionali, e quindi sono intese subito da tutti, come per una certa memoria fresca, e non riescono affettate, dall’altra parte non sono più correnti nell’uso quotidiano. E così anche le parole e maniere una volta trivialissime e plebee nella nazione, aspirano all’onor di eleganti, e lo conseguiscono, come si potrebbe mostrare per mille esempi di voci e frasi individue.

In somma oggi, p.e. fra noi, chi scrive con purità, scrive elegante, perchè chi scrive italiano in Italia scrive pellegrino, e chi scrive forestiero in Italia scrive volgare.

Dal che si deve abbatter l’errore di quelli che pretendono che v’abbia principii fissi ed eterni dell’eleganza. V. la pag.2521. sulla fine. Non v’ha principio fisso dell’eleganza, se non questo (o [2513]altro simile) che non si dà eleganza senza pellegrino. Come non v’ha principio eterno del bello se non che il bello è convenienza. Ma come è mutabile l’idea della convenienza, così è variabile il pellegrino, e quindi è variabile l’eleganza reale, effettiva e concreta, benchè l’eleganza astratta sia invariabile. Nè purità nè altra tal qualità delle parole o frasi, sono principii certi ed eterni dell’eleganza d’esse voci o frasi individue. Ineleganti una volta, divengono poi eleganti, e poi di nuovo ineleganti, secondo ch’esse sono o non sono pellegrine, giusta quelle tali condizioni del pellegrino, stabilite di sopra.

Queste verità sono confermate dalla storia di qualunque letteratura e lingua. La purità dell’Atticismo non divenne un pregio nell’idea de’ greci, nè fu sinonimo d’eleganza presso loro, se non dopo che i greci ebbero a udire ed usare familiarmente voci e frasi forestiere. Omero, Erodoto, Senofonte medesimo (specchio d’Atticismo) erano [2514]stati elegantissimi con voci e frasi forestiere, poco usate da’ greci de’ loro tempi; anzi per mezzo appunto d’esse voci e frasi, fra l’altre cose. Non si pregia la purità, nè anche si nomina, se non dopo la corruzione, cioè quand’essa è pellegrina. E prima della corruzione si pregia il forestiero perchè pellegrino. Ennio, Plauto, Terenzio, Lucrezio ec. specchi della eleganza latina, son pieni di grecismi, cioè di barbarismi. Al tempo di Cicerone, di Orazio, e molto più di Seneca, di Frontone ec. che l’Italia parlava già mezzo greco, erano sorti i zelanti della purità, e il grecismo lodato in Plauto e in Cecilio (Oraz. ad Pison.) era impugnato ne’ moderni, e proibito affatto da’ pedanti, e usato con moderazione dai savi, e Cicerone se ne scusa spesso, e loda ed ama e deplora la purità dell’antico sermone, e la favella di sua nonna, ch’al tempo di sua nonna tutti i buoni scrittori posponevano al grecismo, quanto potevano [2515]farlo senza riuscire oscuri presso un popolo allora ignorante del forestiero, e del greco, e delle voci e frasi che non fossero nazionali. Dal che, e non da altro, e forse dalla stessa poca loro perizia del greco, nacque che gli antichi scrittori latini, benchè abbondanti di grecismi e barbarismi, pur si riputassero e fossero modelli del puro sermone Romano, rispetto agli scrittori più moderni. E lo stesso dico degli antichi italiani.

E quella ricchissima, fecondissima, potentissima, regolatissima, e al tempo stesso variatissima, poetichissima e naturalissima lingua del cinquecento, ch’a noi (ne’ suoi buoni scrittori) riesce così elegante, forse ch’allora fu tenuta per tale? Signor no, ma per corrotta. E la buona lingua si stimava solo quella del trecento, e se ne deplorava la mutazione, chiamandola corruzione e scadimento totale della lingua, (come noi facciamo rispetto al 500), e gli scrittori tanto più s’avevano eleganti, quanto meno scrivevano nella lingua loro per iscrivere in quella di quell’altro secolo. Laddove a noi, a’ quali l’una e l’altra è divenuta pellegrina, tanto più piacciono i cinquecentisti quanto più seguono l’uso [2516]del loro secolo, e meno imitano il trecento. Ed è ben ragionevole perchè allora solo possono esser naturali e di vena, come è il Caro che non fu mai imitatore. (È notabile che di parecchi cinquecentisti, le lettere dov’essi ponevano meno studio, e che stimavano essi medesimi di lingua impurissima, mentr’era quella del loro secolo, sono più grate a leggersi, e di migliore stile che l’altre opere, dove si volevano accostare alla lingua del trecento, mentre nelle lettere usavano la lingua loro, e riescono per noi elegantissimi e naturalissimi.). V. p.2525. Ma anche nel cinquecento non si stimava veramente elegante se non il pellegrino, e lo trovavano e cercavano nella lingua del trecento, che sola chiamavano pura, quando per noi è purissima quella del cinquecento. V. Salviati, Avvertim. della lingua, citati nelle op. del Casa, Venez. 1752. t.3. p.323. fine - 324. Nel trecento poi nemmen si parlava di purità, nè si poneva tra i pregi della lingua o dello scrivere; e la lingua del loro secolo non si stimava elegante (se non forse alcune smancerie fiorentine, di cui parla il Passavanti, e queste credo piuttosto che s’amassero nel resto di Toscana o d’Italia, che in Firenze, come accade veramente anche oggi): e quelli scrittori che più si stimavano eleganti, e che tali si credevano o pretendevano essi medesimi, erano non quelli che oggi più s’ammirano per la naturalezza e la semplicità, e che [2517]in somma usavano più puramente la lingua nazionale o patria del tempo loro, ma quelli che oggi meno s’apprezzano, cioè che la fornivano di parole e modi forestieri, e che si studiavano di tirarla alle forme d’altre lingue, e d’altri stili, come fece il Boccaccio rispetto al latino, e come anche Dante, la cui lingua, s’è pura per noi, che misuriamo la purità coll’autorità, niuno certamente avrebbe chiamato pura a quei tempi, s’avessero pensato allora alla purità, e gli stessi cinquecentisti non erano molto inchinati a stimarlo tale, nè ad accordargli un’assoluta autorità e voto decisivo in fatto di purità di lingua, restringendosi piuttosto al Petrarca e al Boccaccio. V. Caro Apolog. p.28. fine ec. Lett. 172. t.2. e se vuoi, anche il Galateo del Casa circa la stima ch’allora si faceva di tanto poeta.

Per le quali considerazioni e confronti, sebbene la lingua italiana di questo secolo sia bruttissima e pessima per ragioni e qualità indipendenti dalla purità e dal barbarismo, cioè perchè povera, monotona, impotente, fredda, inefficace, smorta, inespressiva, impoetica, inarmonica ec. ec. nondimeno ardisco dire che se gli scrittori barbari della moderna Italia, arriveranno ai posteri, quando la lingua italiana sarà già in qualunque modo mutata dalla presente, e se [2518]la prevenzione (che influisce moltissimo sopra il senso dell’eleganza e del bello in ogni cosa) e il giudizio del secol nostro non avrà troppa forza ne’ futuri, come non l’ha in noi il giudizio de’ cinquecentisti, questa nostra barbara lingua, si stimerà elegante, e piacerà, perchè divenuta già pellegrina, e forse il Cesarotti ec. passerà per modello d’eleganza di lingua.

Finalmente non è ella cosa conosciutissima che alla poesia non solo giova, ma è necessario il pellegrino delle parole delle frasi delle forme (niente meno che delle idee), per fare il suo stile elegante e distinto dalla prosa? Non lo dà per precetto Aristotele? (Caro, Apolog. p.25.). Il poetico della lingua non è quasi il medesimo che il pellegrino? O certo il pellegrino non è una qualità poetica nella lingua, e non serve di sua natura a poetichizzare il linguaggio e lo stile? Or ditemi se nelle poesie italiane d’oggidì si può trovar cosa più [2519]prosaica delle voci, frasi ec. forestiere? se più triviale, più ordinaria, in somma più decisamente impoetica e più distruttiva dell’eleganza del linguaggio, e in maggior contraddizione colla natura dello stil poetico? Tanto che, riuscendo sempre le dette voci e maniere, inelegantissime nella prosa, che pur è obbligata a minor eleganza, nella poesia riescono stomachevoli, e la cambiano affatto di poesia in cattiva prosa, onde osserva il Perticari (De’ 300isti), sebbene non con tutta verità, che il barbarismo insignorito delle prose italiane, pur non mise piede nelle poesie, come non ci potesse esser poesia con barbarismi. E questo perchè? essendo il pellegrino così proprio della poesia, ch’ella non ne può far senza? Perchè, torno a dire, se non perchè tali voci e frasi ec. forestiere, sono appunto le più volgari, giornaliere, correnti, usuali voci e maniere della nostra favella presente? e quindi distruttive del pellegrino? e se nuove nella scrittura o nella poesia, non [2520]nuove, anzi vecchie nell’uso volgare del discorso, e quindi distruttive della novità ch’è l’uno de’ principali pregi della lingua poetica? Laonde oggi sono eleganti le poesie scritte nella pura lingua italiana, e spesso anche in quella che una volta fu poco meno che trivialissima. Non per altro se non perchè quanto più sono italiane, tanto più dette poesie ci riescono pellegrine.

Concludo che il barbarismo è distruttivo dell’eleganza, sì della prosa, e sì massimamente della poesia (alla quale più si richiede il pellegrino), non come pellegrino, nè come semplicemente forestiero, e contrario alla purità (ch’è un nome astratto, e sempre variabile nella sua sostanza); ma per lo contrario, come distruttivo del pellegrino, e del nuovo, come volgare, come triviale, come quello che forma la parte più moderna, e quindi più corrente e ordinaria della favella. E che la purità è necessaria e giovevole all’eleganza, [2521]non in quanto purità, nè in quanto nazionale ec. (qualità alienissime dall’eleganza e dalla grazia), ma in quanto pellegrina e rara, e distinta dall’uso comune, e ritirata dal volgo, e diversa dalla favella giornaliera presente. (il che viene in somma a dire ch’ella non è più veramente purità, essendo bensì stata, ma non essendo più nazionale. E pure allora solamente viene in pregio la purità, quando ella non è più tale, cioè quando a volerla usare, non si usa la vera lingua nazionale corrente. Così lingua pura, è un abuso di parole, in vece di dire, lingua antica della nazione e degli scrittori nazionali.) V. p.2529.

Tutte le sopraddette osservazioni, e particolarmente quelle della pagina 2512. fine - 13. si debbono applicare alla teoria della grazia derivante da quello ch’è fuor dell’uso. Le cagioni dell’eleganza delle parole o modi sono eterne, ed eternamente le stesse. Ma niuna parola o frase ec. di niuna lingua, è perpetuamente elegante, [2522]per elegantissima che sia o che sia stata una volta, nè viceversa triviale ec.: neanche durando la stessa indole, genio, spirito, carattere, forma ec. di quella tal lingua. E non solo niuna parola o modo, ma niun genere o classe di parole o modi.

Spesso una parola è inelegante, o (se si tratta di verso) impoetica in un senso, ed elegante e poetica in un altro, solamente perchè in quello è volgare, e in questo no, o poco frequentemente usata. Come chi dicesse varii in poesia per diversi, parecchi, non peccherebbe contro la buona lingua, avendovene molti esempi, e fra gli altri del Tasso (Discorso sopra vari accidenti della sua vita), ma sarebbe poco elegante, per esser questo significato della detta parola molto volgare e familiare. Ma chi dicesse, come il Petrarca, VARIE di lingue e d’armi e de le gonne, o come Virgilio Mille trahit VARIOS adverso sole colores, non s’allontanerebbe punto dall’eleganza, per la ragione [2523]contraria. E notate ch’io non parlo solamente de’ sensi metaforici, i quali possono render poetica una voce usualissima, ed anche impoetichissima, ma parlo eziandio de’ significati propri, come dimostra l’addotto esempio, o de’ poco meno che propri. E quel che dico delle voci, dico delle frasi ec.

(29. Giugno, dì di San Pietro, mio natalizio. 1822.).

Ovidio descrive, Virgilio dipinge, Dante (e così proporzionatamente nella prosa il nostro Bartoli) a parlar con proprietà, non solo dipinge da maestro in due colpi, e vi fa una figura con un tratto di pennello; non solo dipinge senza descrivere, (come fa anche Virgilio ed Omero), ma intaglia e scolpisce dinanzi agli occhi del lettore le proprie idee, concetti, immagini, sentimenti.

(29. Giugno, 1822. dì di S. Pietro.)

Il giovane istruito da’ libri o dagli uomini e dai discorsi prima della propria esperienza, non solo si lusinga sempre e inevitabilmente [2524]che il mondo e la vita per esso lui debbano esser composte d’eccezioni di regola, cioè la vita di felicità e di piaceri, il mondo di virtù, di sentimenti, d’entusiasmo; ma più veramente egli si persuade, se non altro, implicitamente e senza confessarlo pure a se stesso, che quel che gli è detto e predicato, cioè l’infelicità, le disgrazie della vita, della virtù, della sensibilità, i vizi, la scelleraggine, la freddezza, l’egoismo degli uomini, la loro noncuranza degli altri, l’odio e invidia de’ pregi e virtù altrui, disprezzo delle passioni grandi, e de’ sentimenti vivi, nobili, teneri ec. sieno tutte eccezioni, e casi, e la regola sia tutto l’opposto, cioè quell’idea ch’egli si forma della vita e degli uomini naturalmente, e indipendentemente dall’istruzione, quella che forma il suo proprio carattere, ed è l’oggetto delle sue inclinazioni e desiderii, e speranze, l’opera e il pascolo della sua immaginazione.

(29. Giugno, dì di S. Pietro. 1822.)

[2525]Alla p.2516. marg. fine - e sempre scrisse (il Caro) nella propria lingua del suo secolo, non del trecento, e della sua nazione, non di sola Firenze. Or vedasi nell’esempio del Caro non Fiorentino, come era bella e graziosa questa lingua nazionale del cinquecento, ch’allora si disprezzava, e diceva il Salviati che bisognava scordarsene e lavarsene gli orecchi, nè più nè meno di quello che ci dicano oggi della nostra moderna. Certo è che nessun Fiorentino nè del trecento nè del 500 nè d’altro secolo scrisse mai così leggiadramente e perfettamente come scrisse il Caro Marchegiano e di piccola terra, tanto le cose studiate, quanto le non istudiate; vero apice della prosa italiana, e che anche oggidì, letto o bene imitato, è fresco e lontanissimo dall’affettazione la più menoma, come s’oggi appunto scrivesse. E notate che il Caro, tutto quello che scrisse, ebbe poco tempo di studiarlo, lasciando star le lettere, familiari, ch’egli scriveva anzi di malissima voglia, come dice [2526]spessissimo, e dice ancora: E delle mie (lettere) private io n’ho fatto molto poche che mi sia messo per farle (cioè con istudio), e di pochissime ho tenuta copia (lett. 180. vol.2. al Varchi.) Dal che si vede che quello stile e quella lingua gli erano naturali, e sue proprie, non altrui, cioè proprie del suo secolo e della sua nazione, benchè da lui modificate secondo il suo gusto, e benchè si professi molto obbligato nella lingua a Firenze, scrivendo al Fiorentino Salviati. (lett. ult. cioè 265. fine, vol.2.). Vedi ancora quel ch’egli dice del poco studio e impegno con cui tradusse l’Eneide, la Rettor. d’Aristot. le Oraz. del Nazianz. Tutte opere, che siccome le lettere familiari (e forse queste anche più della Rettor. e delle Oraz.) ci riescono pur contuttociò di squisita e quasi inimitabile eleganza.

(29. Giugno, dì di S. Pietro. 1822.)

Toçw d¢ (xÅrouw) ¦xontaw ¤pÛdosin, (agros qui incrementum nullum haberent, cioè così ben coltivati già quando si comprano, che non si [2527]possano far migliori) oçd¢ ²donŒw õmoÛaw ¤nñmize par¡xein:ŽllŽp•n xt°ma kaÜ Jr¡mma tò b¡ltion Þòn toèto kaÜ eéfraÛnein m‹lista Õeto. Dice queste cose Iscomaco di suo padre, il quale non voleva che si comprassero fondi ben coltivati, ma trascurati dal possessore, e le dice a Socrate presso Senofonte Del governo della casa, cap.20. §.23. Così tutto il piacere umano consiste nella speranza e nell’aspettativa del meglio, e posseduto non è piacere, e quello stato che non si può migliorare, benchè ottimo e desideratissimo per se, è sempre infelicissimo, come fu presso a poco quello d’Augusto divenuto padrone di tutto il mondo, e malcontento com’egli s’espresse.

(29. Giugno 1822.)

Ho discorso altrove di quello che si suol dire, ch’ogni proposizione ha due aspetti, e dedottone che ogni verità è relativa. Notate che ogni proposizione, ogni teorema, ogni oggetto di speculazione, ogni cosa ha non solo [2528]due ma infinite facce, sotto ciascuna delle quali si può considerare, contemplare, dimostrare e credere con ragione e verità. E in tanto si dice che n’abbia due, in quanto d’ogni proposizione si può dir pro e contra, dimostrarla vera e falsa, e sostenere così la tal proposizione, come la sua contraria. E ogni proposizione e verità sussiste e non sussiste in quanto al nostro intelletto, e anche per se. E d’ogni cosa si può affermar questo o quest’altro, e parimente negarlo. Il che più vivamente e dirittamente dimostra come non sussiste verità assoluta.

(29. Giugno, 1822. dì di S. Pietro e mio natalizio.)

Alla p.2496. fine. Finchè si fa conto de’ piaceri, e de’ propri vantaggi, e finchè l’uso, il frutto, il risultato della propria vita si stima per qualche cosa, e se n’è gelosi, non si prova mai piacere alcuno. Bisogna disprezzare i piaceri, contar per nulla, per cosa di niun momento, e indegna di qualunque riguardo e custodia, i propri vantaggi, quelli della gioventù, e se stesso; considerar [2529] la propria vita gioventù ec. come già perduta, o disperata, o inutile, come un capitale da cui non si può più tirare alcun frutto notabile, come già condannata o alla sofferenza o alla nullità; e metter tutte queste cose a rischio per bagattelle, e con poca considerazione, e senza mai lasciarsi cogliere dall’irresoluzione neanche nei negozi più importanti, nemmeno in quelli che decidono di tutta la vita, o di gran parte di essa. In questo solo modo si può goder qualche cosa. Bisogna vivere eik», témere, à l’ hasard, alla ventura.

(30. Giugno. 1822.). V. p.2555.

Alla p.2521. La conchiusione e la somma del discorso si è che in qualunque tempo e in qualunque letteratura è piaciuta una lingua diversa dalla presente nazionale parlata, per bonissima, utilissima e bellissima che questa fosse: e non s’è mai giudicata elegante la scrittura composta delle voci e de’ modi ordinari in quel tempo e correnti [2530]effettivamente nella nazione, per purissimi che questi fossero. E questa (bench’altre ancora ve n’abbia) è l’una delle principali cagioni per cui non piace, e si disapprova e si biasima e riesce inelegante nelle scritture la presente lingua della nostra nazione, e si richiama la nostra lingua antica. Con ragione, benchè non sia molto ragionevole il richiamarla come pura, chè nè essa era pura, nè la purità è un pregio necessario ed appartenente all’essenza dello scriver bene, e molte volte non è possibile, e in fine è piuttosto un nome che una cosa, non potendosi mai definir questa purità, nè trovar precisamente quel che sia la purità di una tal lingua individua, anzi non esistendo essa mai, perchè tutte le lingue sono composte di voci, modi ec. presi più o meno ab antico da molte e varie altre lingue. E non potendosi neppur circoscrivere la così detta [2531]purità dentro i termini dell’uso nazionale, perchè se ciò fosse, tutte le nazioni in tutti i tempi parlerebbero puramente, e tutti gli scrittori seguendo la lingua del tempo loro, scriverebbero puramente, massime conformandosi alla parlata, e non esisterebbe il contrario della purità, cioè l’impurità, perchè nessuna lingua in nessun tempo sarebbe mai impura, benchè tutta composta da capo a piedi di barbarismi. Sicchè resta che per lingua pura s’intenda come suo preciso sinonimo la lingua antica di una nazione, cioè quella lingua composta per la più parte di voci e modi venuti di fuori, che dagli antichi fu parlata e scritta. E in particolare quella che fu contemporanea della miglior letteratura e coltura nazionale, e in somma quella che fu il risultato, non già dell’abbozzo (ch’ebbe la lingua italiana da’ 300isti) ma del perfezionamento dato alla lingua [2532]nazionale, e massime alla scritta, dagli scrittori e letterati nazionali nel tempo in cui maggiormente e precisamente fiorì la letteratura e coltura nazionale, che fu per noi il 500.

Richiamare questa tal lingua, non pura, propriamente parlando, ma antica, e non come pura, ma come antica, richiamarla, dico, nella letteratura, è, come ho detto, ragionevole, ed autorizzato dall’esempio dell’altre nazioni antiche e moderne. Ed è ragionevole sì per li suoi pregi intrinseci e indipendenti dalle circostanze, e per la miseria e bruttezza propria assoluta e indipendente della nostra lingua moderna; sì per quello che ho dedotto dal precedente discorso, cioè che una lingua nazionale usitata e parlata presentemente non può mai riuscire elegante nelle scritture, quando anche, in se, fosse ottima e bellissima.

Potranno oppore a quest’ultima proposizione, e al mio precedente discorso, che gli [2533]scrittori classici del 500 ebbero gran fama ed onore, e piacquero anche al tempo loro, quando anche scrivessero appunto nella lingua nazionale usitata e parlata a quel tempo. Rispondo.

1.   La maggior fama degli scrittori del 500 fu a que’ tempi, come verseggiatori, e specialmente lirici, e questi ognun sa ch’erano servili imitatori del Petrarca, e quindi del 300, e si veda nell’Apologia del Caro, la misera presunzione ch’avevano di scrivere come il Petrarca, e che non s’avessero a usar parole o modi non usati da lui, come anche nelle prose volevano restringer la lingua a quella sola del Boccaccio, e siamo pur lì. Certo è, nè per chiunque è pratico dello spirito che governava la repubblica nostra letteraria nel 500, è bisogno di molte parole a dimostrargli, che l’apice della letteratura, e quello a cui nondimeno aspiravano [2534]tanto gl’infimi quanto i sommi, era la lirica Petrarchesca, cioè 300istica, e non 500istica. E gli scrittori più grandi in ogni altro genere o prosaico o poetico, divenivano famosi principalmente pe’ loro sonetti e canzoni petrarchesche che si divulgavano come un lampo per l’Italia, si trascrivevano subito, si domandavano, erano il trattenimento delle Dame, e queste ne chiedevano ai letterati, e i letterati se ne chiedevano scambievolmente, e ne ricevevano e restituivano con proposte e risposte ec. E senza questi versi difficilmente s’arrivava alla riputazion di letterato. Osservate, per non allontanarmi dall’esempio più volte addotto, il Caro, le cui rime sono la sola cosa che di lui non si legga più. Aveva il Caro grandissima fama, ma dalle sue lettere vedrete che questa riposava essenzialmente e soprattutto nell’opinion ch’egli avea di poeta (che nol fu mai), e [2535]tutto il restante suo merito letterario, s’aveva in lui, come in tutti gli altri, per mero accessorio. E fu stimato gran poeta, non già per l’Eneide, ch’oggi s’ammira, e si ristampa, ch’è scritta in istile e lingua propria del suo tempo, benchè abbellita al suo modo, e arricchita di

latinismi. Questa fu opera postuma e non levò molto grido nel 500. Il Caro fu creduto un sommo letterato perchè sapeva rimare alla Petrarchesca, e giudicar di tali pretese poesie. E la sua famosa Canzone fu strabocchevolmente ammirata (ed oggi non s’arriva a poterla legger tutta) perchè si disse che il Petrarca non l’avrebbe scritta altrimenti. (Caro, Apolog. p.18.). E chi non sa l’inferno che cagionò in Italia, e come nella disputa di quell’impiccio petrarchesco ci prese parte tutta la nazion letterata, considerandola come affar di tutta la letteratura? Fatto sta che le maravigliose prose del Caro, benchè stimate, [2536]non furono già ammirate nel 500 (quanto alla lingua). Ed è certo che la lingua del Caro, come l’immaginazione e l’ingegno di Dante, son venute principalmente in onore, e riposte nel sommo luogo che meritano, in questo e sulla fine del passato secolo. Il che, di Dante, si vede anche fra gli stranieri. E quanto a lui, ciò si deve al perfezionamento de’ lumi, e del gusto, e della filosofia, e della teoria dell’arti, e del sentimento del vero bello. Quanto al Caro, ciò viene in gran parte da circostanze materiali.

2.   Le prose italiane ch’ebbero fama nel 500, l’ebbero per l’una di queste cagioni. 1° Per essere scritte alla Boccaccevole (e quindi fuor dell’uso di quel secolo), come sono l’Arcadia del Sannazzaro nelle prose, le prose del Bembo, e tutte quelle del Casa, tolte le lettere. E notate che questi prosatori e i loro simili furono appunto i [2537]più stimati in quel secolo (al contrario del nostro), e dati per modello. Il che dimostra ad evidenza che il gusto del cinquecento nella lingua era quello ch’io dico, che s’apprezzava come elegante una lingua diversa dalla loro, e che sempre si disprezza la lingua attualmente corrente nella nazione, per bellissima ed ottima ch’ella sia.

2° Per lo stile, per la imitazione de’ classici latini o greci indipendentemente dalla lingua. Questo studio era comune ai buoni prosatori (come anche poeti) del 500. Ed avendosi allora gran gusto e inclinazione per il classico, si stimavano e ricercavano le prose scritte nello stile e ad imitazione e colle forme degli antichi classici, benchè la lingua non piacesse gran fatto. E questa è una delle ragioni per cui si faceva conto anche delle lettere più familiari, e d’ogni bagattella, e schediasma, anche degli scrittori non celebri, con tutto che fossero scritte nella lingua del [2538]secolo, e si raccoglievano con diligenza che ora sarebbe ridicola, e si stampavano ec. benchè di niunissima importanza nelle cose. Perocchè quasi tutti, o certo moltissimi scrivevano allora in buono stile, essendo divulgatissimo lo studio de’ veri classici. Di più questo medesimo, benchè spettasse allo stile, pur essendo così strettamente uniti lo stile e la lingua, dava alle prose (come anche alle poesie) del 500. un sapor d’eleganza indipendente dalla lingua in se.

3° Perchè molti (e questo fu vero e principal pregio del cinquecento, ed a cui fu dovuto il perfezionamento della nostra lingua) si studiavano anche di accostare e di modellare non solo lo stile, ma anche la lingua italiana, sulla latina e greca, in quanto lo potea comportare la sua natura. Questo fu comune alla massima parte de’ veri buoni scrittori del cinquecento, massime prosatori. E questo li rendeva eleganti anche presso i contemporanei. [2539]Ma questa eleganza veniva non da altro che dal pellegrino, (cioè dal latino e dal greco) benchè quegli scrittori volessero piuttosto perfezionare, accostare al latino o al greco, render classica la lingua del loro secolo, che quella del 300, parlassero, come facevano, e bene, più da 500isti, che da 300isti, più da moderni che da antichi italiani; usassero la lingua viva e non la morta, le parole moderne più che le antiche, e insomma innestassero il latino e il greco nella lingua del 500, e non del 300, e però l’eleganza loro non venisse dall’uso dell’antico italiano, nè dalla così detta purità, quantunque oggi per noi sieno purissimi. Ma tali non erano allora per li pedanti, i quali chiamavano corrotto e barbaro quel che non era del 300, proibivano il latinismo anche più di quello che facciano i pedanti oggidì, poichè s’ardivano di chiamar barbara ogni voce latina che non fosse stata usata [2540]dagli antichi, anzi dal Boccaccio o dal Petrarca, per convenientissima che fosse all’italiano, e anche nello stile, e nella composizione della dicitura, volevano piuttosto o quella del Boccaccio o del Petrarca o quella degl’ignoranti non iscrittori ma scrivani del 300, che quella de’ classici latini e greci. (V. le opposizioni del Castelvetro alla canzone del Caro, e l’Apol. del Caro).

4° Si stimavano le prose (o le poesie) del 500, per le cose, per l’immaginazione, invenzione, concetti, sentenze, scoperte o dottrine scientifiche, ec. erudizione ec. ec. benchè la lingua non piacesse, essendo pur la pura e vera lingua corrente di quel secolo. Onde per noi tali scrittori riescono purissimi ed elegantissimi perchè antichi. Ma corrotti si stimavano allora, e negletti, e di niun conto in somma nella lingua. E la pura lingua del 500, quella che si dimostra pienamente nelle lettere familiari di [2541]quel secolo, scritte a penna corrente, e ch’è ricchissima potentissima ec. e per noi purissima ed elegantissima e spesso tanto più pura e graziosa quanto è più propria del secolo, e più naturale, si chiamava allora decisamente corrotta, e si deplorava, anche da’ veri letterati la degenerazione della lingua italiana, non per altro se non perchè non era più quella propriamente del 300, benchè dopo la corruzione del 400, fosse risorta più bella e potente di prima, il che affermo a chiunque ne conosca le intime qualità, e le vaste e riposte ricchezze e facoltà della propria lingua del 500. Lascio star che questa è regolata, e quella del 300 va dove e come vuole, e non se ne cava il costrutto, e per lo più bisogna indovinarne il senso. Del resto questi tali scrittori di lingua stimata allora cattiva e impura, e dispregiata, e condannata, s’apprezzavano anche allora per le cose, [2542]se in queste avevano merito, come accade proporzionatamente ai nostri moderni, indipendentemente dalla lingua, dalla purità e dall’eleganza.

5° Ognuno de’ dialetti nazionali, fuori del suo distretto, è forestiero nella stessa nazione. Gran parte de’ cinquecentisti, toscani o no, prosatori o poeti, scrivevano, com’è noto, nel dialetto toscano, o se non altro n’infioravano i loro scritti. Con ciò erano stimati eleganti. Ma benchè scrivessero nel dialetto toscano del tempo loro, quest’eleganza, presso tutti i lettori non toscani, veniva anch’essa dal pellegrino. Ed anche presso i toscani veniva dal pellegrino, a causa che trasportandosi nelle scritture voci e modi popolari e perciò insoliti ad essere scritti, questi riuscivano straordinarii anche per li toscani, non in se ma nelle scritture. Ed ho spiegato altrove come anche la familiarità nello scrivere, e le voci e modi ordinari, riescano eleganti, [2543]non come ordinarii, anzi come straordinarii e pellegrini nella scrittura ordinata, studiata, civile (politik¯), e colta. E ciò massimamente nella poesia, dove molti adoperavano il volgare toscano, anche in poesia non burlesca, come fa il Firenzuola ec. In somma lo stesso linguaggio popolare molte volte dà eleganza agli scritti, perciò appunto ch’essendo popolare, non è domestico collo scriver de’ letterati, e vi riesce pellegrino. Aggiungi che a gran parte degli stessi lettori toscani (naturalmente non plebei) riuscivano e riescono nuove o poco familiari molte voci de’ loro o d’altri scrittori, tolte dalla lingua del loro popolo. Del resto l’eleganza derivante dall’uso del dialetto toscano nel colto scrivere, talvolta è minore per li toscani come poco pellegrina, o come triviale; talvolta maggiore, come non troppo pellegrina, nè tanto straordinaria che degeneri in disconveniente, affettato ec. siccome spesso fa per gli altri italiani. I toscani accusano il Botta fiorentinizzante nella sua storia, come troppo triviale e pedestre, e insomma inelegante. E in genere l’eleganza ch’essi ne sentono, e [2544]quella che deriva dal familiare, dal popolare ec. nel colto scrivere, è d’un altro sapore e d’un’altra qualità dall’eleganza ch’è prodotta dall’assoluto pellegrino: non essendo pellegrino per chi legge, il familiare e il popolare, se non relativamente, cioè rispetto alla colta scrittura.

(30. Giugno - 2. Luglio. 1822.)

Quello ch’altrove ho detto del modo che in greco si chiama la malattia, cioè debolezza (ŽsJ¡neia), si deve anche dire del latino, infirmitas, infirmus. (4. Luglio. 1822.). Così anche languor ec.

Della vita e condizione d’Omero ogni cosa è nascosta. E pure in questa universale ignoranza, una tradizione antichissima ed universale e perpetua si mantiene, e tutti, che tutto ignorano intorno a lui, questo solo n’affermano ed hanno per certo, che fosse povero e misero. Così la fama non ha voluto che si dubiti, nè che resti nel puro termine di congettura che il primo e il sommo de’ [2545]poeti incontrasse la sorte comune di quelli che lo seguirono. Ed ha confermato coll’esempio dell’Žrxhgòw di questa infelice famiglia, che qualunque è d’animo veramente e fortemente poetico (intendo ogni uomo di viva immaginazione e di vivo sentimento, scriva o no, in prosa o in verso) nasce infallibilmente destinato all’infelicità.

(4. Luglio 1822.)

Gli uomini semplici e naturali sono molto più dilettati e trovano molto più grazioso il colto, lo studiato e anche l’affettato che il semplice e il naturale. Per lo contrario non v’è qualità nè cosa più graziosa per gli uomini civili e colti che il semplice e il naturale, voci che nelle nostre lingue e ne’ nostri discorsi sono bene spesso sinonime di grazioso, e confuse con questa, come si confonde la grazia colla naturalezza e semplicità, credendo che sieno essenzialmente, e per natura, e per se stesse, [2546]qualità graziose. Nel che c’inganniamo. Grazioso non è altro che lo straordinario in quanto straordinario, appartenente al bello, dentro i termini della convenienza. Il troppo semplice non è grazioso. Troppo semplice sarà una cosa per li francesi, e non lo sarà per noi. Lo sarà anche per noi, e con tutto questo sarà ancora al di qua del naturale. (Tanto siamo lontani dalla natura, e tanto ella ci riesce straordinaria). Viceversa dico del civile rispetto ai selvaggi, naturali, incolti ec. Del resto possiamo vedere anche nelle nostre contadine che sono molto poco allettate dal semplice e dal naturale, o per lo meno sono tanto allettate dal nostro modo artefatto, quanto noi dalla loro naturalezza, o reale, o dipinta ne’ poemi ec.

(4. Luglio 1822.)

Le Dee e specialmente Giunone, è chiamata spesso da Omero boÇpiw (boÅpidow) [2547]cioè ch’ha occhi di bue. La grandezza degli occhi del bue, alla quale Omero ha riguardo, è certo sproporzionata al viso dell’uomo. Nondimeno i greci intendentissimi del bello, non temevano di usar questa esagerazione in lode delle bellezze donnesche, e di attribuire e appropriar questo titolo, come titolo di bellezza, indipendentemente anche dal resto, e come contenente una bellezza in se, contuttochè contenga una sproporzione. E in fatti non solo è bellezza per tutti gli uomini e per tutte le donne (che non sieno, come sono molti, di gusto barbaro) la grandezza degli occhi, ma anche un certo eccesso di questa grandezza, se anche si nota come straordinario, e colpisce, e desta il senso della sconvenienza, non lascia perciò di piacere, e non si chiama bruttezza. E notate che non così accade dell’altre parti umane alle quali conviene esser grandi (lascio l’osceno che appartiene ad [2548]altre ragioni di piacere, diverse dal bello): nè i poeti greci, nè verun altro poeta o scrittore di buon gusto, ha mai creduto che l’esagerazione della grandezza di tali altre parti fosse una lode per esse, e un titolo di bellezza, come hanno fatto relativamente agli occhi. Dalle quali cose deducete

1°. Quanto sia vero che gli occhi sono la principal parte della sembianza umana, e tanto più belli quanto più notabili, e quindi quanto più vivi. E che in essi veramente si dipinge la vita e l’anima dell’uomo (e degli animali); e però quanto più son grandi, tanto maggiore apparisce realmente l’anima e la vitalità e la vita interna dell’animale. (Nè quest’apparenza è vana.) Per la qual cosa accade che la grandezza loro è piacevole ancorchè sproporzionata, indicando e dimostrando maggior quantità e misura di vita. 2°. Quanta [2549]parte di quella che si chiama bellezza e bruttezza umana sia indipendente ed aliena dalla convenienza, e quindi dalla propria teoria del bello. Giacchè, come accade nel nostro caso, anche quello ch’è sproporzionato e fuor della misura ordinaria, piace a causa dell’inclinazione ch’ha l’uomo alla vita, e si chiama bello. Ma di questo bello è cagione, non già la convenienza, ma la detta inclinazione e qualità umana indipendente dalla convenienza, e in dispetto della convenienza, e quindi del vero, proprio e preciso bello.

(4. Luglio. 1822.)

La quistione se il suicidio giovi o non giovi all’uomo (al che si riduce il sapere se sia o no ragionevole e preeleggibile), si ristringe in questi puri termini. Qual delle due cose è la migliore, il patire o il non patire? Quanto al piacere è cosa certa, [2550]immutabile e perpetua che l’uomo in qualunque condizione della vita, anche felicissima secondo il linguaggio comune, non lo può provare, giacchè, come ho dimostrato altrove, il piacere è sempre futuro, e non mai presente. E come, per conseguenza, ciascun uomo dev’essere fisicamente certo di non provar mai piacere alcuno in sua vita, così anche ciascuno dev’esser certo di non passar giorno senza patimento, e la massima parte degli uomini è certa di non passar giorno senza patimenti molti e gravi, ed alcuni son certi di non passarne senza lunghissimi e gravissimi (che sono i così detti infelici; poveri, malati insanabili, ec. ec.). Ora io torno a dimandare qual cosa sia migliore, se il patire o il non patire. Certo il godere, fors’anche il godere e patire sarebbe meglio del semplice non patire, (giacchè la natura e l’amor proprio ci spinge e trasporta tanto verso il godere, che c’è più grato il godere e patire, del non essere e non patire, e non essendo non poter godere) ma il godere essendo impossibile all’uomo, resta escluso necessariamente e per natura [2551]da tutta la quistione. E si conchiude ch’essendo all’uomo più giovevole il non patire che il patire, e non potendo vivere senza patire, è matematicamente vero e certo che l’assoluto non essere giova e conviene all’uomo più dell’essere. E che l’essere nuoce precisamente all’uomo. E però chiunque vive (tolta la religione), vive per puro e formale error di calcolo: intendo il calcolo delle utilità. Errore moltiplicato tante volte quanti sono gl’istanti della nostra vita, in ciascuno de’ quali noi preferiamo il vivere al non vivere. E lo preferiamo col fatto non meno che coll’intenzione, col desiderio, e col discorso più o meno espresso, più o meno tacito ed implicito della nostra mente. Effetto dell’amor proprio ingannato come in tante altre cattive elezioni ch’egli fa considerandole sotto l’aspetto di bene, e del massimo bene che gli convenga in quelle tali circostanze.

[2552]Che poi l’uomo debba esser certo di non passar giorno senza patimento, il che potrebbe parere una parte non abbastanza provata in questo mio ragionamento, lasciando stare i mali e dolori accidentali che intervengono inevitabilmente a tutti gli uomini, si dimostra anche dalla medesima proposizione la quale afferma che l’uomo dev’esser certo di non provar piacere alcuno in sua vita. Perocchè l’assenza, la mancanza, la negazione del piacere al quale il vivente tende come a suo sommo ed unico fine, perpetuamente, e in ciascuno istante, per natura, per essenza, per amor proprio inseparabile da lui; la negazione, dico, del piacere il quale è la perfezione della vita, non è un semplice non godere, ma è un patire (come ho dimostrato nella teoria del piacere): perocchè l’uomo e [2553]il vivente non può esser privo della perfezione della sua esistenza, e quindi della sua felicità, senza patire, e senza infelicità. E tra la felicità e l’infelicità non v’è condizione di mezzo. Quella è il fine necessario, continuo e perpetuo di tutti gli atti esterni ed interni, e di tutta la vita dell’animale. Non ottenendolo, l’animale è infelice; e questo in ciascuno di quei momenti, nei quali desiderando il detto fine, ossia la felicità, infinitamente, come fa sempre, non l’ottiene e n’è privo, come lo è sempre. E però l’uomo dev’esser fisicamente certo di non passar, non dico giorno, ma istante, senza patire. E tutta la vita è veramente, per propria natura immutabile, un tessuto di patimenti necessarii, e ciascuno istante che la compone è un patimento.

Di più l’uomo dev’esser certo di provare in vita sua più o meno, maggiori [2554]o minori, ma certo gravi e non pochi di quei patimenti accidentali che si chiamano mali, dolori, sventure, o che provengono dai vari desiderii dell’uomo ec. E quando anche questi non dovessero comporre in tutto se non la menoma parte della sua vita, (com’è certo che ne comporranno la massima), essendo egli d’altra parte certissimo di passar tutta la vita senza un piacere, la quistione ritorna a’ suoi primi termini, cioè se essendo meglio il non patire che il patire, e non potendosi vivere senza patire, sia meglio il vivere o il non vivere. Un solo, anche menomo dolore riconosciuto per inevitabile nella vita, non avendo per controbilancio neppure un solo e menomo piacere, basta a far che l’essere noccia all’esistente, e che il non essere sia preferibile all’essere.

Tutto questo essendo applicabile ad [2555]ogni genere di viventi in qualunque loro condizione (niuno de’ quali può esser felice, e quindi non essere infelice, e non patire) e d’altronde posando sopra principii e fondamenti quanto profondi altrettanto certissimi, e immobili, ed essendo esattissimamente ragionato e dedotto, e strettamente conseguente, serva a far conoscere la distruttiva natura della semplice ragione, della metafisica, e della dialettica, in virtù delle quali tutto il mondo vivente, dovrebb’esser perito, per volontà e per opera propria, poco dopo il suo nascere.

(5. Luglio 1822.)

Alla p.2529. Finchè il giovane conserva della tenerezza verso se stesso, vale a dire che si ama di quel vivo e sensitivissimo e sensibilissimo amore ch’è naturale, e finchè non si getta via nel mondo, considerandosi, dirò quasi, come un altro, non fa mai nè può far altro che patire, e non gode mai un istante di bene e di piacere nell’uso e negli accidenti della vita sociale. (6. Luglio. 1822.). A goder della vita, è necessario uno stato di disperazione.

[2556]Il grand’uso che gl’italiani (forse anche gli spagnuoli e i francesi) fanno della preposizione compositiva di o dis nel senso negativo (come disamore, disfavorire; e per apocope in questo e mill’altri casi, sfavorire; disutile, e mill’altre da formarsi anche a piacere: v. la Crusca), essendo molto poco e scarso nel latino scritto (come in dispar dissimilis discalceatus dove il dis nega: v. il Forcell. in di), e d’altra parte non significando niente in italiano, in francese in ispagnuolo la detta preposizione per se (la quale sembra venire dal greco dçw usata come in dus¡rvw, dusvpÛa, dustux¯w), par che dimostri d’essere stato molto più comune nel latino volgare di quello che nello scritto, e d’aver tenuto il luogo di vera particella negativa, così frequente e manuale nella composizione come la greca a privativa, e come lo è la detta particella presso di noi ad arbitrio del parlatore o scrittore che ha bisogno d’un [2557]qualunque composto che dica il contrario di quel che dice la tale o tal altra radice italiana. Del resto il dis latino nelle parole dissimilis, dispar, secondo me, ha più tosto una tal qual forza disgiuntiva, che veramente negativa. E in discalceatus, discingo ec. io credo che propriamente abbia piuttosto la forza del greco Žpò in composizione (come qui appunto Žpozvnnæv discingo), e del latino ex pure in composizione, (come appunto excalceatus ch’è lo stesso), di quello che la vera forza privativa del greco a che tiene presso di noi, sebbene discalceatus ec. passò poi a significar privativamente senza scarpe. E forse in questa maniera, cioè dalla forza di Žpò, e di ex composti, passò la particola dis presso di noi, al significato assoluto di privazione o negazione. Ma vedendosi p.e. dalla voce discalceatus (e v. il Forcell. [2558]in Dis...) che questo passaggio l’avea fatto la detta preposizione anche fra gli antichi latini, si dimostra quel ch’io dissi da principio, cioè che il suo uso negativo o privativo, così frequente e familiare come nel latino scritto non si trova, ci dev’esser venuto dal latino volgare.

(9. Luglio 1822.). V. p.2577.

Quanto gli uomini sieno allontanati dalla vera loro natura, dalle qualità e distintivi destinati alla loro specie, l’osservo anche nella gran differenza fisica che s’incontra fra gli uomini da individuo a individuo. Lascio i mostri, difettosi ec. dalla nascita, o dopo la nascita, che sono infiniti presso gli uomini; e fra qualunque genere d’animali appena se ne troverà uno per mille dei nostri, in proporzione della numerosità della specie: anche escludendo affatto quelli che tra gli uomini hanno contratto imperfezioni fisiche, per cause accidentali, visibili, [2559]e se non facili, almeno possibili ad evitarsi. Lascio gli Etiopi, gli Americani che non avevano barba, certe differenze di costruzione negli Ottentotti, i Patagoni (se ve n’ha), i Lapponi (che forse nascono e vivono in un clima non destinato dalla natura alla specie umana, come a tante altre specie d’animali, piante ec. ha negato questo o quel clima, o paese ec. o tutti i climi e paesi, fuorchè un solo.). Tutto ciò si potrà considerare come differenze delle varie specie tra loro, dentro uno stesso genere, nel modo che p.e. il genere dei cani ha diversissime specie, e diverse o in uno stesso clima, e paese, o in diversi climi destinati a tale o tal altra di esse ec.

Ma che in un medesimo clima, in un medesimo paese, da due medesimi genitori, nascano dei figli così differenti fisicamente, come accade tra gli uomini, che [2560]di due concittadini, di due fratelli, l’uno sarà p.e. di statura gigantesca, e di temperamento robustissimo, l’altro fiacchissimo e piccolissimo; e che questo accada indipendentemente da ogni causa visibile, o accidentale, o amovibile; che accada nonostante una medesimissima educazione ed esercizio fisico; che accada e resti manifestamente determinato fin dalla nascita dell’uno e dell’altro: questo, dico io, in qual altra specie d’animali si trova? Specie, dico, e non genere, perchè p.e. diverse specie di cani sono diversissime di grandezza, ma non così gl’individui di ciascuna d’esse specie fra se stessi, neppur pigliandoli da diverse famiglie, da diverse patrie, da diversi paesi, da diversi climi.

E fermandomi e ristringendomi alla differenza che passa fra le proporzioni fisiche degl’individui umani, io dico che i [2561]due estremi di questa differenza sono così lontani, che niun’altra specie d’animali, considerata nelle stesse circostanze di famiglia, patria, clima ec. offre di grandissima lunga due individui così differenti di grandezza come sono gl’individui umani tutto giorno, e massimamente pigliandoli da’ due sopraddetti estremi.

Certo è che la natura a ciascuna specie d’animali (come anche di piante ec.) ha assegnato certe proporzioni nè tanto strette che l’uno individuo sia precisamente della misura dell’altro, nè tanto larghe che non si possa quasi definir nemmeno lassamente la grandezza propria degl’individui di quella specie. Ora di qualunque specie d’animali vi discorra un naturalista, ve ne dirà presso a poco la grandezza, e qualunque individuo voi ne veggiate, corrisponderà, o si [2562]discosterà poco da quella, e in somma la misura della grandezza sarà sempre per voi una qualità distintiva di quella specie d’animali, e pigliandola a un dipresso, (tanto più a un dipresso quanto la loro grandezza specifica è maggiore assolutamente) non t’ingannerà mai. Poniamo anche caso che d’una specie tu non abbia veduto se non un solo individuo, e che questo sia l’estremo o della grandezza o della piccolezza della specie. Ancorchè tu ti formi l’idea della grandezza di quella specie sopra quel solo individuo, vedendone poi degli altri, non ti trovi ingannato gran cosa, nè sproporzionatamente lontano dalla tua idea, nè per causa della differente grandezza (purchè siano in fatto della medesima specie), ti accade di non riconoscerli per individui di quella tale specie, o di dubitare che non lo sieno. E ciò quando anche fossero gli estremi contrari del primo individuo da te veduto.

[2563]Questo pensiero, considerate ben le cose, trovo che non è vero, e però lo lascio a mezzo. La differenza delle proporzioni fisiche tra gl’individui umani, ci par maggiore che nell’altre cose, per le ragioni ch’ho detto altrove. Ma in realtà non è maggiore nè sproporzionata relativamente, e n’esiste altrettanta fra gli altri individui animali, in proporzione della loro maggiore o minor grandezza specifica, e parlando sempre, come si deve, a un dipresso: benchè in essi animali non ci dia così nell’occhio e non ci paia tanta. Ma colla misura facilmente si scopre che la detta differenza negli animali è maggiore, e negli uomini è minore ch’a noi non sembra.

(9-10. Luglio 1822.)

L’uomo non è perfettibile ma corrottibile. Non è più perfettibile ma più corrottibile degli altri animali. È ridicolo, ma contuttociò è naturale, che la nostra corrottibilità, e degenerabilità, e depravabilità, sia [2564]stata presa, e si prenda a tutta bocca da’ più grandi e sottili e perspicaci e avveduti ingegni e filosofi per perfettibilità.

(10. Luglio 1822.)

Per lo più noi riconosciamo alla sola voce anche senza vederle le persone da noi conosciute, per moltiplici che siano le nostre conoscenze, per minima che sia la diversità di tale o tal altra voce da un’altra, per pochissimo che noi abbiamo praticata quella tal persona, o praticatala pure una sola volta. Non così ci accade nelle voci degli animali, nelle quali, neppure avvertitamente pensandoci, sappiamo riconoscer differenza tra molti individui d’una stessa specie, o riconosciutane, non ci resta in mente. Anche, con difficoltà riconosciamo le voci, p.e. in paese forestiero di lingua, o dialetto, pronunzia ec., e le confondiamo spesso; almeno a principio. L’ho osservato in me. Effetti dell’assuefazione, dell’attenzione parziale e minuta ec. da riferirsi a quei pensieri dove ho portato altri esempi simili.

(11. Luglio. 1822.)

[2565]Noi abbiamo oscuro da obscurus, e scuro. Obscurus è certo un composto, come dimostra la preposizione ob. Tolta la quale resta scurus. Che questa voce esistesse una volta, non si può dubitare, dovendo esistere il semplice prima del composto. V. il Forcell. Obscurus, principio. Ma questa voce ignota presso i latini, si conserva nell’italiano. E questa medesima è una prova ch’esistesse, come viceversa le cose dette sono una prova che la nostra voce sia antica, e venutaci col volgare latino. Osservate se credeste che scuro fosse fatto per apocope volgare da oscuro, che l’apocope dell’o iniziale, per quello che mi pare, non è punto in uso nel nostro popolo.

(12. Luglio 1822.)

Ho notato, mi pare, in Floro, il quoque messo innanzi alla voce da cui dipende. Vedilo similmente nella Volgata Gen. 12. v.8. confrontando questo versetto col precedente.

(12. Luglio 1822.)

[2566]È egli possibile che nella morte v’abbia niente di vivo? anzi ch’ella sia un non so che di vivo per natura sua? come dunque credere che la morte rechi, e sia essa stessa, e non possa non recare un dolor vivissimo? Quando tutti i sentimenti vitali, e soli capaci del dolore o del piacere, sono non solamente intorpiditi come nel sonno o nell’asfissia ec. (ne’ quali casi ancora, le punture, i bottoni di fuoco ec. o non danno dolore, o ne danno meno dell’ordinario, in proporzione dell’intorpidimento, della gravezza p.e. del sonno, ch’è minore o maggiore, com’è somma nell’ubbriaco) ma anzi il meno vitali, il meno suscettibili e vivi che si possa mai pensare, essendo quello il punto in cui si spengono per sempre, e lasciano d’esser sentimenti. Il punto in cui la capacità di sentir dolore s’estingue interamente, ha da esser un punto di sommo dolore? Anzi non può esser nemmeno di dolore comunque, non potendosi concepir [2567]l’idea del dolore, se non come di una cosa viva, e il vivo è inseparabile dal dolore, essendo questo un irritamento, un aigrissement dei sensi, che si risentono, cosa di cui non sono capaci nel punto in cui in vece di risentirsi, si dissentono per sempre. Così non si dee creder nemmeno che quel piacer fisico ch’io affermo esser nella morte, sia un piacer vivo ma languidissimo. E il piacere, a differenza del dolore, opera languidamente sui sensi, anzi osservate che il piacer fisico per lo più consiste in qualche specie di languore, e il languor de’ sensi è un piacere esso stesso. Però i sentimenti ne son capaci anche estinguendosi, e perciò medesimo che si estinguono.

(16. Luglio. 1822.)

Una macchina dilicata (cioè più diligentemente e perfettamente organizzata) è più facile a guastarsi che una rozza: ma ciò non [2568]toglie che la non sia più perfetta di questa, e che andando come deve andare non vada meglio della rozza, supponendole anche tutt’e due in uno stesso genere, come due orologi. Così l’uomo è più dilicato assai di tutti gli altri animali, sì nella costruzione esterna, sì nelle fibre intellettuali. E perciò egli è senza dubbio il più perfetto nella scala degli animali. Ma ciò non prova ch’egli sia più perfettibile; bensì più guastabile, appunto perchè più delicato. E d’altra parte l’esser più facile a guastarsi, non toglie che non sia veramente la più perfetta delle creature terrestri, come ogni cosa lo dimostra.

(18. Luglio. 1822.)

Tutto è arte, e tutto fa l’arte fra gli uomini. Galanteria, commercio civile, cura de’ propri negozi o degli altrui, carriere pubbliche, amministrazione politica interiore ed esteriore, letteratura; in tutte queste [2569]cose, e s’altre ve ne sono, riesce meglio chi v’adopra più arte. In letteratura, (lasciando stare quel che spetta alla politica letteraria, e al modo di governarsi col mondo letterato) colui che scrive con più arte i suoi pensieri, è sempre quello che trionfa, e che meglio arriva all’immortalità, sieno pure i suoi pensieri di poco conto, e sieno pure importantissimi e originalissimi quelli d’un altro che non abbia sufficiente arte nello scrivere: il quale non riuscirà mai a farsi nome, e ad esser letto con piacere, e nemmeno a far valutare, e pigliare in considerazione e studio i suoi pensieri. La natura ha certamente la sua parte, e la sua gran forza; ma quanta sia la parte e la forza della natura in tutte queste cose, rispettivamente a quella dell’arte, mi pare che dopo le gran dispute che se ne son fatte, si possa determinare in questo modo, e precisare [2570]in questi termini. Supposto in due persone ugual grado d’arte, quella ch’è superiore per natura, riesce certamente meglio dell’altra nelle sue imprese. Datemi due persone che sappiano ugualmente scrivere. Quella che ha più genio, sicuramente trionfa nel giudizio de’ posteri e della verità. Datemi due galanti egualmente bravi nel mestier loro. Quello ch’è più bello (in parità d’altre circostanze, come ricchezza, fortuna d’ogni genere, comodità ed occasioni particolari ec.) soverchia sicuramente l’altro. Ma ponete un uomo bellissimo senz’arte di trattar le donne; un gran genio senza scienza o pratica dello scrivere; e dall’altra parte un bruttissimo bene ammaestrato e pratico della galanteria, un uomo freddissimo bene istruito ed esercitato nella maniera d’esporre i propri pensieri, questi due si godranno le donne e la gloria, e quegli altri due staranno indubitatamente a vedere. Dal che si deduce che in ultima [2571]analisi la forza dell’arte nelle cose umane è maggiore assai che non è quella della natura. Lucano era forse maggior genio di Virgilio, nè perciò resta che sia stato maggior poeta, e riuscito meglio nella sua impresa; anzi che veruno lo stimi nemmeno paragonabile a Virgilio.

Queste considerazioni debbono determinare secondo me la parte che ha la natura in quello che si chiama talento, cioè quanto v’abbia di naturale e d’innato nelle facoltà intellettuali di qualunque individuo. Sebbene il talento si consideri come cosa affatto naturale, non è di gran lunga così, come ho mostrato altrove. Ma non è nemmen vero ch’egli sia tutto effetto delle circostanze e assuefazioni acquisite: come si dimostra cogli esempi e comparazioni precedenti. Certo è bensì che di due talenti uguali per natura, ma l’uno [2572]coltivato e l’altro non coltivato, quello si chiama talento, e questo neppur si chiama così, non che sia messo al paro di quello. Dal che di nuovo s’inferisce che la maggior parte del talento umano, e delle facoltà intellettuali è opera delle assuefazioni, e non della natura, è acquisita e non innata; benchè non si fosse potuta acquistare in quel grado senza possedere primitivamente quell’altra minor parte, o sia disposizione naturale, e assuefabilità, suscettibilità, conformabilità.

(19. Luglio. 1822.)

Dire che la lingua latina è figlia della greca, perchè vi si trovano molte parole e modi greci introdottivi parte dalla letteratura, parte dal commercio e vicinanza delle colonie greco-italiane, parte dall’antico commercio avuto colla nazione greca sempre mercatrice, parte derivanti dalla stessa comune origine d’ambe le lingue, è lo stesso appunto che vedendo la nostra presente [2573]lingua italiana piena di francesismi, e modellata sulla francese, conchiudere che la lingua italiana è figlia della francese. Anzi v’ha più di francese nella presente lingua italiana (che è quasi una traduzione, e una scimia della francese) di quel che v’abbia di greco nella lingua latina, massime poi dell’antica. Del resto la parità va molto bene a proposito, perchè infatti le lingue italiana e francese sono appunto sorelle, come la greca e la latina.

(20. Luglio 1822.)

Omero è il padre e il perpetuo principe di tutti i poeti del mondo. Queste due qualità di padre e principe non si riuniscono in verun altro uomo rispetto a verun’altra arte o scienza umana. Di più, nessuno riconosciuto per principe in qualunque altra arte o scienza, se ne può con questa sicurezza, cagionata dall’esperienza di tanti secoli, chiamar principe [2574]perpetuo. Tale è la natura della poesia ch’ella sia somma nel cominciare. Dico somma e inarrivabile in appresso in quanto puramente poesia, ed in quanto vera poesia, non in quanto allo stile ec. ec. Esempio ripetuto in Dante, che in quanto poeta, non ebbe nè avrà mai pari fra gl’italiani.

(21. Luglio 1822.)

Non c’è virtù in un popolo senz’amor patrio, come ho dimostrato altrove. Vogliono che basti la Religione. I tempi barbari, bassi ec. erano religiosi fino alla superstizione, e la virtù dov’era? Se per religione intendono la pratica della medesima, vengono a dire che non c’è virtù senza virtù. Chi è religioso in pratica, è virtuoso. Se intendono la teorica, e la speranza e il timore delle cose di là, l’esperienza di tutti i tempi dimostra che questa non basta a fare un popolo attualmente e praticamente virtuoso. L’uomo, e specialmente [2575]la moltitudine non è fisicamente capace di uno stato continuo di riflessione. Or quello ch’è lontano, quello che non si vede, quello che dee venir dopo la morte, dalla quale ciascuno naturalmente si figura d’esser lontanissimo, non può fortemente costantemente ed efficacemente influire sulle azioni e sulla vita, se non di chi tutto giorno riflettesse. Appena l’uomo entra nel mondo, anzi appena egli esce dal suo interno (nel quale il più degli uomini non entra mai, e ciò per natura propria) le cose che influiscono su di lui, sono le presenti, le sensibili, o quelle le cui immagini sono suscitate e fomentate dalle cose in qualunque modo sensibili: non già le cose, che oltre all’esser lontane, appartengono ad uno stato di natura diversa dalla nostra presente, cioè al nostro stato dopo la morte, e quindi, vivendo noi necessariamente fra [2576]la materia, e fra questa presente natura, appena le sappiamo considerare come esistenti, giacchè non hanno che far punto con niente di quello la cui esistenza sperimentiamo, e trattiamo, e sentiamo ec. La conchiusione è che tolta alla virtù una ragione presente, o vicina, e sensibile, e tuttogiorno posta dinanzi a noi; tolta dico questa ragione alla virtù (la qual ragione, come ho provato, non può esser che l’amor patrio), è tolta anche la virtù: e la ragione lontana, insensibile, e soprattutto, estrinseca affatto alla natura della vita presente, e delle cose in cui la virtù si deve esercitare, questa ragione, dico, non sarà mai sufficiente all’attuale e pratica virtù dell’uomo, e molto meno della moltitudine, se non forse ne’ primi anni, in cui dura il fervore della nuova opinione, come nel primo secolo del Cristianesimo (corrotto già nel secondo. [2577]V. i SS. Padri.)

(21. Luglio 1822.)

Alla p.2558. Anche gli spagnuoli hanno la particella compositiva des corrispondente al nostro dis, ed è fra loro frequentissima. Queste spesso significano cessazione, come desamparar, disguardare, dismettere (che vuol dir cessare da un’opera ec. laddove intermettere vale lasciarla per un poco) ec. ec. Tali particelle potrebbono venire dalla latina de corrotta in des o dis, come da dedignari, disdegnare, desdeñar, ec. e il sopraddetto dismettere forse viene da dimittere che in molti significati non ha la forza della particella di, ma di de, mutata forse in di per la composizione o per corruzione. V. il Forcell. in Dimitto. In ogni modo i nostri composti formati colla particella dis, e gli spagnuoli colla des, ec. possono dimostrare l’esistenza antica di molti tali composti nel latino volgare, non conosciuti nel latino scritto: [2578]o che in esso volgare la detta particella si pronunziasse de, o dis, come abbiamo anche veduto, o nell’un modo e nell’altro, o comunque.

(23. Luglio. 1822.)

La lingua latina ebbe un modello d’altra lingua regolata, ordinata, e stabilita, su cui formarsi. Ciò fu la greca, la quale non n’ebbe alcuno. Tutte le cose umane si perfezionano grado per grado. L’aver avuto un modello, al contrario della lingua greca, fu cagione che la lingua latina fosse più perfetta della greca, e altresì che fosse meno libera. (Nè più nè meno dico delle letterature greca e latina rispettivamente; questa più perfetta, quella più originale e indipendente e varia.) I primi scrittori greci, anche sommi, ed aurei, come Erodoto, Senofonte ec. erano i primi ad applicar la dialettica, e l’ordine ragionato all’orazione. Non [2579]avevano alcun esempio di ciò sotto gli occhi. Quindi, com’è naturale a chiunque incomincia, infinite sono le aberrazioni loro dalla dialettica e dall’ordine ragionato. Le quali aberrazioni passate poi e confermate nell’uso dello scrivere, sanzionate dall’autorità, e dallo stesso errore di tali scrittori, sottoposte a regola esse pure, o divenute regola esse medesime, si chiamarono, e si chiamano, e sono eleganze, e proprietà della lingua greca. Così è accaduto alla lingua italiana. La ragione è ch’ella fu molto e da molti scritta nel 300, secolo d’ignoranza, e che anche allora fu applicata alla letteratura in modo sufficiente per far considerare quel secolo come classico, dare autorità a quegli scrittori, presi in corpo e in massa, e farli seguire da’ posteri. I greci o non avevano affatto alcuna lingua coltivata a cui guardare, o se ve n’era, era molto lontana da loro, come forse la sascrita, l’egiziana, ec. e poco o niente nota, neanche ai loro più dotti. Gl’italiani n’avevano, cioè la [2580]latina e la greca. Ma quel secolo ignorante non conosceva la greca, pochissimo la latina, massime la latina buona e regolata. (Fors’anche molti conoscendo passabilmente il latino, e fors’anche scrivendolo con passabile regolatezza, erano sregolatissimi in italiano, per incapacità di applicar quelle regole a questa lingua, che tutto dì favellavano sregolatamente; di conoscere o scoprire i rapporti delle cose ec.) Quei pochi che conobbero un poco di latino, scrissero con ordine più ragionato, come fecero principalmente i frati, Passavanti, F. Bartolommeo, Cavalca ec. Dante, e più ancora il Petrarca e il Boccaccio che meglio di tutti conoscevano il buono e vero latino, meno di tutti aberrarono dall’ordine dialettico dell’orazione. Questi principalmente diedero autorità presso i posteri a’ loro scrittori contemporanei, la massima parte ignoranti, non solo di fatto, ma anche di professione laici e illetterati, e che non pretendevano di scrivere se non per bisogno, come i nostri castaldi. I quali abbondarono di sragionamenti, e disordini gramaticali d’ogni sorta.

Di tali aberrazioni n’hanno tutte le lingue quando si cominciano a scrivere, e tutte nel séguito ne conservano più o meno, sotto il nome di proprietà loro, benchè non sieno [2581]in origine e in sostanza, se non errori de’ loro primi scrittori e letterati, perpetuati nell’uso della scrittura nazionale. Meno d’ogni altra fra le antiche, n’ebbe o ne conservò la lingua latina, per la detta ragione, fra l’altre. Meno di tutte fra l’antiche e le moderne, ne conserva la lingua francese, non per altro se non perch’ella ha rinunziato e derogato e fatta assolutamente irrita l’autorità de’ suoi scrittori antichi, i quali abbondarono di tali aberrazioni o quanto gli altri, o più ancora. Parlo dei veramente antichi, cioè del sec. 160. e non del 170. quando lo spirito, la società e la conversazione francese era già in un alto grado di perfezione.

La ricchezza, il numero e l’estensione, ampiezza ec. delle facoltà di una lingua, è per lo più in proporzione del numero degli scrittori che la coltivarono prima delle regole esatte, della grammatica, e della formazione del Vocabolario. La lingua francese che ha rinunziato all’autorità di tutti gli scrittori propri anteriori alla sua grammatica e al suo Vocabolario (ch’erano anche pochi e di poco conto, e perciò hanno potuto essere scartati), è la meno ricca, e le sue facoltà son più ristrette che non son quelle di qualunqu’altra lingua del mondo. V. p.2592.

(25. Luglio, dì di S. Giacomo, 1822.).

[2582]Il piacere che noi proviamo della Satira, della commedia satirica, della raillerie, della maldicenza ec. o nel farla o nel sentirla, non viene da altro se non dal sentimento o dall’opinione della nostra superiorità sopra gli altri, che si desta in noi per le dette cose, cioè in somma dall’odio nostro innato verso gli altri, conseguenza dell’amor proprio che ci fa compiacere dello scorno e dell’abbassamento anche di quelli che in niun modo si sono opposti o si possono opporre al nostro amor proprio, a’ nostri interessi ec., che niun danno, niun dispiacere, niuno incomodo ci hanno mai recato, e fino anche della stessa specie umana; l’abbassamento della quale, derisa nelle commedie o nelle satire ec. in astratto, e senza specificazione d’individui reali, lusinga esso medesimo la nostra innata misantropia. E dico innata, perchè l’amor proprio, ch’è innato, non può star senza di [2583]lei.

(25. Luglio, dì di S. Giacomo maggiore 1822.)

Adesso chi nasce grande, nasce infelice. Non così anticamente, quando il mondo abbondava e di pascolo (cioè di spettacolo e trattenimento), e di esercizio, e di fini, e di premi all’anime grandi. Anzi a quei tempi era fortuna il nascer grande come oggi il nascer nobile e ricco. Perocchè siccome nella monarchia quelli che nascono di grande e ricca famiglia, ricevono le dignità, gli onori, le cariche dalla mano dell’ostetrice (per servirmi di un’espressione di Frontone ad Ver. l.2. ep.4. p.121.), così nè più nè meno accadeva anticamente ai grandi e magnanimi e valorosi ingegni. I quali nelle circostanze, nell’attività e nell’immensa vita di quei tempi, non potevano mancare di svilupparsi, coltivarsi e formarsi; e sviluppati, formati e coltivati non potevano mancar di prevalere e primeggiare; come oggidì possono esser certi di tutto il contrario. [2584]Lascio che quanto gli animi erano più grandi, tanto meglio erano disposti a godere della vita, la quale in quei tempi non mancava, e di tanto maggior vita erano capaci, e quindi di tanto maggior godimento; e perciò ancora era da riputarsi a vera fortuna e privilegio della natura il nascer grand’uomo, e s’aveva a considerare come un effettivo e realizzabilissimo mezzo di felicità: all’opposto di quello che oggi interviene.

(26. Luglio, dì di S. Anna. 1822.)

Nelle parole si chiudono e quasi si legano le idee, come negli anelli le gemme, anzi s’incarnano come l’anima nel corpo, facendo seco loro come una persona, in modo che le idee sono inseparabili dalle parole, e divise non sono più quelle, sfuggono all’intelletto e alla concezione, e non si ravvisano, come accadrebbe all’animo nostro disgiunto dal corpo.

(27. Luglio. 1822.)

[2585]Ho paragonato altrove gli organi intellettuali dell’uomo agli esteriori, e particolarmente alla mano, e dimostrato che siccome questa non ha da natura veruna facoltà (anzi da principio è inetta alle operazioni più facili e giornaliere), così niuna ne portano gli organi intellettuali, ma solamente la disposizione o possibilità di conseguirne, e questa più o meno secondo gl’individui. Nello stesso modo io non dubito che se meglio si ponesse mente, si troverebbero anche negli organi esteriori dell’uomo, p.e. nella mano, molte differenze di capacità, non solo relativamente alle diverse assuefazioni, e al maggiore o minore esercizio di detto organo, ma naturalmente, e indipendentemente da ogni cosa acquisita; come accade negl’ingegni, che per natura sono qual più qual meno conformabili, e disposti [2586]ad assuefarsi, cioè ad imparare. E forse a queste differenze si vuole attribuire l’eccessiva e maravigliosa inabilità di alcuni che non riescono (anche provandosi) a saper far colle loro mani quello che il più degli uomini fanno tuttogiorno senza pure attendervi nè anche pensarvi; e l’altrettanto mirabile facilità ch’altri hanno d’imparare senza studio, e d’eseguire speditissimamente le più difficili operazioni manuali, che il più degli uomini o non sanno fare, o non fanno se non adagio, e con attenzione. Vero è che si trova molto minor differenza individuale fra la capacità generica della mano di questo o di quello, che fra la capacità de’ vari ingegni. Ma questo nasce che tutti in un modo o nell’altro esercitano la mano, e quindi le danno e proccurano una certa abilità [2587]e assuefabilità generale: non così l’ingegno. Ed è molto maggiore, generalmente parlando, il divario che passa fra l’esercizio de’ diversi ingegni, che fra l’esercizio della mano de’ diversi individui. Divario che non è naturale, e non ha che far colle disposizioni native di tali organi.

(28. Luglio. Domenica 1822.)

È frequentissimo e amplissimo nell’Italiano o nello Spagnuolo l’uso della voce termine nel suo plurale massimamente, la quale piglia diversi significati, secondo ch’ell’è applicata. (Questi per lo più importano condizione, stato, essere sustantivo o cosa simile.) Vedi la Crus. Non così nel latino scritto, dov’essa voce non ha che la forza di confine o limite ec. Pur vedi presso il Forcell. nell’ultimo esempio di questa voce, ch’è di Plauto, una frase tutta italiana e spagnuola, la qual può dimostrare che detta voce nel volgare latino avesse o tutti o in parte quegli usi appunto ch’ell’ha nelle dette lingue. V. Du Cange, s’ha nulla. V. anche l’Alberti Diz. franc. Terme in fine.

(29. Luglio. 1822.)

[2588]A un giovane il quale essendo innamorato degli studi, diceva che della maniera di vivere, e della scienza pratica degli uomini se n’imparano cento carte il giorno, rispose N. N. ma il libro (ma gli è un libro) è da 15 o 20 milioni di carte.

(30. Luglio 1822.)

Da coquere diciamo cocere (che per più gentilezza e per proprietà italiana si scrive cuocere) mutato il qu radicale, in c parimente radicale. Che questa lettera fosse radicale anche ab antico si può raccogliere dalla voce praecox (cioè praecocs) praecocis, la quale (spogliata della prep. prae) forse contiene la radice di coquere. E molte altre pronunzie volgari di voci derivate dal latino, si potrebbono forse dimostrare antichissime con simili osservazioni delle loro radici (o già note, o scopribili), delle voci loro affini ec. (30. Luglio. 1822.). V. Forcellini Coquo, Praecox ec. e il Glossario.

Da quello che altrove ho detto de’ numeri ec. si deduce che gli animali, non avendo lingua, non sono capaci di concepir quantità determinata ec. se non menoma, e ciò non per difetto di ragione, e insufficienza e scarsezza d’intendimento, ma per la detta necessarissima causa. (30. Luglio 1822.). Onde l’idea della quantità determinata (benchè cosa materialissima) è [2589]esclusivamente propria dell’uomo.

La letteratura greca fu per lungo tempo (anzi lunghissimo) l’unica del mondo (allora ben noto): e la latina (quand’ella sorse) naturalissimamente non fu degnata dai greci, essendo ella derivata in tutto dalla greca; e molto meno fu da essi imitata. Come appunto i francesi poco degnano di conoscere e neppur pensano d’imitare la letteratura russa o svedese, o l’inglese del tempo d’Anna, tutte nate dalla loro. Così anche, la lingua greca fu l’unica formata e colta nel mondo allora ben conosciuto (giacchè p.e. l’India non era ben conosciuta). Queste ragioni fecero naturalmente che la letteratura e lingua greca si conservassero tanto tempo incorrotte, che d’altrettanta durata non si conosce altro esempio. Quanto alla lingua n’ho già detto altrove. Quanto alla letteratura, lasciando stare Omero, è prodigiosa la durata della letteratura greca non solo incorrotta, ma nello stato di creatrice. Da Pindaro, Erodoto, Anacreonte, Saffo, Mimnermo, gli altri lirici ec. ella dura senza interruzione fino a Demostene; se non che, dal tempo di Tucidide a Demostene, ella si restringe alla sola Atene per [2590]circostanze ch’ora non accade esporre. V. Velleio lib.1. fine. Nati, anzi propagati e adulti i sofisti e cominciata la letteratura greca (non la lingua) a degenerare, (massime per la perdita della libertà, da Alessandro, cioè da Demostene in poi), ella con pochissimo intervallo risorge in Sicilia e in Egitto, e ancora quasi in istato di creatrice. Teocrito, Callimaco, Apollonio Rodio ec. Finito il suo stato di creatrice, e dichiaratasi la letteratura greca imitatrice e figlia di se stessa, cioè ridotta (come sempre a lungo andare interviene) allo studio e imitazione de’ suoi propri classici antichi, l’esser questi classici, suoi, e questa imitazione, di se stessa, la preserva dalla corruzione, e purissimi di stile e di lingua riescono Dionigi Alicarnasseo, Polibio, e tutta la forŒ di scrittori greci contemporanei al buon tempo della letteratura latina; i quali appartengono alla classe, e sono in tutto e per tutto una forŒ d’imitatori dell’antica letteratura greca, e di quella forŒ durevolissima di scrittori greci classici, ch’io chiamo forŒ creatrice. Corrotta già [2591]la letteratura latina, e sfruttata e indebolita, la greca sopravvive alla sua figlia ed alunna, e s’ella produce degli Aristidi, degli Erodi attici, e altri tali retori di niun conto nello stile (non barbari però, e nella lingua purissimi), ella pur s’arricchisce d’un Arriano, d’un Plutarco, d’un Luciano, ec. che quantunque imitatori, pur sanno così bene scrivere, e maneggiar lo stile e la lingua antica o moderna, che quasi in parte le rendono la facoltà creatrice. Aggiungi che in tal tempo la Grecia, colla sua letteratura e lingua incorrotta, era serva, e l’Italia signora colla sua letteratura e lingua imbastardita e impoverita.

(30. Luglio 1822.)

La storia di ciascuna lingua è la storia di quelli che la parlarono o la parlano, e la storia delle lingue è la storia della mente umana. (L’histoire de chaque langue est l’histoire des peuples qui l’ont parlée ou qui la parlent, et l’histoire des langues est l’histoire de l’esprit humain.).

(31. Luglio, dì di S. Ignazio Loiola. 1822.)

[2592]Intorno all’etimologia di favellare. L’altre due voci sono FAVELLARE e CICALARE: l’una si è dir favole; e CICALARE si è il cigolare degli uccelli. Cellini Discorso sopra la differenza nata tra gli Scultori e Pittori circa il luogo destro stato dato alla Pittura nelle Essequie del gran Michelagnolo Bonarroti. fine. Opere di Benvenuto Cellini, Mil. 1806-11. vol. 3. p.261. Parla di tre voci che s’usano in lingua toscana per esprimere il parlare, e la prima detta dal Cellini si è ragionare, il che egli dice che vuol fare, e non favellare nè cicalare. (2. Agosto, dì del perdono. 1822.).

Le stelle, i pianeti ec. si chiamano più o men belle, secondo che sono più o meno lucide. Così il sole e la luna secondo che son chiari e nitidi. Questa così detta bellezza non appartiene alla speculazione del bello, e vuol dir solamente che il lucido, per natura, è dilettevole all’occhio nostro, e rallegra l’animo ec. ec.

(3. Agosto. 1822.)

Alla p.2581. marg. Fra le lingue antiche, la greca non solo ebbe infiniti scrittori prima della sua grammatica, ma prima ancora d’ogni grammatica conosciuta. Quindi la sua inesauribile ricchezza, e la sua assoluta onnipotenza. La lingua latina per [2593]verità non dico che avesse Vocabolari (sebbene ebbe forse parecchie nomenclature ec. come la greca col tempo ebbe i suoi libri detti ƒAttikistaÜ ec. ec.), e certo ebbe parecchi scrittori anteriori alla sua grammatica (fra’ quali se vogliamo porre Cicerone, sarà certo che questi furono i migliori), ma la grammatica essa già l’aveva in quella della lingua greca, studiando la qual lingua per principii e nelle scuole ec. (cosa che i greci non avevano mai fatto con altra lingua del mondo) necessariamente i latini imparavano le regole universali della grammatica e l’analisi esatta del linguaggio, e applicavano tutto ciò alla lingua loro: lasciando star gl’infiniti libri di grammatica greca che già s’avevano dal tempo de’ Tolomei in giù. Quindi la lingua latina, per antica, riuscì meno libera e meno varia d’ogni altra. Laddove la lingua italiana scritta primieramente da tanti che nulla sapevano dell’analisi del linguaggio (poco o nulla studiando altra lingua e grammatica, come sarebbe stata la latina), venne, per lingua moderna, similissima di ricchezza e d’onnipotenza alla greca. La lingua tedesca ha veramente [2594]grammatica, ma non so quanto sia rispettata dagli scrittori tedeschi; ovvero le eccezioni superando le regole, queste vengono ad essere illusorie, e il grammatico non può far altro ch’andar qua e là dietro chi scrive, per vedere e notar come scrivono. Di più ella non ha vocabolario riconosciuto per autorevole, e questo in una lingua moderna è una gran cosa conducentissima alla ricchezza, potenza, libertà della lingua.

(4. Agosto. 1822.)

Ho detto altrove che le voci greche nelle lingue nostre non sono altro che termini (in proporzione però del tempo da ch’elle vi sono introdotte: p.e. filosofia e tali altre voci greche venuteci mediante il latino, sono alquanto più che termini), cioè ch’elle non esprimono se non se una pura idea, senz’alcun’altra concomitante. Per questa ragione appunto, oltre le altre notate altrove, le voci greche sono infinitamente a proposito nelle nostre scuole e scienze, perocch’elle rappresentano costantemente e schiettamente quella nuda, secca e semplicissima idea alla quale sono state appropriate; e perciò servono alla precisione [2595]molto meglio di quello che possano mai fare le voci tolte dalle proprie lingue, le quali voci benchè fossero formate, composte ec. di nuovo, sempre porterebbero seco qualche idea concomitante. Ma per questa medesima ragione le voci greche sono intollerabili nella bella letteratura (barbare poi nella poesia, benchè i francesi si facciano un pregio, un vezzo e una galanteria d’introdurcele), dove intollerabili sono le idee secche e nude, o la secca e nuda espressione delle idee.

(6. Agosto 1822.)

A ciò che ho detto altrove di quel verso dell’Alfieri, Disinventore od inventor del nulla, soggiungi. Quest’appunto è la mirabile facoltà della lingua greca, ch’ella esprime facilmente, senza sforzo, senza affettazione, pienamente e chiarissimamente, in una sola parola, idee che l’altre lingue talvolta non possono propriamente e interamente esprimere in nessun modo, non solo in una parola, ma nè anche in più d’una. E questo non lo conseguisce la detta lingua per altro mezzo che della immensa facoltà de’ composti.

[2596]Quanta sia l’influenza dell’opinione e dell’assuefazione anche sui sensi, l’ho notato altrove coll’esempio del gusto, che pur sembra uno de’ sensi più difficili ad essere influiti da altro che dalle cose materiali. Aggiungo una prova evidente. Io mi ricordo molto bene che da fanciullo mi piaceva effettivamente e parevami di buon sapore tutto quello che (per qualunque motivo ch’essi s’avessero) m’era lodato per buono da chi mi dava a mangiare. Moltissime delle quali cose, ch’effettivamente secondo il gusto dei più, sono cattive, ora non solo non mi piacciono, ma mi dispiacciono. Nè per tanto il mio gusto intorno ai detti cibi s’è mutato a un tratto, ma appoco appoco, cioè di mano in mano che la mente mia s’è avvezzata a giudicar da se, e s’è venuta rendendo indipendente dal giudizio e opinione degli altri, e dalla prevenzione che preoccupa la sensazione. La qual assuefazione ch’è propria dell’uomo, e ch’è generalissima, potrà essere ridicolo, ma pur è verissimo il dire che influisce anche in queste minuzie, e determina il giudizio [2597]del palato sulle sensazioni che se gli offrono, e cambia il detto giudizio da quello che soleva essere prima della detta assuefazione. In somma tutto nell’uomo ha bisogno di formarsi; anche il palato: ed è cosa facilissimamente osservabile che il giudizio de’ fanciulli sui sapori, e sui pregi e difetti dei cibi relativamente al gusto, è incertissimo, confusissimo e imperfettissimo: e ch’essi in moltissimi, anzi nel più de’ casi non provano punto nè il piacere che gli uomini fatti provano nel gustare tale o tal cibo, nè il dispiacere nel gustarne tale o tal altro. Lascio i villani, e la gente avvezza a mangiar poco, o male, o di poche qualità di cibi, il cui giudizio intorno ai sapori (anzi il sentimento ch’essi ne provano) è poco meno imperfetto e dubbio che quel dei fanciulli. Tutto ciò a causa dell’inesercizio del palato.

Del resto quello ch’io ho detto di me stesso, avviene indubitatamente a tutti, e ciascuno se ne potrà ricordare. Perchè sebbene non tutti, col crescere, si liberano dall’influenza della prevenzione, [2598]e acquistano l’abito di giudicare da se generalmente parlando, pure, in quanto alle sensazioni materiali, difficilmente possono mancare di acquistarlo, essendo cosa di cui tutti gli spiriti sono capaci. Nondimeno anche questo va in proporzione degl’ingegni, e della maggiore o minore conformabilità, ed io ho espressamente veduto uomini di poco, o poco esercitato talento, durar lunghissimo tempo a compiacersi di saporacci e alimentacci ai quali erano stati inclinati nella fanciullezza. E ho veduto pochi uomini il cui spirito dalla fanciullezza in poi abbia fatto notabile progresso, pochi, dico, n’ho veduti, che anche intorno ai cibi non fossero mutati quasi interamente di gusto da quel ch’erano stati nella puerizia.

Ben potrebbono tuttavia esser poco conformabili i sensi esteriori, o qualcuno de’ medesimi, in un uomo di conformabilissimo ingegno. Ma si vede in realtà che questo accade di rado, e per lo più la natura degli individui (come quella delle specie, e dei generi, e come la natura universale) si corrisponde appresso a poco in ciascuna sua parte. [2599]E in questo caso particolarmente ciò è ben naturale, poichè la conformabilità non è altro che maggiore o minor dilicatezza di organi e di costruzione; e difficilmente si trovano affatto rozzi, duri, non pieghevoli i tali o tali organi in un individuo che sia dilicatamente formato nell’altre sue parti. Come infatti è osservato da’ fisici che l’uomo (della cui suprema conformabilità di mente diciamo altrove) è parimente di tutti gli animali il più abituabile, e il più conformabile nel fisico: però il genere umano vive in tutti i climi, e uno individuo medesimo in vari climi ec. a differenza degli altri animali, piante ec. Così mi faceva osservare in Firenze il Conte Paoli.

(6. Agosto. 1822.)

L’uniformità è certa cagione di noia. L’uniformità è noia, e la noia uniformità. D’uniformità vi sono moltissime specie. V’è anche l’uniformità prodotta dalla continua varietà, e questa pure è noia, come ho detto altrove, e provatolo con esempi. V’è la continuità di tale o tal piacere, la qual continuità è uniformità, e perciò noia ancor essa, benchè il suo soggetto sia il piacere. Quegli sciocchi poeti, i quali vedendo che le descrizioni nella poesia sono piacevoli hanno ridotto la poesia a continue descrizioni, hanno tolto il piacere, e sostituitagli la noia (come i bravi poeti stranieri moderni, detti descrittivi): ed io ho veduto persone di niuna letteratura, leggere avidamente l’Eneide [2600](ridotta nella loro lingua) la qual par che non possa esser gustata da chi non è intendente, e gettar via dopo i primi libri le Metamorfosi, che pur paiono scritte per chi si vuol divertire con poca spesa. Vedi quello che dice Omero in persona di Menelao: Di tutto è sazietà, della cetra, del sonno ec. La continuità de’ piaceri, (benchè fra loro diversissimi) o di cose poco differenti dai piaceri, anch’essa è uniformità, e però noia, e però nemica del piacere. E siccome la felicità consiste nel piacere, quindi la continuità de’ piaceri (qualunque si sieno) è nemica della felicità per natura sua, essendo nemica e distruttiva del piacere. La Natura ha proccurato in tutti i modi la felicità degli animali. Quindi ell’ha dovuto allontanare e vietare agli animali la continuità dei piaceri. (Di più abbiamo veduto parecchie volte come la Natura ha combattuto la noia in tutti i modi possibili, ed avutala in quell’orrore che gli antichi le attribuivano rispetto al vuoto.) Ecco come i mali vengono ad esser necessarii alla stessa felicità, e pigliano vera e reale essenza [2601]di beni nell’ordine generale della natura: massimamente che le cose indifferenti, cioè non beni e non mali, sono cagioni di noia per se, come ho provato altrove, e di più non interrompono il piacere, e quindi non distruggono l’uniformità, così vivamente e pienamente come fanno, e soli possono fare, i mali. Laonde le convulsioni degli elementi e altre tali cose che cagionano l’affanno e il male del timore all’uomo naturale o civile, e parimente agli animali ec. le infermità, e cent’altri mali inevitabili ai viventi, anche nello stato primitivo, (i quali mali benchè accidentali uno per uno, forse il genere e l’università loro non è accidentale) si riconoscono per conducenti, e in certo modo necessarii alla felicità dei viventi, e quindi con ragione contenuti e collocati e ricevuti nell’ordine naturale, il qual mira in tutti i modi alla predetta felicità. E ciò non solo perch’essi mali danno risalto ai beni, e perchè più si gusta la sanità dopo la malattia, e la calma dopo la tempesta: ma perchè senza essi mali, i beni [2602]non sarebbero neppur beni a poco andare, venendo a noia, e non essendo gustati, nè sentiti come beni e piaceri, e non potendo la sensazione del piacere, in quanto realmente piacevole, durar lungo tempo ec.

(7. Agosto 1822.).

…Erga n¡vn, boulaÜ m¡svn, eçxaÜ gerñntvn. Verso di non so qual poeta antico, applicabile e proporzionabile alle diverse età del genere umano, come lo è qualunque cosa si possa dire intorno alle diverse età dell’individuo. E infatti del secol nostro non è proprio altro che il desiderio (eternamente inseparabile dall’uomo anche il più inetto, e debole, e inattivo e non curante; per cagione dell’amor proprio che spinge alla felicità, la qual mai non s’ottiene) e il lasciar fare.

(7. Agosto. 1822.)

Ho mostrato altrove che quasi tutte le principali scoperte che servono alla vita civile sono state opera del caso, e tiratone le sue conseguenze. Voglio ora spiegare e confermar la cosa con un esempio. L’arte di fare il vetro, anzi l’idea di farlo, e la pura cognizione di poterlo fare (la qual arte è antichissima), è egli credibile che sia mai potuta venire [2603]all’uomo per via di ragionamento? Cavar dalle ceneri, e altre materie la cui specie esteriore è toto coelo distante dalla forma e qualità del vetro (v. l’Arte Vetraria d’Antonio Neri) un corpo traslucido, fusibile, configurabile a piacimento ec. ec. può mai essere stato a principio insegnato da altro che da uno o più semplicissimi e assolutissimi casi? Ora quanta parte abbia l’uso del vetro nell’uso della vita e delle comodità civili, com’esso appartenga al numero dei generi necessari, come abbia servito alle scienze, quante immense e infinite scoperte si sieno fatte in ogni genere per mezzo de’ vetri ridotti a lenti ec. ec. ec., quanto debbano al vetro l’Astronomia, la Notomia, la Nautica (tanto giovata e promossa dalla scoperta dei satelliti di Giove fatta col telescopio ec.), tutte queste cose mi basta accennarle. Ma le accenno affinchè si veda che quando anche le successive scoperte, perfezionamenti ec. fatti, acquistati ec. intorno al vetro, o per mezzo del vetro ec. non sieno stati casuali ma pensati (sebbene l’invenzione dell’occhiale e del Cannocchiale si dice che fosse a caso): contuttociò si debbono [2604]tutti, esattamente parlando, riconoscere per casuali, essendo casuale la loro origine, cioè l’invenzione del vetro, senza la quale niente del sopraddetto avrebbe avuto luogo. E però tutta quella parte (non piccola) del sapere, dei comodi, della civiltà umana che ha dipendenza e principio ec. dall’invenzione del vetro, e che senza questa non si sarebbe conseguita, è realmente casuale, e per puro caso acquistata.

E che queste ed altre simili innumerevoli scoperte sieno state veri casi, si può arguire anche dal vedere che moltissimi popoli composti di esseri che per natura, ingegno naturale, ec. erano e sono in tutto come noi, non essendosi dati presso loro, i casi che si son dati presso noi, mancavano o mancano affatto di queste o quelle invenzioni e di tutti i progressi dello spirito umano che ne son derivati: e ciò quando anche detti popoli fossero in molta società, ed avessero fatto molte altre scoperte, quali erano p.e. in America i Messicani, popolo in gran parte civile, che non per tanto mancava appunto del vetro.

[2605]Di più osservo che quantunque la Chimica abbia fatto oggidì tanti progressi, e sia così dichiarata e distinta ne’ suoi principii, in maniera da parere ch’ella potesse e dovesse far grandi scoperte, non più attribuibili al caso, ma solo al ragionamento; niuna mai ne ha fatta che abbia di grandissima lunga l’importanza e l’influenza di quelle che ci son venute dagli antichi, fatte in tempi d’ignoranza, e senza principii, o con pochissimi e indigesti e mal intesi principii delle analoghe scienze (la scoperta della polvere, del vetro ec.) Tutto quel ch’ha fatto è stato di perfezionar le antiche, o di farne delle analoghe (come quella della polvere fulminante) che non si sarebbero fatte se le antiche non fossero state già conosciute. E quel che dico della Chimica dico delle altre scienze. Voglio inferire che quelle principali scoperte che o subito, o col perfezionamento, accrescimento, applicazione ch’hanno poi subìto, decisero e decidono, cagionarono e cagionano in gran parte i progressi dello spirito umano, originariamente non sono effetti della scienza [2606]nè del discorso, ma del puro caso, essendo state fatte ne’ tempi d’ignoranza, e non sapendosene far di gran lunga delle simili colla maggior possibile scienza. E che per tanto tutta quella parte del sapere e della civiltà, tutto quel preteso perfezionamento dell’uomo e della società che dipende in qualunque modo dalle predette scoperte (la qual parte è grandissima anzi massima), non è stato nè preordinato nè prevoluto dalla natura, perchè quegli che non ha preordinato nè prevoluto le cause e le prime indispensabili origini (le quali, come dico, sono state assolutamente accidentali), non può avere ordinato nè voluto gli effetti.

(10. Agosto, dì di S. Lorenzo. 1822.)

Quello che ho detto del vetro, si dee dire di mille e mille altre importantissime invenzioni, che senza una benchè menoma notizia e traccia ec. che però il solo caso ha potuto somministrare, non si sarebbero mai potute fare, e però son tutte casuali, per applicate, accresciute, perfezionate che sieno state in seguito, e quando anche non si possano più riconoscere da quel che furono [2607]a principio, non si possa neanche investigare la loro prima origine e forma e natura, ec. ec.

(10. Agosto. 1822.)

Così tosto come il bambino è nato, convien che la madre che in quel punto lo mette al mondo, lo consoli, accheti il suo pianto, e gli alleggerisca il peso di quell’esistenza che gli dà. E l’uno de’ principali uffizi de’ buoni genitori nella fanciullezza e nella prima gioventù de’ loro figliuoli, si è quello di consolarli, d’incoraggiarli alla vita; perciocchè i dolori e i mali e le passioni riescono in quell’età molto più gravi, che non a quelli che per lunga esperienza, o solamente per esser più lungo tempo vissuti, sono assuefatti a patire. E in verità conviene che il buon padre e la buona madre studiandosi di racconsolare i loro figliuoli, emendino alla meglio, ed alleggeriscano il danno che loro hanno fatto col procrearli. Per Dio! perchè dunque nasce l’uomo? e perchè genera? per poi racconsolar quelli che ha generati del medesimo essere stati generati?

(13. Agosto 1822.)

[2608]Si può scrivere in italiano senza scrivere in maniera italiana, laddove non si può quasi scrivere in francese che non si scriva alla maniera francese. E si può scrivere e parlare in italiano e non all’italiana: scrivere un italiano non italiano ec.

(16. Agosto, dì di S. Rocco. 1822.)

Sallustio, Catil. c.23. Maria montesque polliceri. Non si trova, ch’io sappia, questo proverbio, oggi volgarissimo in Italia, se non in questo scrittore studiosissimo delle voci e maniere antiche, e che per conseguenza bene spesso declina alle voci e maniere popolari, come sempre accade agli scrittori studiosi dell’antichità della lingua, della quale antichità principal conservatrice è la plebe.

(17. Agosto. 1822.)

La nazione spagnuola poetichissima per natura e per clima fra tutte l’Europee (non agguagliata in ciò che dall’Italia e dalla Grecia), e fornita di lingua poetichissima fra le lingue perfette (non inferiore in detta qualità se non all’italiana, e non agguagliata di gran lunga da nessun’altra) non ha mai prodotto un poeta nè un poema che sia o sia stato di celebrità veramente [2609]europea. Tanto prevagliono le istituzioni politiche alle qualità naturali. †Hmisu gŒr tŽret°w ŽpoaÛnutai doælvn ·mar (Homer.). E questa osservazione può molto servire a quelli che sostengono la maggiore influenza del governo rispetto al clima.

(18. Agosto. Domenica. 1822.)

L’immenso francesismo che inonda i costumi e la letteratura e la lingua degl’italiani e degli altri europei, non è bevuto se non dai libri francesi, e dall’influenza delle loro mode, e coll’andarli a trovare in casa loro, il che per quanto sia frequente, non può mai esser gran cosa. Laddove Roma e l’Italia da’ tempi del secondo Scipione in poi, e massime sotto i primi imperatori, era piena di greci (greci proprii, o nativi d’altri paesi grecizzati); n’eran piene le case de’ nobili, dove i greci erano chiamati e ricevuti e collocati stabilmente in ogni genere di uffici, da quei della cucina, fino a quello di maestro di filosofia ec. ec. (V. Luciano perÜ tÇn ¤pÜ misJÒ sunñntvn, [2610]e l’epig. di Marziale del graeculus esuriens ec. ec.); n’eran pieni i palazzi e gli offici pubblici: oltre che tutti i ricchi mandavano i figli a studiare in Grecia, e questi poi divenivano i principali in Roma e in Italia, nelle cariche, nel foro ec. Quindi si può stimar quale e quanto dovesse necessariamente essere il grecismo de’ costumi, e letteratura, e quindi della lingua in Italia a quei tempi. Aggiunto che anche le donne avevano a sapere il greco, lo studio che tutti più o meno facevano de’ loro libri, e il piacere che ne prendevano, e le biblioteche che ne componevano ec. ec.

(18. Agosto. Domenica. 1822.)

Dicasi quel che si vuole. Non si può esser grandi se non pensando e operando contro ragione, e in quanto si pensa e opera contro ragione, e avendo la forza di vincere la propria riflessione, o di lasciarla superare dall’entusiasmo, che sempre e in qualunque caso trova in essa un ostacolo, e un nemico mortale, e una virtù estinguitrice, e raffreddatrice.

(22. Agosto 1822.)

[2611]Nessuna cosa è vergognosa per l’uomo di spirito nè capace di farlo vergognare, e provare il dispiacevole sentimento di questa passione, se non solamente il vergognarsi e l’arrossire.

(22. Agosto. 1822.)

Non basta che lo scrittore sia padrone del proprio stile. Bisogna che il suo stile sia padrone delle cose: e in ciò consiste la perfezion dell’arte, e la somma qualità dell’artefice. Alcuni de’ pochissimi che meritano nell’Italia moderna il nome di scrittori (anzi tutti questi pochissimi), danno a vedere di essere padroni dello stile: vale a dir che il loro stile è fermo, uguale, non traballante, non sempre sull’orlo di precipizi, non incerto, non legato e rétréci, come quello di tutti gli altri nostri moderni, francesisti o no, ma libero e sciolto e facile, e che si sa spandere e distendere e dispiegare e scorrere, sicuro di non dir quello che lo scrittore non vuole intendere, sicuro di non dir nulla in quel modo che lo scrittore non lo vuol dire, sicuro di non dare in un altro stile, di non cadere in una qualità che lo scrittore voglia evitare; procede a piè saldo senza inciampare nè dubitare di se stesso, non va a trabalzoni, ora in cielo ora in terra, or qua or là, ec. Tutte queste qualità nel loro stile si trovano, e si dimostrano, cioè si fanno sentire al lettore. Questi tali son padroni del loro stile. Ma il loro stile non è padrone delle cose, vale [2612]a dir che lo scrittore non è padrone di dir nel suo stile tutto ciò che vuole, o che gli bisogna dire, o di dirlo pienamente e perfettamente: e anche questo si fa sentire al lettore. Perciocchè spessissimo occorrendo loro molte cose che farebbero all’argomento, al tempo, ec. che sarebbero utili o necessarie in proposito, e ch’essi desidererebbero dire, e concepiscono perfettamente, e forse anche originalmente, e che darebbero luogo a pensieri notabili e belli; essi scrittori, ben conoscendo questo, tuttavia le fuggono, o le toccano di fianco, e di traverso, e se ne spacciano pel generale, o ne dicono sola una parte, sapendo ben che tralasciano l’altra, e che sarebbe bene il dirla, o in somma non confidano o disperano di poterle dire o dirle pienamente nel loro stile. La qual cosa non è mai accaduta ai veri grandi scrittori, ed è mortifera alla letteratura. E per ispecificare; i detti scrittori sono e si mostrano sicuri di non dare nel francese (cioè in quel cattivo italiano che è proprio del nostro tempo, e quindi naturale anche a loro, anzi solo naturale), ma non sono nè si mostrano sicuri di [2613]poter dire nel buono italiano tutto quello che loro occorra; come lo erano i nostri antichi. Anzi lasciano ottimamente sentire, che molte cose quasi necessarie, e delle quali si compiacerebbero se le avessero potuto e saputo dire nel buono italiano, e la cui mancanza si sente, e che molte volte sono anche notissime a tutti in questo secolo, essi le tralasciano avvertitamente, e le dissimulano, almeno da qualche necessaria parte, e se ne mostrano o ignoranti, o poco istruiti, o di non averle concepite, quando pur l’hanno fatto anche più degli altri, e che in somma non ardiscono dirle per timore di offendere il buono italiano e il proprio stile. Il qual timore e la quale impotenza assicurerebbe alla letteratura e filosofia italiana di non dar mai più un passo avanti, e di non dir mai più cosa nuova, come pur troppo si verifica nel fatto.

(27. Agosto. 1822.)

Lo scriver francese tutto staccato, dove il periodo non è mai legato col precedente (anzi è vizio la collegazione e congiuntura de’ periodi, come [2614]nelle altre lingue è virtù), il cui stile non si dispiega mai, e non sa nè può nè dee mai prendere quell’andamento piano, modesto disinvoltamente, unito e fluido che è naturale al discorso umano, anche parlando, e proprio di tutte le altre nazioni; questo tale scrivere, dico io, fuor del quale i francesi non hanno altro, è una specie di Gnomologia. E queste qualità gli convengono necessariamente, posto quell’avventato del suo stile, di cui non sanno fare a meno i francesi, e senza cui non trovano degno alcun libro di esser letto. Per la quale avventatezza lo scrittore e il lettore hanno di necessità ogni momento di riprender fiato. E par proprio così, che lo scrittore parli con quanto ha nel polmone, e perciò gli convenga spezzare il suo dire, e fare i periodi corti, per fermarsi a respirare. (28. Agosto 1822.). Effettivamente il tuono di qualunque scrittura francese fin dalla prima sillaba è quello di uno che parla ad alta voce. Tale riesce almeno per chi non [2615]è francese, e per chi non è assuefatto durante tutta la sua vita a letture francesi ec. Quel tuono moderato del discorso naturale, col qual tuono gli antichi aprivano anche le loro Orazioni, e fra queste, anche [le] più veementi e passionate, è una qualità eterogenea anche alle lettere familiari de’ francesi.

(28. Agosto 1822.)

In questa, come in molte altre qualità, lo scriver francese si rassomiglia allo stile orientale, il quale anch’esso per le medesime ragioni, e per loro necessaria conseguenza è tutto spezzato, come si vede ne’ libri poetici e sapienziali della scrittura. La lingua ebraica manca quasi affatto di congiunzioni d’ogni sorta, e non può a meno di passar da un periodo all’altro senza legame, se pure vuol servire alla varietà, perchè altrimenti tutti i suoi periodi comincerebbero, come moltissimi cominciano, dall’uau. Ma ciò può esser virtù per gli orientali, essendo difetto ne’ francesi: perchè a quelli è naturale, a questi no. Neppur noi italiani, neppur gli spagnuoli hanno quella tanta soprabbondanza di sentimento vitale, e quella tanta veemenza e rapidità naturale e abituale e fisica d’immaginazione che hanno gli orientali; a cui perciò riesce insoffribilmente languido e lento quell’andamento dello scrivere che per noi è moderato, e quelle immagini ec. che per noi tengono [2616]il giusto mezzo; e a cui riesce moderatissimo quel che riesce eccessivo per noi. Ma se neppur gl’italiani e neppur gli spagnuoli hanno la forza abituale e fisica della vita interna che hanno gli orientall, molto meno ci arriveranno i francesi. E in verità il modo del loro scrivere è per loro abito, non già natura, come si può vedere anche ne’ loro scrittori antichi.

(28. Agosto. 1822.)

La niuna società dei letterati tedeschi, e la loro vita ritirata e indefessamente studiosa e di gabinetto, non solo rende le loro opinioni e i loro pensieri indipendenti dagli uomini (o dalle opinioni altrui), ma anche dalle cose. Laonde le loro teorie, i loro sistemi, le loro filosofie, sono per la più parte (a qualunque genere spettino: politico, letterario, metafisico, morale, ec. ed anche fisico) poemi della ragione. In fatti delle grandi e vere e sode scoperte sulla natura e la teoria dell’uomo, de’ governi ec. ec. la fisica generale ec. n’han fatto gl’inglesi (come Bacone, Newton, Locke), i francesi (come Rousseau, Cabanis) e anche qualche italiano (come Galilei, Filangieri ec.), ma i tedeschi nessuna, benchè tutto quello che i loro [2617]filosofi scrivono, sia, per qualche conto, nuovo, e benchè i tedeschi abbondino d’originalità in ogni genere sopra ogni altra nazion letterata (ma non sanno essere originali se non sognando): e benchè la nazion tedesca abbia tanti metafisici, computando anche i soli moderni, quanti non ne hanno le altre nazioni tutte insieme, computando i moderni e gli antichi: e bench’ella sia profondissima d’intelletto per natura, e per abito. Di più i letterati tedeschi hanno appunto in sommo grado quello che si richiede al filosofo per non esser sognatore, e per non discostarsi dal vero andandone in cerca: il che i filosofi delle altre nazioni non sogliono avere. Vale a dir che i tedeschi hanno un sapere immenso, una cognizione quasi (s’egli è possibile) intera e perfetta di tutte le cose che sono e che furono. Ed essendo essi così padroni della realtà per forza del loro studio, e gli altri letterati essendo così poco padroni de’ fatti, è veramente maraviglioso, come certissimo, che [2618]laddove l’altre nazioni oramai tutte filosofano anche poetando, i tedeschi poetano filosofando. E si può dir con verità che il menomo e il più superficiale de’ filosofi francesi (così leggieri e volages per natura e per abito) conosce meglio l’uomo effettivo e la realtà delle cose, di quel che faccia il maggiore e il più profondo de’ filosofi tedeschi (nazione sì riflessiva). Anzi la stessa profondità nuoce loro: e il filosofo tedesco tanto più s’allontana dal vero, quanto più si profonda o s’inalza; all’opposto di ciò che interviene a tutti gli altri. (29. Agosto. 1822.). I tedeschi incontrano molto meglio e molto più spesso nel vero quando scherzano, o quando parlano con una certa leggerezza e guardando le cose in superficie, che quando ragionano: e questo o quel romanzo di Wieland contiene un maggior numero di verità solide, o nuove, o nuovamente dedotte, o nuovamente considerate, sviluppate ed espresse, anche di genere astratto, che non ne contiene la Critica della ragione di Kant.

(30. Agosto 1822.). Vedi l’abbozzo del mio discorso sopra i costumi presenti degl’italiani.

[2619]È curioso l’osservare come l’universalità sia passata dalla lingua greca ch’è la più ricca, vasta, varia, libera, ardita, espressiva, potente, naturale di tutte le lingue colte, alla francese ch’è la più povera, limitata, uniforme, schiava, timida, languida, inefficace, artifiziale delle medesime. E più curioso che l’una e l’altra lingua abbiano servito all’universalità appunto perchè possedevano in sommo grado le predette qualità, che sono contrarie direttamente fra loro. E pur tant’è, ed anche oggidì dalla lingua francese in fuori, non v’è, e mancando la lingua francese, non vi sarebbe lingua meglio adattata all’universalità della greca, ancorchè morta, (2. Settem. 1822.) ed ancorch’ella sia precisamente l’estremo opposto alla lingua francese.

(2. Sett. 1822.)

Alla p.1271. Io tengo per certissimo che l’invenzione dell’alfabeto sia stata una al mondo, voglio dir che la scrittura alfabetica non sia stata inventata in più luoghi (o al medesimo tempo o in diversi tempi) ma in un solo, e da [2620]questo sia passata la cognizione e l’uso della detta scrittura di mano in mano a tutte le nazioni che scrivono alfabeticamente. Non è presumibile che un’invenzione ch’è un miracolo dello spirito umano (o forse ha la sua origine dal caso come il più delle invenzioni strepitose) sia stata ripetuta da molti, cioè fatta di pianta da molti spiriti. E la storia conferma ciò ch’io dico. 1. Le nazioni che non hanno, o non hanno avuto commercio con alcun’altra, o con alcun’altra letterata, non hanno avuto o non hanno alfabeto. Cento altre nostre cognizioni mirabili si son trovate sussistenti presso questo o quel popolo nuovamente scoperto: l’alfabeto (primo mezzo di vera civilizzazione) non mai. Il Messico avea governo, politica, nobiltà, gerarchie, premi militari, anzi Ordini cavallereschi rimuneratorii del merito, calendario, architettura, idraulica, cento belle arti manuali, navigazione, ec. ec. ed anche storie e libri geroglifici, ma non alfabeto. La China ha inventato polvere, bussola, e fino la stampa; ha infiniti libri, ha prodotto un Confucio, [2621]ha letteratura, ha gran numero di letterati, fino a farne più classi distinte, con graduazioni, lauree, studi pubblici ec. ec. ma non ha alfabeto (benchè i libri cinesi si vendano tutto dì per le strade della China al minutissimo popolo, e anche ai fanciulli, e la professione del libraio sia delle più ordinarie e numerose). 2. Si sa espressamente per tradizione che gli alfabeti son passati da paese a paese. La Grecia narra d’avere avuto il suo dalla Fenicia; così ec. ec. ec. 3. Grandissima parte degli alfabeti dimostra l’unità dell’origine guardandone sottilmente o il materiale, o i nomi delle lettere (come quelli del greco paragonati agli ebraici ec. ec.). E questo, non ostante che le nazioni siano disparatissime, e niun commercio sia mai stato fra talune di esse, come tra gli ebrei e i latini antichi che ricevettero l’alfabeto (forse) dalla Grecia, che l’ebbe dalla Fenicia, che l’ebbe da’ samaritani o viceversa ec. ec. e così l’alfabeto latino vien pure a ravvicinarsi sensibilmente all’ebraico. [2622]4. Se alcuni alfabeti non dimostrano affatto alcuna somiglianza con verun altro, nè per figura nè per nomi ec. ciò non conclude in contrario. Ma vuol dire, o che l’antichità tolse loro, o agli alfabeti nostri ogni vestigio della loro primissima origine; o piuttosto che quelle tali nazioni ricevendo pur di fuori, come le altre, l’uso della scrittura alfabetica, o non adottarono però l’alfabeto straniero, o adottatolo lo vennero appoco [appoco] perfezionando, cioè accomodando alla loro lingua, finchè lo mutarono affatto: o vero tutto in un tratto gliene sostituirono un altro nuovo e proprio loro, come fu dell’alfabeto armeno, sostituito al greco ch’era stato usato fino allora dalla nazione, la quale col mezzo di esso aveva imparato a scrivere, e conosciuto l’uso dell’alfabeto, del che vedi p.2012.

(2. Sett. 1822.)

Le nazioni civili dell’Asia, dopo la conquista d’Alessandro erano veramente dÛglvttoi cioè parlavano e scrivevano la lingua greca, non come propria, ma come lingua colta, e nota universalmente, [2623]e letta da per tutto (e così deve intendersi il luogo di Cic. pro Archia), e come noi o gli svedesi o i russi o gli olandesi scrivono il francese: noi (più di rado) per cagione della sua universalità; quegli altri, come anche i polacchi, e al tempo di Federico i prussiani, per non aver lingua che sia o fosse ancora abbastanza capace ec. Nè si dee credere che le lingue patrie di quelle nazioni, fossero spente, neanche diradate dall’uso, e sostituita loro la greca nella conversazione quotidiana, come accadde della latina, nelle nazioni latinizzate. Restano anche oggi le lingue asiatiche antiche, o dialetti derivati da quelle, o composti di quelle e d’altre forestiere, come dell’arabica ec. E v. ciò che s’è detto altrove di Giuseppe Ebreo, e Porfirio Vit. Plotini c.17. nel Fabric. B. G. t.4. p.119-120. (e quivi la nota) katŒ m¢n p‹trvn di‹lekton. Di questi dÛglvttoi che scrivevano in lingua non loro, e pure scrivevano anche egregiamente, fu Luciano da Samosata, v. le sue opp., dove fa cenno della sua lingua patria, e tali altri di que’ tempi; anzi tutti gli Asiatici [2624]che scrissero in greco (eccetto quelli delle Colonie, come Arriano, Dionigi Alicarnasseo ec.), alcuni Galli non Marsigliesi nè d’altra colonia greco-gallica (come Favorino), alcuni Africani, massime Egiziani (perchè nel resto dell’Affrica, esclusa la Cirenaica, trionfò la lingua latina, ma come lingua de’ letterati e del governo ec. non come popolare, per quanto sembra), alcuni italiani (come M. Aurelio) ec. ec.

(9. Sett. 1822.)

Questo appunto fu quello che la lingua latina non ottenne mai, o quasi mai, cioè d’esser bene intesa, parlata, letta, scritta da quelli che non la usavano quotidianamente come propria, e così si deve intendere il citato luogo di Cic. latina suis finibus, exiguis sane, continentur. Pur non erano tanto ristretti neppur allora, quanto all’uso quotidiano, essendo già stabilito il latino in Affrica ec.

Visto non è altro che una contrazione del participio visitus (come quisto di quesitus in ispagnuolo), ignoto agli scrittori latini.

(14. Sett. 1822.)

Per la Dissertazione dell’antico volgare latino vedi fra gli altri il Pontedera, Antiquitatum latinarum graecarumque enarrationes atque emendationes. Patav. Manfrè, typis Seminarii, 1740. 4to epist. 1.2. principalmente.

(15. Sett. dì della B. V. Addolorata. 1822.). V. anche il Lanzi Saggio sulla lingua etrusca.

Ho detto in più luoghi che l’opinione è Signora degli individui e delle nazioni, che [2625]tali sono e furono e saranno quelli e queste, quali sono o furono o saranno le loro opinioni e persuasioni e principii. La cosa è naturalissima, e conseguenza necessaria dell’amor proprio in un essere ragionante. Perocchè l’amor proprio porta l’uomo a sceglier sempre quello che se gli rappresenta come suo maggior bene. Ma qual cosa se gli rappresenti come tale, ciò dipende dall’opinione, e così la libertà dell’uomo è sempre determinata dall’intelletto. Quindi sebben l’uomo alle volte si scosta da’ suoi principii, considerando per allora come suo maggiore bene quello che pur è contrario ai medesimi, nondimeno è naturale che la massima parte delle operazioni, desiderii, costumi ec. sì degl’individui sì de’ popoli sia conforme ai principii tenuti dal loro intelletto stabilmente e abitualmente.

(16. Sett. 1822.)

Ho detto altrove che le antiche nazioni si stimavano ciascuna di natura diversa dalle altre, [2626]non consideravano queste come loro simili, e quindi non attribuivano loro nessun diritto, nè si stimavano obbligate ad esercitar cogli esteri la giustizia distributiva ec. se non in certi casi, convenuti generalmente per necessità, come dire l’osservazion de’ trattati, l’inviolabilità degli araldi ec. cose tutte, la ragion delle quali appoggiavano favolosamente alla religione, come quelle che da una parte erano necessarie volendo vivere in società, dall’altra non avevano alcun fondamento nella pretesa legge naturale. Quindi gli araldi amici e diletti di Giove presso Omero ec. quindi il violare i trattati era farsi nemici gli Dei (v. Senof. in Agesilao) ec. Ho citato l’Epitafios attribuito a Demostene per provare che questa falsa, ma naturale idea della superiorità loro ec. ec. sulle altre nazioni, le confermavano [2627]le nazioni antiche, e poi le fondavano sulle favole, e sulle storie da loro inventate, tradizioni ec. dando così a questo inganno una ragione, e una forza di massima e di principio. Anche più notabile in questo proposito è quel che si legge nel Panegirico d’Isocrate verso il principio, dove fa gli Ateniesi superiori per natura ed origine a tutti gli uomini. V. anche l’oraz. della Pace, dove paragona gli Ateniesi coi TriballoÛ, e coi LeukanoÛ. Similmente il popolo Ebreo chiamavasi il popolo eletto, e quindi si poneva senza paragone alcuno al di sopra di tutti gli altri popoli sì per nobiltà, sì per merito, sì per diritti ec. ec. e spogliava gli altri del loro ec. ec.

(25. Settembre 1822.)

Pausa, posa, posare (per riposare), riposo, riposare (reposare) e simili vengono indubitatamente [2628]da paæv-paæsv-paèsiw ec.

(28. Sett. 1822.)

Isocrate nel Panegirico p.133. cioè prima del mezzo, (quando entra a parlare delle due guerre Persiane) lodando i costumi e gl’istituti di coloro che ressero Atene e Sparta innanzi al tempo d’esse guerre, dice, àdia m¢n �sth tŒw ¥autÇn pñleiw ²goæmenoi, koin¯n patrÛda t¯n ƒE ll‹da nomÛzontew eänai.

(30. Settembre 1822.)

Isocrate nel Panegirico p.150, cioè poco dopo il mezzo, raccontando i mali fatti da’ fautori de’ Lacedemoni (LakvnÛzontew) alle loro città, dice dei medesimi: eÞw toèto Èmñthtow ‘pantaw ²m�w kat¡sthsan, Ëste prò toè m¢n diŽ t¯n paroèsan eédamonÛan, k›n taÝw mikraÝw ŽtuxÛaiw, polloçw §kastow ²mÇn (parla dei privati cioè di ciascun cittadino) eÞxe toçw sumpaJ®sontaw: ¤pÜ t°w toætvn Žrx°w, diŒ pl°Jow tÇn nÞkeÛvn kakÇn, ¤paus‹meJa Žll®louw ¤leoèntew. OédenÜ gŒr tosaæthn [2629]sxol¯n par¡lipon, ËsJƒ ¥t¡rÄ sunaxJesJ°nai. E veramente l’abito della propria sventura rende l’uomo crudele Èmòn, come dice costui. (30. Sett. 1822.). Vedi la p. seg. pensiero primo.

Da quello che altrove ho detto e provato, che il piacere non è mai presente, ma sempre solamente futuro, segue che propriamente parlando, il piacere è un ente (o una qualità) di ragione, e immaginario.

(2. Ott. 1822.)

A ciò che ho detto altrove delle voci ermo, eremo, romito, hermite, hermitage, hermita ec. tutte fatte dal greco ¦rhmow, aggiungi lo spagnuolo ermo, ed ermar (con ermador ec.) che significa desolare, vastare, appunto come il greco ¤rhmñv. (3. Ottobre. 1822.). Queste voci e simili sono tutte poetiche per l’infinità o vastità dell’idea ec. ec. Così la deserta notte, e tali immagini di solitudine, silenzio ec.

Le sensazioni o fisiche o massimamente morali che l’uomo può provare, sono, niuna di vero piacere, ma indifferenti o dolorose. Quanto alle indifferenti la sensibilità non giova nulla. Restano solo le dolorose. Quindi la sensibilità, benchè [2630]assolutamente considerata sia disposta indifferentemente a sentire ogni sorta di sensazioni, in sostanza però non viene a esser altro che una maggior capacità di dolore. Quindi è che necessariamente l’uomo sensibile, sentendo più vivamente degli altri, e quel che l’uomo può vivamente sentire in sua vita non essendo altro che dolore, dev’esser più infelice degli altri. Egli più capace d’infelicità, e questa capacità non può mancar d’esser empiuta nell’uomo.

(5. Ottobre 1822.)

Ho detto altrove che il timore è la più egoistica delle passioni. Quindi ciò ch’è stato osservato, che in tempo di pesti, o di pubblici infortuni, dove ciascun teme per se medesimo, i pericoli e le morti de’ nostri più cari, non ci producono alcuno o quasi alcun sentimento.

(5. Ottobre. 1822.)

Ho detto che gli scrittori greci hanno ciascuno un vocabolarietto a parte, dal quale [2631]non escono mai o quasi mai, e nella totalità del quale ciascun d’essi si distingue benissimo da ciascun altro, e ch’esso vocabolario, massime ne’ più antichi è molto ristretto, e che la lingua greca ricchissima in genere, non è più che tanto ricca in veruno scrittore individuo; e tanto meno è ricca quanto lo scrittore è più antico e classico, e quindi i più antichi e classici si distinguono fra loro nelle parole e frasi più di quel che facciano parimente fra loro i più moderni, che son più ricchi assai, ed abbracciano ciascuno una maggior parte della lingua, onde debbono aver fra loro più di comune che gli antichi non hanno fra loro medesimi, come che le parole e frasi di ciascuno generalmente prese, sieno tutte ugualmente proprie della lingua.

Tutto ciò si dee specialmente intendere [2632]delle radici, nelle quali gli antichi greci sono ristrettissimi, ciascuno quanto a se, e notabilmente diversi gli uni dagli altri, nella totalità del Vocabolario delle medesime. Laddove i moderni ne sono incomparabilmente più ricchi (come Luciano, Longino, ed anche più i più sofistici e di peggior gusto, e i più pedanti; rispetto p.e. ad Isocrate, Senofonte ec.), ed hanno in esse radici molto più di comune fra loro. Ma quanto ai composti o derivati fatti da quelle radici che sono familiari a ciascuno di loro, niuno scrittor greco è povero, nè scarso, nè troppo uniforme. Ma quando mai, sarebbero più poveri in questa parte i più moderni, che i più antichi. Certo sono più timidi e servili, ed attaccati all’esempio de’ precedenti, e parchi e ritenuti e guardinghi e cauti nella novità. La qual novità quanto alle voci, non può consistere in greco se non se in nuovi composti o derivati.

(5. Ott. 1822.)

[2633]Dalle suddette cose si può conoscere che l’immensa ricchezza della lingua greca, non pregiudicava alla facilità di scriverla, e quindi non s’opponeva alla sua universalità, non essendo necessaria più che tanta ricchezza (o usata o conosciuta e posseduta) non solo per iscrivere e parlar greco, ma eziandio per iscriverlo e parlarlo egregiamente; e bastando poche radici per questo; poichè restavano liberi i composti all’arbitrio dello scrittore, o quando anche non restassero liberi, infiniti composti e derivati portava seco ciascuna radice, onde lo scrittore pratico di poche radici veniva subito ad avere una lingua molto sufficiente a tutti i suoi bisogni. Il che scemava infinitamente la difficoltà che si prova nelle lingue, perchè un vocabolario sufficientissimo [2634]allo scrittore o parlatore si riduceva sotto pochi elementi, e procedeva da pochi principii ossia radici, e quindi era molto più facile ad impararlo ed impratichirsene, che se esso senza essere niente maggiore, avesse contenuto tutta la lingua, ma fosse proceduto da più numerose e diverse radici. Tutte queste circostanze siccome quelle notate nel pensiero precedente non si trovavano nella lingua latina, che meno ricca della greca, era però per la sua ricchezza più difficile a scrivere e a parlare che la greca non fu, perchè la ricchezza (ancorchè minore) della latina, bisognava averla tutta in contanti, a volere scrivere e parlar latino, e massimamente a farlo bene. E l’orecchie latine erano delicatissime come le francesi, circa il vero e [2635]proprio andamento (e la purità) della loro lingua, che rispetto alla greca era liberissimo, cioè sommamente vario, ed in gran parte ad arbitrio.

(8. Ottobre. 1822.)

La lingua greca ch’è la più antica delle colte ben conosciute, è anche fra tutte le lingue colte la più capace di significar l’idee e gli oggetti più propriamente moderni cioè i più difficili a significarsi e di supplire ai bisogni d’espressioni, prodotti dall’ampiezza, varietà e profondità delle nozioni moderne. E il fatto stesso lo dimostra, ricorrendosi tutto dì alla lingua greca ec. come ho detto altrove.

(10. Ottobre. 1822.)

 

Taæthw t°w ŽnvmalÛaw kaÜ t°w tarax°w aàtiñn ¤stin ôti t°n basileÛan, Ësper ßerosænhn, pantòw Žndròw eänai nomÛzonsin, ÷ (t. „e. ² basileÛa) tÇn ŽnJrvpÛnvn pragm‹tvn m¡gistñn ¤stin, kaÜ pleÛonow[2636]pronoÛaw (all. codd. pleÛothw) deñmenon. Isocr. pròw Nikokl¡a p.37. cioè a meno di tre piccole pagine dal principio dell'Oraz.

(10. Ott. 1822

Non c’è regola nè idea nè teoria di gusto universale ed eterno. Qual potreb’ella essere, se non la natura? (e qual cosa è, o vero, essendo, si può immaginare e intendere e concepire da noi, fuori della natura?) ma qual natura, se non l’umana? Poichè le cose che cadono sotto la categoria del buon gusto o del cattivo gusto, non sono considerate se non per rispetto all’uomo. Or non è ella cosa manifestissima, che la natura dell’uomo si diversifica moltissimo secondo i climi, secoli, costumi, assuefazioni, governi, opinioni, circostanze fisiche, morali, politiche, ec. e queste, individuali, nazionali ec. ec.? Resta dunque per tutta idea e teoria di gusto [2637]universale ed eterno, un idea ed una teoria, che comprenda solamente, e si fondi, e si formi di quei principii che, relativamente al gusto, si trovano esser comuni a tutti gli uomini, e tenere alla primitiva e immutabile natura umana. Ma questi principii, dico io che sono pochissimi, ed applicabilissimi, conformabilissimi, e fecondi di numerosissime e diversissime conseguenze (siccome lo sono tutti i principii naturali, e veramente elementari, perchè la natura è semplicissima, pochi principii ha posto, e questi, infinitamente e diversissimamente e anche contrariamente[2] modificabili): dal che segue che questa idea e questa teoria d’un gusto che sia veramente universale ed eterno, si riduce a pochissime regole, ed è infinitamente meno circoscritta e distinta di quel che comunemente si crede; e lascia luogo a infiniti [2638]gusti diversissimi ed anche contrarii fra loro (che noi riproviamo, e perchè ripugnano al gusto nostro o individuale o nazionale, e questo forse momentaneo, li crediamo, al nostro solito, contrarii all’universale ed eterno): anzi non solo lascia loro luogo, ma li produce, non meno che quello ch’a noi pare il solo vero buon gusto ec.

(13. Ott. 1822.)

Ma senza alcun fallo gli uomini comunemente hanno questo difetto, e tutti generalmente in ciò pecchiamo, che noi della nostra vita speriamo assai, ed il nostro tempo largo misuriamo, e dello altrui per lo contrario sempre temiamo, e siamone scarsi e solleciti, debole e breve reputandolo. Perocchè chi è quello che tanto oltre sia, o che così vicino alla fossa abbia il piede, che non si faccia a credere di dover quattro o sei anni poter [2639]campare, e che a ciò ogni cosa opportuna non apparecchi? Veramente io credo che niuno ce ne abbia fra noi; nè maraviglia sarebbe di ciò, se noi questa medesima speranza avessimo similmente della altrui vecchiezza, che noi abbiamo della nostra, e non ci facessimo beffe in altrui di quello che in noi medesimi approviamo. Casa, Orazione seconda per la Lega. Lione (Venezia) appresso Bartolommeo Martin. senza data di tempo. appiè del 3. tomo delle opere del Casa, Venez. Pasinelli 1752. p.41. Tre altre pagine mancano per la fine dell’Oraz.

(13.-14. Ottobre. 1822.)

Ho detto altrove che gran parte delle voci che in poesia si chiamano eleganti, e si tengono per poetiche, non sono tali, se non per esser fuori dell’uso comune e familiare, nel quale già furono una volta (o furono certo nell’uso degli scrittori in prosa); e conseguentemente per essere antiche rispetto [2640]alla moderna lingua, benchè non sieno antiquate. E ciò principalmente cade nelle voci (o frasi) che sono oggidì esclusivamente poetiche. Ho detto ancora che per tal cagione, non potendo i primi poeti o prosatori di niuna lingua, aver molte voci nè frasi antiche da usare ne’ loro scritti, e quindi mancando d’un’abbondantissima fonte d’eleganza, è convenuto loro tenersi per lo più allo stile familiare, come familiarissimo è il Petrarca ec., e sono stati incapaci dell’eleganza Virgiliana.

Aggiungo ora che in fatti la poesia, appresso quelle nazioni ch’hanno lingua propriamente poetica, cioè distinta dalla prosaica (e ciò fu tra le antiche la greca, e sono tra le moderne l’italiana e la tedesca, e un poco fors’anche la spagnuola) è conservatrice [2641]dell’antichità della lingua, e quindi della sua purità, le quali due qualità sono quasi il medesimo, se non che la prima di queste due voci dice qualcosa di più. Dell’antichità, dico, è conservatrice la lingua poetica, sì ne’ vocaboli, sì nelle frasi, sì nelle forme, sì eziandio nelle inflessioni, o coniugazioni de’ verbi, e in altre particolarità grammaticali. Nelle quali tutte essa conserva (o segue di tratto in tratto a suo arbitrio) l’antico uso, stato comune ai primi prosatori, e quindi sbandito dalle prose. Ed ha notato il Perticari nel Trattato degli Scrittori del Trecento che in tanta corruzione ultimamente accaduta della nostra lingua parlata e scritta, lo scriver poetico s’era pur conservato e si conserva puro; il che fino a un certo segno, e massime ne’ versificatori [2642]che non hanno molto preteso all’originalità (come gli arcadici, i frugoniani ec. a differenza de’ Cesarottiani ec.) si trova esser verissimo. Così fu nella lingua greca, che la poesia fu gran conservatrice delle parole, modi, frasi, inflessioni, e regole e pratiche grammaticali antiche. Ond’ella ha una lingua tutta diversa dalla sua contemporanea prosaica. E ciò accade (parlo del conservar l’antichità e purità della lingua), accade, dico, proporzionatamente anche nelle poesie che non hanno lingua appartata, come la francese, e forse l’inglese. Se non altro, queste poesie sono sempre più pure dello scriver prosaico appresso tali nazioni, rispetto alla lingua.

(15. Ottobre 1822.)

Mania, smania, smaniare e lo spagnuolo mania, e il francese manie, maniaque ec. dal greco manÛa, maÛnomai ec. cioè furor, furere ec. furore frenesia ec.

(22. Ottobre. 1822.)

[2643]L’amor della vita cresce quasi come l’amor del danaio, e, com’esso, cresce in proporzione che dovrebbe scemare. Perciocchè i giovani disprezzano e prodigano la vita loro, ch’è pur dolce, e di cui molto avanza loro; e non temono la morte: e i vecchi la temono sommamente, e sono gelosissimi della propria vita, ch’è miserabilissima, e che ad ogni modo poco hanno a poter conservare. E così il giovane scialacqua il suo, come s’egli avesse a morire fra pochi dì, e il vecchio accumula e conserva e risparmia come s’avesse a provvedere a una lunghissima vita che gli restasse.

(24. Ottob. 1822.)

Cara spagn. cioè faccia, e così cera, e chère nello stesso senso, vengono dal greco. V. Perticari Apol. di Dante part.2. c.5. not.1. p.75.

(28. Ott. 1822.)

È bello a paragonare il luogo di Cicerone pro Archia da me recato altrove, sulla ristrettezza geografica [2644]della lingua latina al suo tempo, col luogo di Plutarco sulla sua immensa propagazione a tempo di Traiano, il qual luogo è portato dal Perticari l. sop. cit. c.8. princip. p.88. (28. Ottob. 1822.). Vedi anche il med. Pertic. ib. p.89. e 92-94.

L’uomo odia l’altro uomo per natura, e necessariamente, e quindi per natura esso, sì come gli altri animali è disposto contro il sistema sociale. E siccome la natura non si può mai vincere, perciò veggiamo che niuna repubblica, niuno istituto e forma di governo, niuna legislazione, niun ordine, niun mezzo morale, politico, filosofico, d’opinione, di forza, di circostanza qualunque, di clima ec. è mai bastato nè basta nè mai basterà a fare che la società cammini come si vorrebbe, e che le relazioni scambievoli degli uomini fra loro, vadano secondo le regole di quelli che si chiamano diritti sociali, e doveri dell’uomo verso l’uomo.

(2. Nov. dì de’ Morti. 1822.)

[2645]Se l’uomo esce fuori della naturale puritade, allora pecca. Servando dunque la nostra condizione e virtù, bastiti o uomo, lo naturale ornamento, e non mutare l’opera del tuo Creatore, perocchè volerla mutare è un guastare. Vite de’ Santi Padri, parte 1. capitolo 9. fine, p.25. e son degne d’esser vedute anche le cose precedenti a queste parole. Le quali sono in bocca di Sant’Antonio, e nella sua Vita, il cui testo originale greco è di S. Atanasio.

(Recanati - Roma. Novembre. 1822.)

La storia greca, romana ed ebrea contengono le reminiscenze delle idee acquistate da ciascuno nella sua fanciullezza. Ciascun nome, ciascun fatto delle dette storie, e massime i principali e più noti ci richiamano idee quasi primitive per noi, e sono in certo modo legati alla storia della vita, e della fanciullezza massimamente, [2646]delle cognizioni, de’ pensieri di ciascuno di noi. Quindi l’interesse che ispirano le dette storie, e loro parti, e tutto ciò che loro appartiene; interesse unico nel suo genere, come fu osservato da Chateaubriand (Génie ec.); interesse che non può esserci mai ispirato da verun’altra storia, sia anche più bella, varia, grande, e per se più importante delle sopraddette; sia anche più importante per noi, come le storie nazionali. Le suddette tre sono le più interessanti perchè sono le più note; perchè sono le più domestiche, familiari, pratiche, e quasi strette parenti di ciascun uomo civile e colto, ancorchè di patria diversissimo da queste tre nazioni. E perciò elle sono le più, anzi le sole, feconde di argomenti storici veramente propri d’epopea, di tragedia, ec. [2647]e all’interesse dei detti argomenti, massime nella poesia, non si può supplire in verun conto, nè con veruna industria, cavando argomenti o dall’immaginazione, o dalle altre storie, neppur dalle patrie. Aggiungasi alle tre dette storie, quella della guerra troiana, la quale interessa sommamente per le dette ragioni, anzi più delle altre tre, perchè i poemi d’Omero e di Virgilio, l’hanno resa più nota e familiare a ciascuno, che verun’altra, e perch’ella a cagione dei detti poemi, delle favole ec. è più legata alle ricordanze della nostra fanciullezza, che non sono la storia greca e romana, e neanche l’ebrea. Tutto ciò è relativo, e l’interesse delle dette storie non deriva particolarmente dalle loro proprie e intrinseche qualità, ma dalla circostanza estrinseca dell’essere le medesime familiari [2648]a ciascuno fin dalla sua fanciullezza; tolta la qual circostanza, che ben si potrebbe togliere, dipendendo dalla educazione ec., questo interesse o si confonderebbe e agguaglierebbe con quello delle altre storie, e argomenti storici, o sarebbe anche superato.

(Roma. 25. Nov. 1822.)

La formation d’une langue est l’oeuvre des grands écrivains; l’Italie en compte trop peu: plus de la moitié de l’esprit et du coeur humain n’a pas encore passé sous la plume des Italiens, et par conséquent dans leur langue. Lettres sur l’Italie par Dupaty en 1785. let.41. Tome 1. à Gênes 1810, p.185. Non solo dello spirito e del cuore umano, ma neppur la metà delle cognizioni che sopra queste materie s’avevano al tempo di Dupaty, e molto meno di quelle che s’hanno presentemente.

(30. Nov. 1822. Roma.)

[2649]Sopra i dialetti della lingua latina. Estratto da un articolo: Del Dialetto Veneto: Lettera di un Viaggiatore oltramontano (inglese), che sta nelle Effemeridi letterarie di Roma t.2. p.58-70. (Genn. 1821.). = L’antica lingua di questi popoli (Veneti) traspariva nel loro Latino, come è agevole di riconoscere dalle inscrizioni raccolte dal Maffei: ed è probabile che gli originarj dialetti delle diverse nazioni che si stabilirono in Italia, sieno una rimota cagione della varietà de’ linguaggi che vi si parlano presentemente.

[2650]Ma checchè sia pure degli elementi della lingua loro (de’ primi Veneti), è cosa notoria ch’essi ne avevano una a se, comunque fosse composta; la quale rimase in seguito, come le altre di tutti gl’Italiani aborigeni, assorta nel Latino; e molte prove si potrebbero addurre per dimostrare che una tal lingua (come accadde di quella dei Galli ec.) tinse de’ suoi propri colori la massa colla quale si confuse (la lingua latina): e le Iscrizioni lapidarie raccolte dal Maffei nel territorio Veneto fanno vedere quella stessa provincialità antica (benchè di un genere diverso) che caratterizza quelle delle Colonie Galliche; e vi si riconosce lo stesso scambiamento di lettere che è frequentissimo nel dialetto Veneto che ora si parla. Cicerone nelle sue Lettere familiari fa menzione [2651]di certi termini che erano in voga in queste provincie (Venete), e sconosciuti a Roma. Tito Livio fu accusato di patavinità o padovanismo (checchè si debba intendere sotto questa espressione): fu anche detto di Catullo d’aver egli introdotte certe nuove forme di dire nella Lingua Latina: e si potrebbero addurre alcune prove di questi suoi Veronismi. Ne sia una il nome di Pronus con cui egli chiama un torrente: termine che io non so che sia usato da alcun altro. Nè si supponga che questo non sia che uno degli ordinarj ed adattati epiteti sostituiti al sostantivo. Giacchè Pronio nella provincia di Verona ritiene anche presentemente il significato di Torrente. Ho già fatto sentire l’opinione in cui sono che quello ch’io cerco di dimostrare [2652]relativamente agli Stati Veneti (l’antichissima origine di quegli elementi e proprietà del suo dialetto che non vengono dal latino, e non sono del comune Italiano; e la loro derivazione dalla lingua veneta anteriore al latinizzamento di quella provincia, qualunque fosse essa lingua), possa probabilmente applicarsi all’Italia tutta. In conferma della qual opinione giova il ricordare che l’Algarotti cita, non so dove, una lettera di Varo a Virgilio, nella quale commentando un certo epigramma, critica la parola putus asseverando non essere Latina. Presentemente il vocabolo Putto, quantunque naturalizzato nell’Italiano, credo però che sia usato familiarmente dai soli Mantovani, e ne’ paesi confinanti, e che non sarebbe inteso dal volgo di Toscana. = p.62-63.

(3. Dic. 1822.)

[2653]Da rullus cioè circulator, roule, rouler etc.

(8. Dic. 1822. dì della Concezione di Maria SS.a)

 

Alla p.2441. Luciano nel Dial. X‹rvn µ ¤piskopoètew, dopo i due terzi del Dial. in bocca di Caronte dice: „OrÇ poikÛlhn tinŒ tærbhn, kaÜ mestòn tarax°w tòn bÛon, kaÜ tŒw pñleiw ge aétÇn (ŽnJrÅpvn) ¤oikuÛaw toÝw sm®nesin, ¤n oåw ‘paw m¢n Þdiñn ti k¡ntron ¦xei, kaÜ tòn plhsÛon kenteÝ. ôlÛgoi tinew, Ësper sf°kew, �gousi kaÜ f¡rousi tòn êpode¡steron.

(Roma 13. Dic. 1822.)

Il vero certamente non è bello: ma pur anch’esso appaga o, se non altro, affetta in qualche modo l’anima, ed esiste senza dubbio il piacere della verità e della conoscenza del vero, arrivando al quale, l’uomo pur si diletta e compiace, ancorchè brutto e misero e terribile sia questo tal vero. Ma la peggior cosa del mondo, e la maggiore infelicità dell’uomo si è trovarsi privo del bello e del vero, trattare, convivere con ciò che non è nè bello nè vero. Tale si è la sorte di chi vive nelle città grandi, dove tutto è falso, e questo falso non è bello, [2654]anzi bruttissimo.

(Roma 13. Dic. 1822.)

Codicis (Vatic. Cic. de Repub.) orthographia miris laborat varietatibus et inconstantia. Est enim id fatum latinae scripturae ac pronunciationis, quod grammaticorum tot pugnantia praecepta infinitaeque quaestiones demonstrant. Hinc merito Cassiodorius (Inst. praef.) orthographia apud graecos plerumque sine ambiguitate probatur expressa; inter Latinos vero sub ardua difficultate relicta monstratur; unde etiam modo studium magnum lectoris inquirit. Exempli gratia, labdacismus (for. lambdacismus, sed in emendd. nihil) proprius Afrorum fuit; sicut colloquium pro conloquium, teste Isidoro (Orig. 1. 32.) Quid porro? nonne ipsa latinitas, uti observabat Hieronymus (Prol. lib. II. comm. ad Gal.) (scil. ad ep. S. Paul. ad Galat.) et regionibus quotidie mutabatur et tempore? postea praesertim quam tanta barbarorum peregrinitas in imperium rom. infusa est, lingua autem generis quarti esse coepit, quod Isidorus (Orig. IX. 1.) mixtum appellat. Maius. M. Tulli Cic. de Re pub. quae supersunt edente [2655]Ang. Maio Vaticanae Bibliothecae praefecto. Romae in Collegio Urbano apud Burliaeum 1822. Praefat. cap.13. p. XXXVII.

(Roma. 16. Dic. 1822.)

Ed in vece di et si legge nel Cod. antichissimo vaticano palimpsesto della rep. di Cic. l.1 c.3. p.10. dell’ediz. qui sopra citata, ed disertos; e c.15. p.43. ed ipse, come avverte il Mai nelle note, benchè nel testo riponga et. (17. Dic. 1822.). Anzi ivi l.3. c.2. p.218. dove l’ediz. ha et ut, il copista avea scritto nel cod. e ut, e l’antico emendatore fece ed ut, forse schivando il concorso delle due sillabe simili et, ut.

Quin adeo de fin. 1. 3. ausus est Cicero latinam quoque linguam dicere locupletiorem quam graecam, qua de re saepe se disseruisse confirmat. Sed contradicunt merito primum ipse Cicero tusc. II. 15. et apud Augustinum contra acad. II. 26; tum Lucretius 1. 140. 831; Fronto apud Gellium II. 26. Maius ad Cic. de repub. p.67. not.

(18. Dic. 1822.)

De Massiliae graecis legibus et litteratura, triplicique lingua, graeca scilicet, latina et gallica, lege Varron. apud Isid. Orig. XV. 1. 63. et ap. Hieron. prolog. lib. II. comm. ad Gal. (scil. in ep. D. Pauli ad Galat.). Confer etiam Caesarem Bell. Civil. II. 12. Tacitum Agric. IV. Silium XV. 169. Homeri editio seu recensio massiliensis [2656]laudatur inter nobiles in scholiis venetis. Maius loc. sup. cit. p.75. not.1.

(18. Dic. 1822.)

Quod quantae fuerit utilitati post videro (onninamente per videbo) Cic. de re publ. l.2. c.9. Rom. 1822. p.142. v. ult. Luogo da aggiungersi a quelli che ho recati altrove per dimostrare l’uso antico del futuro ottativo in vece del futuro indicativo; uso da cui sono nati tutti i futuri di tutti i verbi italiani francesi e spagnuoli, distintiva de’ quali futuri e caratteristica è sempre la r.

(19. Dic. 1822.)

Ad Cic. de re publ. II. 10. p.143. v. ult. ubi legitur septem, haec Maius editor ib. not. c. Cod. SEPTE. Iam M finalem omitti interdum in antiquis codicibus exploratum est. An vero illud SEPTE e lingua rustica est? Certe ita fere nunc loquuntur Itali. (19. Dic. 1822.). Nel Conspectus Orthographiae Codicis Vaticani aggiunto dal Niebuhr a questa ediz., si legge p.352. col.2. SEPTE (II. 10.) et MORTUS (II. 18.) a desciscente in vulgarem sermone tracta sunt. Le sillabe finali am em ec. s’elidevano ne’ versi. Dunque l’m infatti non si pronunziava. V. i miei pensieri sulla sinizesi. V. la pag.2658.

KaÜ önti �gan poieÝn, mag‹lhn fileÝ eiw toénantÛon matabol¯n Žntapodidñnai, ¤n Ëraiw te kaÜ ¤n futoÝw kaÜ ¤n sÅmasi, kaÜ kaÜ ¤n politeÛaiw oéx ´kista. Plato de rep. l.8. p.563.Plato de rep. l.8. p.563. Il qual luogo è riportato da Cic. de rep. 1. 44. p.111-112. (citato il [2657]nome di Platone fin dal c. preced. p.107.), esprimendolo liberamente così: Sic omnia nimia, cum vel in tempestate vel in agris vel in corporibus laetiora fuerunt, in contraria fere convertuntur, maximeque (suppl. cum Maio, id) in rebus publicis evenit. Le quali sentenze fanno a quella mia, che il troppo è padre del nulla. In fatti, come seguono a dire Cic. e Plat. dalla troppa libertà nasce la servitù, cioè, dicon essi, il contrario della libertà, ed io dico, il nulla della libertà, cioè la fine; la niuna libertà.

(19. Dic. 1822.)

Quoties g est ante n, toties memini me videre in antiquis codd. si quando vocabulum divideretur (nel fine o della riga o della pag.), litteram g adhaerere priori vocabuli parti, n autem posteriori. Ergone Hispani Angli et Germani melius quam Itali pronunciare haec verba videntur? Maius ad Cic. de re publ. II. 19. p.165. v.7. (dove la pag. del cod. finisce in mag, e la seguente comincia in na; cioè magna) not. b (20. Dic. 1822.). Bisogna però vedere in che paese sieno stati scritti questi codd. come p.e. in Ispagna. V. p.3762.

[2658]Nella republ. di Cic. succitata, al c.37. del lib.2. p.203. v.1.-2, dove l’edizione ha res publica richiedendosi in fatti il nominativo, il Cod. ha repubblica, quasi fosse italiano. Dal che apparisce che anche anticamente s’usava di tralasciare l’s finale nel pronunziare le voci latine, come si lascia nelle nostre lingue. (21. Dic. 1822.). Infatti è nota l’apocope della s nella fine delle voci presso gli antichi poeti latt. V. la p.2656, marg.

Eademque (mens aut ratio aut sapientia, ut supplet Maius in notis et in addendis, nam superiora in cod. desiderantur) cum accepisset homines inconditis vocibus incohatum quiddam et confusum sonantis (sonantes), incidit (incídit) has et distinxit in partes; ET UT SIGNA QUAEDAM, SIC VERBA REBUS INPRESSIT, hominesque antea dissociatos iucundissimo inter se sermonis vinclo conligavit. A simili etiam mente, vocis qui videbantur infiniti soni, paucis notis inventis, sunt omnes signati et expressi, quibus et conloquia cum absentibus et indicia voluntatum, et monumenta rerum praeteritarum tenerentur. ACCESSIT EOS NUMERUS, (post interventas scil. voces et litteras) RES CUM AD VITAM NECESSARIA, tum [2659]una inmutabilis et aeterna: quae prima inpulit etiam ut suspiceremus in caelum, nec frustra siderum motus intueremur, di numerationibusque noctium ac dierum... (desunt reliqua) Cic. De re publica, l.3. c.2. Rom. 1822. p.218-9.

(22. Dic. 1822.)

Il verbo sum ebbe antichissimamente un participio presente e questo non fu il più moderno ens entis, conservato ancora nella nostra lingua, e nella spagnuola, ma sens sentis. Testimonio le voci prae-sens, ed ab-sens, e con-sens, la quale ultima in verità non è altro che la preposizione cum congiunta al participio presente di sum, e vale qui simul est, onde Dii Consentes, Dii qui simul sunt. V. Forcell. in Consens, praesens ec. Quindi si fortifica la mia conghiettura e che il verbo sum avesse anche un participio passato, in us, come anticamente l’avevano gli altri neutri, ed anche gli attivi in senso attivo (p.e. peragratus, cioè qui peragravit, da peragro attivi), e che questo incominciasse per s, onde da esso fosse [2660]formato il verbo sto.

(Roma 22. Dic. 1822.)

Cic. de rep. l.3. c.8-20. p.230-48. sotto la persona di L. Furio Filo disputa contro la giustizia, e dimostra la non esistenza della legge naturale, e reca in mezzo le varietà e discordanze de’ costumi e delle leggi presso i diversi popoli, e de’ giudizi degli uomini e de’ vari secoli intorno al retto e al giusto, e a’ loro contrarii. Degna d’esser letta è questa disputazione, massime per ciò che riguarda i vari e ripugnanti giudizi delle antiche nazioni circa il così detto diritto naturale e universale, o idea innata del giusto e del bene. E cita il Mai (nella 3. nota della p.232.) sopra questo proposito S. Girolamo in Iovin. II. 7. sqq. Sesto Empirico III. 24. et contra eth. 190. seqq. ed Erodoto III. 38. quos auctores haud paenitendo cum fructu ii legent qui naturali civilique historiae student.

(22. Dic. 1822.)

Nella sopraddetta disputazione è notabile un frammento (c.15. p.243.), dove Cicerone in persona di Filo ricorda quella favolosa opinione che avevano gli Arcadi [2661]e gli Ateniesi d’essere aétñxJonew, cioè terrae filii, perlochè stimandosi di diversa origine e natura dagli altri uomini, niente stimavano di dovere alle altre nazioni, benchè riconoscessero leggi e diritti che obbligassero ciascuno individuo della propria nazione verso gli altri individui della medesima. E v. quivi la nota 1. del Mai.

(22. Dic. 1822.). V. p.2665.

Et quamquam optatissimum est, perpetuo fortunam quam florentissimam permanere; illa tamen aequabilitas vitae non tantum habet sensum, (mallem sensus 2do casu, quod magis tullianum est) quantum cum ex saevis et perditis rebus ad meliorem statum fortuna revocatur. Cic. ap. Ammian. Marcell. XV. 5.

(23. Dic. antivigilia di Natale 1822.)

E pensatamente io chiamai figura non tutto quello, che si diparte dalla prima formazion della lingua, ma dal più ordinario modo de’ parlatori presenti. Imperocchè ciò che fu figura in un tempo, [2662]non riman poi figura quando è sì accomunato dall’uso, che divien la più trivial maniera del linguaggio usitato, dipendendo i linguaggi dall’arbitrio degli uomini, tanto nell’introdursi, quanto nell’alterarsi; ed essendo i Gramatici non legislatori, come alcun pensa, ma compilatori di quelle Leggi che per avanti la Signoria dell’Uso ha prescritte. Trattato dello Stile e del Dialogo del Padre Sforza Pallavicino della Compagnia di Gesù. Capo 4. Modena 1819. p.22.

(26. Dicembre; festa di Santo Stefano Protomartire. 1822.)

Circa la mia opinione che troia nell’antico latino volesse dire come in italiano scrofa, vedi nel Forcellini troianus aggiunto di porcus, e che cosa ne dica.

(Roma 28. Dicembre 1822.)

Il Padre Sforza Pallavicino nel Trattato dello Stile e del Dialogo, Capo 27, intitolato Si stabilisce quali Autori deono esser seguiti nelle materie scientifiche da quelli che scrivono in Italiano, ovvero in Latino (ristampa di Modena 1819. pag.175-8.) dà decisa ed universale, e non relativa ma assoluta preferenza agli [2663]scrittori, stile e lingua del 500, (e del seguente secolo ancora, in cui egli scriveva) sopra quelli e quella del 300.

(5. Gennaio 1823.)

In ristretto (in somma), la favella e la Scrittura sono indirizzate a’ coetanei, ed a’ futuri, non a’ defunti. Pallavic. loc. sup. cit. pag.181 fine.

(5. Gen. 1823.)

Nemo enim orator tam multa, ne in graeco quidem otio, scripsit, quam multa sunt nostra. Cic. Orator, num.108, parlando delle sue orazioni.

(9. Gen. 1823.)

Alla p.2470. Delle metafore Cic. nell’Oratore, num.134, comandando che l’Oratore ne faccia grand’uso dice: Ex omnique genere (subintell. rerum) frequentissimae translationes erunt, quod eae propter similitudinem transferunt animos, et referunt ac movent huc et illuc; qui motus cogitationis, celeriter agitatus, per se ipse delectat.

(10. Gen. 1823.)

In un luogo di Lucilio portato da Cic. nell’Oratore num.149. leggi Aptae pavimento per Arte. Vero è che la sillaba seconda del verso precedente è breve.

(10. Gen. 1823.)

Anticamente i latini dicevano maxilla axilla etc. (Cic. Orator, n.155.), indi fecero mala, ala, ec. Or noi conserviamo l’antico: mascella, ascella, tassello. Dicevano anche siet per sit (vedi ib. num.159.); or [2664]quello e non questo si dovette sempre conservare nell’uso del popolo, come apparisce da sia, soit, sea. (10. Gen. 1823.). Notisi il nostro uso simile, di aggiungere un’e alle vocali accentate: virtue, fue ec.

Nell’Oratore di Cic. num.196. illa ipsa delectarent, leggi non delectarent.

(11. Gen. 1823.)

Transferenda tota dictio est ad illa quae nescio cur, quum Graeci kñmmata et kÇla nominent, nos non recte incisa et membra dicamus. Neque enim esse possunt rebus ignotis nota nomina; sed, quum verba aut suavitatis aut inopiae causa transferre soleamus, in omnibus hoc fit artibus, ut, quum id appellandum sit quod, propter rerum ignorationem ipsarum, nullum habuerit ante nomen, necessitas cogat aut novum facere verbum, aut a simili mutuari. Cic. Orator, num.209.

(11. Gen. 1823.)

Nell’Oratore di Cicerone num.231. cioè molto presso alla fine, leggi reperiant ipsâ eâdem ec. per reperiam. (11. Gen. 1823.). Ivi, num.11. cioè non molto dopo il principio, e durante ancora l’esordio, leggi ut sine causâ alte repetita videatur, in vece d’ut non sine causâ alte repetitâ videatur. (12. Gen. 1823.). Ivi, num.16. leggi de moribus sine multa in vece di de moribus? sine ec. Ivi 19. poterimus fortasse discere per dicere. Ivi 32. nomen eius non extaret per nomen eius extaret. (12. Gen. 1823.). [2665]Ivi 83. leggi recte QUIDAM vocant Atticum, e v. num.75. Ivi 88. leggi aut tempore alieno non alienum, giacchè questa voce si riferisce a ridiculo. (12. Gen. 1823.). Ivi, 107. leggi laudata. 138. leggi quid caveat. (13. Gen. 1823. Roma, in letto.). 150. leggi in dicendo. (13. Gen. 1823.). 182. leggi quid accideret o quid accidisset. 195. leggi quisque o quique per cuique.

(13. Gen. 1823.)

Alla p.2661. Dell’antica presuntuosa opinione avuta da vari popoli, e massime dagli Ateniesi, d’essere aétñxJonoi, e perciò differenti di nascita o di diritti dagli altri uomini, con che giustificavano le conquiste, le preminenze nazionali, le pretensioni che ciascun popolo aveva sugli altri popoli, l’essere sciolti da ogni legge verso i forestieri, la schiavitù di questi o nazionale o individuale, l’oppressione degl’inquilini o stranieri domiciliati, l’odio in somma verso l’altre nazioni, mentre professavano amore alla propria, e si stimavano obbligati dalla legge e dalla natura verso i propri cittadini o connazionali, vedi anche l’orazione funebre recitata da Socrate in persona d’Aspasia nel Menesseno di Platone, verso il principio.

(2. Febbraio, dì della Purificazione di Maria SS. 1823.). V. p.2675.

[2666]La prosa francese (nazione e lingua la più impoetica fra le moderne, che sono le più impoetiche del mondo) è molto più poetica della stessa prosa antica scritta nelle lingue le più poetiche possibili. Lo stesso mancare affatto di linguaggio poetico distinto dal prosaico fa che lo scrittor francese confonda quello ch’è proprio dell’uno con quel ch’è proprio dell’altro, e che come il poeta francese scrive prosaicamente così il prosatore scriva poeticamente, e che la lingua francese manchi non solo di linguaggio e stile poetico distinto per rispetto al prosaico, ma anche di linguaggio e stile veramente prosaico, e ben distinto e circoscritto e definito per rispetto al poetico. Questa è l’una delle cagioni della poeticità della prosa francese. Altre ancora se ne potranno addurre, ma fra queste, una che ha del paradosso e pure è verissima. La prosa francese è poetica perchè la lingua francese è poverissima. Quindi la necessità di metafore di metonimie di catacresi di mille figure di dizione che rendono poetica la lingua della prosa, e secondo il nostro gusto, [2667]gonfia, concitata ed aliena da quella semplicità, riposatezza, calma, sicurezza ed equabilità e gravità di passo che s’ammira nelle prose latina e greca, le più poetiche lingue dell’occidente. P.e. non avendo i francesi una parola che significhi unitamente il padre e la madre, (come noi, che diciamo i genitori), sono obbligati a dire spesso les auteurs de ses jours, des jours de quelqu’un, de celui-là etc. Queste tali frasi necessarie e forzate, obbligano poi lo scrittor prosaico francese a formar loro un contorno conveniente, a seguire una forma di dire, uno stile, dove queste frasi, figure ec. non disdicano, e quindi a innalzare il tuono della sua prosa, e dargli un color poetico tanto nello stile quanto nella lingua: e così la povertà della lingua francese rende poetica la sua prosa, e per le figure che l’obbliga ad usare in cambio delle parole che le mancano, e per le figure che queste medesime figure forzate richiedono intorno a se, e quasi portano con se, e per lo stile e il linguaggio e il tuono che queste figure forzate [2668]domandano per non disdire.

(2. Feb. 1823.)

Chi mi chiedesse quanto e fino a qual segno la filosofia si debba brigare delle cose umane e del regolamento dello spirito, delle passioni, delle opinioni, de’ costumi, della vita umana; risponderei tanto e fino a quel punto che i governi si debbono brigare dell’industria e del commercio nazionale a voler che questi fioriscano, vale a dire non brigarsene nè punto nè poco. E sotto questo aspetto la filosofia è veramente e pienamente paragonabile alla scienza dell’economia pubblica. La perfezione della quale consiste nel conoscere che bisogna lasciar fare alla natura, che quanto il commercio (interno ed esterno) e l’industria è più libera, tanto più prospera, e tanto meglio camminano gli affari della nazione; che quanto più è regolata tanto più decade e vien meno; che in somma essa scienza è inutile, poichè il suo meglio è fare che le cose vadano come s’ella non esistesse, e come anderebbero da per tutto dov’ella e i governi non s’intrigassero del commercio e dell’industria; e la sua perfezione è [2669]interdirsi ogni azione, conoscere il danno ch’essa medesima reca, e in somma non far nulla, al quale effetto gli uomini non avevano bisogno d’economia politica, ma s’ella non fosse stata, ciò si sarebbe necessariamente ottenuto allo stesso modo, e meglio. Ora tale appunto si è la perfezione della filosofia e della ragione e della riflessione ec. come ho detto altrove.

(2-3. Feb. 1823.)

Sopra quello che ho detto altrove che l’uso de’ sacrifizi nacque dall’egoismo del timore. Toutes les fois que le courroux des dieux se déclare par la famine, par une épidémie ou d’autres fléaux on tâche de le détourner sur un homme et sur une femme du peuple, entretenus par l’état pour être, au besoin, des victimes expiatoires, chacun au nom de son sexe. On les promène dans les rues au son des instrumens; et après leur avoir donné quelques coups de verges, on les fait sortir de la ville (d’Athènes). Autrefois on les condamnoit aux flammes et on jetoit leurs cendres au vent. (Aristoph. in equit. v.1133. Schol. ibid. Id. in ran. v.745. Schol. ib. Hellad. ap. Phot. p.1590. Meurs. graec. fer. in thargel.). Voyage du jeune [2670]Anacharsis en Grèce t.2. ch.21. 2e édit. Paris 1789. p.395. Vedete anche nello stesso capit. la 3° pag. avanti a questa, circa i sacrifizi di vittime umane, i quali si facevano principalmente ne’ maggiori pericoli e timori, come dice altrove il medesimo autore.

(7. Feb. 1823.). V. p.2673.

Sopra la riunione del sacerdozio e dello stato civile nelle medesime persone, presso gli antichi, del che ho detto altrove; e come le funzioni del sacerdozio non impedissero in modo alcuno gli antichi preti di servire alla patria. Chaque particulier peut offrir des sacrifices sur un autel placé a la porte de sa maison, ou dans une chapelle domestique. (Hesych. in ìdran. Lomey. de lustrat. p.120.) Même ouvrage, même chap. p.397. (V. anche Aristoph. in Plut. v.1155. et Schol. ibid.) Cette espèce de sacerdoce ne devant exercer ses fonctions que dans une seule famille, il a fallu établir des ministres pour le culte public. Ibid. Tous (les prêtres de la Grèce) pourroient se borner aux fonctions de leur ministère, et passer leurs jours dans une douce oisivité. (Isocr. de permut. t.2. [2671]p.410.) Cependant plusieurs d’entre eux empressés a mériter par leur zèle les égards dus à leur caractère, ont rempli les charges onéreuses de la république, et l’ont servie soit dans les armées, soit dans les ambassades. (Herodot. l.9. c.85. Plut. in Aristid. p.321. Xenoph. hist. graec. p.590. Demosth. in Neaer. p.880.) Ibid. p.403. Vedi il 2° dell’Eneide intorno a Panto sacerdote, e l’Iliade intorno ad Eleno ec.

(7. Feb. 1823.)

Parmi plusieurs de ces nations que les Grecs appellent barbares, le jour de la naissance d’un enfant est un jour de deuil pour sa famille. (Herodot. l.5. c.4. Strab. l.11. p.519. Anthol. p.16.) Assemblée autour de lui, elle le plaint d’avoir reçu le funeste présent de la vie. Ces plaintes effrayantes ne sont que trop conformes aux maximes des sages de la Grèce. Quand on songe, disent-ils, à la destinée qui attend l’homme sur la terre, il faudroit arroser de pleurs son berceau. (Eurip. fragm. Cresph. p.476. Axioch. ap. Plat. t.3. p.368. Cic. tusc. l.1. c.48. t.2. p.273.) Même ouvrage ch.26. t.2. p.3.

(8. Feb. 1823.)

[2672]Le plus grand des malheurs est de naître, le plus grand des bonheurs, de mourir. (Sophocl. Oedip. Colon. v.1289. Bacchyl. et alii ap. Stob. serm.96. p.530. 531. Cic. tusc. l.1. c.48. t.2. p.273.) La vie, disoit Pindare, n’est que le rêve d’une ombre (Pyth. 8. v.136.); image sublime, et qui d’un seul trait peint tout le néant de l’homme. Même ouvrage. ch.28. p.137. t.3.

(10. Feb. 1823.)

Les plaisirs de l’esprit ont des retours mille fois plus amers que ceux des sens. ib. p.139.

(10. Feb. 1823.)

proJumeÝsJai eiw t¯n ŒkrÛbeian filosofeÝn, Žllƒ eélabeÝsJai ÷pvw p¡ra toè d¡ontow sofÅteroi genñmenoi, l®sete diafJar¡ntew. Plato in Gorgia ed. Frider. Astii. Lips. 1819 ... t.1. p.362-4. Ne enitamini ut diligenter philosophemini, sed cavete ne, supra quam oportet, sapientiores facti ipsi inscientes corrumpamini. FilosofÛa gŒr toÛ ¤stin, Î SÅkratew, xarÛen, �n tiw aétoè metrÛvw ‘chtai: ¤Œn perait¡rv toè d¡ontow ¤ndiatrÛcú, diafJorŒ tÇn ŽnJrÅpvn. ib. p.356. Philosophia enim, o Socrate, est illa quidem lepida, si quis eam modice attingit, sin ultra quam opus est ei studet, corruptela est hominum. Tutta la vituperazione della filosofia che Platone in quel Dial. mette in bocca di Callicle, dalla p.352. alla p.362. è degna d’esser veduta. V’è anche insegnata (sebben Platone lo fa per poi negarla e confutarla) la vera legge naturale, che ciascun uomo o vivente faccia tutto per se, e il più forte sovrasti il più debole, e si goda quel di costui. (Roma 12. Feb. [2673]1823. primo dì di Quaresima.)

Alla p.2670. Le peuple de Leucade qui célèbre tous les ans la fête d’Apollon, est dans l’usage d’offrir à ce dieu un sacrifice expiatoire, et de détourner sur la tête de la victime tous les fléaux dont il est menacé. On choisit pour cet effet un homme condamné à subir le dernier supplice. On le précipite dans la mer du haut de la montagne de Leucade. Il périt rarement dans les flots; et après l’en avoir sauvé, on le bannit à perpétuité des terres de Leucade. (Strab. l.10. p.452. Ampel. memorab. c.8.) Voyage d’Anacharsis etc. ch.36. t.3. p.402.

(17. Feb. 1823.)

Pianger si de’ il nascente ch’incomincia Or a solcare il mar di tanti mali, E con gioia al sepolcro s’accompagni, L’uscito de’ travagli della vita. Poeta antico appo Plutarco Come debba il giovane udir le poesie, volgarizzamento di Marcello Adriani il giovane, pagina ultima, cioè p.169. del tomo primo Opuscoli morali di Plutarco volgarizzati da Marcello Adriani il giovane stampati per la prima volta in Firenze, Piatti, 1819.

(19. Feb. 1823.). V. la p. seg.

Dei beni umani il più supremo colmo È sentir meno il duolo. Sentenza che racchiude la somma di tutta la filosofia morale e antropologica. Poeta antico nel luogo citato qui sopra.

(19. Feb. 1823.)

[2674]…Embraxu per insomma, denique ec. come noi diciamo appunto in breve. Platone, Gorgia, ed. principe Ald. t... p.457. A.

(19. Feb. 1823.)

Grave non è nè a farsi nè a soffrirsi Quello a che noi necessità costringe. Tragico antico, ap. Plut. Discorso di consolazione ad Apollonio, una pagina avanti il mezzo. Volgarizzamento di Marcello Adriani il giovine. Fir. 1819. t.1. p.194.

(20. Feb. 1823.)

Alla p. antecedente. V. un detto di Crantore, e un frammento d’Aristotele in questo proposito, appresso il medesimo Plutarco dell’Adriani, nel Discorso di consolazione ad Apollonio t.1. p.203-4. e un verso di Menandro ib. 213.

(21. Feb. 1823.)

On ne fait entrer dans la cavalerie (Lacédémonienne) que des hommes sans expérience, qui n’ont pas assez de vigueur ou de zèle. C’est le citoyen riche qui fournit les armes, et entretient le cheval. (Xen. hist. gr. l.6. p.596.). Si ce corps a remporté quelques avantages il les a dus aux cavaliers étrangers que Lacédémone prenoit à sa solde (Id. de magistr. equit. p.971.). En général les Spartiates aiment mieux servir dans l’infanterie: persuadés que le vrai courage se suffit à lui-même, ils veulent combattre corps à corps. J’étois auprès du roi Archidamus, quand on lui présenta le modèle d’une machine à lancer des traits, nouvellement inventée en Sicile. Après l’avoir examinée avec attention: C’en est fait, dit-il, de la valeur. (Plut. apophth. Lac. t.2. p.219.) Voy. d’Anach. ch.50. t.4. p.252. Applicate [2675]tutto questo all’invenzione ed uso delle armi da fuoco ed alla milizia moderna.

(23. Feb. 1823.)

Alla p.2665. Les Arcadiens se regardent comme les enfans de la terre, parce qu’ils ont toujours habité le même pays, et qu’ils n’ont jamais subi un joug etranger. (Thucy. l.1. c.2. Xen. hist. gr. l.7. p.618. Plut. quaest. roman. t.2. p.286.). Même ouvrage ch.52. t.4. p.295.

(23. Feb. 1823.)

Dans les transports de sa joie (Cydippe la prêtresse de Junon), elle supplia la Déesse d’accorder à ses fils (Biton et Cléobis) le plus grand des bonheurs. Ses voeux furent, dit-on, exauces: un doux sommeil les saisit dans le temple même (de Junon, entre Argos et Mycènes) et les fit tranquillement passer de la vie à la mort; comme si les dieux n’avoient pas de plus grand bien à nous accorder, que d’abréger nos jours. (Herodot. I. 31. Axioch. ap. Plat. t.3. p.367. Cic. Tusc. I. 47. Val. Max. v.4. estern. 4. Stob. serm.169. p.603. Serv. et Philarg. in Georg. III. 532.) Même ouvrage ch.53. t.4. p.343-4. Aggiungi Plutarco nel libro della consolazione ad Apollonio, volgarizzamento di Marcello Adriani il giovine. Fir. 1819. t.1. p.189. e vedi ciò ch’egli soggiunge a questo proposito. Al qual luogo egli ha rispetto nella pag.213. da me citata qui a tergo.

(25. Feb. 1823.)

[2676]La statue de Telesilla (famosa poetessa d’Argo, e guerriera, salvatrice della sua patria) fut posée sur une colonne, en face du temple de Vénus; loin de porter ses regards sur des volumes représentés et placés à ses pieds, elle les arrête avec complaisance sur un casque qu’elle tient dans sa main, et qu’elle va mettre sur sa tête. (Pausan. 11. 20. p.157.). Même ouvrage. l.c. p.338. Così potrebb’essere rappresentata la nazione latina, la nazion greca e tutta l’antichità civile: inarrivabile e inarrivata nelle lettere e arti belle, e pur considerante l’une e l’altre come suoi passatempi, ed occupazioni secondarie; guerriera, attiva e forte.

(25. Feb. 1823.)

Gli scrittori greci più eleganti ed attici e antichi sogliono usare la voce fhsÜ per fasÜ nel significato di aiunt, è fama, on dit, il singolare invece del plurale (forma ellittica per fhsi tiw uom dice, altri dice). Così noi volgarmente tutto giorno, e non solo noi nel parlare, ma eziandio gli scrittori nostri, massime del trecento, usiamo dice per dicono, altri dice, l’uom dice, un dice (on dit). Passavanti Ediz. Venez. del Bortoli p.251. E così DICE che fa il Leone. Mi ricordo di aver trovato questa frase anche in altri trecentisti, e mi par senza fallo nelle Vite de’ Santi Padri. Quest’uso che noi abbiamo comune cogli antichissimi e più eleganti e puri scrittori greci, per qual mezzo ci può esser venuto se non per quello dell’antico [2677]volgar latino? Sempre ch’io trovo qualche conformità frappante fra il greco e l’italiano (massime l’italiano volgare, popolare, corrente e parlato) e così il francese e lo spagnuolo, conformità che non appartenga alla natura generale delle favelle, ma alle proprietà arbitrarie ed accidentali delle lingue, se quella tal qualità o parte ec. sopra cui cade questa conformità, non si trova negli scrittori latini, io tengo per fermo ch’ella si trovasse nel latino parlato, cioè nel volgar latino. Giacchè questo ebbe commercio col volgar greco, e quel ch’è più, venne da una medesima fonte col greco; e da esso volgar latino è venuto il nostro volgare. Ma qual commercio ebbe mai il nostro volgare col volgar greco, cioè col greco parlato, e massime coll’antico? qual commercio poi col greco scritto, e questo pure antichissimo? Quanto al nostro caso, io non credo che negli scrittori latini si trovi p.e. ait in vece di aiunt. Ma veggasi il Forcellini.

(Roma 2. Marzo 1823.). V. p.2987.

Tutti gl’imperi, tutte le nazioni ch’hanno ottenuto dominio sulle altre, da principio hanno combattuto con quelli di fuori, co’ vicini, co’ nemici: poi liberati dal timore esterno, e soddisfatti dell’ambizione e della cupidigia di dominare sugli stranieri e di possedere quel di costoro, e saziato l’odio nazionale contro l’altre nazioni, hanno sempre rivolto il ferro [2678]contro loro medesime, ed hanno per lo più perduto colle guerre civili quell’impero e quella ricchezza ec. che aveano guadagnato colle guerre esterne. Puoi vedere p.3791. Questa è cosa notissima e ripetutissima da tutti i filosofi, istorici, politici ec. Quindi i politici romani prima e dopo la distruzion di Cartagine, discorsero della necessità di conservarla, e se ne discorre anche oggidì ec. L’egoismo nazionale si tramuta allora in egoismo individuale: e tanto è vero che l’uomo è per sua natura e per natura dell’amor proprio, nemico degli altri viventi e se-amanti; in modo che s’anche si congiunge con alcuno di questi, lo fa per odio o per timore degli altri, mancate le quali passioni, l’odio e il timore si rivolge contro i compagni e i vicini. Quel ch’è successo nelle nazioni è successo ancora nelle città, nelle corporazioni, nelle famiglie ch’hanno figurato nel mondo ec. unite contro gli esteri, finchè questi non erano vinti, divise e discordi e piene d’invidia ec. nel loro interno, subito sottomessi gli estranei. Così in ciascuna fazione di una stessa città, dopo vinte le contrarie o la contraria. V. il proem. del lib.7. delle Stor. del Machiavello. Ed è bello a questo proposito un passo di Plutarco sulla fine del libro Come si potria trar giovamento da’ nimici (Opusc. mor. di Plut. volgarizz. da Marcello Adriani il giovane. Opusc. 14. Fir. 1819. t.1. p.394.) La qual cosa ben parve che comprendesse [2679]un saggio uomo di governo nominato Demo, il quale, in una civil sedizione dell’isola di Chio, ritrovandosi dalla parte superiore, consigliava i compagni a non cacciare della città tutti gli avversarj, ma lasciarne alcuni, acciò (disse egli) non incominciamo a contendere con gli amici, liberati che saremo interamente da’ nimici: così questi nostri affetti (soggiunge Plutarco, cioè l’emulazione, la gelosia, e l’invidia) consumati contra i nimici meno turberanno gli amici. V. ancora gl’Insegnamenti Civili di Plut. dove il cit. Volgarizz. p.434. ha Onomademo in vece di Demo: önoma D°mow.

Ora nello stesso modo che alle famiglie, alle corporazioni, alle città, alle nazioni, agl’imperi, è accaduto al genere umano. Nemici naturali degli uomini furono da principio le fiere e gli elementi ec.; quelle, soggetti di timori e d’odio insieme, questi di solo timore (se già l’immaginazione non li dipingeva a quei primi uomini come viventi). Finchè durarono queste passioni sopra questi soggetti, l’uomo non s’insanguinò dell’altro uomo, anzi amò e ricercò lo scontro, la compagnia, l’aiuto del suo simile, senz’odio alcuno, senza invidia, senza sospetto, come il leone non ha sospetto del leone. Quella fu veramente l’età dell’oro, e l’uomo era sicuro tra gli uomini: non per altro se non perch’esso e gli altri uomini odiavano e temevano de’ viventi e degli [2680]oggetti stranieri al genere umano; e queste passioni non lasciavano luogo all’odio o invidia o timore verso i loro simili, come appunto l’odio e il timore de’ Persiani impediva o spegneva le dissensioni in Grecia, mentre quelli furono odiati e temuti. Quest’era una specie d’egoismo umano (come poi vi fu l’egoismo nazionale) il quale poteva pur sussistere insieme coll’individuale, stante le dette circostanze. Ma trovate o scavate le spelonche, per munirsi contro le fiere e gli elementi, trovate le armi ed arti difensive, fabbricate le città dove gli uomini in compagnia dimoravano al sicuro dagli assalti degli altri animali, mansuefatte alcune fiere, altre impedite di nuocere, tutte sottomesse, molte rese tributarie, scemato il timore e il danno degli elementi, la nazione umana, per così dire, quasi vincitrice de’ suoi nemici, e guasta dalla prosperità, rivolse le proprie armi contro se stessa, e qui cominciano le storie delle diverse nazioni; e questa è l’epoca del secolo d’argento, secondo il mio modo di vedere; giacchè l’aureo, al quale le storie non si stendono, e che resta in balìa della favola, fu quello precedente, tale, quale l’ho descritto.

(4. Marzo 1823.)

Plutarco nel principio degl’Insegnamenti civili, volgarizzamento cit. di sopra, Opusc. 15. t.1. p.403. Molto meno arieno ancora gli [2681]Spartani patito l’insolenza, e buffonerie di Stratocle, il quale avendo persuaso il popolo (credo Ateniese, o Tebano) a sacrificare come vincitore; che poi sentito il vero della rotta si sdegnava, disse: Qual ingiuria riceveste da me, che seppi tenervi in festa, ed in gioja per ispazio di tre giorni? Agli Spartani si possono paragonate i filosofi, anzi questo secolo, anzi quasi tutti gli uomini, avidi del sapere o della filosofia, e di scoprir le cose più nascoste dalla natura, e per conseguenza di conoscere la propria infelicità, e per conseguenza di sentirla, quando non l’avrebbero sentita mai o di sentirla più presto. E la risposta di Stratocle starebbe molto bene in bocca de’ poeti, de’ musici, degli antichi filosofi, della natura, delle illusioni medesime, di tutti quelli che sono accusati d’avere introdotti o fomentati, d’introdurre o fomentare o promuovere de’ begli errori nel genere umano, o in qualche nazione o in qualche individuo. Che danno recano essi se ci fanno godere, o se c’impediscono di soffrire, per tre giorni? Che ingiuria ci fanno se ci nascondono quanto e mentre possono la nostra miseria, o se in qualunque modo contribuiscono a fare che l’ignoriamo o dimentichiamo?

(5. Marzo. 1823.)

[2682]Grazia dal contrasto. Conte Baldessar Castiglione, Il Libro del Cortegiano. lib.1. Milano, dalla Società tipogr. de’ Classici italiani, 1803. vol.1. p.43-4. Ma avendo io già più volte pensato meco, onde nasca questa grazia, lasciando quegli che dalle stelle l’hanno, trovo una regola universalissima; la qual mi par valer circa questo in tutte le cose umane, che si facciano, o dicano, più che alcuna altra; e ciò è fuggir quanto più si può, e come un asperissimo e pericoloso scoglio la affettazione; e, per dir forse una nuova parola, usar in ogni cosa una certa sprezzatura, che nasconda l’arte, e dimostri, ciò che si fa, e dice, venir fatto senza fatica, e quasi senza pensarvi. Da questo credo io che derivi assai la grazia: perchè delle cose rare, e ben fatte ognun sa (p.44. dell’ediz.) la DIFFICULTÀ, onde in esse la FACILITÀ genera grandissima maraviglia; e per lo contrario, lo sforzare, e, come si dice, tirar per i capegli, dà somma disgrazia, e fa estimar poco ogni cosa, per grande ch’ella si sia.

(Roma 14. Marzo. 1823. secondo Venerdì di Marzo.)

In vero rare volte interviene che chi non è assueto [2683]a scrivere, per erudito che egli si sia, possa mai conoscer perfettamente le fatiche ed industrie degli scrittori, nè gustar la dolcezza ed eccellenza degli stili, e quelle intrinseche avvertenze che spesso si trovano negli antichi. Il medesimo, ivi, p.79. Da quanto pochi adunque può sperar degna, vera ed intima e piena e perfetta stima e lode il perfetto scrittore o poeta! e per quanto pochi scrive e prepara piaceri colui che scrive perfettamente! V. p.2796.

(15. Marzo. 1823.)

Nè altro vuol dir il parlar antico, che la consuetudine antica di parlare; e sciocca cosa sarebbe amar il parlar antico, non per altro che per voler più presto parlare come si parlava, che come si parla. Il medesimo, ivi, p.64.

(15. Marzo 1823.)

Quelques sages, épouvantés des vicissitudes qui bouleversent les choses humaines, supposèrent une puissance qui se joue de nos projets, et nous attend au moment du bonheur, pour nous immoler à sa cruelle jalousie. (Herod. I. 32. III. 40. VII. 46. Soph. in Philoct. v.789.) Voyage d’Anacharsis. ch.71. p.136. t.6.

(Roma 26. Marzo. 1823.)

«L’excès de la raison et de la vertu, est presque aussi funeste que celui des plaisirs (Aristot. de mor. II. 2. t.2. p.19.); la nature nous a donné des goûts qu’il est aussi dangereux d’éteindre que d’épuiser.» Même ouvrage ch.78. t.6. p.456.

(29. Marzo. Sabato Santo. 1823.)

[2684]L’uomo sarebbe felice se le sue illusioni giovanili (e fanciullesche) fossero realtà. Queste sarebbero realtà, se tutti gli uomini le avessero, e durassero sempre ad averle: perciocchè il giovane d’immaginazione e di sentimento, entrando nel mondo, non si troverebbe ingannato della sua aspettativa, nè del concetto che aveva fatto degli uomini, ma li troverebbe e sperimenterebbe quali gli aveva immaginati. Tutti gli uomini più o meno (secondo la differenza de’ caratteri), e massime in gioventù, provano queste tali illusioni felicitanti: è la sola società, e la conversazione scambievole, che civilizzando e istruendo l’uomo, e assuefacendolo a riflettere sopra se stesso, a comparare, a ragionare, disperde immancabilmente queste illusioni, come negl’individui, così ne’ popoli, e come ne’ popoli, così nel genere umano ridotto allo stato sociale. L’uomo isolato non le avrebbe mai perdute; ed elle son proprie del giovane in particolare non tanto a causa del calore immaginativo, naturale a quell’età, quanto della inesperienza, e del vivere isolato che fanno i giovani. Dunque se l’uomo avesse continuato a vivere isolato, non avrebbe mai perdute le sue illusioni giovanili, e tutti gli uomini le [2685]avrebbero e le conserverebbero per tutta la vita loro. Dunque esse sarebbero realtà. Dunque l’uomo sarebbe felice. Dunque la causa originaria e continua della infelicità umana è la società. L’uomo, secondo la natura sarebbe vissuto isolato e fuor della società. Dunque se l’uomo vivesse secondo natura, sarebbe felice.

(Roma 1. Aprile. Martedì di Pasqua. 1823.)

ƒOlÛgou d¡v toèto poieÝn µ paJeÝn: ôlÛgou deÝn kaÜ Žpñlvla: ôlÛgou deÝ toèto gen¡sJai: polloè ge kaÜ deÝ polloè µ mikroè ¤d¡hsen µ ¤d¡hsa: mikroè deÝn ec. Peu s’en faut: beaucoup s’en faut: peu s’en fallut ec. poco mancò che ec. di poco fallò, per poco, per poco non, ec. V. p.3817.

(1. Aprile. 1823.)

A noi pare bene spesso di provar del piacere dicendo, o fra noi stessi o con altri, che noi ne abbiamo provato. Tanto è vero che il piacere non può mai esser presente, e quantunque da ciò segua ch’esso non può neanche mai esser passato, tuttavia si può quasi dire ch’esso può piuttosto esser passato che presente.

(Roma. 12. Aprile 1823.)

Le ciel qui nous donna la réflexion pour prévoir nos besoins, nous a donné les besoins pour mettre [2686]des bornes à notre réflexion. Études de la Nature par Jacques-Bernardin-Henri de Saint-Pierre. Paul et Virginie. dans le Dialogue entre Paul et le Vieillard. Paris de l’imprimerie de Monsieur. 3e édit. tom.4. p.132.

(Roma 14. Aprile 1823.)

En Europe le travail des mains déshonore. On l’appelle travail méchanique. Celui même de labourer la terre y est le plus méprisé de tous. Un artisan y est bien plus estimé qu’un paysan. loc. cit. pag.136. Tutto l’opposto era fra gli antichi, appresso i quali gli agricoltori e l’agricoltura erano in onore, e l’arti manuali o meccaniche (ai banausikaÜ t¡xnai) e i professori delle medesime erano infami. V. Cic. de Offic. l.1. e l’Economico di Senofonte, e quello attribuito già ad Aristotele.

(14. Aprile 1823.)

Sopra il verbo difendere usato già dagli antichi Latini come da’ francesi e dagli antichi italiani e dagli spagnuoli per proibire, vedi Perticari Apologia di Dante p.157.

(Recanati 12. Maggio 1823.)

Usano i buoni scrittori greci elegantemente l’infinito dei verbi in luogo della seconda e della terza persona dell’imperativo. Toèto poieÝn invece di toèto poÛei , o di toèto poieÛtv[2687]¤keÝnow, o di toèto poieÛsJv (hoc fiat) o di toèto poiht¡on o di toèto poieÝn deÝ la quale ultima parola si sottintende in questa formola ellittica di toèto poieÝn. Simile a quest’uso è quello degl’italiani di usare l’infinito in vece della seconda persona singolare dell’imperativo, quando precede una particella negativa ossia vietativa. Non fare, non dire per non fa, non di’. Il qual uso viene dal comune rustico romano, ossia da quella lingua in cui degenerò il latino d’Europa ne’ bassi tempi, che si parlò in tutta l’Europa latina, e da cui nacquero le lingue italiana, francese, spagnuola, portoghese, e i loro dialetti. V. il Perticari, Apologia di Dante p.170. Ma quest’uso figurato è rimasto ai soli italiani, benchè già fosse proprio anche dei provenzali, come dimostra il Perticari, loc. cit. I greci dicevano ancora toèto poieÝn per toèto poÛei. Così ancora invece delle seconde e terze persone imperative plurali, cioè invece di toèto poieÝte o poieÛtvsan. V. Senofonte Pñroi, c.4. num.40. Platon. Sophist. t.2. Astii p.346. v.11. E.

(12. Maggio 1823.)

[2688]Il Perticari nell’Apolog. di Dante p.207. not.19. trovando in un’antica canzone provenzale il verbo arsare dice che questa è la radice della voce arso, la quale finora è sembrato vocabolo senza radice, giacchè dal verbo ardere dovrebbe derivare arduto e non arso. S’inganna: ed anzi il verbo arsare deriva da arso di ardere che n’è la radice. I participii de’ nostri verbi sono per lo più i participii latini, quando il verbo è latino. Se in questi participii è qualche anomalia, la ragione e l’origine della medesima, non si deve cercare nell’italiano nè nel provenzale, ma nel latino, sia che quest’anomalia esista anche nel latino, sia che quel participio (e così dico delle altre voci) ch’è anomalo per noi, non lo sia per li latini. Giacchè l’uso italiano, massime nel particolare dei participii, ha seguito ordinariamente l’uso latino senza guardare se questo corrispondesse o no alle regole o all’analogia della nuova lingua che si veniva formando. E moltissime irregolarità della nostra lingua e delle sue sorelle vengono dalla sua cieca conformità colla lingua madre. Da sospendere, prendere, accendere, [2689]discendere ec. secondo l’analogia della nostra lingua, verrebbe sospenduto, prenduto, accenduto, discenduto, difenduto ec. Ma i latini dicevano suspensus, prensus, defensus ec. Dunque anche gl’italiani sospeso, preso, acceso, disceso, difeso ec. Nè la radice p.e. di preso è il prensare (che anzi viene da prensus) ma il prehendere o prendere de’ latini. Al contrario i latini da vendere facevano venditus; qui la nostra lingua segue la sua analogia e dice venduto da venditus[3], non veso, perchè il latino non dice vensus. Credo anch’io che gli antichi latini dicessero suspenditus, prenditus, accenditus ec. ma se poi dissero diversamente, l’anomalia di preso, acceso ec. non è d’origine italiana nè provenzale, ma latina. Così da ardere noi dovremmo fare arduto. Ma sia che i primi latini dicessero arditus da ardeo, come dissero ardui per arsi, sia che nol dicessero mai, certo è che poi e comunemente dissero arsi, arsurus, arsus, supino arsum. Noi dunque non diciamo arduto ma arso, e diciamo arso [2690]perchè così dissero i latini, e l’origine di quest’anomalia si cerchi nel latino dov’ella pur fu e donde ella venne, non nell’italiano o nel provenzale o nella lingua romana o romanza; quando è chiaro ch’ell’è tanto più antica di tutte queste lingue. Similmente da audeo dovevasi fare auditus. Ma i latini a noi noti fecero ausus. Anomalia della stessa natura e condizione di arsus da ardeo, seconda congiugazione come audeo. Quest’ausus è il nostro oso nome: da questo nome oso viene osare, che i provenzali dissero o almeno scrissero anche ausar (Perticari l.c. p.210. lin.7.): ed infatti osare non è che un continuativo barbaro d’audere ch’è la sua radice prima, e l’immediata è ausus. Ma il Perticari viceversa direbbe che oso ed ausus viene da osare e da ausare, giacchè dice che arso viene da arsare. Quasi che, anche secondo l’analogia della nostra lingua, da arsare si potesse far arso: e non piuttosto arsato, ch’è il [2691]suo vero participio, e ben differente da arso ch’è participio d’un altro verbo.

Questo e altri tali errori del Perticari e d’altri moltissimi grammatici antichi e moderni, vengono dalla poca notizia che costoro hanno avuta della formazione e derivazione de’ verbi in are da’ participii regolari o anomali d’altri verbi; formazione usitatissima da’ latini, presso de’ quali i verbi così formati erano continuativi; e seguitata ad usare larghissimamente ne’ tempi bassi e ne’ principii delle moderne lingue dell’Europa latina.

Ausus sum: son oso. Questa frase italiana corrispondente alla latina, conferma, seppur ve n’è bisogno, l’identità del nome oso col participio ausus, sola voce del verbo audere che si sia conservata nell’uso delle lingue figlie della latina, e madre di più voci moderne, come osare, oser, osadìa, osado (participio d’ausare), osadamente ec.

(Recanati 15. Maggio 1823.)

Somma conformabilità dell’uomo. Le bestie sono più o meno addomesticabili, secondo che sono più o [2692]meno assuefabili e conformabili di natura. Ma nè le bestie domestiche convivendo coll’uomo, nè queste o altre bestie convivendo con bestie di specie diversa dalla loro, contraggono il carattere e i costumi umani o di quelle altre bestie, nè i caratteri di più bestie di specie diversa si mescolano tra loro per convivere che facciano insieme; ma solamente le bestie domestiche ricevono certe assuefazioni particolari, e certi costumi non naturali portati dalle circostanze, i quali non hanno però che far niente coi costumi dell’uomo. Ma l’uomo convivendo colle bestie, contrae veramente gran parte del carattere di queste, ed altera il suo proprio per una effettiva mescolanza di qualità naturali alle bestie con cui convive. È cosa osservata nella campagna romana, e nota quivi alle persone che per mestiere per abito e per natura sono tutt’altro che osservatrici, che i pastori e guardiani delle bufale, sono ordinariamente stupidi, lenti, goffi, rozzissimi, selvatici e tali che poco hanno dell’uomo: che i pastori de’ [2693]cavalli sono svelti, attivi, pronti, vivaci, arguti, agili di corpo e di spirito: quelli delle pecore, semplici, mansueti, ubbidienti ec. (Recanati 16. Maggio 1823.). E tra gli abitanti della campagna romana i due estremi della zotichezza e della spiritualité e furberia, della torpidezza e del brio, della dappocaggine, pigrizia ec. e dell’attività, sono i guardiani delle bufale e quei de’ cavalli; come lo sono i caratteri di queste specie di animali fra quelle che abitano nella detta campagna.

(16. Maggio. 1823.)

Degli scrittori non romani che scrissero in latino, e son tenuti classici in quella lingua e letteratura vedi Perticari, Apologia di Dante, capo 30. p.314-16.

(Recanati 16. Maggio. 1823.)

Del disprezzo in cui fu tenuta dai dotti la lingua italiana (detta volgare) nel 300, nel 400 e nel 500, a paragone della latina, vedi Perticari loc. cit. capo 34. (16. Maggio 1823.). Vedi anche il fine della Lezione dell’ordine dell’Universo di Pier Francesco Giambullari nelle Prose Fiorentine par. 2. vol.2. (Venez. 1735. t.3. par. 2. p.24.fine-25.).

(17. Maggio 1823.). V. altresì Perticari Degli Scritt. del 300. l.1. c.13. p.77. c.16. p.88. segg. c. ult. fine. p.98. l.2. c.9. p.163.

[2694]Formata una volta una lingua illustre, cioè una lingua ordinata, regolare, stabilita e grammaticale, ella non si perde più finchè la nazione a cui ella appartiene non ricade nella barbarie. La durata della civiltà di una nazione è la misura della durata della sua lingua illustre e viceversa. E siccome una medesima nazione può avere più civiltà, cioè dopo fatta civile, ricadere nella barbarie, e poi risorgere a civiltà nuova, ciascuna sua civiltà ha la sua lingua illustre nata, cresciuta, perfezionata, corrotta, decaduta e morta insieme con lei. Il qual rinnuovamento e di civiltà e di lingua illustre, ha, nella storia delle nazioni conosciute, o vogliamo piuttosto dire, nella storia conosciuta, un solo esempio, cioè quello della nazione italiana. Perchè niuna delle altre nazioni state civili in antico, sono risorte a civiltà moderna e presente, e niuna delle nazioni presentemente civili, fu mai civile (che si sappia) in antico, se non l’italiana. Così niun’altra nazione può mostrare due lingue illustri da [2695]lei usate e coltivate generalmente, (come può far l’italiana) se non in quanto la nostra antica lingua, cioè la latina, si diffuse insieme coi nostri costumi per l’Europa a noi soggetta, e fece per qualche tempo italiane di costumi e di lingua e letteratura le Gallie, le Spagne, la Numidia (che non è più risorta a civiltà) ec.

Ma tornando al proposito nostro, siccome la Grecia, in tutta la storia conosciuta, è la nazione che per più lungo tempo ha conservato una civiltà, così la lingua greca illustre è di tutte le lingue illustri conosciute nella storia antica o moderna, quella che ha durato più lungo tempo. Sebbene nei secoli bassi la civiltà greca fosse in gran decadenza, e similmente e proporzionatamente la lingua greca illustre, nondimeno la Grecia non divenne assolutamente barbara, se non dopo la presa di Costantinopoli, conservandosi almeno qualche parte della civiltà greca, se [2696]non altro, nella Corte di Bisanzio finchè questa durò. E fino a questo medesimo termine durò ancora la lingua greca illustre, in maniera che gli scrittori greci di questi ultimi tempi, come Teofilatto e quei della Storia Bizantina, sono per la più parte intelligibili e piani senz’altro particolare studio, a tutti quelli che intendono Omero ed Erodoto. Di modo che la lingua greca illustre durò sempre una e sempre quella, per 23 secoli, cioè da Omero fino all’ultimo imperatore greco. Durata maravigliosa: ma tale altresì fu quella della greca civiltà. Perchè la Grecia per niuna circostanza di tempi non divenne mai interamente barbara finchè non fu tutta suddita de’ turchi; nè mai per tutto l’intervallo de’ secoli antecedenti fu priva di letteratura, neanche ne’ peggiori secoli, come si può vedere, considerando anche solamente la Biblioteca di Fozio scritta nel nono secolo, e le varie opere di Tzetze [2697]scritte nel 12° oltre il Violario d’Eudocia Augusta, il Lessico di Suida ec. opere che in niun’altra parte del mondo fuor della parte greca, quando pur fossero state tradotte nelle rispettive lingue, si sarebbero a quei tempi sapute neppure intendere, non che comporne delle simili.

La lingua illustre latina nata tanto più tardi, tanto più presto morì, perchè la civiltà italiana e quella di tutta l’Europa latina per diverse circostanze finì pochissimi secoli dopo nata. Già quando Costantino trasportò la corte in Bisanzio, la Grecia vinceva d’assai e per civiltà e per letteratura il mondo latino, e massimamente l’Italia. E forse questa fu una delle cagioni che indussero Costantino a quel traslocamento, il quale fu poi un’altra circostanza che contribuì a mantenere la civiltà in Grecia, e seco la lingua illustre (coltivata poi da Temistio, da Libanio, da Giuliano imperatore da Giamblico, da Gregorio, da Basilio ben superiori in [2698]grecità a quello che furono in latinità Girolamo, Agostino, Ambrogio, Gregorio e Leone Papi, Ammiano, Boezio), ed aiutò la corruzione ed estinzione della civiltà e della lingua illustre latina, massime in Italia, dove mancò affatto una corte latina. La quale per poco tempo fu nelle Gallie, e vi produsse Sidonio e Pacato e gli altri nobili letterati di que’ tempi, e fece per allora quella provincia superiore senza comparazione per latinità, letteratura e civiltà alla stessa Italia che le avea compartite alle Gallie. Finchè le conquiste fatte dai Barbari distrussero affatto e la civiltà e la lingua illustre in tutta l’Europa latina.

La nuova nostra lingua illustre fu sufficientemente organizzata e stabilita nel 300 insieme colla nuova civiltà italiana. Questa ancor dura e non s’è mai più perduta. Dunque anche la lingua italiana illustre del 300, nè si è mai perduta, e dura ancora dopo ben cinque secoli: e quei trecentisti che più si divisero dal parlar plebeo e dai particolari dialetti separati, o (come in [2699]Dante) mescolati, quali sono il Petrarca, il Boccaccio, il Passavanti, il traduttore delle Vite de’ Padri, eccetto alcune poche e sparse parole o frasi, sono ancora moderni per noi, e la loro lingua è fresca e viva, come fosse di ieri. La differenza tra essi e noi sta quasi tutta nello stile e ne’ concetti. V. p.2718.

Al contrario le lingue non bene o sufficientemente organizzate e regolate, variano continuamente e in breve si spengono quasi affatto, e fanno luogo a lingue quasi nuove, anche durando il medesimo stato della nazione, sia di civiltà (se pur vi fu mai civiltà non accompagnata da lingua illustre), sia di maggiore o minore barbarie. La lingua provenzale benchè scritta da tanti in poesia ed in prosa, pure perchè non ordinata sufficentemente nè ridotta a grammatica, è tutta morta dopo brevissima vita. E degli stessi trecentisti italiani, quelli che più s’accostarono al dir plebeo e provinciale, fosse fiorentino o qualunque, siccome tanti scrittori fiorentini o toscani di cronichette o d’altro, sono già da gran tempo scrittori di lingua per grandissima


[2700]parte morta; giacchè infinite delle loro voci, frasi, forme e costruzioni più non s’intendono nelle stesse loro provincie, o vi riescono strane, insolite, affettate, antiquate e invecchiate. Vedi Perticari Apologia di Dante, capo 35. e specialmente p.338.-45.

(17. Maggio. 1823.)

La cagione per cui negli antichissimi scrittori latini si trova maggiore conformità e di voci e di modi colla lingua italiana, che non se ne trova negli scrittori latini dell’aureo secolo, e tanto maggiore quanto sono più antichi, si è che i primi scrittori di una lingua, mentre non v’è ancora lingua illustre, o non è abbastanza formata, divisa dalla plebea, fatta propria della scrittura, usano un più gran numero di voci, frasi, forme plebee, idiotismi ec. che non fanno gli scrittori seguenti; sono in somma più vicini al plebeo da cui le lingue scritte per necessità incominciano, e da cui si vanno dividendo solamente appoco appoco, usano una più gran parte della lingua plebea ch’è la sola ch’esista allora nella nazione, o che [2701]non è abbastanza distinta dalla lingua nobile e cortigiana ec. sì perchè quella lingua che si parla (com’è la cortigiana) tien sempre più o meno della plebea; sì perchè allora i cortigiani ec. non hanno l’esempio e la coltura derivante dalle Lettere nazionali e dalla lingua nazionale scritta, per parlare molto diversamente dalla plebe. Ora l’unica lingua che possano seguire e prendere in mano i primi scrittori di una lingua, si è la parlata, giacchè la scritta ancor non esiste. E siccome la lingua italiana e le sue sorelle non derivano dal latino scritto ma dal parlato, e questo in gran parte non illustre, ma principalmente dal plebeo e volgare, quindi la molta conformità di queste nostre lingue cogli antichissimi e primi scrittori latini. Vedi un luogo di Tiraboschi appresso Perticari, Apologia di Dante, capo 43. pag.430.

(20. Maggio 1823.)

[2702]Materia della pigrizia non sono propriamente le azioni faticose, ma quelle, faticose o no, nelle quali non è piacere presente, o vogliamo dire opinione di piacere. Niuno è pigro al bere o al mangiare. Lo studio è cosa faticosissima. Ma se l’uomo vi prova piacere, ancorchè pigro ad ogni altra cosa, non sarà pigro a studiare, anzi travaglierà nello studio gl’interi giorni. E forse la massima parte delle persone assolutamente studiose, sono infingarde, e pure nello studio operano e si affaticano continuamente. Il fine dei pensieri e delle azioni dell’uomo è sempre e solo il piacere. Ma i mezzi di conseguir quello che l’uomo si propone come piacere, ora hanno piacere in se stessi, ora no. Questi ultimi sono materia della pigrizia, ancorchè domandino pochissima fatica, ancorchè il piacere a cui condurrebbero sia vicinissimo e prontissimo e certissimo, ancorchè l’uomo faccia molta stima di questo piacere e lo desideri, ancorchè finalmente il fine al quale questi mezzi conducono sia necessario, o molto [2703]utile ad ottenere altri piaceri. Così l’uomo si astiene di comparire a una festa (dove crede che si sarebbe trovato con piacere) per non assettarsi; e se si fosse trovato all’ordine, o se non se gli fosse richiesto d’assettarsi, sarebbe andato alla festa: la qual era pure un piacer vicino e pronto, e che si otteneva certamente con un’ora di pochissima fatica. Così la pigrizia ritiene ancora da quei travagli che sono necessari a procacciarsi il mangiare e il bere, perchè essi in se non hanno piacere. Così da cento altre azioni utili, cioè conducenti più o men tosto al piacere (giacchè questo è il significato di utile), ma non piacevoli in se: e tanto più quanto più è lontano il piacere ch’esse procacciano, e quanto elle sono più faticose, più lunghe, e meno piacevoli.

(20. Maggio 1823.)

La voce popolare bobò che significa presso di noi uno spauracchio de’ fanciulli simile al mormÆ ec. dei greci, alle Lammie de’ latini ec. [2704](V. il mio Saggio sugli errori popolari) non è altro che un sostantivo formato dalle due voci bau bau (colla solita mutazione dell’au in o), o piuttosto le stesse due voci sostantivate, e ridotte a significare una persona o spettro che manda fuori quelle voci bau bau. Le quali sono voci antichissime e comuni ai greci che con esse esprimevano l’abbaiare dei cani, e quindi fecero il verbo ba#zein; ai latini che ne fecero nello stesso senso il verbo baubari, e a noi che ne abbiamo fatto baiare e quindi abbaiare (se pur questi verbi non vengono dal suddetto latino), onde il francese antico abaïer e il moderno aboyer de’ quali verbi vedi il Dizionario di Richelet. Vedi anche la pag.2811.-13. Ma dall’esprimere la voce de’ cani, le parole bau bau passarono a significare una voce che spaventasse i fanciulli. V. la Crusca in Bau. Quindi il nostro Bobò sostantivo di persona. Presso i francesi bobo è voce parimente puerile che significa un petit mal, cioè quello che le nostre balie dicono bua, la qual [2705]voce fu pur delle balie latine, ma con altro significato, cioè con quello che le nostre dicono bumbù, o come ha la Crusca, bombo. V. Forcellini. I Glossari non hanno nulla al proposito.

(20. Maggio 1823.)

Di alcune cagioni che anche ne’ bassi tempi poterono introdurre vocaboli e modi greci nel volgare o ne’ volgari d’Italia, vedi Perticari Apologia di Dante, capo 39. p.386.

(21. Maggio 1823.)

Dell’antico volgare latino, vedi Perticari Degli scrittori del 300. lib.1. cap.5. 6. 7.

(21. Maggio 1823.)

È pur doloroso che i filosofi e le persone che cercano di essere utili o all’umanità o alle nazioni, sieno obbligate a spendere nel distruggere un errore o nello spiantare un abuso quel tempo che avrebbono potuto dispensare nell’insegnare o propagare una nuova verità, o nell’introdurre o divulgare una buona usanza. E veramente a prima vista può parer poco degno di un grande [2706]intelletto, e poco utile, o se non altro, di seconda o terza classe nell’ordine de’ libri utili, un libro, tutta la cui utilità si riduca a distruggere uno o più errori. (Tali sono p.e. i due Trattati di Perticari, e tutta la Proposta di Monti). Ma se guarderemo più sottilmente, troveremo che i progressi dello spirito umano, e di ciascuno individuo in particolare, consistono la più parte nell’avvedersi de’ suoi errori passati. E le grandi scoperte per lo più non sono altro che scoperte di grandi errori, i quali se non fossero stati, nè quelle (che si chiamano, scoperte di grandi verità) avrebbero avuto luogo, nè i filosofi che le fecero avrebbero alcuna fama. Così dico delle grandi utilità recate ai costumi, alle usanze ec. Non sono, per lo più, altro se non correzioni di grandi abusi. Lo spirito umano è tutto pieno di errori; la vita umana di male usanze. La maggiore e la principal parte delle utilità che si possono recare agli uomini, consiste nel disingannarli e nel correggerli, piuttosto che nell’insegnare [2707]e nel bene accostumare, benchè quelle operazioni bene spesso, anzi ordinariamente, ricevano il nome di queste. La maggior parte de’ libri, chiamati universalmente utili, antichi o moderni, non lo sono e non lo furono, se non perchè distrussero o distruggono errori, gastigarono o gastigano abusi. In somma la loro utilità non consiste per lo più nel porre, ma nel togliere, o dagl’intelletti o dalla vita. Grandissima parte de’ nostri errori scoperti o da scoprirsi, sono o furono così naturali, così universali, così segreti, così propri del comune modo di vedere, che a scoprirli si richiedeva o si richiede un’altissima sapienza, una somma finezza e acutezza d’ingegno, una vastissima dottrina, insomma un gran genio. Qual è la principale scoperta di Locke, se non la falsità delle idee innate? Ma qual perspicacia d’intelletto, qual profondità ed assiduità di osservazione, qual sottigliezza di raziocinio non era [2708]necessaria ad avvedersi di questo inganno degli uomini, universalissimo, naturalissimo, antichissimo, anzi nato nel genere umano, e sempre nascente in ciascuno individuo, insieme colle prime riflessioni del pensiero sopra se stesso, e col primo uso della logica? E pure che infinita catena di errori nascevano da questo principio! Grandissima parte de’ quali ancor vive, e negli stessi filosofi, ancorchè il principio sia distrutto. Ma le conseguenze di questa distruzione, sono ancora pochissimo conosciute (rispetto alla loro ampiezza e moltiplicità), e i grandi progressi che dee fare lo spirito umano in séguito e in virtù di questa distruzione, non debbono consistere essi medesimi in altro che in seguitare a distruggere.

Cartesio distrusse gli errori de’ peripatetici. In questo egli fu grande, e lo spirito umano deve una gran parte de’ suoi progressi moderni al disinganno proccuratogli da Cartesio. Ma quando questi volle insegnare e fabbricare, il suo sistema [2709]positivo che cosa fu? Sarebbe egli grande, se la sua gloria riposasse sull’edifizio da lui posto, e non sulle ruine di quello de’ peripatetici? Discorriamo allo stesso modo di Newton, il cui sistema positivo che già vacilla anche nelle scuole, non ha potuto mai essere per i veri e profondi filosofi altro che un’ipotesi, e una favola, come Platone chiamava il suo sistema delle idee, e gli altri particolari o secondari e subordinati sistemi o supposizioni da lui immaginate, esposte e seguite.

(21. Maggio. 1823.)

Paragonando la filosofia antica colla moderna, si trova che questa è tanto superiore a quella, principalmente perchè i filosofi antichi volevano tutti insegnare e fabbricare: laddove la filosofia moderna non fa ordinariamente altro che disingannare e atterrare. Il che se gli antichi tal volta facevano, niuno però era che in questo caso non istimasse suo debito e suo interesse il sostituire[1]. Così fecero anche nella prima restaurazione della filosofia Cartesio e Newton. Ma i filosofi [2710]moderni, sempre togliendo, niente sostituiscono. E questo è il vero modo di filosofare, non già, come si dice, perchè la debolezza del nostro intelletto c’impedisce di trovare il vero positivo, ma perchè in effetto la cognizione del vero non è altro che lo spogliarsi degli errori, e sapientissimo è quello che sa vedere le cose che gli stanno davanti agli occhi, senza prestar loro le qualità ch’esse non hanno. La natura ci sta tutta spiegata davanti, nuda ed aperta. Per ben conoscerla non è bisogno alzare alcun velo che la cuopra: è bisogno rimuovere gl’impedimenti e le alterazioni che sono nei nostri occhi e nel nostro intelletto; e queste, fabbricateci e cagionateci da noi col nostro raziocinio. Quindi è che i più semplici più sanno: che la semplicità, come dice un filosofo tedesco, (Wieland) è sottilissima, che i fanciulli e i selvaggi più vergini vincono di sapienza le persone più addottrinate: cioè più mescolate di elementi stranieri al loro intelletto. [2711]Di qui si conferma quel mio principio che la sommità della sapienza consiste nel conoscere la sua propria inutilità, e come gli uomini sarebbero già sapientissimi s’ella mai non fosse nata: e la sua maggiore utilità, o per lo meno il suo primo e proprio scopo, nel ricondurre l’intelletto umano (s’è possibile) appresso a poco a quello stato in cui era prima del di lei nascimento. E quello ch’io dico qui dell’intelletto, dico altrove, e qui ridico, anche per rispetto alla vita, e a tutto quello che appartiene all’uomo, e che ha qualsivoglia relazione colla sapienza.

(21. Maggio 1823.)

I filosofi antichi seguivano la speculazione, l’immaginazione e il raziocinio. I moderni l’osservazione e l’esperienza. (E questa è la gran diversità fra la filosofia antica e la moderna). Ora quanto più osservano tanto più errori scuoprono negli uomini, più o meno antichi, più o meno universali, propri del popolo, de’ filosofi, o di ambedue. Così lo spirito umano fa progressi: e tutte le scoperte fondate sulla nuda osservazione delle cose, [2712]non fanno quasi altro che convincerci de’ nostri errori, e delle false opinioni da noi prese e formate e create col nostro proprio raziocinio o naturale o coltivato e (come si dice) istruito. Più oltre di questo non si va. Ogni passo della sapienza moderna svelle un errore; non pianta niuna verità, (se non che tali tuttogiorno si chiamano le proposizioni, i dogmi, i sistemi in sostanza negativi). Dunque se l’uomo non avesse errato, sarebbe già sapientissimo, e giunto a quella meta a cui la filosofia moderna cammina con tanto sudore e difficoltà. Ma chi non ragiona, non erra. Dunque chi non ragiona, o per dirlo alla francese, non pensa, è sapientissimo. Dunque sapientissimi furono gli uomini prima della nascita della sapienza, e del raziocinio sulle cose: e sapientissimo è il fanciullo, e il selvaggio della California, che non conosce il pensare.

(21. Maggio 1823.)

Ho detto che la filosofia moderna, in luogo degli errori che sterpa, non pianta nessuna [2713]verità positiva. Intendo verità semplicemente nuove; verità di cui vi fosse alcun bisogno, che avessero alcun valore, alcuno splendore, che meritassero di essere annunziate e affermate, che non fossero al tutto frivole e puerili, che non fossero manifestissime e conseguenti per se medesime, se gli errori contrarii non avessero avuto luogo, o non esistessero oggidì nelle menti degli uomini. Per esempio la filosofia moderna afferma che tutte le idee dell’uomo procedono dai sensi. Questa può parere una proposizione positiva. Ma ella sarebbe frivola, se non avesse esistito l’errore delle idee innate; come sarebbe frivolo l’affermare che il sole riscalda, perchè niuno ha creduto che il sole non riscaldasse, o affermato che il sole raffredda. Ma se questo fosse avvenuto, allora neanche quella verità o proposizione, che il sole riscalda, sarebbe tenuta frivola. Di più l’intenzione e lo spirito di quella proposizione che tutte le nostre idee vengono dai [2714]sensi, è veramente negativo, ed essa proposizione è come se dicesse, L’uomo non riceve nessuna idea se non per mezzo dei sensi; perch’ella mira espressamente ed unicamente ad escludere quell’antica proposizione positiva che l’uomo riceve alcune idee per altro mezzo che per quello dei sensi; ed è stata dettata dalla sottile speculazione di chi ben guardando nel proprio intelletto s’avvide che niuna idea gli era mai pervenuta fuori del ministerio dei sensi. Questo è un procedere affatto negativo, sì nella scoperta, sì ancora nell’enunciazione, perchè infatti da principio quella verità fu annunziata come negazione dell’errore contrario che allora sussisteva. Così discorrete d’infinite altre proposizioni o dogmi ec. della filosofia moderna, che hanno aspetto di positivi, ma che nello spirito, nella sostanza, nello scopo, e nel processo che il filosofo ha tenuto per iscoprirli, sono, o certo originalmente [2715]furono, negativi.

(22. Maggio 1823.)

Perticari, Degli Scritt. del 300. l.2. c.2. p.106-7. fa derivare il nome italiano carogna da un’antica voce greca.

(22. Maggio 1823.)

Di quelli che nel 500. volevano restringere la lingua italiana della poesia a quella del Petrarca, e della prosa a quella del solo Boccaccio, vedi Perticari Degli Scritt. del 300. l.2. c.12. p.178. colle similitudini che ivi pone de’ greci e de’ latini, e Apologia di Dante c.41. p.407-10.

(23. Maggio 1823.)

Ho detto altrove che la lingua francese, povera di forme, è tuttavia ricchissima e sempre più si arricchisce di voci. Distinguo. La lingua francese è povera di sinonimi, ma ricchissima di voci denotanti ogni sorta di cose e di idee, e ogni menoma parte di ciascuna cosa e di ciascuna idea. Non può molto variare nella espressione d’una cosa medesima, ma può variamente esprimere le più varie e diverse cose. Il che non possiamo noi, benchè possiamo ridire [2716]in cento modi le cose dette. Ma certo è sempre varia quella scrittura che può esser sempre propria, perchè ad ogni nuova cosa che le occorre di significare, ha la sua parola diversa dalle altre per significarla. Anzi questa è la più vera, la più sostanziale, la più intima, la più importante, ed anche la più dilettevole varietà di lingua nelle scritture. E quelle scritte in una lingua soprabbondante di sinonimi, per lo più sono poco varie, perchè la troppa moltitudine delle voci fa che ciascheduno scrittore per significare ciaschedun oggetto, scelga fra le tante una sola o due parole al più, e questa si faccia familiare e l’adoperi ogni volta che le occorre di significare il medesimo oggetto; e così ciascheduno scrittore in quella lingua abbia il suo vocabolarietto diverso da quel degli altri, e limitato: come altrove ho detto accadere agli scrittori greci ed italiani. E osservo che sebbene [2717]la lingua greca è molto più varia della latina, nondimeno per la detta ragione le scritture greche, massime quelle degli ottimi e originali, sono meno varie delle latine per ciò che spetta ai vocaboli e ai modi.

(23. Maggio 1823.). V. p.2755.

Chi vuol vedere un piccolo esempio della infinita varietà della lingua greca, e come ella sia innanzi un aggregato di più lingue che una lingua sola, secondo che ho detto altrove; e vuol vederlo in uno stesso scrittore e in uno stesso libro; legga il Fedro di Platone. Nel quale troverà, non dico tre stili, ma tre vere lingue, l’una nelle parole che compongono il Dialogo tra Socrate e Fedro, la quale è la solita e propria di Platone, l’altra nelle due orazioni contro l’amore, in persona di Lisia e di Socrate; la terza nell’orazione di questo in lode dell’amore. Perciocchè Platone in queste orazioni adopra e vocaboli e frasi e costrutti [2718]notabilissimamente e visibilmente diversi da quelli che compongono la lingua ordinaria de’ suoi Dialoghi, sebbene in questi egli tratta bene spesso le medesime o simili materie a quelle delle tre suddette orazioni, massime dell’ultima. E i vocaboli, le frasi, i costrutti dell’ultima orazione (di stile tutta poetica, ma non perciò tumida o esagerata o eccessiva o tale che non sia vera prosa) sono pure diversissimi da quelli delle altre due. Nè in veruna di queste tre lo scrittore fa forza alla lingua, o dimostra affettazione, come fecero poi quei greci più recenti che si scostarono dalla maniera propria per seguire e imitare l’altrui. Ma certo chi non conoscesse altra lingua greca che la consueta di Platone, non senza una certa difficoltà potrebbe intendere quelle tre orazioni.

(23. Maggio. 1823.)

Alla p.2699. Di quelli scrittori del 300 che usarono lingua più illustre e comune, o manco plebea e provinciale o municipale, vedi Perticari [2719]Degli Scritt. del 300. l.2. c.6. È da notare che molte differenze che s’incontrano in questi scrittori fra la loro lingua e la presente, non sono da attribuire alla lingua di quel secolo. Ma elle sono tutte proprie degli scrittori medesimi. I quali in quei primi cominciamenti della nostra lingua illustre, in quella scarsezza di esempi, e quindi di regole della lingua volgare scritta, seguirono quali una strada e quali un’altra, sì nel trovare o crear le voci ai dati oggetti, sì nel collegarle, come quelli ch’erano i primi; e spesso per mancanza d’arte, per cattivo gusto, per povertà di voci o di modi propria loro o della lingua, per vaghezza di novità, o per sola ignoranza, e poca conoscenza della loro stessa lingua scritta o parlata, e per non sapere scrivere, divisero le loro scritture dalla lingua parlata molto più che non si doveva, o in quelle cose e in quelle guise che non si doveva; non volendo esser plebei, furono qua e là mostri di locuzione; non sapendo esprimersi, inventarono parole e forme tutte loro, tutte barbare; introdussero nelle scritture molti vocaboli e modi latini o provenzali durissimi e [2720]ripugnanti all’indole della favella comune o particolare, illustre o plebea, di quel medesimo secolo. Della qual favella pertanto in queste cose non si può nè si dee fare argomento da quelle scritture. Perchè quelle mostruosità e stranezze, che noi crediamo e chiamiamo comunemente arcaismi, come non si parlano ora nè si scrivono, così non furono mai parlate nè pure in quel secolo, nè scritte se non da uno o da pochi; e quindi non sono proprie della lingua del 300 ma di quei particolari scrittori. E neanche nei secoli seguenti al suddetto, fino a noi, non furono mai parlate da alcuno in Italia, nè scritte se non da qualche pedantesco imitatore, e razzolatore degli antichi, de’ quali pedanti ve n’ha gran copia anche oggidì. Ma l’autorità di questi non fa la lingua nè presente nè passata. Vedi anche circa queste mostruosità arbitrarie e particolari di tale o tale [2721]trecentista, il Perticari loc. cit. p.13-5. e massime p.136. fine.

(23. Maggio 1823.)

Anche il Gelli confessava (ap. Perticari Degli Scritt. del Trecento l.2. c.13. p.183.) che la lingua toscana non era stata applicata alle scienze.

(24. Maggio 1823.)

Della impossibilità o dannosità di sostituire ai termini delle scienze o delle arti 1. le circollocuzioni, 2. i termini generali, 3. i metaforici e catacretici o in qualunque modo figurati, vedi Perticari loc. cit. p.184-5.

(24. Maggio 1823.)

Aristotele diceva più essere le cose che le parole: e il Perticari loc. cit. p.187-8. spiega ed applica questa sentenza alla necessità di far sempre nuovi vocaboli per le nuove cognizioni e idee.

(24. Maggio 1823.)

Della necessità di far nuove voci alle nuove cose, o alle cose non mai trattate da’ nazionali, e che ciascuna scienza o arte abbia i suoi termini propri e divisi da quelli delle altre scienze e del dir comune, vedi Cicerone de finibus l.3. c.1-2. (24. Maggio 1823.).

[2722]Delle lingue vive non accade quello che delle lingue le quali più non si parlano. Queste, a guisa di pianta che più non vegeta, non possono ricevere accrescimento; e tutto quello, che a lor riguardo si può fare da noi, si è di serbarle diligentemente nello stato in cui sono; perciocchè in esse ogni alterazione tende a corrompimento. Al contrario le lingue che sono vive, vegetano tuttora, e possono crescere di più in più: e in esse le piccole mutazioni, che si vanno facendo di tempo in tempo, non sono segnali certi di corrompimento; anzi sono talora di sanità e vigoria. E però coloro, i quali non vorrebbon che i nostri scritti avessero altro sapore che di Trecento, nocciono alla lingua, perchè si sforzano di ridurla alla condizione di quelle che sono morte, e, in quanto a loro sta, ne diseccano i verdi rami, sicch’ella non possa, contro all’avviso d’Orazio, più vestirsi di nuove foglie. Quest’autore vivea pure nel secol d’oro [2723]della lingua latina, e nel tempo in cui essa era nel suo più florido stato: e tuttavia perch’ella era ancor viva, egli pensava ch’essa potesse arricchirsi vie maggiormente e ricevere nuove forme di favellare. Nota dell’Abate Colombo alle Lezioni sulle Doti di una colta favella con una non più stampata sullo stile da usarsi oggidì ed altre operette del medesimo autore (cioè dell’Abate Colombo). Parma per Giuseppe Paganino 1820. (ediz. 2da delle tre prime Lezioni e delle altre operette, fuorchè d’una). Lezione IV. Dello Stile che dee usare oggidì un pulito Scrittore. pag.96. (antepenultima delle Lezioni). nota a.

(25. Maggio. Domenica della SS. Trinità. 1823.)

I pedanti che oggi ci contrastano la facoltà di arricchir la lingua, pigliano per pretesto ch’essa è già perfetta. Ma lo stesso contrasto facevano nei cinquecento quand’essa si stava perfezionando, [2724]anzi nel momento ch’ella cominciavasi a perfezionare, come fece il Bembo, il quale volea che questo cominciamento fosse il toglierle la facoltà di crescer mai più, e ‘l ristringerla al solo Petrarca e al solo Boccaccio. Lo stesso contrasto fecero al tempo di Cicerone e d’Orazio, cioè nel secolo d’oro della lingua latina, nel quale ella si perfezionava, e fino al quale non fu certamente perfetta. Ma la pedanteria nasce presto, e gli uomini impotenti presto, anzi subito credono e vogliono che sia perfetto e che non si possa nè si debba oltrepassare nè accrescere quel tanto, più o manco, di buono ch’è stato fatto, per dispensarsi dall’oltrepassarlo ed accrescerlo, e perch’essi non si sentono capaci di farlo. (25. Maggio 1823.). E come pochissimo ci vuole a superare l’abilità degli uomini da nulla, così pochissimo artifizio, e pochissima bontà basta a fare ch’essi la credano insuperabile, qual è veramente per loro, ancorchè piccolissima. Oltre che [2725]al loro scarso e torto giudizio spesso e in buona fede il mediocre pare ottimo, e l’ottimo mediocre, e il cattivo buono, e al contrario.

(27. Maggio. 1823.)

Per quanto voglia farsi, non si speri mai che le opere degli scienziati si scrivano in bella lingua, elegantemente e in buono stile (con arte di stile). Chiunque si è veramente formato un buono stile, sa che immensa fatica gli è costato l’acquisto di quest’abitudine, quanti anni spesi unicamente in questo studio, quante riflessioni profonde, quanto esercizio dedicato unicamente a ciò, quanti confronti, quante letture destinate a questo solo fine, quanti tentativi inutili, e come solamente a poco a poco dopo lunghissimi travagli, e lunghissima assuefazione gli sia finalmente riuscito di possedere il vero sensorio del bello scrivere, la scienza di tutte le minutissime parti e cagioni di esso, e finalmente l’arte di mettere in opera esso stesso quello che non senza molta difficoltà [2726]è giunto a riconoscere e sentire ne’ grandi maestri, arte difficilissima ad acquistare, e che non viene già dietro per nessun modo da se alla scienza dello stile; bensì la suppone, e perfettissima, ma questa scienza può stare e sta spessissimo senza l’arte. Ora gli scienziati che fino da fanciulli hanno sempre avuta tutta la loro mente e tutto il loro amore a studi diversissimi e lontanissimi da questi, come può mai essere che mettendosi a scrivere, scrivano bene, se per far questo si richiede un’arte tutta propria della cosa, e che domanda tutto l’uomo, e tanti studi, esercizi, e fatiche? E come si può presumere che gli scienziati si assoggettino a questi studi e fatiche, non avendoci amore alcuno, ed essendo tutti occupati e pieni di assuefazioni ripugnanti a queste, e mancando loro assolutamente il tempo necessario per un’arte che domanda più tempo d’ogni altra? Oltre di ciò i più perfetti possessori di quest’arte, dopo le [2727]lunghissime fatiche spese per acquistarla, non sono mai padroni di metterla in opera senza che lo stesso adoperarla riesca loro faticosissimo e lunghissimo, perchè certo neppure i grandi maestri scrivono bene senza gravissime e lunghissime meditazioni, e revisioni, e correzioni, e lime ec. ec. Si può mai pretendere o sperare dagli scienziati questo lavoro, il quale è tanto indispensabile come quello che si richiede ad acquistare l’arte di bene scrivere?

Per gli scienziati ch’io escludo dalla possibilità di scriver bene ed elegantemente, non intendo i moralisti, i politici, gli scrutatori del cuore umano e della natura umana, i metafisici, insomma i filosofi propriamente detti. Le scienze di costoro non sono molto lontane da quella che si richiede a bene scrivere, nè le loro abitudini ripugnano all’abitudine e alla riflessione che produce il bello, il semplice, l’elegante. Anzi Cicerone diceva che senza filosofia non si dà perfetto oratore; e lo stesso si può dire [2728]del perfetto scrittore d’ogni genere. La scienza del bello scrivere è una filosofia, e profondissima e sottilissima, e tiene a tutti i rami della sapienza. Di più la materia stessa di tali discipline è suscettibilissima d’eleganza. Quindi molti ottimi scrittori antichi e moderni ha fornito questa sorta di dottrine.

Ma io escludo dal bene scrivere i professori di scienze matematiche o fisiche, e di quelle che tengono dell’uno e dell’altro genere insieme, o che all’uno o all’altro s’avvicinano. E di questa sorta di scienze in verità non abbiamo buoni ed eleganti scrittori nè antichi nè moderni, se non pochissimi. I greci trattavano queste scienze in modo mezzo poetico, perchè poco sperimentavano e molto immaginavano. Quindi erano in esse meno lontani dall’eleganza. Ma certo essi ne furono tanto più lontani, quanto più furono esatti. Platone è fuori di questa classe. Gli antichi lodano assai lo stile d’Aristotele e di Teofrasto. Può essere ch’abbiano riguardo ai loro scritti politici, morali, metafisici, piuttosto che ai naturali. Io dico il vero che nè in questi [2729]nè in quelli non sento grand’eleganza. (Quel ch’io ci trovo è purità di lingua e un sufficiente e moderato atticismo: l’uno e l’altro, effetto del secolo e della dimora anzi che dello scrittore, e insomma natura e non arte. Niuna eleganza però nè di stile nè di parole. Anzi sovente grandissima negligenza sì nella scelta sì nell’ordine e congiuntura de’ vocaboli; poca proprietà, e non di rado niuna sintassi.) Ben la sento e moltissima in Celso, vero e forse unico modello fra gli antichi e i moderni del bello stile scientifico-esatto. Col quale si potrà forse mettere Ippocrate. I latini ebbero pochi scrittori scientifici-esatti. E di questi, fuori di Celso, qual è che si possa chiamare elegante? Non certamente Plinio, il quale se si vorrà chiamar puro, si chiamera così, perchè anch’egli per noi fa testo di latinità. Lascio Mela, Solino, Varrone, Vegezio, Columella ec. Il nostro Galileo lo chiami elegante chi non conosce la nostra lingua, e non ha senso dell’eleganza. (Vedi Giordani Vita del Cardinale Pallavicino). Il Buffon sarebbe unico fra’ moderni per il modo elegante di trattare le scienze esatte: ma oltre che la storia naturale si presta all’eleganza più d’ogni altra di queste scienze; tutto ciò che è elegante in lui, è estrinseco alla scienza propriamente detta, [2730]ed appartiene a quella che io chiamo qui filosofia propria, la quale si può applicare ad ogni sorta di soggetti. Così fece il Bailly nell’Astronomia. Sempre che usciamo dei termini dottrinali e insegnativi d’una scienza esatta, siamo fuori del nostro caso. La scienza non è più la materia ma l’occasione di tali scritture; non s’impara la scienza da esse, nè questa fa progressi diretti, per mezzo loro, nè riceve aumento diretto dalle proposizioni ch’esse contengono: elle sono considerazioni sopra la scienza. (28. Maggio. Vigilia del Corpus Domini. 1823.). I pensieri di Buffon non compongono e non espongono la scienza, non sono e non contengono i dogmi della medesima, o nuovi dogmi ch’esso le aggiunga, ma la considerano, e versano sopra di lei e sopra i suoi dogmi. Si può ornare una materia coi pensieri e colle parole. Tutte le materie sono capaci dell’ornamento de’ pensieri, perchè sopra ogni cosa si può pensare, e stendersi col pensiero quanto si voglia, più o meno lontano dalla materia strettamente presa. Ma non tutte si possono ornare colle parole. Il Buffon adornò la scienza con pensieri [2731]filosofici, e a questi pensieri non somministrati ma occasionati dalla storia naturale, applicò l’eleganza delle parole, perch’essi n’erano materia capace. Ma i fisici, i matematici ordinariamente non possono e non vogliono andar dietro a tali pensieri, ma si ristringono alla sola scienza.

Chiamo qui scienze esatte[2] tutte quelle che ancorchè non sieno ancora giunte a un cotal grado di perfezione e di certezza, pure di natura loro debbono esser trattate colla maggior possibile esattezza, e non danno luogo all’immaginazione (della quale il Buffon fece grandissimo uso), ma solamente all’esperienza, alla notizia positiva delle cose, al calcolo, alla misura ec.

(30. Maggio. 1823.)

In proposito della prontissima decadenza della letteratura latina, e della lunghissima conservazione della greca, è cosa molto notabile, come dopo Tacito, cioè dall’imperio di Vespasiano in poi (fino al quale si stendono le [2732]sue storie) la storia latina restò in mano dei greci, e le azioni nostre furono narrate da Appiano, Dione, Erodiano, anche prima della traslocazione dell’imperio a Constantinopoli, e dopo questa da Procopio, Agazia, Zosimo ec. Senza i quali la storia del nostro impero da Vespasiano in poi, sarebbe quasi cieca, non avendo altri scrittori latini che quei miserabili delle Vite degli Augusti, piene di errori di fatto, di negligenza, di barbarie, e Ammiano non meno barbaro, per non dir di Orosio e d’altri tali più miserabili ancora. Così quella nazione che ne’ tempi suoi più floridi aveva narrato le sue proprie cose, e i suoi splendidissimi gesti, e le sue altissime fortune, e forse prima d’ogni altra, aveva dato in Erodoto l’esempio e l’ammaestramento di questo genere di scrittura; dopo tanti secoli, quando già non restava se non la lontana memoria della sua grandezza, estinto il suo imperio e la sua potenza, fatta [2733]suddita di un popolo che quando ella scriveva le sue proprie storie, ancora non conosceva, seguiva pure ad essere l’istrumento della memoria dei secoli, e i casi del genere umano e di quello stesso popolo dominante che l’aveva ingoiata, ed annullato da gran tempo la sua esistenza politica, erano confidati unicamente alle sue penne. Tanto può la civilizzazione, e tanto è vero che la civilizzazione della Grecia ebbe una prodigiosa durata, e vide nascere e morire quella degli altri popoli (anche grandissimi), i quali erano infanti, anzi ignoti, quand’ella era matura e parlava e scriveva; e giunsero alla vecchiezza e alla morte, durando ancora la sua maturità, e parlando essa tuttavia e scrivendo. Veramente la Grecia si trovò sola civile nel mondo ai più antichi tempi, e senza mai perdere la sua civiltà, dopo immense vicissitudini di casi, così universali [2734]come proprie, dopo aver veduto passare l’intera favola del più grande impero, che nella di lei giovanezza non era ancor nato; dopo aver communicata la sua civiltà a cento altri popoli, e vedutala in questi fiorire e cadere, tornò un’altra volta, in tempi che si possono chiamar moderni, a trovarsi sola civile nel mondo, e nuovamente da lei uscirono i lumi e gli aiuti che incominciarono la nuova e moderna civiltà nelle altre nazioni.

Lascio la Storia Ecclesiastica, della quale i greci hanno tanti scrittori, e i latini, si può dir, niuno se non S. Ilario, della cui storia restano alcuni frammenti, che non so però quanto abbiano dello storico, nè se quella fosse veramente storia. V. i Bibliografi, e le opp. di S. Ilario, e una Dissert. del Maffei appiè dell’opp. di S. Atanas. ediz. di Pad. 1777. Lascio le Croniche d’Africano e d’Eusebio, opere che niuno avrebbe pur saputo immaginare a quei tempi nell’Europa latina, che furono il modello di tutte le miserabili Cronografie latine uscite dipoi (di Prospero, Isidoro ec.), che furono recate allora nella lingua d’Italia, come nell’infanzia della letteratura latina furono tradotte le opere di Omero, di Menandro, [2735]ec. che furono anche recate nelle lingue d’Oriente (armena, siriaca ec.), di quell’Oriente che di nuovo riceveva la civiltà e letteratura dalla Grecia, e quivi ancora servirono di modello, come alla Cronica di Samuele Aniese ec.

(30. Maggio. 1823.)

Nam si quis minorem gloriae fructum putat ex graecis versibus percipi, quam ex latinis, vehementer errat; propterea, quod graeca leguntur in omnibus fere gentibus, latina suis finibus, exiguis sane, continentur. Quare si res hae, quas gessimus, orbis terrae regionibus definiuntur, cupere debemus, quo manuum nostrarum tela pervenerint, eodem gloriam, famamque penetrare. Cic. Orat. pro Archia poeta, cap.10. Dunque se le cose latine continebantur suis finibus, le cose greche legebantur anche extra suos fines, dunque anche da quelli che non parlavano naturalmente il greco, dunque s’elle legebantur in omnibus fere gentibus, quasi tutte le nazioni intendevano il greco benchè non [2736]fossero greche, dunque il mondo era dÛglvssow, dunque la lingua greca era universale di quella universalità ch’oggi ha la francese. Nè per suis finibus si possono intendere i termini dell’impero latino, i quali certamente non erano angusti ai tempi di Cicerone, e lo dimostra anche quello che segue nel medesimo passo addotto.

(31. Maggio. 1823.)

È cosa indubitata che i giovani, almeno nel presente stato degli uomini, dello spirito umano e delle nazioni, non solamente soffrono più che i vecchi (dico quanto all’animo), ma eziandio (contro quello che può parere, e che si è sempre detto e si crede comunemente), s’annoiano più che i vecchi, e sentono molto più di questi il peso della vita, e la fatica e la pena e la difficoltà di portarlo e di strascinarlo. E questa si è una conseguenza dei principii posti nella mia teoria del piacere. Perciocchè ne’ giovani è [2737]più vita o più vitalità che nei vecchi, cioè maggior sentimento dell’esistenza e di se stesso; e dove è più vita, quivi è maggior grado di amor proprio, o maggiore intensità e sentimento e stimolo e vivacità e forza del medesimo; e dove è maggior grado o efficacia di amor proprio, quivi è maggior desiderio e bisogno di felicità; e dove è maggior desiderio di felicità, quivi è maggiore appetito e smania ed avidità e fame e bisogno di piacere: e non trovandosi il piacere nelle cose umane è necessario che dove n’è maggior desiderio quivi sia maggiore infelicità, ossia maggior sentimento dell’infelicità; quivi maggior senso di privazione e di mancanza e di vuoto; quivi maggior noia, maggior fastidio della vita, maggior difficoltà e pena di sopportarla, maggior disprezzo e noncuranza della medesima. Quindi tutte queste cose debbono essere in maggior grado ne’ giovani che ne’ vecchi; siccome [2738]sono; massime in questa presente mortificazione e monotonia della vita umana, che contrastano colla vitalità ed energia della giovanezza; in questa mancanza di distrazioni violente che stacchino il giovine da se medesimo, e lo tirino fuori del suo interno; in questa impossibilità di adoperare sufficientemente la forza vitale, di darle sfogo ed uscita dall’individuo, di versarla fuori, e liberarsene al possibile; in somma in questo ristagno della vita al cuore e alla mente e alle facoltà interne dell’uomo, e del giovane massimamente.

Il qual ristagno è micidiale alla felicità per le ragioni sopraddette. Ora esso è l’effetto proprio del moderno modo di vivere, e il carattere che lo distingue dall’antico, e quello che osservato da Chateaubriand, volendo fare un romanzo di carattere essenzialmente moderno, e ignoto e impossibile da farsi o da concepirsi agli [2739]antichi, gl’ispirò il René, che si aggira tutto in descrivere e determinare questo ristagno, e gli effetti suoi. Da ciò solo si conchiuda se la vita antica o la moderna è più conducente alla felicità, ovvero qual delle due sia meno conducente all’infelicità. E poichè lo Chateaubriand considera questo ristagno come effetto preciso e proprio del Cristianesimo, vegga egli qual conseguenza se ne debba tirare intorno a questa religione, per ciò che spetta al temporale. In verità si trova ad ogni passo che le sue più fine, profonde, nuove e vere osservazioni e i suoi argomenti intorno al Cristianesimo, e agli effetti di lui, ed alla moderna civiltà, ed al carattere e spirito dell’uomo Cristiano, o moderno e civile, provano dirittamente il contrario di quello ch’egli si propone. E può dirsi che ogni volta ch’egli reca in mezzo osservazioni nuove, travaglia per la sentenza contraria alla sua, accresce gli argomenti che la fortificano, e somministra nuove armi ai suoi propri avversari, credendosi di combatterli.

(1. Giugno. Domenica. 1823.). V. p.2752.

Opra sincope di opera si trova in Ennio (ap. Forcell. v. opera, fin.), come nei nostri poeti opra e [2740]oprare e adoprare ec. Tan alla spagnuola per tam nel cod. antichissimo di Cic. de Repub. l.1. c.9. p.26. ed. Rom. 1822. dove vedi la nota del Mai.

(3 Giugno. 1823.)

Per esempio d’uno dei tanti modi in cui gli alfabeti, ch’io dico esser derivati tutti o quasi tutti da un solo, si moltiplicarono e diversificarono dall’alfabeto originale, secondo le lingue a cui furono applicati, può servire il seguente. Nell’alfabeto fenicio, ebraico, samaritano ec. dal quale provenne l’alfabeto greco, non si trova il c, carattere inutile perchè rappresenta due lettere; inventato, secondo Plinio, da Simonide, proccurato vanamente dall’Imperatore Claudio d’introdurre nell’alfabeto latino, che parimente ne manca, sebbene derivi dall’origine stessa che il greco; e in luogo del quale si trovano negli antichi monumenti greci i due caratteri p o. (Secondo i grammatici il c vale ancora bo e fo; ma essi lo deducono dalle inflessioni ec. come �rac �rabow, �rabew �raci ec. Non so nè credo che rechino alcun’antica inscrizione ec.) V. p.3080. Ora ecco come dev’esser nato questo carattere che distingue l’alfabeto greco dal fenicio. Nella lingua greca, [2741]per proprietà sua, è frequentissimo questo suono di ps: ed ogni lingua ha di questi suoni che in lei sono più frequenti e cari che nelle altre. Gli scrivani adunque obbligati ad esprimerlo bene spesso, incominciarono per fretta ad intrecciare insieme quei due caratteri p o ogni volta che occorreva loro di scriverli congiuntamente. Da quest’uso, nato dalla fretta, nacque una specie di nesso che rappresentava i due sopraddetti caratteri; e questo nesso che da principio dovette conservare parte della forma d’ambedue i caratteri che lo componevano, adottato generalmente per la comodità che portava seco, e per la brevità dello scrivere, appoco appoco venne in tanto uso che occorrendo di scrivere congiuntamente il p e il o, non si adoperava più se non quel nesso, che finalmente per questo modo venne a fare un carattere proprio, e distinto dagli altri [2742]caratteri dell’alfabeto, destinato ad esprimere in qualunque caso quel tal suono: ma destinato a ciò non primitivamente, nè nella prima invenzione o adozione dell’alfabeto greco, e nella prima enumerazione de’ suoni elementari di quella lingua o della favella in genere; ma per comodità di quelli che già si servivano da gran tempo del detto alfabeto. Di modo che si può dire che questo carattere non sia figlio del suono ch’esso esprime, come lo sono quelli ch’esprimono i suoni elementari, ma figlio di due caratteri preesistenti nell’alfabeto greco, e quindi quasi nepote del suono che per lui è rappresentato. La grammatica e le regole dell’ortografia ec. non esistevano ancora. Venute poi queste, e prendendo prima di tutto ad esaminare e stabilire l’alfabeto nazionale, trovato questo nesso già padrone dell’uso comune, e sottentrato in luogo di carattere distinto e non doppio [2743]ma unico, lo considerarono come tale, gli diedero un posto proprio nell’alfabeto greco tra i caratteri elementari, e fissarono per regola che quel tal suono ps si esprimesse, come già da tutti si esprimeva, col ??, e non altrimenti. Ed eccovi questo nesso, introdotto a principio dagli scrivani per fretta e per comodo, non riconoscendosi più la sua origine, o anco riconoscendosi, ci viene nelle grammatiche antiche e moderne come un carattere proprio dei greci, e come uno degli elementi del loro alfabeto. Lo stesso accadde allo j, che non è fenicio, introdotto come nesso per rappresentare due caratteri, cioè gs, o ks, o xs: e ciò per essere questi suoni, frequentissimi nella lingua greca, siccome anche nella lingua latina, nel cui alfabeto pertanto ha pure avuto luogo questo medesimo nesso, considerato come carattere. In luogo del quale gli antichi greci scrivevano gs, o ks. Lo stesso dicasi [2744]del f, carattere (originariamente nesso) che non si trova nell’alfabeto fenicio (perciocchè il [ o p è veramente il p, latino P, giacchè l’F è il digamma eolico), e che fu introdotto in vece del PH che si trova negli antichi monumenti greci, dove pur si trova il KH in vece del X, carattere non fenicio. Questi due suoni composti, anzi doppi, ph e ch, frequentissimi nella lingua greca, non si udivano nella latina. Dunque l’alfabeto latino non ebbe questi due segni. I tre caratteri j, f, x s’attribuiscono presso Plinio (7. 56.) a Palamede, aggiunti da lui all’alfabeto Cadmeo o Fenicio. Lo stesso dite dell’v, che s’attribuisce presso il medesimo a Simonide ec.

Ne’ tempi più hassi, moltiplicandosi le scritture, o piuttosto la necessità di scrivere in fretta per la scarsezza degli scrivani e del guadagno, e di scrivere in poco spazio per la scarsezza della carta ec., e massimamente la negligenza e sformatezza e il cattivo gusto della scrittura, e quindi impicciolendosi e affrettandosi sommamente le forme dei caratteri, [2745]si moltiplicarono anche a dismisura i nessi, le abbreviature ec. d’ogni genere (delle quali gli antichi erano stati parchissimi, e alle quali anche poco si prestava la forma del loro carattere); di modo che non v’è quasi codice o greco o latino di quelle età che non offra nuove differenze di legature e abbreviature ec. Ma oltrechè la stessa moltitudine e varietà loro impediva che questi tali caratteri doppi o tripli o quadrupli ec. non fossero ricevuti nell’alfabeto; esisteva già la grammatica e le regole ortografiche, e gli alfabeti delle rispettive lingue erano da sì gran tempo, per sì lungo uso, e sì pienamente determinati, fissati e circoscritti, che non davano più luogo nemmeno ai nessi più costantemente e universalmente, e con più certa significazione adottati in quei tempi.

Se non che forse negli alfabeti delle [2746]lingue che si formarono dopo i detti tempi, e massimamente delle settentrionali, rimase alcun vestigio di quel barbaro uso de’ caratteri composti, il quale è probabilmente l’origine del W, del Ç ec.

Negli alfabeti Orientali, settentrionali antichi ec. (alcuni de’ quali abbondano perciò strabocchevolmente di caratteri, impropriamente chiamati lettere da’ nostri, come il sascrito, che n’ha più di 50.) si trovano moltissimi caratteri rappresentanti due, tre, quattro o anche più suoni elementari unitamente. I quali caratteri non si debbono creder sincroni all’invenzione o adozione di quegli alfabeti, ma nati dalla fretta e dal comodo degli scrivani come nessi, e ricevuti poi facilmente come caratteri semplici (benchè così numerosi) negli alfabeti di lingue le cui grammatiche e regole ortografiche o non esistono, o nacquero tardi, o non sono abbastanza fisse, ferme, certe, stabilite, invariabili, o abbastanza precise, minute, determinate, esatte, particolari, distinte, o abbastanza note e adottate universalmente [2747]nella rispettiva nazione, o tardi hanno conseguito queste qualità. E dico tardi, rispetto alla maggiore o minore antichità della scrittura e letteratura presso quelle nazioni; presso alcune delle quali esse sono molto più antiche che presso la greca, come la scrittura e letteratura sascrita presso gl’indiani.

Nondimeno questa prodigiosa moltiplicità di caratteri rappresentanti de’ suoni composti, nasce in alcuni dei detti alfabeti dal mancare in essi totalmente o in parte i segni rappresentanti i suoni semplici della favella. La qual mancanza, ch’è la maggiore imperfezione che possa essere in un alfabeto, cagiona necessariamente e immediatamente un’assoluta e indeterminata moltiplicità di segni nell’alfabeto medesimo. Ma questa mancanza ed imperfezione non è già una prova che quegli alfabeti abbiano un’origine diversa da quella degli alfabeti Europei. Essa mancanza ed imperfezione, e la moltiplicità [2748]di caratteri che ne deriva, e l’uso di segni rappresentanti de’ suoni composti, sono tutte qualità che dovettero necessariamente essere nell’alfabeto primitivo; perchè l’uomo non arriva al semplice e agli elementi se non per gradi, anzi queste sono le ultime cose a cui egli arriva, e nell’arrivarvi consiste appunto la maggior possibile perfezione delle sue idee in qualunque genere. Ora nessuna cosa umana è perfetta nel suo principio, e massime un’invenzione così difficile e astrusa come fu quella dell’alfabeto. Non fu poco, anzi fu maravigliosissimo il pensiero di applicare i segni della scrittura ai suoni delle parole, invece di applicarli alle cose e alle idee, come si fece nella scrittura primitiva e nella geroglifica, come facevano i messicani nelle loro pitture scrittorie, come fanno i selvaggi, e i chinesi. Dopo concepito questo mirabile pensiero, che fu l’origine dell’alfabeto, questo pensiero ch’io dico essere stato unico nel mondo, cioè concepito da un uomo solo (e in questo senso io sostengo [2749]che l’origine di tutti gli alfabeti sia stata una sola) molto ancora vi volle, e molto tempo dovette passare, e molti tentativi farsi, e molti alfabeti passare in uso presso varie nazioni, prima che l’uomo arrivasse a distinguere i suoni veramente semplici della favella, cioè quelli di cui si componevano tutti gli altri suoni che formavano le parole. Ma da principio, e poi successivamente a proporzione, finchè non si giunse al detto punto, moltissimi suoni composti dovettero parer semplicissimi e indecomponibili. Il numero di questi, e dei segni destinati a rappresentarli, e quindi dei caratteri dell’alfabeto, dovette andar sempre scemando a misura che l’uomo si avvicinava a scoprire i puri elementi dei suoni. Ma in questo intervallo gli alfabeti che si usavano, dovevano aver molti caratteri, perchè questi rappresentavano dei suoni composti. Non tutte le nazioni poterono profittare della scoperta che finalmente si fece dei suoni veramente semplici. Quelle nel cui uso erasi già [2750]confermato un alfabeto più o meno composto di segni rappresentanti de’ suoni più o manco moltiplici; quelle presso cui la scrittura era già comune; quelle massimamente che avevano già una letteratura, dovettero conservare il loro alfabeto, o tal qual era, o semplificato di poco, perchè l’uso vince ogni ragione. (Basti osservare che la China presso cui l’uso della scrittura s’era forse o introdotto o diffuso prima che fra le altre nazioni, non potè neppure o non volle ricevere l’uso dell’alfabeto assolutamente.) Così l’alfabeto fenicio, e gli alfabeti europei derivati da quello, si perfezionarono, mentre molti alfabeti orientali ec. rimasero nell’imperfezione, e questa si radicò e si mantenne in essi perpetuamente fino al dì d’oggi.

Vedesi dalle sopraddette cose, ch’io distinguo due epoche nelle quali l’uso de’ caratteri rappresentanti de’ suoni composti dovette introdurli ne’ vari alfabeti. L’una prima del perfezionamento dell’alfabeto, l’altra dopo la sua intera perfezione. [2751]Nell’una e nell’altra epoca (specialmente però nella prima) questi caratteri contribuirono grandemente a distinguere l’alfabeto di una nazione da quello di un’altra, benchè tutti gli alfabeti derivassero da un’origine sola. Anzi parlando delle diversità intrinseche ed essenziali de’ vari alfabeti (cioè di quelle che non consistono nella forma de’ caratteri ec.), questa è forse la loro cagione principale. (3-4. Giugno. 1823.). Si possono facilmente riconoscere i caratteri composti appartenenti alla seconda epoca da quelli della prima, considerando se essi si trovano o no nell’alfabeto da cui più o meno immediatamente deriva quello in questione. Non trovandosi, è segno ch’essi appartengono alla seconda epoca. Come, non trovandosi nell’alfabeto fenicio, da cui viene il greco, i caratteri composti o doppi c, f, x, v, j, è segno che questi appartengono alla seconda epoca, nel modo che si è mostrato di sopra. Questo però non è sempre un segno certo, potendo una nazione anche in quella prima imperfezione dell’alfabeto, [2752]avere adottato dei caratteri composti che non si trovassero in quell’alfabeto da cui derivava il suo, ed avergli adottati per diverse ragioni, come per bisogni particolari della sua lingua, a cui non bastassero i caratteri che bastavano all’altra, o alcuni di questi soprabbondassero e non servissero, altri mancassero. La vera, intrinseca, ed essenziale differenza tra i caratteri composti della prima epoca e quelli della seconda, si è che quelli sono figli immediati de’ suoni, cioè trovati per rappresentare immediatamente i suoni, e questi sono figli d’altri caratteri, cioè trovati per rappresentare due o più caratteri già esistenti e noti, e così sono nipoti de’ suoni.

(4. Giugno. 1823.)

Alla p.2739. fine. In primavera non è dubbio che la vita nella natura è maggiore, o, se non altro, è maggiore il sentimento della vita, a causa della diminuzione e torpore di esso sentimento cagionato dal freddo, e del contrasto tra il nuovo sentimento, o fra il ritorno di esso, e l’abitudine contratta nell’inverno. Questo accrescimento di vita [2753](chiamiamolo così) è comune in quella stagione, come alle piante e agli animali, così agli uomini e massime agli individui giovani, sì delle predette specie, come dell’umana. Ora indubitatamente non è alcuno, se non altro de’ giovani, che in quella stagione non sia più malcontento del suo stato e di se, che negli altri tempi dell’anno (parlando astrattamente e generalmente, senza relazione alle circostanze particolari, o vogliamo dire, in parità di circostanze). Tanto è vero che il sentimento dell’infelicità si accresce o si scema in proporzione diretta del sentimento della vita, e che l’aumento di questo è inseparabile dall’aumento di quello. (4. Giugno 1823.). V. p.2926. fine. Così una sventura particolare opera maggior effetto e più dolorosa impressione in un temperamento forte e vivo, e lo abbatte di più che non un temperamento debole, contro quello che parrebbe dovesse essere, e che il volgo crede e dice. E la causa di ciò, non è, come si suol dire, la maggior resistenza che un temperamento [2754]forte oppone alla sventura e al dolore, ma il maggior grado di vita, e quindi la maggiore intensità di amor proprio e il maggior desiderio di felicità, che nasce dal maggior vigore; nè qui ha che far la rassegnazione, o piuttosto essa non è altro che un sentir meno il dolore. Se il dolore faceva quasi una strage nell’uomo antico, siccome fa nel selvaggio; se gli antichi, come ora i selvaggi, erano portati dalla sventura fino alle smanie e al furore, a incrudelire contro il proprio corpo, al deliquio, al totale spossamento di forze, al deperimento della salute, all’infermità, alla morte o volontaria o naturale, ciò non proveniva, come si dice, dal non essere assuefatti al dolore. Qual è l’uomo vivo che non sia accostumato a soffrire? Ma proveniva dal maggior vigore di corpo ch’era negli antichi ed è ne’ selvaggi, a paragone de’ moderni e civili. E forse questa, più che la minore assuefazione, è la causa che i giovani siano più sensibili [2755]alle sventure e più suscettibili di dolore che i vecchi; o certo questa n’è in grandissima parte la causa. Massimamente osservando che questa differenza si trova anche fra giovani assuefattissimi alle calamità, ed informatissimi, per dottrina, di quanto convenga patire in questa vita, e vecchi assuefatti ad aver sempre avuto ogni cosa a lor modo, ignorantissimi, e persuasissimi che questa terra sia la più felice abitazione del mondo, e la vita il sommo bene degli uomini.

(4. Giugno 1823.)

Alla p.2717. Dico che la lingua francese è più ricca dell’italiana quanto alle parole non sinonime. Intendo de’ nomi e de’ verbi. Nelle altre parti dell’orazione la ricchezza nostra è incomparabile non solo colla lingua francese, ma pur colla latina, e forse con ogni lingua viva. Questa ricchezza è utile, e reca alla nostra lingua un’immensa ed inesauribile fecondità di frasi [2756]e di forme, e allo scrittore italiano la facoltà di poterne sempre foggiar delle nuove, non solo conformi all’indole e proprietà della lingua, ma che non paiano neppur nuove (forse neanche allo stesso scrittore), perchè nascono come da se, dal fondo della lingua, chi ben lo conosce, e lo sa coltivare e scaturiscono dalla natura di essa. Da ciò deriva una incredibile varietà. Ma la sostanziale e necessaria ricchezza di una lingua non può consistere nelle particelle ec. bensì ne potrebbe nascere, se queste si applicassero alla composizione delle parole, come fa la lingua greca, la quale è ricchissima di nomi e di verbi (che sono la sostanza e la principal ricchezza di una favella) non per altra cagione principalmente, se non per la estrema abbondanza di preposizioni e particelle d’ogni sorta, e per l’uso larghissimo ch’ella ne fa nella composizione d’ogni maniera di vocaboli.

(5. Giugno. ottava del Corpus Domini. 1823.)

[2757]Ritenere per ricordarsi o tenere a mente (v. la Crusca in ritenere §.7.) onde ritenitiva e retentiva per memoria, viene dal latino. V. Forcellini in Retinere fine. Aggiungi Cassiodoro De artibus ac disciplinis liberalium litterarum. Cap. 5. cioè De Musica opp. Cassiod. ed. Venet. 1729. t.2. p.557. col. 2. (la detta opera s’intitola più comunemente de septem disciplinis). Apud Latinos autem magnificus vir Albinus librum de hac re (de Musica), compendiosa brevitate conscripsit; quem in bibliotheca Romae nos habuisse, atque studiose legisse RETINEMUS. Vedi ancora il Forcell. in Retinentia. Il Glossario non ha niente in proposito.

(6. Giugno. 1823.)

È proprietà della nostra lingua di contrarre i participii de’ verbi della prima congiugazione, togliendo dalla loro desinenza in ato, le due prime lettere, cioè at: i quali participii così contratti, e serbano il loro valore di participii, servendo pure alla congiugazione de’ loro verbi coll’ausiliare; e bene spesso passano a fare uffizio di [2758]aggettivi; e molti semplici aggettivi della nostra lingua non sono altro che participii così contratti o di verbi italiani originati dal latino o d’altronde, o di verbi pur latini ec. V. Bartoli Il Torto e ‘l diritto del non si può. capo 137. e la pag.3060-3. 3035-6. ec. Ora questo medesimo costume di contrarre in questo medesimo modo i participii in atus della prima, togliendo loro le due lettere at caratteristiche della desinenza, si vede essere stato anche fra’ latini, fra’ quali Virgilio ed altri fecero inopinus per inopinatus, e da necopinatus, necopinus, e così d’altri participii, o aggettivi così formati, di molti de’ quali forse non si riconosce ora più la prima origine e forma di participii in atus, mancando loro le caratteristiche at. Odorus per odoratus. E tanto maggiormente si dee credere che questa sorta di contrazione familiarissima a noi, fosse anche più familiare al volgo latino che agli scrittori, quanto che il popolo ama sempre le contrazioni e accorciamenti.

(10. Giugno. 1823.)

[2759]Io udii un uomo di campagna, avvezzo per la sua professione a considerare i rovesci degli elementi come sciagure e calamità, raccontando gli effetti d’una inondazione da lui poco innanzi veduta, e raccontandoli come dannosissimi, e compiangendoli, soggiungere che nondimeno ella era stata una cosa bella e piacevole a vedere e udire, per l’impeto e il rombo, la grandezza e la potenza della piena. Tanto è vero che l’uomo è inclinato per natura alla vita, e che tutte le sensazioni forti e vive, quand’elle non recano dolore al corpo, e non sono accompagnate col danno o col presente pericolo di chi le prova, sono per la loro stessa forza e vivezza, piacevoli, ancorchè per tutte le altre loro qualità ed effetti siano dispiacevoli o terribili ancora.

(10. Giugno 1823.)

Chi vuol manifestamente vedere la differenza de’ tempi d’Omero da quelli di Virgilio, quanto ai costumi, e alla civilizzazione, e alle opinioni che [2760]s’avevano intorno alla virtù e all’eroismo, siccome anche quanto ai rapporti scambievoli delle nazioni, ai diritti e al modo della guerra, alle relazioni del nimico col nimico; e chi vuol notare la totale diversità che passa tra il carattere e l’idea della virtù eroica che si formarono questi due poeti, e che l’uno espresse in Achille e l’altro in Enea, consideri quel luogo dell’Eneide (X. 521-36.) dov’Enea fattosi sopra Magone che gittandosi in terra e abbracciandogli le ginocchia, lo supplica miserabilmente di lasciarlo in vita e di farlo cattivo, risponde, che morto Pallante, non ha più luogo co’ Rutuli alcuna misericordia nè alcun commercio di guerra, e spietatamente pigliandolo per la celata, gl’immerge la spada dietro al collo per insino all’elsa. Questa scena e questo pensiero è tolto di peso da Omero, il quale introduce Menelao sul punto di lasciarsi commuovere da simili prieghi, ripreso da Agamennone, che senza alcuna pietà uccide il troiano già vinto e supplichevole.

[2761]Ma chiunque bene osservi vedrà che siccome questa scena riesce naturalissima e conveniente in Omero, così riesce forzatissima e fuor di luogo in Virgilio, e ripugna all’idea che il lettore si era formato sì del carattere di Enea, sì della virtù eroica generalmente, dietro alle tracce di quel poema: anzi, dirò anche, ripugna all’idea che se n’era formata lo stesso Virgilio. E tutto quel luogo del suo decimo libro, dov’Enea fa lo spietato e il terribile, si riconosce a prima giunta per tirato d’altronde, (cioè dall’imitazione d’Omero, e dal carattere eroico-omerico) alieno dall’indole del poema e dell’eroe, alieno dal concetto medesimo di Virgilio: tanto che quella che si chiama inumanità, sembra in quel luogo come affettata da Enea, ed ascitizia, e quasi finta e par ch’egli ci sia inesperto e non la sappia esercitare; laddove negli eroi di Omero [2762]ella par vera e propria e che venga loro da natura.

La ragione si è che Omero e tutti quei del suo tempo concepivano l’inumanità verso i nemici come appartenente alla virtù eroica, come parte, come debito della medesima, e tanto è lungi che la tenessero per colpa o eccesso, che anzi la stimavano una dote e un attributo degno e proprio dell’eroe: ed intendevano di lodar quello a cui l’attribuivano; e l’attribuivano ed esageravano, volendo lodare, eziandio a chi non l’avesse o non l’avesse in quel tal grado; come fanno i panegiristi circa ogni sorta di virtù. Laddove Virgilio la concepiva, secondo le idee incivilite del suo tempo, come un vizio, e un biasimo; e concepiva come virtù e pregio la benignità ed umanità verso i nemici, il che sarebbe stato ridicolo o assurdo ai tempi d’Omero, come lo sarebbe ora presso i [2763]selvaggi, e questa umanità pose come parte essenziale e notabilissima della virtù eroica, ed espressela nel suo Enea, anzi gliel’attribuì come qualità caratteristica e principale della sua indole. E quei tratti d’inumanità non li tolse nè li ritrasse dalla forma dell’eroismo ch’egli avea nella sua mente, nè da quella del carattere di Enea ch’egli si era composta; ma dal poema che s’aveva e s’era sempre avuto per modello dei poemi eroici, e in cui si stimava universalmente, essere rappresentata la vera idea del carattere eroico. E ne li tolse quasi contro sua voglia; o più veramente non s’accorse che questa idea a’ suoi tempi, in questa parte, era mutata; e non era, in questo, l’idea sua nè quella de’ suoi contemporanei; e ch’essa era, in ciò, ben diversa dal concetto ch’egli s’era formato e ch’aveva espresso, del suo Enea. Laonde non vide che quei tratti, benchè propri della [2764]virtù eroica appresso Omero, ed appartenenti al carattere di quegli eroi, non avevano che fare col suo poema. Ma esso gli appropriò ad Enea pensandosi d’aver espresso fino allora, e di esprimere nel suo poema un eroe come quelli di Omero, e un carattere eroico come l’eroismo espresso da Omero; nel che s’ingannava; e pensandosi che l’eroismo per li suoi tempi fosse quella cosa medesima ch’era stato per li tempi d’Omero, nel che pur s’ingannava. Siccome anche s’ingannava pensandosi d’aver fatto un eroe che fosse potuto essere a quei tempi ne’ quali egli lo supponeva; o ch’essendo, fosse potuto essere stimato eroe da’ suoi contemporanei. Perchè infatti Virgilio nel formare il carattere di Enea, non salvò la verisimiglianza, rispetto ai tempi in cui fu questo eroe, e peccò di anacronismo in questo carattere molto peggio che nell’episodio di Didone; [2765]siccome peccò di gravissimo anacronismo lo Chateaubriand nei Martiri, supponendo le opinioni religiose, la religiosità e le superstizioni de’ tempi di Omero, ne’ tempi di Luciano.

L’inumanità verso i nemici non era biasimo ai tempi di Omero, perchè i nemici non erano considerati come uomini, o come parte di quel corpo a cui apparteneva il loro avversario. Gli antichi (e i selvaggi altresì) erano ben lontani dal considerare tutto il genere umano come una famiglia, e molto più dal considerare i nemici come loro simili e fratelli. Simili e fratelli non erano per gli antichi, e non sono per li selvaggi, se non gl’individui della loro stessa società; o nazione o cittadinanza o esercito che la vogliamo chiamare e considerare. Di questo ho detto altrove. Quindi essere inumano verso i nemici, tanto era per gli antichi, quanto essere inumano verso i lupi o altri animali che non [2766]sono del genere umano, anzi gli nocciono. Siccome appunto i nemici nocevano o cercavano di nuocere a quella società, dentro i limiti della quale si conteneva tutta quella famiglia umana a cui gli antichi si stimavano appartenere. E come a chi prendesse a difendere o a vendicare la sua società contro gli animali nocivi, sarebbe lode il non perdonar loro in alcuna maniera, ma sterminarli tutti a poter suo; così agli antichi era lode l’inumanità verso i nemici, che non si reputavano aver diritto all’umanità, non istimandosi aver nulla di umano, cioè nulla di comune con quegli uomini che li combattevano; e l’eccesso o il sommo grado di questa inumanità si giudicava proprissima dell’eroe. Massimamente che tutte le passioni o azioni forti erano fra gli antichi stimate molto più degne, o certo più eroiche che le deboli; e quindi la spietatezza verso chi non aveva alcun titolo alla clemenza, quali si stimavano [2767]i nemici, era creduta molto più eroica che la compassione, affetto dolce, molle, e stimato femminile; la vendetta molto più eroica che il perdono, siccome il risentimento era giudicato ben più degno dell’uomo che la pazienza delle ingiurie, la quale non andava mai disgiunta dalla riputazione e dal biasimo di viltà o dapocaggine.

Quando Omero, introduce Priamo ai piedi d’Achille, quando ci commuove fino all’anima coll’amaro spettacolo di tanta grandezza ridotta a tanta miseria, quando par che impieghi ogni artifizio, che accumuli ogni circostanza, propria a destarci la compassione più viva, e nel tempo stesso ci rappresenta Achille, il protagonista del suo poema, il modello della virtù eroica da lui concepita, così difficile, così tardo a lasciarsi piegare, piangente sopra il capo di Priamo, non già le sventure di Priamo, ma le sue proprie e il suo vecchio padre, e il suo Patroclo, della cui morte esso [2768]Priamo era venuto a chiedergli in certo modo il perdono, quando finalmente non lo fa risolvere di concedere al supplichevole e infelicissimo re la sua misera domanda, se non in vista dell’ordine espresso già ricevutone da Giove per mezzo di Teti, senza il quale egli dimostra e fa intendere assai chiaramente che nè le preghiere nè il pianto nè il dolore nè tutto il misero apparato di quel re domo e prostratogli dinanzi, l’avrebbero vinto; a noi pare che questo Achille sia quasi un mostro, e che anche una virtù secondaria anzi minima, non che primaria, (come si rappresenta la sua in quel poema) anche molto più gravemente offesa, anche già meno acerbamente vendicata, anche con minori cagioni d’intenerirsi, avesse dovuto e commuoversi ben tosto, e sommamente, e concedere già molto prima di quel ch’ella fa, la domanda del supplichevole, e concedere anche assai di più, potendo [2769]farlo, e farlo di volontà sua. Ma Omero stimò di doverci rappresentare in quel punto Achille come egli rappresentollo. E non si creda ch’egli nel far questo abbia solamente in mira di conservare la simiglianza del carattere feroce di Achille, da lui fino allora espresso, e di non farne un personaggio diverso da quel che l’aveva fatto essere. Omero attende a salvare il suo eroe dal biasimo della compassione, cioè della mollezza, e della facilità di lasciarsi commuovere, e della tenerezza di cuore; come noi attenderemmo (e come infatti i più moderni epici ec. attesero ec.) a salvarlo dal biasimo della durezza della insensibilità, della crudeltà verso il nemico, e a proccurargli appunto la lode della compassione verso il nemico, come cosa magnanima ec. Omero non ha solamente riguardo all’Achille tal quale egli l’ha fatto, ma alla virtù eroica tal quale allora si concepiva; egli introduce quell’episodio compassionevole in grazia del sommo interesse e del gran contrasto di affetti a cui dà luogo, ma guarda che Achille non offenda in alcuna parte le leggi dell’eroismo; non si mostri leggero, flessibile, dappoco perdonando; non sia ripreso d’essere stato umano [2770]co’ nemici della sua nazione e suoi.

Tali erano i tempi di Omero, e molto più quelli ch’egli dipinge: e tali bisogna considerarli volendo ben conoscere ed estimare la somma arte imitativa di quel grande spirito, anche nelle situazioni più difficili. Siccome appunto era questa, assai più difficile per lui, stante le predette considerazioni, che non sarebbe per noi. Nella quale quanto più a noi può parere ch’egli abbia peccato, quanto più egli si allontana dalla nostra opinione, e delude ed étonne la nostra aspettativa, tanto la sua arte è maggiore, la sua imitazione più vera, la sua osservazione e conservazione de’ caratteri, de’ tempi, de’ personaggi più costante, e più mirabile la sua riuscita, e la felicità con cui egli si trae fuori delle difficoltà somme di questo passo. E tanto eziandio erano e si denno valutar maggiori esse difficoltà.

(11. Giugno. 1823.)

[2771]Noi diciamo fumo per superbia, fasto, vanità, onori vani o l’orgoglio che ne nasce, e il vanto ch’altri ne fa: insomma applichiamo in molti modi e casi quella parola a significare la superbia e le cose che a questa appartengono. Vedi Caro lett. 20. vol.1. principio. Nè più nè meno fanno i greci della voce tæfow, (il cui proprio significato si è fumo), e de’ suoi derivati e composti. Siccome anche noi similmente di fumoso, e fumosità.

(12. Giugno 1823.)

Matto non verrebb’egli da mthn, mtaiow, e mattia cioè mattezza da matÛa?

(12. Giugno 1823.)

Come la lingua latina abbia conservato l’antichità più della greca, si dimostra ancora con queste considerazioni. 1. La lingua latina conserva nell’uso comune de’ suoi buoni tempi e de’ seguenti (non solo degli anteriori) i temi, o altre voci regolari di verbi che tra’ greci, avendo le stesse radici che in latino, ma essendo però difettivi o anomali, non conservano i loro primi temi o quelle tali voci regolari, o non le usano se non di rarissimo, [2772]o talmente ch’essi temi ed esse voci non si trovano se non presso gli antichissimi autori, o presso i poeti soli, i quali in ciascuna lingua che ha favella poetica distinta, conservano sempre gran parte d’antichità per le ragioni che ho detto altrove. Dovechè la lingua latina usa essi temi ed esse voci universalmente sì nella prosa come nel verso, ed usale ne’ secoli in ch’ella era già formata e piena, ed usale eziandio non come rare, nè come quasi licenze o arcaismi, ma tutto dì e regolarmente e come temi e voci proprie e debite di quei verbi a’ quali appartengono. Per esempio il verbo do, si è il tema di dÛdvmi (e nota che questo verbo in greco non è neppure anomalo nè difettivo, ma l’uso l’ha cangiato interamente dal suo primo stato, a differenza del verbo latino do.). Il qual tema conservasi nel latino in tutti i composti d’esso verbo, come credo, edo, trado, addo, subdo, prodo, vendo, perdo, indo, condo, reddo, dedo, ec. (ne’ quali per istraordinaria anomalia è mutata la coniugazione di do dalla prima nella terza: non così in circumdo as, venundo as, pessundo as ec.) Ma in nessun composto del verbo dÛdvmi comparisce nel greco il suo vero tema. …Edv voce e tema di verbo anomalo o difettivo, non si troverà [2773]credo, in greco se non presso i poeti, ma tra’ latini edo e il suo composto comedo sono voci e verbi di tutti i secoli e di tutte le scritture. Eo ¦v tema da cui nascono in greco tanti verbi, non si trova nè fra’ poeti greci nè fra’ prosatori ma egli è comune e proprio ai latini, e ne nasce un verbo usitatissimo, co’ suoi composti, che tutti conservano il tema intatto e conservano altresì tutta la sua coniugazione perfettamente, redeo, abeo, exeo, ineo, subeo, coeo, adeo, circumeo, pereo, intereo, obeo, prodeo, introeo, veneo, praetereo, transeo, ec. Nessun composto greco conserva il tema ¦v.Lateo è il medesimo che Jv, voce, e tempo ben raro negli scrittori greci, e verbo difettivo in greco, ma tema comune e usitatissimo, e verbo quasi perfetto e regolare in latino. Il tema l‹Jv trovasi espressamente in Senofon. Simpos. c.4. §.48. I Dori e gli Eoli dicevano probabilmente l‹Jv. Patior che sta in luogo dell’attivo patio (il quale pur si trova nell’antica latinità) è più vicino al Jv, (Dor. ed Eol. p‹Jv) inusitato in greco, che non è l’usitato p‹sxv. Composti, per-petior ec. Il verbo fero, s’io non m’inganno, ha più voci in latino che in greco. Del tema sto equivalente all’inusitato ot‹v, altrove.

Il tema st‹v non si trova, ch’io sappia in greco. Il verbo si trova, cioè ¦sthn §sthka st®saw, st‹w ec. ma è difettivo. Il verbo sto è intero.

[2774]Viceversa saranno ben pochi quei verbi anomali o difettivi latini il cui proprio puro e vero tema, disusato in latino, o le cui voci che in latino sieno o perdute o irregolari, si conservino, e regolari, nell’uso greco universale d’ogni buon secolo e d’ogni genere di scrittura. Tale per esempio sarebbe il verbo mn‹v, tema di memini (il qual memini è fatto per duplicazione della m, come in greco m¡mnhmai e come molti preteriti latini, cecini, cecidi, dedi, steti, fefelli, poposci, pepuli, tetuli antico, da tulo o tollo, tetigi, pepigi, peperci, cecidi, spopondi, dedidi, tetendi, peperi, totondi, pependi, didici v. Gell. 7. 9) ec. Di questo verbo mn‹v si conservano alcune voci nel greco, ma piuttosto presso i poeti che altrove: e dubito che in alcun luogo si trovi esso tema mn‹v. Puoi vedere la p.3691.

E qui osservo che la lingua latina conserva ordinariamente i suoi temi più semplici e puri cioè composti di minor numero di lettere, che non fa la lingua greca. Il che si può vedere e per gli esempi sopraddotti, e per alcuni che s’addurranno, e per moltissimi che si potrebbero addurre. Per esempio da o dñv, i greci, per la solita duplicazione o anadiplasiasmo, oltre l’inflessione in mi, fecero dÛdvmi; come da per‹v pipr‹skn, [2775]da f‹v o f‹skv pif‹skv o pifaæskv, da trñv titrÅskv, da tr‹v titr‹v o titr‹inv o tÛtrhmi, da J¡v Jhmi, da pl®Jv pÛmplhmi o pimpl‹v o pimpl‹nv o pÛmplhmi, da teÛnv e da tÛv o da tÛnv titaÛnv, da b‹v, b°mi, baÛnv bib‹v o bibhmi, o bib‹sJv, da xr‹v kixr‹v o kÛxrhmi, da önhmi ônÛnhmi, da kal¡v kikl®skv, da pr®Jv ec. pÛmprhmi, ec. da mn‹v mimn®skv, da dr‹v didr‹skv, e mille altri. I latini conservarono il puro do. Così da Jv lanJ‹nv. I latini lateo. Così da l®bv lamb‹nv, da l®xv lagx‹nv, da teæxv tugx‹nv, da Jv manJ‹nv, da d‹rJv darJ‹nv, da b‹v baÛnv, da pet‹v petannæv o tet‹nnumi, da x‹zv xand‹nv, da f‹v faÛnv o faeÛnv e simili, da ázv ßz‹nv, da ¤rækv ¤ruk‹nv ec., da dæo dænv, da diÅkv Žmænv, divk‹nv Žmun‹Jv, da kix¡v kix‹nv, da eàkv eÞk‹Jv, da àsxv Þsx‹nv e Þsxan‹v, da bl‹stv blast‹nv, �mart‹nv, ¤rugg‹nv, oÞd‹nv. Cento forme e figure avevano i greci (o provenienti dalla varietà e proprietà de’ dialetti, o d’altronde) sì di alterare, come di accrescere gli elementi de’ loro temi. Non così i latini. Quindi i loro temi o sono monosillabi, o più facili da ridursi alla radice monosillaha. V. p.2811.

2.   Molte radici (o primitive o secondarie) di vocaboli greci che non si trovano nel greco, o non sono in uso, quantunque lo fossero già, si conservano nel latino, e sono usitate. Può servir d’esempio la voce do, radice del verbo dÛdvmi, il quale non è nè anomalo nè difettivo come ho detto di sopra. Ma dÛdvmi è veramente lo stesso do (non un suo derivato) alterato cioè duplicato ed inflesso alla maniera greca. „Arp‹zv si è un vero derivato di �rpv, il quale però non si trova ne’ greci, o è rarissimo e solamente poetico. Ben si trova il suo participio fem. sostantivato ‘rpuiai, che nella 2da iscrizione triopea, è [2776]adoperato in forma aggettiva. I latini hanno rapio, che per metatesi è appunto il tema ‘rpv. Nello Scapula trovo senza esempio �rpÇ ed �rpÇmai. Questo sarebbe contrazione di �rp‹v (v. Schrevel. in �rp‹v), del quale �qp‹zv non sarebbe un derivato ma quasi un’inflessione, come da peir‹v, peir‹zv. Ma di �rp‹v non può venire ‘rpuiai, bensì �rphkuÝai o ²rphkuÝai. V. p.2786.

3.   Com’è detto qui sopra, p.2774-5. la lingua latina è solita di conservar le parole molto più semplici quanto agli elementi, che non fa la lingua greca. E ciò si deve intendere non solo de’ temi de’ verbi o delle radici di qualunque vocabolo, ma d’ogni altra qualsivoglia voce. Per ôdoçw ôdñntow i latini hanno dens -tis. ƒOlolæzv dev’essere un’alterazione di ôlolæv come trox‹zv di trox‹v, peir‹zv di peir‹v, dok‹zv di dok‹v, skep‹zv di skep‹v, dist‹zv di dist‹v da dÛw e st‹v, v. p.2825.3169. Žnættv o Žnætv di Žnæv ec. Infatti ôlolæv è molto più imitativo e conveniente che ôlolæzv dove il z, quanto all’imitare, ci sta a pigione. Or questo verbo in origine è formato e nato evidentemente dall’imitazione del suo soggetto, come ululo. E non è maraviglia, perciocchè egli è vocabolo significativo d’un suono. V. p.2811. e lo Scap. in Žlal‹zv. I latini hanno ululo, che certo è originalmente tutt’uno con ôlolæzv, ed è tanto più semplice negli elementi. GignÅskv, verbo difettivo o anomalo, è fatto per anadiplasiasmo da gnÅskv, il [2777]quale non è già il suo tema, ma sibbene gnñv, onde gnÅskv come da trñv titrÅskv, da brñv brÅskv, da bñv bÅskv, da b‹v inusitato b‹skv poetico da per‹v pera‹skv poetico da biñomai biÅskomai, da ghr‹v inusitato ghr‹skv, da önhmi ônÛskv, da f‹v fŒskv, da per‹v (contratto pr‹v) pipr‹skv. I latini hanno nosco senza l’anadiplasiasmo e senza il g. E qui pure si noti nel latino la conservazione dell’antichità. I greci medesimi dicono comunemente anche ginÅskv. Ma il puro tema di questo verbo, ch’è noýskv e per sineresi nÅskv fatto da nñv (come i sopraddetti brñv ec.), da cui gli Eoli gnñv (v. Lexic.), non si trova in tutta la grecità, e trovasi nel latino. Nel quale il verbo nosco è così regolare come i suoi uniformi, cresco, suesco, nascor, scisco e simili e in parte adolesco, exolesco, inolesco ec. pasco ec. V. la pag.3688. sqq. E comparisce nel latino il g eolico ne’ composti di nosco, agnosco, cognosco, ignosco, dignosco (trovasi anche dinosco), prognosticum (sebben questa è voce tolta dal greco a dirittura, ai tempi di Cic. o circa). Negli altri composti praenosco, internosco, il g non comparisce. V. p.3695.

[2778]4. Molti attivi di verbi che in greco non conservano se non il medio ‘llomai-salio (in senso attivo, o passivo, o in ambedue), o il passivo, (in senso passivo o attivo ec.) l’uno e l’altro, o parte dell’uno, parte dell’altro, (com’è ordinarissimo), segni certissimi di un verbo greco attivo perduto (come lo sono i deponenti in latino), o che in greco sono appena conosciuti, o solamente poetici, o antiquati o insoliti, sono comuni ed usitati universalmente in latino, o se non altro si conservano. Di ciò si potrebbero addurre non pochi esempi. Bastimi il verbo gigno, attivo di gÛgnomai che significa gignor e che in greco manca non solo di voce ma eziandio di significazione attiva. E notate che il verbo latino gigno nel perfetto e ne’ tempi che dal perfetto si formano e nel supino, muta la i radicale in e, e perde il secondo g come appunto accade nel greco gÛgnomai nelle sue inflessioni. Serva per altro esempio il verbo volo, il quale io dico esser la voce attiva di boælomai, cioè boælv, mutato il b in v, come in tanti [2779]altri casi (p.e. da b‹dv vado), vedi p.4014. e fatto dell’ou, v, alla Dorica, cioè bÅlv, come di boèw i dori bÇw, i latini bos, di ìpnow gli Eoli Êpnow (come Èhlòw da êhlòw), i latini somnus, di nçjw, nox: v. p.3816. oltre le solite mutazioni volgari di vulgus vulpes ec. in volgus volpes. (12-13. Giugno 1823.). Boælv si trovò certamente nell’antica lingua greca, come mostra il suo medio boælomai. E forse sì boælv che J¡lv ed ¤J¡lv furono fatti per prñsJesin dal tema monosillabo volo, onde lvývn, lÅóstow ec. V. Lexic. E così J¡lv volo viene forse dalla stessa radice del suo sinonimo boælomai, di cui però v. Ammon. de Different. vocabulor. (ƒAboul¡v nolo è di Plat. e di Demost. nelle epist.) Di tal prñsJesiw se n’ha appunto un esempio in J¡lv¤J¡lv. V. p.3842.

Alle osservazioni da me fatte circa il verbo expectare nel principio della mia teoria de’ continuativi, aggiungi che anche in greco dok‹zein vale osservare o stare a vedere guardare, e nel medesimo tempo aspettare, onde prosdok�n.

(13. Giugno 1823.)

Che il proprio tema de’ verbi ßst‹v, ásthmi, ástamai fosse ot‹v, come forse ho detto nella mia teoria de’ continuativi parlando di sisto, e che l’iota sia una giunta fatta al tema per proprietà di lingua, si conosce sì dalle molte voci di questi verbi che mancano di quell’i paragogico, e da tutti i loro derivati che parimente [2780]ne mancano, sì dal verbo áptamai il quale colla medesima paragoge (ch’esso perde in molte voci) è fatto dall’inusitato pt‹v (v. la Gramm. di Pad. p.210.) o pet‹v, onde pet‹omai, p¡tamai, p¡tomai che vagliono altresì volare, e che in origine non debbon esser altro che il verbo pet‹v pando explico che ancora esiste, trasportato alla significazione del volare per lo spiegar delle ali ec. e vedi la pag.2826.

Del resto niente impedirebbe che sto e st‹n non avessero niente di comune nella loro origine, o ch’essi fossero nati da una stessa lingua madre, ma indipendentemente l’uno dall’altro, giacchè l’uno significa stare ed anche essere (vedi Forcellini), e l’altro stabilire, il cui passivo o medio ástamai, passivando il significato di stabilire, viene a prendere la significazione neutra di stare (quasi essere stabilito).

Ma supponendo che sto e st‹v sieno in origine uno stesso verbo, niente pure impedisce che il greco sia derivato dal verbo latino, e che tuttavia il latino sisto, ben diverso da sto e per coniugazione e per significato e per tutto, sia nato dal greco ist‹v, istÇ.

[2781]Chi può saper le varie vicende dei commerci antichissimi fra le lingue latina e greca, dopo che l’una e l’altra nacquero dalla stessa madre; quando la storia delle due nazioni comincia per noi così tardi, e massime la storia veridica, e certa; e la storia non alterata dalle favole ambiziose di cui è tutta piena l’antica istoria greca? Chi può con certezza negare che in quel lunghissimo tratto di tempi oscurissimi non vi fossero delle epoche nelle quali la lingua greca si arricchisse delle spoglie della sorella, ed altre, o successivamente o anche allo stesso tempo, in cui la lingua latina si arricchisse, come certo fece, delle spoglie della greca, ed anche ricevesse sotto nuova forma alcune di quelle medesime voci ch’erano nate da lei e da lei passate nella lingua greca, o alcuni derivati di quelle? Come sarebbe nella nostra supposizione; cioè che sto, nato nella lingua latina dal participio di sum, passato in Grecia sotto forma di st‹v, [2782]ridotto quivi per paragoge alla forma di ßst‹v, e per contrazione a quella d’ßstÇ e mutata significazione per affinità, ritornasse nel latino colla forma di sisto, il qual verbo verrebbe così ad essere originalmente il medesimo che sto.

Osservando la cosa ne’ tempi moderni, non sappiamo noi che la lingua francese è venuta d’Italia? e che dal medesimo fonte nacque una lingua sorella della francese, cioè l’italiana? E non vediamo noi quante parole nate o allevate nel nostro paese, cioè nella lingua latina; di qua passate in Francia; quivi alterate o di forma o di senso o d’ambedue; sono ritornate in Italia come forestiere ed altrui, e ricevute in questa lingua sorella della francese, e ciò fino dal cento o dal dugento o dal trecento, e tuttogiorno nella metà dell’ultimo secolo e in questo? E chi dicesse per questa ragione che la lingua francese è madre e non sorella dell’italiana, o chi negasse che la lingua francese sia provenuta [2783]d’Italia, s’apporrebb’egli al vero?

Credo eziandio che non poche voci venute dalla stessa lingua italiana (non dall’antica latina), e passate in Francia; di là ci sieno tornate, e ci tornino tuttavia bene spesso come forestiere: o che quelle nostre sieno dimenticate, o che queste sieno alterate in modo che non si riconoscano essere originalmente tutt’une colle nostre ancora esistenti, e già preesistenti alle sopraddette francesi. (Quanto a molte voci e forme italiane passate anticamente fra’ provenzali, ed ora credute provenzali di origine, o perchè si trovano nei loro scrittori, e non più presso noi; o perchè, alquanto mutate dalla prima figura e significazione, le ritolsero dai provenzali i nostri primi poeti o que’ del 300, e i commerci di que’ tempi, vedi Perticari Apologia capo 11. 12. p.108-17. e capo 19. fine p.176-7.). Così dico di molte voci spagnuole ricevute nella nostra lingua durante il 500 e il 600, ne’ quali secoli la letteratura spagnuola nata dall’italiana, modellavasi pur tutta sull’italiana, e quindi certo la loro lingua doveva abbondare, e abbondava, di parole e maniere provenutele dall’italiano.

Ma lasciando questo, potremo anche dire che il sistema de’ continuativi fosse proprio della lingua onde nacquero la latina e la greca; che di lei fossero il verbo sum (il quale certo si trova [2784]tutto nella sascrita) e il verbo sto che ne deriva; che da lei li pigliassero le dette due lingue; e che poi dalla greca venisse nella latina, coll’andar del tempo e de’ commerci, il verbo sisto. Così discorrete de’ verbi apo ed apto, ‘ptv ed ‘pomai, de’ quali nella mia teoria de’ continuativi.

In questa supposizione la lingua latina resterebbe pur molto superiore alla greca, rispetto alla conservazione dell’antichità. 1. Ella avrebbe conservato il sistema de’ continuativi, e la greca no. Di più ella n’avrebbe conservato il modo cioè la formazione da’ participii passivi, il che alla lingua greca è impossibile. 2. Il suo verbo sum sarebbe più conforme a quello della lingua madre. E ciò si proverebbe, primo perch’esso, come ho detto, si trova molto più simile a quello della lingua sascrita antichissima, che non il greco eÞmÛ: secondo, perchè esso si presterebbe ottimamente per la sua forma grammaticale, come altrove ho mostrato, alla formazione del verbo sto, il quale nella nostra supposizione sarebbe venuto dalla lingua madre, e in essa, come in latino, sarebbe stato un continuativo formato da sum: e perchè esso sum si presterebbe [2785]a questa formazione secondo la regola ordinaria de’ continuativi latini, la qual regola nella nostra supposizione sarebbe provenuta dalla lingua madre.

Laddove nella lingua greca il verbo st‹v per ragione grammaticale, e per origine considerata dentro i termini d’essa lingua, non ha che far niente con eÞmÛ, ed è un tema intieramente distinto. Il tema st‹v non si trova nel greco, ma ásthmi, ßst‹nv, ¥st®kv, e tali alterazioni. Ma in latino il tema sto si trova, non pur semplice, anche ne’ composti adsto ec. ec. chiaro e puro. E il verbo sto si può dir quasi regolare, se non fosse il duplicamento nel perfetto steti, usitato però in molti altri verbi ancora, come in do monosillabo, di coniugazione affatto simile a sto ec. 3. Perchè il medesimo sto e per forma e per significato si riconoscerebbe in latino per derivato espressamente da sum, come abbiamo supposto ch’ei fosse nella lingua madre: laddove in greco nè per forma nè per significato avrebbe che far nulla con eÞmÛ. In somma tutta la ragione grammaticale e dei continuativi in generale, e in particolare del verbo sto considerato come continuativo e derivativo di sum, la qual ragione abbiamo supposto che fosse nella lingua madre, sussisterebbe piena e perfetta nella lingua latina; laddove nella greca sarebbe intieramente perduta. Così discorrete della ragione grammaticale, [2786]e della origine e derivazione di apto o ‘ptv, le quali si troverebbero intere nella lingua latina, e per nulla nel greco; oltre al tema apo conservato nel latino e perduto nel greco.

(13-14. Giugno 1823.)

Alla p.2776. La voce �rpuÝai properispómena può benissimo essere un antico participio di un verbo ‘rpv (v. la p.2826. marg.) come eÞkuÝa di eàkv, eÞduÝa di eàdv per sincope di eidhkuÝa, da eåda sincope di eàdhka. Non così di �rp‹v al quale non può in nessun modo appartenere. Che se i grammatici fanno questa voce �rpuÝai proparossìtona, scrivendo ‘rpuiai, 1. non tutti così fanno, e vedi Schrevel. e Forcell. in Harpyiae: 2. può ben essere che questa voce sia proparossìtona ne’ due luoghi dell’Odissea, e in quello della Teogonia (v.267.) ne’ quali è usurpata per antonomasia, come vuole il Visconti che sia nell’Odissea, o per nome appellativo, come è nella Teogonia: perciocchè perduta la sua forma e significazione di participio, e ridotta a sostantivo, [2787]e mutato uso, condizione e significato, non è maraviglia ch’esso muti l’accentazione come accade in altre mille parole. Ma tale ancora, ella si riconosce per un participio femminino, il quale non può venire se non da ‘rpv parossìtono, e non da �rpÇ, nè da �rp‹v nè da �rp‹zv, e il cui mascolino sarebbe �rpÆw. E nel luogo delle iscrizioni triopee, dov’ella è aggettivo, io son d’opinione che vada scritta properispómena. Non so come la scriva il Visconti: la lapide non ha accenti. 3. Ognun sa che in queste materie degli accenti, come in tante altre, non è da prestar gran fede ai grammatici che abbiamo, benchè greci, e ch’essi sono stati corretti cento volte dagli eruditi moderni colla più accurata osservazione dell’antichità; delle origini, delle derivazioni, delle analogie, della ragion grammaticale della lingua greca. E se ciò accade anche nelle cose che appartengono alla lingua di Tucidide o di Platone, quanto minor forza avrà un’obbiezione [2788]fondata sull’autorità di sempre recenti e semibarbari e poco dotti grammatici in materie così antiche, come è questa; nella quale poi in particolare, i grammatici, secondo il Visconti, errarono nella stessa significazione della parola, pigliando per démoni alati, per tempeste, procelle, venti ec. (vedi lo Scapula e il Tusano) quelle che, secondo il Visconti, non erano altro che le Parche.

Del resto, quando ben si volesse che �rpuÝai fosse participio di Žrp‹v (il che io non credo) fatto per sincope d’�rphkuÝai, (come anche ¥stÆw da ¥sthkÆw o ¥stakÆw o ¥staÆw o ¥steÆw, bebÆw da bebhkÆw o da bebaÆw, bebrÆw da bebrvkÆw o da bebroÆw) e che il latino rapio non fosse un disusato ‘rpv (supposto dal Visconti) ma questo �rp‹v (del quale trovo nel Tusano: „Arp‹v, pro �rp‹zv, usurpatur, Etym.) resterebbe sempre fermo e che �rpuÝai o ‘rpuiai fosse in origine un participio ec. e che la lingua latina conservi qui l’antichità più della greca, nella quale quest’�rp‹v, che sarebbe, certo più antico di �rp‹zv, sarà pur sempre o inusitato o rarissimo, e forse noto per lo [2789]solo Etimologico. (14. Giugno 1823.). Nota che il Visconti, se ben mi ricordo, non cita se non due luoghi dell’Odissea, e questi sono, s’io non m’inganno, a, 241. j, 371. In due altri luoghi Omero usa quella voce, l’uno Odiss. u, 77. dov’ella sta parimente per le Parche, l’altro Iliade, p, 150. dov’ella è puro aggettivo d’una cavalla, e viene a dir veloce, benchè gl’interpreti la rendono per Harpyia sostantivo o appellativo, come negli altri luoghi d’Omero. Raptim dicono i latini per cito ec. Così ‘rpuia o �rpuÝa per veloce. V. ne’ Lessici �rpaktikÇw, �rp‹gdhn, �rtal¡vw, karp‹limow, kartalÛmvw, Žnarp‹zv, Žn‹rpastow, ed �rp‹zv per ôj¡vw noÇ, cito intelligo et mente percipio, quasi mente corripio, usato da Sofocle. V. anche i lessici latini in rapio e suoi derivati e composti. Noi diciamo ratto (cioè raptus) aggettivo e avverbio per veloce, presto ec. Così rattezza, rattamente ec. E i latini rapidus, rapido, francese rapide ec. V. lo spagnuolo in questa radice, o in altra metafora di velocità, tolta dal rapire in qualunque sia voce o modo.

(14. Giugno. 1823.). V. la Crus. in Rapina §.1. Rapinosamente, Rapinoso, e questi pensieri p.4165. fin.

[2790]Il nome di Arpalice (della quale vedi Forcell. in Harpalyce) non credo che sia nato, nè si debba cercare altronde che dalla velocità ec. Io poi son d’opinione che nel citato luogo della Teogonia, 265-9, la voce �rpuÛaw non sia punto un appellativo, come hanno creduto i grammatici, gl’interpreti e i Lessicografi, ma un puro aggettivo significante ratte, veloci, il che mi persuadono sì il confronto del citato luogo dell’Iliade, sì le addotte osservazioni in proposito, sì tutto il contesto del luogo d’Esiodo.

Yaæmaw (figlio di Nereo e della Terra) ƒΩkeanoÝo baJur=eÛtao Jægatra.

ƒHg‹fetƒ ƒHl¡ktrhn: ² Èketan t¡ken ‰Irin ƒH#kñmouwJƒ „arpuÛaw (così scrivono con lettera maiuscola) „AellÅ ƒΩkup¡thn te, (nomi propri, e simboleggiano le procelle e i venti, come indica la loro etimologia, e come pur dicono i grammatici e gli interpreti) [2791] Žn¡mvn pnoi»si kaÜ oÞvnoÝw ‘mƒ §pontai ƒΩkeÛúw pterægessi: metaxrñniai gŒr àallon.

Io tengo per fermo che �rpuÛaw sia un secondo epiteto compagno di ±#kñmouw. Il duplicare o moltiplicare gli epiteti senza congiungerli fra loro con alcuna particella congiuntiva, poco usitato dai poeti latini, è familiarissimo ai poeti greci; e proprissimo di Omero, e dietro lui, degli altri: siccome di Dante (secondochè osserva Monti nella Proposta) e degli altri poeti italiani. Vedi fra gli altri infiniti luoghi, Odiss. a, 96-100, il qual luogo è ripetuto più d’una volta nell’Iliade, e s’io non fallo, anche nell’Odissea.

Del resto il luogo dell’iscrizione triopea †Arpuiai klvJÇew ŽnhreÛanto m¡lainai, dove ‘rpuiai è manifesto aggettivo e sta per rapaci, notisi essere espressamente imitato dai seguenti versi dell’Odissea, ed averli l’autore avuti onninamente in vista. Nèn min ŽkleiÇw ‘rpuiai ŽnhreÛanto. a, 241. j, 371. Tñfra tŒw koæraw ‘rpuiai ŽnhreÛanto. u, 77.

[2792]Notisi ancora l’aggettivo m¡lainai compagno d’‘rpuiai e tuttavia non legato con questo per nessuna congiunzione.

Il disuso del tema da cui venne il participio �rpuÝai, il disuso di questa voce in senso o di participio o d’aggettivo, e l’uso comune della medesima per significare con nome appellativo quelle favolose bestie alate delle quali vedi Forcell. in Harpyiae, uso e favola che par più recente dei tempi d’Omero e d’Esiodo, dovettero indurre in errore i grammatici e gl’interpreti greci (e quindi i moderni) sopra il vero senso di quella voce negli addotti luoghi de’ due poeti, e massime in quelli dell’Odissea. Vedi l’interpretazione che ne dà Eustazio presso lo Scapula ec. Quando però non si voglia credere che la stessa mala intelligenza della voce ‘rpuiai appresso Omero ec. (la qual mala intelligenza dev’essere molto antica) abbia dato origine ovvero occasione alla favola delle Arpie, il quale accidente non mancherebbe di esempi. Delle Arpie vedi le note a Luciano, opp. Amstel. 1687. t.1. p.94. not.5.

(15-16. Giugno 1823.)

Et ferruginea (Charon) subvectat corpora cymba. Aen. 6.303. Chi non sente che questo subvectat è continuativo, e indica costume di subvehere tuttodì? Ma per meglio sentirlo, sostituiscasegli la voce subvehit, e veggasi se la proprietà latina di questo luogo non va tutta in fumo. Vedi altri simili esempi nel [2793]Forcellini in vecto, convecto, advecto ec.

(16. Giugno 1823.)

Traslatare, trasladar, translater continuativi barbari di transferre.

(16. Giugno 1823.)

Gli scrittori greci de’ secoli medii e bassi, cioè dal terzo inclusive in poi, sono pieni d’improprietà di lingua (com’è quella di Coricio sofista del sesto secolo nell’Orazione eÞw Soèmmon otrathlthn in Summum ducem, §.11. ap. Fabric. B. G. edit. vet. vol.8. p.869. lib.5. cap.31. di usare la voce dikaot¯w in vece di krit¯w o di mrtuw), pieni di frasi strane quanto alla lingua, pieni di solecismi, e di mille contravvenzioni alle antiche regole della sintassi e grammatica greca, ma non hanno barbarismi. La loro lingua per tutto ciò che appartiene all’eleganza, è diversissima da quella degli antichi scrittori: ma per tutto il resto è la stessa. Si può dir ch’essi ignorino il buon uso della lingua che scrivono, che non la sappiano adoperare; ma la lingua che scrivono è quella degli antichi: quella che gli antichi scrissero [2794]bene, essi la scrivono male. Molte loro parole che non si trovano negli antichi, sono però cavate dal fondo della lingua greca o per derivazione o per composizione ec.; rade volte ripugnano all’indole d’essa lingua, e per esser chiamate buone, greche, pure e di buona lega, non manca loro se non la sanzione dell’antichità. In somma il grecismo di questi scrittori è per lo più cattivo o pessimo, ma la loro lingua è pura. Le voci e frasi poetiche versate a due mani nelle prose, le voci o frasi antiquate, le metafore o strane affatto e barbare, o poetiche, non offendono la purità della lingua, ed appartengono piuttosto al conto dello stile. Il periodo di questi scrittori, il giro della dicitura, per lo più rotto, slegato, saltellante, ineguale, ovvero intralciato, duro, aspro, monotono, e lontanissimo dalla semplicità e dalla maestà dell’antica elocuzione greca, appartiene certo in gran parte alla lingua, al cui genio è contrarissima la struttura dell’orazione di quei bassi scrittori, ma non nuoce alla purità. Il numero e l’armonia è diversissimo [2795]in questi scrittori da quel ch’egli è negli antichi, ma ciò non solo per la negligenza di quelli, bensì ancora per la diversa pronunzia introdotta appoco appoco nella lingua greca, massimamente estendendosi ella a tanti e sì diversi e tra se lontani paesi, e subentrando a sì diverse favelle, o prendendo luogo accanto ad esse e in compagnia di esse, o in mezzo ad esse: giacchè bisogna considerare che la più parte degli scrittori greci dal 3. secolo in poi, non furono greci di nazione, o certo non furono greci di paese, ma Asiatici ec., e greci solamente di lingua, e questo ancora non sempre dalla nascita, ma per istudio, come p.e. Porfirio, della cui lingua patria, vedi la Vita di Plotino, capo 17. e l’Holstenio de Vita et scriptis Porphyrii cap.2. V. p.2827.

(17. Giugno. 1823.)

Una delle proprietà comuni alle tre lingue figlie della latina, le quali proprietà si debbono per conseguenza credere originate dalla lingua madre di tutt’e tre, come ho detto altrove, si è quella di [2796]usare causa (cosa, chose) per res.

(18. Giugno 1823.)

 

KaÜ moi dokeÝ, tiw tÇn JeÇn p‹ntaw ‹nJrÅpouw eÜw §na pou xÇron sunagagÇn, §kaston Žpait®sei t¯n ¥autoè dihg®sasJai tæxhn, eäta p‹ntvn eÞpñntvn, ¥k�stou Joito p‹lin, poÛan ¦xein §loito; p‹ntaw ’n Žporoèntaw sig°sai mhd¡na zhlvtòn Jevm¡nouw. ƒEnteèJen �ra tin¢w, Traæsouw oämai g¡now (nationem hanc) prosagoreæousi, tiktom¡nou m¡n tinow Èlofæronto skopoèntew, eÞw ôsa ·lJe kakŒ, Žpiñntow pan®gurin (festum) ·gon, ôsvn ±leuJ¡rvtai dusxerÇn ¤nnoñumenoi. XorikÛou Sofistoè ƒEpit‹fiow ¤pÜ ProkopÛÄ Sofist» G‹zhw. Oratio funebris in Procopium Sophistam-Gazaeum (§.35. p.859.) primum edita gr. et lat. a Fabric. in B. G. edit. vet. t.8. p.841-63. lib.5. c.31.

(19. Giugno 1823.)

 

Alla p.2683. marg. Da questa verissima osservazione del Castiglione, segue che tutte le immense fatiche che un perfetto scrittore deve spendere per dare a' suoi scritti la finitezza, la [2797]grazia, la leggiadria, la nobiltà, la forza, insomma la bellezza della lingua, non possono esser nè valutate, nè gustate, neppur sentite dagli stranieri, che non sono assueti a scrivere in quella tal lingua, o non sono assueti a scriverla bene, il che è tutt'uno; e quindi elle sono tutte gittate per gli stranieri, e tutte inutili, alla gloria dello scrittore riguardo agli esteri. Ma quanta parte dello stile è quasi tutt'uno colla lingua! Anzi chi può veramente o gustare o giudicare dello stile di un'opera, non potendo della lingua? E si può ben dire che ogni lingua ha il suo stile, o i suoi stili, che non si possono non che giudicare, appena ben concepire, se non si è in grado di giudicare e gustare quella tal lingua perfettamente, anzi di bene scriverla, perchè neppure i nazionali gustano quegli stili se non sono sperimentati nello scrivere la propria lingua. Dunque neppure i pregi dello stile di un perfetto scrittore possono esser valutati dagli stranieri, e tanto [2798]meno quanto egli è più perfetto, divenendone i pregi del suo stile come oggetti finissimi che sfuggono interamente alle viste deboli e ottuse, laddove se essi fossero stati più grossolani sarebbero potuti esser veduti. Ora quanta parte di un'opera è lo stile! Togliete i pregi dello stile anche ad un'opera che voi credete di stimare principalmente per i pensieri, e vedete quanta stima ne potete più fare. Dunque gli stranieri non sono assolutamente in grado nè di valutare nè di gustare nessuna opera di un perfetto scrittore, nemmeno, se non imperfettissimamente, per la parte dei pensieri. Dunque tutta la vera piena e ragionata stima che si può far d'un perfetto scrittore si restringe dentro i termini della sua nazione. E tra' suoi nazionali quanti sono che sappiano bene scrivere e quindi ben gustarlo e valutarlo? Che cosa è dunque quella gloria per cui tanto ha sudato un perfetto scrittore, per cui ha forse speso in una sola opera tutta la vita? E quanto piacere ed a quanti proccura questa tale [2799]opera tanto lungamente e studiosamente travagliata e sudata a solo fine ch'ella proccurasse sommo e pieno e perfetto piacere? E in verità quanto alle opere di letteratura, tutte le sopraddette cose, e la conseguenza che io ne traggo, sussistono a tutto rigore[3].

(19. Giugno 1823.)

 

ToÜ SkæJai kalòn nomÛzonti, ùw �ndra ktanÅn, ¤kdeÛraw tŒn kefalŒn, m¢n kñmion prò toè áppou foreÝ, d' ôst¡on xrusÅsaw kaÜ ŽgrurÅsaw, pÛnei ¤j aétoè kaÜ sp¡ndei toÝw JeoÝw: ¤n toÝw †Ellasin oéd¢ k' ¤w tŒn aétŒn oÞkÛan suneiselJeÝn boæloit' �n tiw toiaèta poi®santi. Scythis quidem honestum, ut cum quis hominem occiderit, capitis, cute divulsa, partem crinitam ante equum gestet, osseam vero auro vel argento obducens, ex illa bibat Diisque ipsis libamina fundat. Graecorum autem nullus easdem aedes ingredi vellet una cum viro, qui tale quid fecerit. (Ex versione Io. Northi). [2800]Scrittore incerto di alcune dial¡jeiw in dialetto Dorico, che si trovano sovente nei Codici appiè de' libri di Sesto Empirico, e furono pubblicate da Enrico Stefano tra i frammenti de' Pitagorici, e dal Fabricio, B. G. edit. vet. vol.12. p.617-35. lib.6. cap.7. §.6. Il Fabricio le chiama Disputationes Antiscepticae, ma in verità sono anzi esercitazioni scettiche in ciascuna delle quali si sostiene il pro e il contra, e questo vuol dire il titolo ch'è premesso a queste dial¡jeiw nel Codice Cizense, e riferito dal Fabricio p.617. nel qual titolo queste dial¡jeiw sono chiamate êpomn®mata pròw ŽntÛr=hsin. Il soprascritto passo è nella seconda dialejiw, intitolata perÜ kalÇ kaÜ aÞsxrÇ, ap. Fabric. l.c. p.622.

(21. Giugno 1823.)

È massima molto comune tra’ filosofi, e lo fu specialmente tra’ filosofi antichi, che il sapiente non si debba curare, nè considerar come beni o mali, nè riporre la sua beatitudine nella presenza o nell’assenza delle cose che dipendono dalla fortuna, quali ch’elle si sieno, o da veruna forza di fuori, ma solo in quelle che dipendono interamente e sempre dipenderanno da lui solo. Onde [2801]conchiudono che il sapiente, il quale suppongono dover essere in questa tale disposizion d’animo, non è per veruna parte suddito della fortuna. Ma questa medesima disposizione d’animo, supponendo ancora ch’ella sia più radicata, più abituale, più continua, più intera, più perfetta, più reale ch’ella non è mai stata effettivamente in alcun filosofo, questa medesima disposizione, dico, già pienamente acquistata, ed anche, per lungo abito, posseduta, non è ella sempre suddita della fortuna? Non si sono mai veduti de’ vecchi ritornar fanciulli di mente, per infermità o per altre cagioni, l’effetto delle quali non fu in balia di coloro l’impedire o l’evitare? La memoria, l’intelletto, tutte le facoltà dell’animo nostro non sono in mano della fortuna, come ogni altra cosa che ci appartenga? Non è in sua mano l’alterarle, l’indebolirle, lo stravolgerle, l’estinguerle? La nostra medesima ragione non è tutta quanta in balia della fortuna? Può nessuno assicurarsi o vantarsi [2802]di non aver mai a perder l’uso della ragione, o per sempre o temporaneamente; o per disorganizzazione del cervello, o per accesso di sangue o di umori al capo, o per gagliardia di febbre, o per ispossamento straordinario di corpo che induca il delirio o passeggero o perpetuo? Non sono infiniti gli accidenti esteriori imprevedibili o inevitabili che influiscono sulle facoltà dell’animo nostro siccome su quelle del corpo? E di questi; altri che accadono ed operano in un punto o in poco tempo, come una percossa al capo, un terrore improvviso, una malattia acuta; altri appoco appoco e lentamente, come la vecchiezza, l’indebolimento del corpo, e tutte le malattie lunghe e preparate o incominciate già da gran tempo dalla natura ec. Perduta o indebolita la memoria non è indebolita o perduta la scienza, e quindi l’uso e l’utilità di essa, e quindi quella disposizion d’animo che n’è il frutto, e di cui ragionavamo? Ora qual facoltà dell’animo umano è più labile, [2803]più facile a logorarsi, anzi più sicura d’andar col tempo a indebolirsi od estinguersi, anzi più continuamente inevitabilmente e visibilmente logorantesi in ciascuno individuo, che la memoria? In somma se il nostro corpo è tutto in mano della fortuna, e soggetto per ogni parte all’azione delle cose esteriori, temeraria cosa è il dire che l’animo, il quale è tutto e sempre soggetto al corpo, possa essere indipendente dalle cose esteriori e dalla fortuna. Conchiudo che quello stesso perfetto sapiente, quale lo volevano gli antichi, quale mai non esistette, quale non può essere se non immaginario, tale ancora, sarebbe interamente suddito della fortuna, perchè in mano di essa fortuna sarebbe interamente quella stessa ragione sulla quale egli fonderebbe la sua indipendenza dalla fortuna medesima.

(21. Giugno 1823.)

Altro è il timore altro il terrore. Questa è passione molto più forte e viva di quella, e molto più avvilitiva dell’animo e sospensiva dell’uso della ragione, anzi quasi di tutte le facoltà dell’animo, ed anche de’ sensi del corpo. [2804]Nondimeno la prima di queste passioni non cade nell’uomo perfettamente coraggioso o savio, la seconda sì. Egli non teme mai, ma può sempre essere atterrito. Nessuno può debitamente vantarsi di non poter essere spaventato.

(21. Giugno 1823.)

Si sa che negli antichi drammi aveva gran parte il coro. Del qual uso molto si è detto a favore e contro. Vedi il Viaggio d’Anacarsi cap.70. Il dramma moderno l’ha sbandito, e bene stava di sbandirlo a tutto ciò ch’è moderno. Io considero quest’uso come parte di quel vago, di quell’indefinito ch’è la principal cagione dello charme dell’antica poesia e bella letteratura. L’individuo è sempre cosa piccola, spesso brutta, spesso disprezzabile. Il bello e il grande ha bisogno dell’indefinito, e questo indefinito non si poteva introdurre sulla scena, se non introducendovi la moltitudine. Tutto quello che vien dalla moltitudine è rispettabile, bench’ella sia composta d’individui tutti disprezzabili. Il pubblico, [2805]il popolo, l’antichità, gli antenati, la posterità: nomi grandi e belli, perchè rappresentano un’idea indefinita. Analizziamo questo pubblico, questa posterità. Uomini la più parte da nulla, tutti pieni di difetti. Le massime di giustizia, di virtù, di eroismo, di compassione, d’amor patrio sonavano negli antichi drammi sulle bocche del coro, cioè di una moltitudine indefinita, e spesso innominata, giacchè il poeta non dichiarava in alcun modo di quali persone s’intendesse composto il suo coro. Esse erano espresse in versi lirici, questi si cantavano, ed erano accompagnati dalla musica degl’istrumenti. Tutte queste circostanze, che noi possiamo condannare quanto ci piace come contrarie alla verisimiglianza, come assurde, ec. quale altra impressione potevano produrre, se non un’impressione vaga e indeterminata, e quindi tutta grande, tutta bella, tutta poetica? Quelle massime non erano poste in bocca di un individuo, che le recitasse in tuono ordinario e naturale. [2806]Per grande e perfetto che il poeta avesse finto questo individuo, la idea medesima d’individuo è troppo determinata e ristretta, per produrre una sensazione o concezione indeterminata ed immensa. Queste qualità contrastano con quelle, e quelle avrebbero direttamente impedita questa concezione, non che potessero produrla. Gli uditori avrebbero conosciuto il nome, le azioni, le qualità, le avventure di quell’individuo. Egli sarebbe stato sempre quel tal Teseo, quel tal Edipo, re di Tebe, uccisore del padre, marito della madre, e cose simili. La nazione intera, la stessa posterità compariva sulla scena. Ella non parlava come ciascuno de’ mortali che rappresentavano l’azione: ella s’esprimeva in versi lirici e pieni di poesia. Il suono della sua voce non era quello degl’individui umani: egli era una musica un’armonia. Negl’intervalli della rappresentazione questo attore ignoto, innominato, questa moltitudine di mortali, prendeva a far delle profonde o sublimi riflessioni [2807]sugli avvenimenti ch’erano passati o dovevano passare sotto gli occhi dello spettatore, piangeva le miserie dell’umanità, sospirava, malediceva il vizio, eseguiva la vendetta dell’innocenza e della virtù, la sola vendetta che sia loro concessa in questo mondo, cioè l’esecrare che fa il pubblico e la posterità gli oppressori delle medesime; esaltava l’eroismo, rendeva merito di lodi ai benefattori degli uomini, al sangue dato per la patria. (V. Oraz. art. poet. v.193-201.). Questo era quasi lo stesso che legare sulla scena il mondo reale col mondo ideale e morale, come essi sono legati nella vita: e legarli drammaticamente, cioè recando questo legame sotto i sensi dello spettatore, secondo l’uffizio e il costume del poeta drammatico, e quanto è possibile al dramma di rappresentare quello che è. Questo era personificare le immaginazioni del poeta, e i sentimenti degli uditori e della nazione a cui lo spettacolo si rappresentava. Gli avvenimenti erano [2808]rappresentati dagl’individui; i sentimenti, le riflessioni, le passioni, gli effetti ch’essi producevano o dovevano produrre nelle persone poste fuori di essi avvenimenti erano rappresentati dalla moltitudine, da una specie di essere ideale. Questo s’incaricava di raccogliere ed esprimere l’utilità che si cava dall’esempio di quelli avvenimenti. E per certo modo gli uditori venivano ad udire gli stessi sentimenti che la rappresentazione ispirava loro, rappresentati altresì sulla scena, e si vedevano quasi trasportati essi medesimi sul palco a fare la loro parte; o imitati dal coro, non meno che si fossero gli eroi imitati e rappresentati dagli attori individui. Anche quando il coro prendeva parte diretta all’azione, questo fare agir nel dramma la moltitudine, era più poetico, e doveva produrre maggiore e più vivo effetto, che il divider tutta l’azione fra pochi individui, come noi facciamo.

Da queste considerazioni si argomenti se [2809]sia giusto il dire che l’uso del coro nuoce all’illusione. Qual grata illusione senza il vago e l’indefinito? E qual dolce grande e poetica illusione doveva nascere dalle circostanze sovra esposte! (21. Giugno. 1823.). Nelle commedie la moltitudine serve altresì all’entusiasmo e al vago della gioia, alla bakxeÛ&, a dar qualche apparente e illusorio peso alle cagioni sempre vane e false che noi abbiamo di rallegrarci e godere, a strascinare in certo modo lo spettatore nell’allegrezza e nel riso, come accecandolo, inebbriandolo, vincendolo coll’autorità della vaga moltitudine. V. p.2905.

Io non so quali abbiano ragione intorno all’origine del verbo latino accuso, o quelli che lo derivano da causa, o quelli che lo fanno venire da un verbo cuso continuativo di cudere, del qual cuso non recano però nessuno esempio. (V. Forcell. v. accuso fin. v. cuso.). Forse a questi ultimi potrebbe esser favorevole il nostro antico cusare, il quale se venisse da cuso e non da causari, o se non fosse uno storpiamento d’accusare, sarebbe un antichissimo tema perduto o disusato nel latino scritto, e conservato nell’italiano; e sarebbe il semplice dei verbi composti accuso, incuso, excuso, recuso. È da notare però che il nostro volgo (almeno quello della Marca) usa il verbo causare nel significato appunto del nostro antico cusare, e del latino causari, cioè in senso, non di cagionare, ma di recare per cagione o come [2810]cagione, accagionare: l’usa dico in questa frase avverbiale causando che, cioè atteso che, poichè. Il qual significato di causare e il qual modo avverbiale non è notato dalla Crusca, ma trovasi pure usato da Lorenzo de’ Medici nella famosa lettera a Gio. de’ Medici Card. suo figliuolo, poi Papa Leone X, verso il fine, dove però nella raccolta di Prose, stampata in Torino 1753. vol.2. p.782. trovo cagionando che per causando che, che sta nelle Lettere di diversi eccellentissimi huomini, raccolte dal Dolce, Venez. appresso Gabriel Giolito de’ Ferrari et fratelli 1554. p.303. e nelle Lettere volgari di diversi nobilissimi huomini et eccellentissimi ingegni stampate da Paolo Manuzio in Venez. 1544. carte 6. p.2. (In ogni modo anche la frase avverbiale cagionando che manca nella Crusca.) Nelle Lettere di XIII Huomini illustri, Ven. per Comin da Trino di Monferrato 1561. p.485. trovo pensando che. Vedi il Magnifico di Roscoe, dove quella lettera è riportata.

Del resto il verbo accuso o accudo, o cudo-cusus semplice ha il suo continuativo o frequentativo accusito. (23. Giugno. 1823.). Se accuso è quasi accauso, tanto e tanto è da notare questo continuativo, che sarà quasi accausito dal participio accausatus.

[2811]Alla p.2775. Il verbo deÛdv che oggi si pone come tema, non è certamente altro che reduplicazione di un tema più semplice, il che è dimostrato sì dalla voce d¡ow, sì dal verbo dÛv presso Omero, sì dalla voce deÝsJai usata più volte da Plutarco per temere. K‹rxarow, xarxar¡oi, karxarÛaw da xar‹ssv per reduplicazione. ôpipteæv da ôpteæv. b¡baiow da baÛnv o da b¡baa. V. p.4109. Anche in latino titillo è fatto per duplicazione da tÛllv. E altre tali duplicazioni alla greca si trovano pure in latino (come quelle de’ perfetti memini, cecidi ec.), sieno veramente latine di origine, o greche, o comuni anticamente ad ambe le lingue, ec. ec.

(23. Giugno. 1823.)

Institutum autem eius (Moeridis in ƒAttikist») est annotare et inter se conferre voces quibus Attici, et quibus Graeci in aliis dialectis, maxime illa koin» utebantur: interdum notat et koinòn vulgi, illudque diversum facit non modo ab Attico sed etiam ¥llhnikÒ, ut in ¤jÛllein, eéf®mei, k‹Jhso, l¡mma, oidÛpoun, oäse, sx¡aton. Fabric. B. G. edit. vet. l.5. c.38.§.9. num.157. vol.9 p.420.

(23. Giugno. 1823.)

Alla p.2776. margine. Lo stesso discorso si può fare di ba£zv, il quale è pur verbo esprimente un suono, e fatto per imitazione di questo suono; il qual suono come è similissimo a quello di ba£v, così non ha niente che fare con ba£zv. Ma questa e simili interposizioni della lettera z [2812]e d’altre tali, sono state fatte o per evitare l’iato o per altre diverse cagioni, nel processo della lingua, quando già non v’era più bisogno che il vocabolo per essere inteso, esprimesse e rappresentasse collo stesso suo suono l’oggetto significato, ma egli era già inteso generalmente per se, e non per virtù della sua origine; e quando già nella lingua si guardava più alla dolcezza ec. che alla necessità ec. ne’ quali modi le parole in tutte le lingue si sono allontanate dalla forma primitiva e hanno spesso perduto affatto quel suono rappresentativo che prima avevano e sul quale furono modellati e creati, e nel quale da principio consisteva la ragione della loro significanza. I latini dal tema ba£v o bauare fecero baubari, interponendo un b (il quale in questo caso è più adattato all’imitazione) invece del z. Noi baiare, che per verità potrebb’essere appunto quello stesso originale ba£v ch’è affatto perduto nella lingua greca e nella latina scritta: e ben si potrebbe credere che fosse totalmente [2813]voce antica latina, conservata nel volgare; dal che si dedurrebbe, primo, che l’antico latino, e di poi il suo volgare perpetuamente conservò puro il verbo originale ba£v (giacchè l’u greco in latino antico ora risponde a un u, ora ad un i), quantunque non si trovi nel latino scritto; verbo inusitato affatto nell’antica e moderna grecità nota; secondo, che questo antichissimo verbo, perduto, o vogliamo dire alterato nel greco, perduto ossia alterato nel latino scritto, conservasi ancora purissimo e senz’alterazione alcuna nell’italiano, e vedi la pag.2704. Si potrebbe anche credere che i primi latini e il volgo, invece di baubari dicessero bauari (appunto ba£ein), e che la mutazione dell’u in i (vocali che spessissimo si scambiano, per esser le più esili, come ho detto altrove) seguisse nell’italiano e nel francese ec. Ovvero che gli antichi dicessero bauari, e poi il volgo baiari.

(24. Giugno 1823.)

I continuativi latini, tutti (se non forse visere da visus di video, co’ suoi composti inviso, reviso ec., e forse qualche altro, che io chiamerò continuativi anomali) appartenenti alla prima congiugazione, sono fatti dal participio o dal supino del verbo originale come ho dimostrato. Nondimeno io trovo alcuni pochi verbi, pur della prima maniera, i quali sono evidentemente fratelli o figli di altri verbi della terza, ed hanno una significazione evidentemente continuativa della significazione di questi, ma non sono fatti da’ loro participii. Quelli che io ho osservati sono 1. cubare, co’ suoi composti accubare, incubare, decubare, secubare, recubare, ec. il significato de’ quali è manifestissimamente [2814]continuativo di quello di cumbere (inusitato, fuorchè nella voce cubui ec. e cubitum che ora s’attribuiscono a cubare), incumbere, accumbere ec. tanto che ogni volta che si dee esprimere azione continuata, si usano immancabilmente quelli e non questi, (come anche viceversa nel caso opposto) e appena si troverà buono esempio del contrario, quale potrebb’esser quello di Virgilio Aen. 2. 513-14. Ingens ara fuit; juxtaque veterrima laurus Incumbens arae, invece d’incubans. 2. educare continuativo di educere quanto al significato. 3. jugare parimente di jungere, e così conjugare, abiugare, deiugare, e s’altro composto ve n’ha. 4. dicare similmente di dicere, e così i composti judicare, di ius dicere; dedicare, praedicare, abdicare ec. V. p.3006. 5. labare di labere inusitato, cioè labi deponente. È nóto che questi verbi della terza hanno anche i loro continuativi formati regolarmente da’ loro participii, ma con significato diverso da quello de’ soprascritti verbi della prima, sebbene anch’esso continuativo; come dicere ha pur dictare e dictitare; ducere, onde educere, ha ductare e ductitare; jungere ha nel basso latino e nello spagnuolo junctare, (noi volgarmente aggiuntare, i franc. ajouter); labi o labere ha pur lapsare[4]. Cubitare, accubitare ec. possono venire da accubatus [2815]inusitato e da accubitus, ec. e quindi essere derivativi così di accumbere come di accubare. Ma questo, con tutti i suoi fratelli e col suo semplice cubo, non ha del proprio nè il preterito perfetto nè i tempi che da questo si formano, nè il participio in us, nè il supino, ma li toglie in prestito da accumbere, recumbere, incumbere ec. facendo, nè più nè meno come fan questi, accubui, accubitus i, accubitum ec. Vedi però la p.3570. 3715-7. Incubare ha anche incubavi, incubatum. Cubare ha anche cubavi, o certo cubasse. Notate che se talvolta troverete ne’ lessici o ne’ grammatici ec. degli esempi di accubare, incubare ec. adoperati nel preterito o nel supino ec. che non vi paiano di senso continuativo, dovete credere ch’essi sieno male attribuiti a quei verbi, e spettino ad incumbere, accumbere, occumbere ec.

(24. Giugno, dì del Battista 1823.). V. p.2996. V. a questo proposito p.2930.2935.

Sono molti verbi formati da’ participii in us, i quali non esprimono azione continuata, nè costume di fare quella tale azione, o non l’esprimono sempre, e nondimeno anch’essi, ed anche in questo caso, sono veri continuativi, e il Forcellini e gli altri che li chiamano frequentativi, sbagliano, ed usano una voce impropria, parlando [2816]con tutto rigore ed esattezza. Per esempio iactare nel luogo dell’Eneide 2. 459. ed exceptare nelle Georg. 3. 274. sopra i quali luoghi ho disputato altrove, non esprimono azione continuata per se stessa, giacchè l’azione di lanciare, e quella di ricever l’aria col respiro non sono azioni continue, ma si concepiscono come istantanee; nè anche significano costume di lanciare o di ricevere; ma moltitudine continuata di queste tali azioni, cioè di lanciamenti, per così dire, e di ricevimenti, che senza interruzione e per lungo tempo succedono l’uno all’altro. Questa è idea continua, e bene, in questo caso, si chiameranno continuativi quei tali verbi, e non potranno per nessun modo chiamarsi altrimenti con proprietà. Malissimo poi si chiameranno frequentativi, giacchè ben altro è il fare una cosa frequentemente, ed altro il ripetere per un certo maggiore o minor tempo una stessa azione continuamente, quando anche quest’azione per se non sia continua, e si fornisca nell’istante. Questa è continuità di fare una stessa azione, ben diversa dalla frequenza di fare una stessa azione. La qual frequenza suppone e considera degl’intervalli, maggiori [2817]minori, e più o meno numerosi che sieno, durante i quali quell’azione non si fa; laddove la detta continuità non li suppone, ed ancorchè, come è naturale, sempre vi sieno, pure, siccome minimi, non li considera. Avendo l’occhio a queste osservazioni si vedrà quanto gran numero di verbi latini detti frequentativi, lo sieno impropriamente, e quante significazioni credute frequentative, e che tali paiono a prima vista, perchè rappresentano ripetizione di una stessa azione, contuttociò non lo sieno, ma sieno veramente continuative. Bisogna sottilmente distinguere, come abbiamo mostrato, e non credere che qualunque verbo esprime ripetizione di una stessa azione, sia frequentativo, nè che questa ripetizione sia sempre lo stesso che la frequenza d’essa azione. La successione di più azioni di una stessa specie è ben altra cosa che la frequenza di esse. E con questo criterio, siccome cogli altri che abbiamo dati in vari luoghi circa le diverse significazioni de’ verbi fatti da participii in us, si correggeranno infiniti errori de’ grammatici e lessicografi; rettificherannosi infinite loro definizioni; conoscerassi e distinguerassi partitamente il vero spirito, e la vera e varia proprietà e forza de’ verbi formati da’ suddetti participii; e vedrassi come il senso frequentativo, [2818]ch’è solamente l’uno dei tanti che ricevono essi verbi, sia stato male scelto o preso a denotare e denominare e definire tutti questi verbi, ed anche considerato come l’unico loro proprio senso. Il che è lo stesso che porre la parte per il tutto. E quando ciò s’abbia a fare, meglio converrà a questi verbi il nome di continuativi, il qual nome abbraccia un assai più gran numero delle varietà proprie del significato di questi verbi. Le quali varietà non ancora considerate nè dai grammatici nè dai filologi nè dai filosofi, e nondimeno necessarissime a considerarsi e distinguersi per ben penetrare nell’intima proprietà ed eleganza, ed anche nell’intimo e vero senso e valore della lingua latina, e nell’intelligenza dell’efficacie, delle bellezze ec. dei passi degli scrittori, noi abbiamo proccurato di dichiarare ed esporre, sì ai grammatici e filologi, come ai filosofi e a’ letterati.

(25. Giugno 1823.)

Un continuativo anomalo o semianomalo si è hietare fatto da hiatus, quasi da hietus, participio d’hiare. Dove la mutazione dell’a in e viene 1. dal voler evitare il cattivo suono d’hiatare, del qual suono sempre evitato nella formazione de’ continuativi fatti da verbi della prima, ho detto altrove[5]. 2. da questo, che sebbene i latini, in questa [2819]cotal formazione solevano cambiar l’ultima a del participio, in i, facendo p.e. da mussatus mussitare invece di mussatare, qui non poterono far così, stante l’altro i che precedeva, onde avrebbero fatto hiitare che riusciva di tristo suono, e difficile alla pronunzia.

(25. Giugno. 1823.)

Bubulcitare dinota forse un antico verbo bubulco, dal cui participio esso sia formato. Così credo io, secondo l’ordinaria ragione osservata da’ latini nella formazione de’ verbi, secondo la qual ragione e proprietà non mi par verisimile che bubulcitare sia fatto a dirittura da bubulcus. (19. Giugno 1823.).

Subvento da subvenio, coepto da coepio, vocito da voco, coenito o cenito da coeno, dormito da dormio, sternuto da sternuo, observito da observo, perito da pereo (come ito ed itito da eo), adiuto (onde aiutare, ayudar, aitare, aider, atare) e adiutor aris da adiuvo, eiulitare da eiulare, clamitare (declamitare ec.) da clamare. Cicerone nota che declamitare era voce nuova al suo tempo. V. Forcellini. Fugito da fugio, ed altro da fugo. Flato da flo-flatus, onde fiatare. V. Forcell. e il Glossar. Volito da volo-volatus. Strepito da strepo strepitus. Sponso (onde sposare, épouser ec.) e desponso da spondeo e despondeo, e notate la significazione continuativa e durativa di quelli a paragone del significato di questi. Responso e responsito da respondere.

(25. Giugno 1823.)

[2820]Frequentativi. Cantito. Sumptito o sumtito. Da cano-cantus, e da sumo-sumptus o sumtus. (25. Giugno. 1823.). Missito da mitto-missus. (26. Giugno 1823.). Accessito.

Il verbo eo is è forse e senza forse il solo che avendo un continuativo desinente in ito, cioè appunto itare, abbia anche un frequentativo pure in ito, distinto dal continuativo, e formato col raddoppiamento della it, cioè ititare, il che fu schivato da’ latini in tutti gli altri verbi dove sarebbe potuto accadere, come ho detto altrove. Onde questi verbi non ebbero se non un solo o continuativo o frequentativo o l’uno e l’altro insieme, desinente nel semplice ito. Vero è che il verbo ititare non ha nel Forcellini che un solo esempio, e secondo me, poco sicuro.

(26. Giugno 1823.)

Alcuni continuativi o frequentativi composti, sono fatti dal continuativo semplice, a dirittura, senza che il verbo padre del continuativo abbia i composti corrispondenti. Di ciò mi pare d’aver detto altrove. Veggasi la p.3619. P.e. recito e suscito sono continuativi composti di cito il qual è continuativo di cieo che non ha nè recieosuscieo nè i participii recitussuscitus. Dico di cieo, [2821]non di cio, che ha pur lo stesso significato, ma il suo participio è citus, e di cieo citus, onde citare, e quindi excitare, incitare, concitare ec. che hanno la sillaba ci breve, vengono tutti da cieo. Da cio o vogliamo dire da excio, verrebbe il verbo excito appresso Stazio, se fosse genuino, e sincero. V. Forcellini.

(26. Giugno 1823.)

Nexo nexas è continuativo regolare, come si vede, di necto-nexus. Nexo nexis (v. Forcellini) sarebbe anomalo, sull’andare di viso visis da video-visus, e potrebbe forse confermare quello che mi par di aver detto altrove circa plecto is, o altro simile, da me stimato continuativo, benchè, come tale, anomalo.

(26. Giugno 1823.). V. p.2885. ed osserva anche la p.2934-5.

Verbi in tare i quali sono continuativi, benchè paiano tutt’altro, e non apparisca a prima vista questa loro qualità. Confutare, refutare ec. sono continuativi, o composti da futare, o derivati da confundere ec. E futare viene dal participio di fundere, il qual participio ora è fusus, ma anticamente futus. Vedi Forcellini in Confuto initio vocis, in Futo ec. Da altro participio pur di fundo, e pure antico e inusitato, cioè funditus, viene funditare.

(26. Giugno 1823.). V. p.3585. 3625.

Un altro futare dice Festo che fu usato da Catone per saepius fuisse. Questo dimostrerebbe un antico participio [2822]futus del verbo sostantivo latino. Dico del verbo sostantivo, e non dico del verbo sum. Questo è originalmente il medesimo che il greco eÞmÛ ovvero ¦v, e che il sascrito asham, e il suo participio in us dovette essere situs o stus o sutus (giacchè è notabile il nostro antico suto, vero e proprio participio del verbo essere, laddove stato che oggi s’usa in vece di quello, è tolto in prestito da stare), come ho detto altrove. Il franc. été è lo stesso che sté, giacchè gli antichi dicevano esté, e quell’e innanzi, è aggiunto per dolcezza di lingua avanti la s impura nel principio della parola, come in espérer, espouser (ora épouser), del che ho detto altrove. Ora il participio sté sarebbe appunto stus in latino. Ma il participio futus, onde futare, non potè essere se non di quel verbo da cui il verbo sum tolse in prestito il preterito perfetto fui colle voci che da questo si formano, cioè fueram, fuero ec. Il qual verbo fuo non ha che far niente in origine con sum nè con eÞmÛ, ma è lo stesso che fæv, e v. Forcell. in fuam e in sum. Di questo dunque dovette esistere anche il participio futus, il quale dimostrasi col verbo futare che ne deriva. E nótisi che Festo dice il verbo futare essere stato usato da Catone per saepius fuisse, e non per saepius esse, onde pare che questo verbo appresso Catone conservasse una certa corrispondenza e similitudine e analogia colle voci fui, fuisse ec. tolte in prestito da sum, le quali tutte indicano il passato, e che anch’esso denotasse il passato di natura sua, ed avesse [2823]significazione preterita. Del resto come il verbo futare è diverso da stare, così il participio futus, da cui quello deriva, è diverso da situs o stus da cui vien questo, e come futus è participio di fuo e stus di sum, così futare è continuativo di fuo e stare di sum. E l’esistenza del participio futus dimostrata dal verbo futare, non nuoce a quella che io sostengo del participio stus, giacchè sum e fuo, che ora fanno un sol verbo anomalo composto e raccozzato di due difettivi, furono a principio due verbi ben distinti e per origine, e per forma materiale, e probabilmente completi tutti e due, e non difettivi come ora.

(26. Giugno 1823.)

È notabile come il nostro volgo e il nostro discorso familiare conservi ancora l’esattissima etimologia e proprietà de’ verbi stupeo, stupesco, stupefacio, stupefio, ec. che diciamo anche stupire, stupefare, stupefarsi. In luogo de’ quali verbi diciamo sovente restare, o rimanere o divenire o diventare di stoppa per grandemente maravigliarsi che sono precisissimamente il significato proprio e l’intenzione metaforica de’ predetti verbi latini. [2824]Così penso assolutamente io, sebbene altri li derivano da stipes, e forse niuno ha pensato di derivarli da stuppa, che anche si dice stupa. Il che forse è avvenuto perchè non dovettero sapere o avvertire quella nostra frase familiare che ho notata. Che se in alcuni mss. si trova anche stipeo ed obstipeo, ciò non vale, perchè stupa si disse anticamente stipa, secondo Servio, che lo deriva da stipare. Potrebbe anche esser la stessa voce che stæph da stæfv[6]. E l’u greco, siccome ho detto più volte cambiasi nel latino ora in i ora in u, e queste due vocali i ed u si scambiano sovente fra loro e nel latino e nelle altre lingue, come ho pur detto altrove: ed osservate infatti che l’u francese e bergamasco, e l’u greco, è appunto un misto e quasi un composto d’ambedue queste vocali i ed u, e non si sa a qual più delle due rassomigliarlo; onde si vede quanto elle sieno affini e simili ed amiche tra loro, che s’accozzano insieme a fare (sulla bocca di molti e diversi popoli) una sola vocale, dove niuna delle due viene a prevalere. Quindi s’argomenti quanto è facile che queste due vocali si scambino l’una coll’altra nella pronunzia [2825]umana, anche in uno stesso tempo e popolo, nonchè in diversi tempi e nazioni e climi. SimUlare da simIlis, onde anche similare, e noi simigliare e somigliare. assimulare e assimilare. maximus, optimus e maxumus, optumus. amantissimus e amantissumus. V. Perticari Apolog. di Dante p.156. cap.16. verso il fine. lubens, decumus, reciperare e recuperare, carnufex.

(26. Giugno. 1823.)

Fortunatianus in Honorii (Augustodunensis, De luminaribus Ecclesiae) Codicibus lib.1. cap.98. vitiose Fortunatius, natione Afer, Aquilejensis Episcopus, interfuit Concilio Sardicensi An. 347. et p.179. teste Hieronymo (De scriptoribus Ecclesiasticis) cap.97. scripsit Commentarios in Evangelia, titulis (ut apud Hilarium fit) ordinatis, brevique et rustico sermone. De rustico sermone Latino singularem se libellum conscribere proposuisse testatus est V. C. Christianus Falsterus ad Gellii XIII. 6. parte 3. Amoenitatum Philologicarum p.186. De Fortunatiano hoc, qui ad Arianos denique deflexit, plura Tillemontius tomo VI. memoriarum pag.364. 419. - Fabricius Bibl. Lat. med. et inf. aetat. ed. Mansii, Patav. 1754. t.2. p.178-179. lib.6. art. Fortunatianus.

(26. Giugno 1823.)

Alla p.2776. Da sñv o sÅv, sÅzv. Notate che l’Etimologico dice espressamente che sÅzv deriva da sÅv (e non viceversa), ed aggiunge, come §zv sedere facio, seu colloco, pono, da §v colloco, statuo. Così ázv sedere facio, in sede colloco ch’è lo stesso verbo che §zv, come dice Eustazio, [2826]è fatto da §v. Pet‹zv pando explico da pet‹v idem. Da pel‹v-pel‹zv, tex‹v-texn‹zv, Žni‹v-Žni‹zv, Žtim‹v-Žtim‹zv, tÛv-ŽtÛzv, prÛv-prÛzv, lvb‹v-‹zv. Anche da pet‹omai volo si trova fatto pet‹zomai nei frammenti del Fusiolñgow d’Epifanio pubblicati dal Mustoxidi e dallo Scinà nella Collezione di vari aneddoti greci (i quali frammenti però credo che non fossero, come gli Editori stimarono, inediti). Vedi l’ultima pagina delle annotazioni degli Editori a essi frammenti, nel fine, e, se vuoi, la p.2780. margine. E forse buona parte di questi tali verbi mancavano originariamente del z, aggiunta poi per proprietà di pronunzia o di dialetto, per evitar l’iato ec. Da x‹skv xask‹zv. Ma questa è un’altra formazione, che cambia in certo modo il significato e lo rende più continuo ec. Così potrebbe essere �rp‹zv da ‘rpv e non da �rp‹v. Kvm‹zv sembra venire da kÇmow a dirittura, non da kvm‹v; e così molti altri. Da bræv bru‹zv.

(26. Giugno 1823.)

È da notare che la nostra ben distinta teoria della formazione grammaticale de’ continuativi e frequentativi, giova ancora a dimostrare evidentemente l’antica esistenza ed uso de’ participii o supini di moltissimi verbi che ora ne mancano affatto, mentre però esistono ancora i loro continuativi o frequentativi come fugitare dimostra fugitus o fugitum di fugio, che altrimente non si conoscerebbe, e così cent’altri; ovvero di participii e supini diversi da quelli che ora si conoscono, come agitare dimostra il part. agitus diverso da actus, noscitare noscitus diverso da notus, futare e funditare futus e funditus, ambedue diversi da fusus, (v. la p.2928 segg. 3037.) quaeritare quaeritus, diverso da quaesitus che non è di quaero, ma di quaeso, benchè a quello s’attribuisca, e simili. E serve ancora ad illustrare e mettere in chiaro l’antico uso e regola seguíta [2827]da’ latini nella formazione de’ participii in us e de’ supini, come ho fatto vedere altrove in proposito di agitare; e la vera origine di molti participii più moderni, come actus, e la loro ragione grammaticale; e spiega e scioglie molte anomalie apparenti ec. ec. ec.

(27. Giugno. 1823.)

Alla p.2795. marg. Cambiata la pronunzia della lingua greca, doveva necessariamente mutarsi e il modo di produrre l’armonia colla collocazione delle parole, (giacchè le parole collocate all’antica e pronunziate diversamente, non potevano più rendere l’antica armonia) e quindi variarsi affatto la struttura dell’orazione, e prendere un altro giro il periodo; ed oltre a ciò mutarsi ancora l’armonia risultante dalla collocazione delle parole modernamente pronunziate, giacchè di diversi elementi, cioè di parole diversamente pronunziate era quasi impossibile che ne risultasse uno stesso effetto per mezzo della varia collocazione, cioè che le parole pronunziate alla moderna e distribuite per ciò diversamente dal modo antico, producessero l’armonia stessa che producevano coll’antica pronunzia e collocazione. Quindi diversa struttura e giro di orazione e di periodo, e nel [2828]tempo stesso diversa armonia. Assai più gran cosa che non pare, si è il cambiamento della pronunzia in una lingua. E parlo qui solamente della pronunzia che spetta alla quantità, cioè alla brevità o lunghezza delle sillabe, ed all’accentazione, senza entrar punto in quella pronunzia che spetta alle stesse lettere ed elementi della favella, la qual pronunzia come influisca sulle lingue e come basti a diversificarle l’una dall’altra, e sia principal causa sì della moltiplicazione sì della continua alterazione de’ linguaggi, è cosa già dimostrata. Ma quella pronunzia che spetta alla semplice quantità delle sillabe ed agli accenti, par cosa del tutto estrinseca alla lingua. Infatti ella non altera in nessun conto il materiale delle parole come fa l’altra. Ed appunto ell’è veramente estrinseca ed accidentale alle parole. Nondimeno il cambiamento di questa pronunzia, che nulla influisce su ciascuna parola, influisce sulle più intrinseche parti della favella, ed arreca essenzialissimi cangiamenti alla composizione e all’ordine delle parole, e quindi al giro ed alla forma della dicitura, e quindi alla vera indole della favella. V. p.3024.

Oltre di che, quando anche a’ tempi bassi si fosse potuta dare all’orazione l’antica armonia, quando anche quest’armonia si fosse ben conosciuta [2829](che già non si conosceva), il mutato e corrotto gusto non lasciava nè poteva lasciar di stendersi anche all’armonia. Onde quell’armonia antica non sarebbe piaciuta, senza cadenze, senza strepito, senza ritornelli, senza eco, senza rimbombo, senza sfacciataggine di ritmo, dolcemente e accortamente variata ec. Tutte le contrarie qualità piacevano e si celebravano a quei tempi. Leggansi le orazioni o declamazioni o proginnasmi ec. e l’epistole stesse de’ sofisti, Libanio, Imerio, Coricio ec. Questo ancora gli obbligava a dare alle parole un giro diverso dall’antico. Di più, quando anche non fosse mancata loro la volontà, sarebbe mancata l’arte che infinita si richiede alla retta economia ed uso de’ numeri. Quindi essi sono sempre insolentemente monotoni ec.

(27. Giugno 1823.)

Ho detto altrove che il greco moderno è senza paragone più simile al greco antico che non l’italiano al latino. Fra le altre moltissime particolarità basti osservare che una delle cose che massimamente distinguono le lingue moderne dalle antiche, e fra queste l’italiana, spagnuola ec. dalla latina, si è che le moderne mancano dei casi de’ nomi; il che [2830]basterebbe quasi per se solo a diversificare il genio e lo spirito delle nostre lingue, da quel delle antiche. Ora il greco moderno conserva gli stessi casi dell’antico. Conserva ancora l’uso della composizione fatta coi vocaboli semplici e colle preposizioni e particelle. Ma già non v’è bisogno d’altra prova che di gittar l’occhio sopra una pagina di greco vernacolo correttamente scritto, per conoscere la visibilissima e, direi quasi, totale somiglianza ch’esso ha coll’antico, e quanto ella sia maggiore, anzi di tutt’altro genere che non è quella che passa tra l’italiano e il latino, giacchè questa consiste principalmente nel materiale de’ vocaboli e delle radici, e quella, oltre di ciò, in grandissima parte dell’indole e dello spirito. Ho detto, correttamente scritto, perchè certo fra il greco moderno scritto o parlato da un ignorante e quello scritto da un uomo colto, ci corre tanto divario quanto fra questo e il greco antico. Vedi il contratto in greco moderno barbaro pubblicato da Chateaubriand nell’Itinerario. Ma ciò è naturale, e succede in tutte le lingue e nazioni, e certo il greco antico parlato, anche dai non plebei, e scritto [2831]dagl’ignoranti era ben diverso da quello che scrivevano i dotti, come il latino rustico, dall’illustre. Vedi la pag.2811. Il greco moderno colto, giacchè ed ogni lingua può esser colta, e niuna lingua non colta può valer nulla, potrebbe certo divenire una lingua bella, efficace, ricca, potente, e forse, per la gran parte che conserva sì delle ricchezze come delle qualità e della natura dell’antico, una lingua superiore o a tutte o a molte delle moderne colte e formate.

(27. Giugno. 1823.)

Grazia dallo straordinario e dal contrasto. Spesse volte la grazia o delle forme o delle maniere deriva da una bellezza e convenienza nelle cui parti non esiste veramente nessun contrasto, ma che però risulta da certe parti che non sogliono armonizzare e convenire insieme, benchè in questa tal bellezza e in questo tal caso convengano; ovvero da parti che non sogliono trovarsi riunite insieme, benchè trovandosi, sempre armonizzino: onde essa bellezza è diversa dalle ordinarie, benchè sia vera bellezza, cioè intera convenienza ed armonia. In tal caso il contrasto [2832]è estrinseco ed accidentale, non intrinseco: in tal caso la grazia deriva precisamente dalla bellezza, ma non dalla bellezza in quanto bellezza, bensì in quanto bellezza non ordinaria, e di genere diversa dalle altre: così che la grazia anche in questo caso deriva dal contrasto, non delle parti componenti il bello, ma del tutto, cioè di questo tal bello, col bello ordinario; e dalla sorpresa che l’uomo prova vedendo o sentendo una bellezza diversa da quella ch’egli suole considerar come tale, il che produce in lui un contrasto colle sue idee. Questo caso, da cui nasce la grazia, non è raro. Tutte quelle fisonomie, o quelle forme di persona, perfettamente armonizzanti, e con tutto ciò non ordinarie, o nelle quali non si suol trovare armonia, o in somma di genere diverso dal più delle fisonomie e forme belle, sono per qualche parte graziose. E il caso è più frequente e più facile nelle maniere, le quali ammettono più varietà che le forme materiali e naturali, e possono armonizzare in molti più modi che le dette forme.

[2833]La grazia, anche in questi casi, è sempre relativa, cioè secondo il contrasto che fanno quelle tali forme o maniere colle assuefazioni e colle idee che lo spettatore ha intorno al bello. Il qual contrasto può esser maggiore in una persona, minore in un’altra, e in un’altra nullo; e quindi produrre un senso di maggiore o minor grazia; ovvero questo senso non esser prodotto in niun modo. E questa varietà può anche essere in una medesima persona in diversi tempi e circostanze, assuefazioni ed idee. Onde può succedere che ad una medesima persona in altro tempo, o ad un’altra persona nel tempo stesso, riesca grazioso in questi casi appunto il contrario di quello ch’erale già riuscito, o che riesce a quell’altra persona. E questa grazia di cui discorro può esser tale per un maggiore o minor numero di persone, per la più parte o per pochi, per quelli d’una città o nazione o per quelli d’un’altra, per la gente di campagna o di città: secondo che lo straordinario di quella tal bellezza e armonia è maggiore o minore, più o meno visibile, rispettivo a quello [2834]che i più riconoscono per bellezza o a quello che pochi ec. Sebbene io abbia qui considerato questa grazia applicandola alle forme e maniere delle persone, il medesimo discorso si potrà e dovrà fare intorno a tutti gli altri oggetti capaci di bellezza e di grazia, in molti de’ quali sarà molto più frequente e più facile il caso della grazia figlia della bellezza diversa dall’ordinario, ch’esso non è nelle forme e maniere degli uomini.

(27. Giugno 1823.). V. p.3177.

Dovunque non cade bellezza, non cade grazia. Dico relativamente agli uomini, perchè bellezza e bruttezza cade in qualsivoglia cosa, ma gli uomini non ne giudicano, e non ne ricevono il senso se non in certe. E in queste sole, dov’essi possono ricevere il senso della bellezza, possono anche ricever quello della grazia e concepirla. E viceversa similmente, dovunque cade bellezza, cade ancor grazia. Non che l’una non possa esser senza l’altra. Ma quel genere ch’è capace dell’una è capace dell’altra. E per bellezza, intendo quella ch’è propriamente e filosoficamente [2835]tale, cioè quella ch’è convenienza, non l’altre impropriamente chiamate bellezze.

(27. Giugno 1823.)

Pascitare da pascitus antico participio di pasco poi contratto in pastus, come noscitare da noscitus poi ristretto in notus, (siccome da suesco suetus ec.), del qual verbo noscitare ho detto altrove.

(28. Giugno 1823.)

Emptito o emtito frequentativo da emo-emptus emtus. Non vi sarebbe chi appresso Plauto Cas. 2. 5. 39. leggesse empsitem per emptitem se si fosse ben posto mente alla teoria ed alla formazione grammaticale de’ frequentativi in ito, ed alla loro derivazione dai participii o supini, e non d’altronde.

(28. Giugno 1823.)

Ho recato altrove, in proposito dei sinonimi, alcuni esempi di voci che nelle lingue figlie della latina sono passati ad aver per proprii de’ significati ben lontani da quelli che avevano nella latina, e tra queste il verbo quaerere (querer) che nella lingua spagnuola significa velle. Aggiungete l’esempio del verbo latino creare (criar) che in ispagnuolo significa allevare, educare, sì esso come i suoi derivati, crianza, criado ec.

(28. Giugno 1823.)

[2836]Solae communes natos, consortia tecta Urbis habent (apes), magnisque AGITANT sub legibus aevum. Georg. l.4. v.153-154. Qui il verbo agito non può esser più continuativo di quel ch’egli è; e veramente non so chi possa avere il coraggio di dire ch’egli in questo e ne’ simili luoghi sia frequentativo.

(28. Giugno 1823.)

Ho mostrato altrove che i poeti e gli scrittori primitivi di qualunque lingua non potevano mai essere eleganti quanto alla lingua, mancando loro la principal materia di questa eleganza, che sono le parole e modi rimoti dall’uso comune, i quali ancora non esistevano nella lingua, perchè scrittori e poeti non v’erano stati, da’ quali si potessero torre, e i quali conservassero quelle parole e modi che già furono in uso. Onde quando una lingua comincia ad essere scritta, tanto esiste della lingua quanto è nell’uso comune: tutto quello che già fu in uso, e che poi ne cadde, è dimenticato, non avendovi avuto chi lo conservasse, il che fanno gli scrittori, che ancora non vi sono stati. Togliere più che tante parole o forme da quella lingua la cui letteratura serve di modello alla nuova (come gl’italiani avrebbero potuto fare dalla lingua latina), è pericoloso in quei principii molto più che nel séguito (contro quello che si stimano i pedanti), anzi non si può, perchè quando nasce la letteratura [2837]di una nazione, questa nazione è naturalmente ignorante, e però lo scrittore o il poeta, così facendo, non sarebbe inteso, e la letteratura non prenderebbe piede, non si propagherebbe mai, non crescerebbe, non diverrebbe mai nazionale. Di più, il poeta sembrerebbe affettato. Vedi in questo proposito la p.3015. Questo medesimo vale anche per le parole della stessa lingua, rimote più che tanto dall’uso comune, sia per disuso (seppur lo scrittore stesso o il poeta avesse modo di conoscerle, mancando fin allora gli scrittori), sia per qualsivoglia altra cagione. Bisogna considerare che la nazione in quel tempo è ignorante, e non istudia, e non leggerebbe quella scrittura o quel poema, benchè scritto in volgare, le cui parole o modi non fossero alla sua portata, o egli non potesse capirli senza studiarvi sopra. E poca difficoltà, poca ricercatezza di parole o di forme basta ad eccedere la capacità de’ totalmente ignoranti, quali sono allora quasi tutti, e degli a tutt’altro avvezzi che allo studio. Ho dunque detto altrove che i poeti e scrittori primitivi tutti o quasi tutti, e sempre o per lo più, sì nella lingua sì nello stile, tirano al familiare. E questo viene, sì per adattarsi alla capacità della nazione, sì perchè, mancando loro, come s’è detto, la principal materia dell’eleganza [2838]di lingua, sono costretti a pigliare una lingua domestica e rimessa, e non volendo che questa ripugni e disconvenga allo stile, sono altresì costretti di tenere anche questo, per così dire, a mezz’aria, e di familiarizzarlo. Onde accade che questi tali poeti e scrittori sappiano di familiare anche ai posteri, quando le loro parole e forme, già divenute abbastanza lontane dall’uso comune, hanno pure acquistato quel che bisogna ad essere elegantissime, perlochè già elle come tali s’adoprano dagli scrittori e poeti della nazione, ne’ più alti stili. Ma non essendo elle ancora eleganti a’ tempi di que’ poeti e scrittori, questi dovettero assumere un tuono e uno stile adattato a parole non eleganti, e un’aria, una maniera, nel totale, domestica e familiare, le quali cose ancora restano, e queste qualità ancora si sentono, come nel Petrarca, benchè l’eleganza sia sopravvenuta alle loro parole e a’ loro modi che non l’avevano, com’è sopravvenuta, e somma, a quei del Petrarca. Queste considerazioni si possono fare, e questi effetti si scorgono, massimamente ne’ poeti, non solo perchè gli scrittori primitivi di una lingua e i fondatori di una letteratura [2839]sono per lo più poeti, ma perchè mancando ad essi la detta materia dell’eleganza niente meno che a’ prosatori, questa mancanza e lo stile familiare che ne risulta è molto più sensibile in essi che nella prosa, la quale non ha bisogno di voci o frasi molto rimote dall’uso comune per esser elegante di quella eleganza che le conviene, e deve sempre tener qualche poco del familiare. Quindi avviene che lo stile del Boccaccio, benchè familiare anch’esso, massime ad ora ad ora, pur ci sa meno familiare, e ci rende più il senso dell’eleganza e della squisitezza che quello del Petrarca, e dimostra meno sprezzatura, ch’è però nel Petrarca bellissima. Così è: la condizione del poeta e del prosatore in quel tempo, quanto ai materiali che si trovano aver nella lingua, è la stessa (a differenza de’ tempi nostri che abbiamo appoco appoco acquistato un linguaggio poetico tutto distinto): il prosatore si trova dunque aver poco meno del suo bisogno, e quasi anche tanto che gli basti a una certa eleganza: il poeta che non si trova aver niente di più, bisogna che si contenti di uno stile e di una maniera che si accosti alla prosa. Ed infatti è benissimo definita [2840]la familiarità che si sente ne’ poeti primitivi, dicendo che il loro stile, senza essere però basso, perchè tutto in loro è ben proporzionato e corrispondente, tiene della prosa. Come fa l’Eneida del Caro, che quantunque non sia poema primitivo, pure essendo stato quasi un primo tentame di poema eroico in questa lingua, che ancora non n’era creduta capace, com’esso medesimo scrive, può dirsi primitivo in certo modo nel genere e nello stile eroico.

Tutto questo discorso sui poeti e scrittori primitivi di una lingua, si deve intender di quelli che meritano veramente, il nome di poeti o di scrittori, e non di quei primissimi e rozzissimi, ne’ quali non cade sapore nè di familiarità nè d’eleganza, nè d’altra cosa alcuna determinata e che si possa ben sentire, fuorchè d’insipidezza, non avendo essi nè lingua, nè stile, nè maniera, nè carattere formato, sviluppato, costante e uniforme. E il sopraddetto discorso ha massimamente luogo, e i sunnotati effetti avvengono principalmente nel caso che sui principii di una letteratura compariscano tali e così grandi ingegni che o la creino [2841]quasi in un tratto, o tanto innanzi la spingano dal luogo ove la trovano, ch’essa paia poco meno che opera loro. Il qual caso avvenne alla letteratura greca e alla italiana[7]. Perciocchè quando la letteratura si va formando appoco appoco, e con tanta uniformità di progressi, che mai un suo passo non sia fuor d’ogni proporzione cogli antecedenti, i summentovati effetti sono manco notabili, e manco facili a vedere, trovandosi l’eleganza delle parole e dei modi già fatta possibile coll’abbondanza degli scrittori e l’arricchimento della lingua che dà luogo alla scelta, e la nazione già capace e colta e studiosa, prima che la letteratura giunga a produr cosa alta e perfetta, e che un grande ingegno faccia uso dell’una e dell’altra disposizione, cioè di quella della lingua, e di quella de’ suoi nazionali.

(28. Giugno. 1823.). V. p.3009. 3413.

Participii in us di verbi attivi o neutri, non deponenti, in senso attivo o neutro, alla foggia di quelli de’ deponenti. Dissimulatus a um, pransus a um, impransus a um, coenatus a um, incoenatus a um, potus a um, (dall’antico po o poo, di cui altrove) appotus a um, iuratus a um, coniuratus a um, iniuratus e simili, solitus a um, insolitus a um, suetus a um co’ suoi composti, hausus (Forc. haurio fin.). Vedi la pag.2904. fine. 3072. esus a um, ventus a um [2842]appresso Plauto, gavisus a um (gavisus sum, per l’antico gavisi). Vedi il Forcellini sì in questi participii, sì ne’ verbi loro, specialmente in coeno, edo, venio ec. (28. Giugno 1823). obstinatus a um; obitus a um, e altri composti di eo, come interitus a um, praeteritus a um. Placitus a um, come gavisus. V. Forc. V. p.3060.

Continuativi delle lingue figlie della latina. Diventare ital. da devenio-deventus. Sepultar spagn. da sepelio sepultus. Questo verbo sepultare trovasi usato da Venanzio Fortunato, poeta e scrittore italiano del sesto secolo, Carm. lib.8. Hymno de vitae aeternae gaudiis. (Glossar. Cang.) Pressare, presser, prensar, oppressare, oppressé, soppressare, expressar ec. da premo-pressus. V. il Glossar. Tritare da tero-tritus. Il Gloss. Tritare, Frequenter terere, Ioh. de Ianua cioè genovese del secolo 13°, autore di un Lessico edito. Cautare, incautare da caveo-cautus. V. il Glossar. Gozar spagnuolo da gaudeo gavisus. Fecesi ne’ bassi tempi di gavisus gausus, onde gosus, onde gosare, e gozar. Ovvero di gavisus gavisare, gausare, gosare, gozar. Trovasi nelle antiche glosse latino-greche gaviso xaÛrv. V. il Glossar. Cang. in Gavisci, ed anche in Gavisio, Gausida (goduta sostantivo) e Gausita. Vedi quivi anche Gauzita, dove trovi già il z di gozar. Da questo, o da gavisio, gausio, gosio, anzi da gavisus us, gausus, gosus credo io che sia fatto lo spagnuolo gozo, godimento, piuttosto che da gaudium. Gozar assai spesso, come il nostro godere e il francese jouir, è vero continuativo di gaudere, non meno per il significato che per la forma, equivalendo a frui. Il verbo jouir, jouissons, jouissez, jouissent ec. dee esser venuto similmente da gavisare, prima che questo fosse mutato in [2843]gausare, e ne sparisse la i, che manca in gozar, ma con tutto ciò è più sfigurato. Così dite di joie, jouissance, joyeux ec. e di gioia, gioire, ec. che di là vengono. Pransare o pranzare ital. da pransus di prandeo onde il frequentativo latino pransitare. Incettare non da un barbaro incaptare, come pensa Giordani nel principio della lettera a Monti, Proposta vol.1. parte 2., ma appunto da un inceptare mutato l’a di captare in e per virtù della composizione, come in attrectare, contrectare, detrectare, obtrectare, ec. da tractare o da detractus ec. di detraho, in affectare ec. da affectus di afficio il quale viene da facio, in coniectare, subiectare, obiectare ec. da coniectus di coniicio che viene da iacio, in descendo, ascendo ec. da scando, in occento da occentus di occino da cano, in aggredior ec. da gradior, in accendo, incendo, succendo da candeo o dall’inusitato cando, v. p.3298. e in molti simili, benchè più generalmente e regolarmente l’a della prima sillaba de’ verbi dissillabi[8] si muti per la composizione in i (e puoi vedere la p.2890.) Incepto da inceptus d’incipio è tutt’altro verbo. Da capto, o certo da capio vengono excepto, recepto, accepto, intercettare, discepto, ec. i quali pure mutano l’a in e, e non fanno excapto, recapto ec. V. p.3350. fine. 3900. fine. Avvisare nel suo senso proprio (vedi la Crusca in avvisare §.1.2.3.) è verissimo continuativo di avvedere nel senso suo primitivo. Ma non può esser fatto da questo verbo italiano, il quale ha per participio avvisto e avveduto, non avviso. Conviene che sia fatto da advisus di advidere, il qual verbo oggi non si trova nella buona latinità. Puoi vedere la p.3034. Trovasi però nella bassa il verbo advidere in senso di avvertire, che io credo metaforico, [2844]e in questo e simili sensi il verbo advisare e avisare. V. il Glossar. Cang. Anche i francesi e gli spagnuoli, che non hanno il verbo avvedere, hanno aviser e avisar, ma l’usano in quei sensi metaforici ne’ quali l’usiamo anche noi. Nel senso proprio nel quale egli è più dirittamente continuativo del suo verbo originale advidere, non credo ch’egli si trovi se non nella nostra lingua, e principalmente nei nostri antichi autori. Noi diciamo anche avvistare, ed equivale a un di presso ad avvisare nel senso proprio, o nel più simile a questo. V. p.3005. Advidere dovette propriamente significare adspicere, oculos advertere, e quindi anche animum advertere. (Nell’esempio che ne porta il Glossario, non mi risolvo s’ei voglia dire animadvertere, o commonere, come il Glossario spiega). Nel qual senso, avvisare preso nel significato proprio, è suo vero continuativo, esprimendo la stessa azione, ma più durevole. Si può dir simile ad adspectare. Noi non usiamo advidere se non reciproco, cioè neutro passivo, sempre però in significato simile ai sopraddetti, o che questo sia relativo agli occhi che propriamente vedono, o all’animo che considera e conosce. Chi vuol ridere e nuovamente vedere quanti spropositi abbia fatto dir la poca notizia finora avutasi della formazion de’ verbi [2845]latini e latinobarbari da’ participii o supini d’altri verbi, vegga la bella etimologia di advisare che dà l’Hickesio presso il Cange nel Glossario. Vedi la Crusca anche in avvisamento §.3. e in avvisatura.

(29. Giugno, mio dì natale. 1823.). V. p.3019.

Vantano che la lingua tedesca è di tale e tanta capacità e potenza, che non solo può, sempre che vuole, imitare lo stile e la maniera di parlare o di scrivere usata da qualsivoglia nazione, da qualsivoglia autore, in qualsivoglia possibile genere di discorso o di scrittura; non solo può imitare qualsivoglia lingua; ma può effettivamente trasformarsi in qualsivoglia lingua. Mi spiego. I tedeschi hanno traduzioni dal greco, dal latino, dall’italiano, dall’inglese, dal francese, dallo spagnuolo, d’Omero, dell’Ariosto, di Shakespeare, di Lope, di Calderon ec. le quali non solamente conservano (secondo che si dice) il carattere dell’autore e del suo stile tutto intero, non solamente imitano, esprimono, rappresentano il genio e l’indole della rispettiva lingua, ma rispondono verso per verso, parola per parola, sillaba per sillaba, ai versi, alle costruzioni, all’ordine preciso [2846]delle parole, al numero delle medesime, al metro, al numero e al ritmo di ciascun verso, o membro di periodo, all’armonia imitativa, alle cadenze, a tutte le possibili qualità estrinseche come intrinseche, che si ritrovano nell’originale; di cui per conseguenza elle non sono imitazioni, ma copie così compagne com’è la copia d’un quadro di tela fatta in tavola, o d’una pittura a fresco fatta a olio, o la copia d’una pittura fatta in mosaico, o tutt’al più in rame inciso, colle medesimissime dimensioni del quadro.

Se questo è, che certo non si può negare, resta solamente che si spieghi con dire che la lingua tedesca non ha carattere proprio, o che il suo proprio carattere si è di non averne alcuno, oltre i cui limiti non possa passare, il che viene a dir lo stesso. Che una lingua per ricca, varia, libera, vasta, potente, pieghevole, docile, duttilissima ch’ella sia, possa ricevere, non solo l’impronta di altre lingue, ma per così dir, tutte intiere in se stessa tutte le altre lingue; ch’ella si rida della libertà, della infinita moltiplicità, della immensità della lingua greca, e dopo averla tutta abbracciata, ed ingoiatone tutte le innumerabili forme, ella si trovi ancora tanta capacità come per lo innanzi, e possa ricevere e riceva, sempre che vuole, tutte le forme [2847]delle lingue le più inconciliabili colla stessa greca (che con tante si concilia) e fra loro; delle lingue teutoniche, slave, orientali, americane, indiane; questo, dico, non può umanamente accadere, se non in una lingua che non abbia carattere; non è accaduto alla greca ch’è stata ed è la più libera, vasta e potente e la più diversissimamente adattabile di tutte le lingue formate che si conoscono; non è accaduto e non accade, che si sia mai saputo o si sappia a nessun’altra lingua perfetta di questo mondo.

Io determino il mio ragionamento così. Ogni nazione ha un suo carattere proprio e distinto da quello di tutte le altre, come lo ha ciascuno individuo, e tale che niun altro individuo se gli troverà mai perfettamente uguale. Ogni lingua perfetta è la più viva, la più fedele, la più totale imagine e storia del carattere della nazione che la parla, e quanto più ella è perfetta tanto più esattamente e compiutamente rappresenta il carattere nazionale. Ciascun passo della lingua verso la sua perfezione, è un passo verso la sua intera conformazione col carattere de’ nazionali. Ora domando io: i tedeschi non [2848]hanno carattere nazionale? certo che l’hanno. Forse non ancora sviluppato, di modo ch’essendo tuttavia informe, è capace d’ogni configurazione, e non ben si distingue da quello degli altri popoli? anzi sviluppatissimo, perchè la civiltà loro è già in un alto grado. Forse così vario, così sfuggevole, così pieghevole, così adattabile ad ogni sorta di qualità, ch’esso abbracci tutti i caratteri delle altre nazioni, e a tutti questi si possa conformare? tutto l’opposto, perchè il carattere della nazione tedesca è benissimo marcato, e così costante, che forse il suo difetto è di piegare alla roideur, a una certa rigidezza e durezza, e di mancare un poco troppo di mollezza e pieghevolezza. Ma quando anche fosse appunto il contrario (come sarebbe fino a un certo segno negl’italiani), a me basterebbe che la nazion tedesca avesse pure un qualunque carattere, che offrisse abbastanza tratti di distinzione per non poterlo confondere con un altro, e molto meno con qualsivoglia altro. Or dunque se la nazione tedesca ha un carattere proprio, se essendo civile non può non averlo, se tutte le nazioni civili lo hanno e non possono mancarne, [2849]la lingua tedesca, s’ella è formata, e più, s’ella è perfetta, dev’essere una fedelissima e completa immagine di questo carattere, e per conseguenza avere anch’essa un carattere, e determinato e costante, e tale che non si possa confondere con quello di un’altra lingua, nè ella possa ammettere il carattere di un’altra lingua, ancorchè simile a lei, nè, molto meno, scambiare il suo proprio carattere con questo. Ma la lingua tedesca senza far violenza alcuna a se stessa, ammette le costruzioni, le forme, le frasi, l’armonia, non solo delle lingue affini, non solo delle settentrionali, ma delle più aliene, ma delle antichissime, delle meridionali, delle formate e delle informi, di quelle che appartengono a nazioni per costumi, per opinioni, per governi, per costituzione corporale, per climi, per leggi eterne della natura disparatissime, ed eziandio contrarissime al carattere proprio e costantissimo e certissimo della nazion tedesca, in somma di tutte le possibili lingue passate e presenti, e per così dir future. Dunque la lingua tedesca non è formata, non è determinata, e molto meno, perfetta.

Parlando dell’adattabilità o pieghevolezza, e della varietà e libertà [2850]di una lingua, bisogna distinguere l’imitare dall’agguagliare, o rifare, le cose dalle parole. Una lingua perfettamente pieghevole, varia, ricca e libera, può imitare il genio e lo spirito di qualsivoglia altra lingua, e di qualunque autore di essa, può emularne e rappresentarne tutte le varie proprietà intrinseche, può adattarsi a qualunque genere di scrittura, e variar sempre di modo, secondo la varietà d’essi generi, e delle lingue e degli autori che imita. Questo fra tutte le lingue perfette antiche e moderne potè sovranamente fare la lingua greca, e questo fra le lingue vive può, secondo me, sovranamente la lingua italiana. Perciò io dico che questa e quella sono piuttosto ciascuna un aggregato di più lingue che una lingua, non volendo dire ch’elle non abbiano un carattere proprio, ma un carattere composto e capace di tanti modi quanti lor piaccia. Questo è imitare, come chi ritrae dal naturale nel marmo, non mutando la natura del marmo in quella dell’oggetto imitato; non è copiare nè rifare, come chi da una figura di cera ne ritrae un’altra tutta [2851]compagna, pur di cera. Quella è operazione pregevole, anche per la difficoltà d’assimulare un oggetto in una materia di tutt’altra natura; questa è bassa e triviale per la molta facilità, che toglie la maraviglia; e in punto di lingua è dannoso, perchè si oppone alla forma e natura ed essenza propria ch’ella o ha o dovrebbe avere. Imitando in quel modo s’imitano le cose, cioè lo spirito ec. delle lingue, degli autori, dei generi di scrittura; imitando alla tedesca s’imitano le parole, cioè le forme materiali, le costruzioni, l’ordine de’ vocaboli di un’altra lingua (il che una lingua perfetta, anzi pure formata, non dee mai poter fare, nè può per natura fare); e probabilmente s’imitano queste, e non le cose; cioè non s’arriva ad esprimer l’indole, la forza, la qualità, il genio della lingua e dell’autore originale (benchè pretendano di sì), appunto perchè in un’altra e diversissima lingua se ne imitano anzi copiano le parole: e mad. di Staël ancora è di questo sentimento in un passo che ho recato altrove della prima lettera alla Biblioteca Italiana, 1816. n. 1.

[2852]Una traduzione in lingua greca fatta alla maniera tedesca, una traduzione dove non s’imita, ma si copia, o vogliamo dire s’imitano le parole, dovendosi nelle traduzioni imitar solo le cose, si è quella de’ libri sacri fatti da’ Settanta. Ora la medesima lingua greca, quella così immensamente pieghevole e libera, nondimeno, percioch’ella è pur lingua formata e perfetta, riesce in quella traduzione (fatta certo in antico e buon tempo) affatto barbara e ripugnante a se stessa, e non greca; e di più, quantunque noi non possiamo per la lontananza de’ tempi, e la scarsezza delle notizie grammaticali ec. e la diversità de’ costumi e dell’indole, neppur legendo gli originali ebraici, pienamente giudicare e sentir qual sia il proprio gusto de’ medesimi, e il vero genio di quella lingua, nondimeno possiamo ben essere certissimi che questo gusto e questo genio non è per niente rappresentato dalla version de’ Settanta, che non è quello che noi vi sentiamo leggendola, che non ve lo sentirono i greci contemporanei o posteriori, e ch’ella in somma fu ben lontana dal fare ne’ greci lo stesso effetto, nè di gran lunga simile, neppure analogo a [2853]quello che facevano ne’ lettori ebrei gli originali[9]. Ch’è appunto il fine che dovrebbero avere le traduzioni, e che i tedeschi pretendono di pienamente e squisitamente conseguire col loro metodo. Aggiungasi dopo tutto ciò che la traduzione de’ Settanta, barbara per troppa conformità estrinseca coll’originale, non le è di gran lunga così scrupolosamente e onninamente conforme, come le vantate traduzioni tedesche agli originali loro.

Una lingua perfetta che sia pienamente libera ec. colle altre qualità dette di sopra, contiene in se stessa, per dir così, tutte le lingue virtualmente, ma non mica può mai contenerne neppur una sostanzialmente. Ella ha quello che equivale a ciò che le altre hanno, ma non già quello stesso precisamente che le altre hanno. Ella può dunque colle sue forme rappresentare e imitare l’andamento dell’altre, restando però sempre la stessa, e sempre una, e conservando il suo carattere ben distinto da tutte; non già assumere l’altrui forme per contraffare l’altrui andamento; dividendosi e moltiplicandosi in mille lingue, e mutando a [2854]ogni momento faccia e fisonomia per modo che o non si possa mai sapere e determinare qual sia la sua propria, o di questa non si possa mai fare alcuno argomento da quelle ch’ella assume, nè in queste raffigurarla.

Ella è cosa più che certa e conosciuta che i popoli meridionali differiscono per tratti essenzialissimi e decisivi di carattere da’ popoli settentrionali, e gli antichi da’ moderni, per non dire delle altre secondarie suddivisioni e suddifferenze nazionali caratteristiche. Ella è cosa ugualmente inconcussa che il carattere di ciascuna lingua perfetta si è precisamente quello della nazione che la parla, e viceversa. La stessa verità è indubitata e universale intorno alla letteratura. Or dunque che una lingua settentrionale possa senza menomamente violentarsi nè differir da se stessa, non solo imitare, anzi copiare, il carattere, ma assumere indifferentemente le forme, l’ordine, le costruzioni, le frasi, l’armonia di qualunque lingua meridionale come di qualunque settentrionale, che una lingua moderna possa altresì lo stesso indifferentemente con qualunque lingua antica [2855]siccome con qualunque moderna; questo in rerum natura, e se i principii della logica universale vagliono qualche cosa ne’ casi particolari, è impossibile quando questa lingua sia veramente formata e determinata, e molto più nella supposizione che sia perfetta. Questo medesimo oltre di ciò, secondo tutte le regole e teorie speculative della letteratura, secondo tutti gl’insegnamenti dati finora dall’osservazione e dall’esperienza in queste materie, è contraddittorio in se stesso, non essendo possibile che una tal lingua contraffacendo esattamente le forme, e frasi proprie e speciali d’un’altra lingua caratteristicamente diversa, ne rappresenti il genio e il carattere, e ne conservi lo spirito; essendosi sempre veduto ne’ casi particolari, e confermato colle ragioni speculative generali, che da tal causa risulta contrario effetto, e contrario totalmente, anche trattandosi di lingue affini, e somiglianti di carattere. Ma lasciando questo, e tornando alla prima impossibilità, dico che il carattere proprio di una lingua, è sempre per sua natura esclusivo degli altri caratteri, siccome lo è quello [2856]di una nazione, quando sia formato e completo; che quello ch’è impossibile alla nazione è impossibile alla lingua; che se la nazion tedesca non può assumere per natura il preciso e proprio carattere de’ francesi, se non può assumerne i costumi e le maniere senza nuocere al carattere nazionale, senza guastarsi, senza rendersi affettata, e dimostrarsi composta di parti contraddittorie, e produrre il senso della sconvenienza, dello sforzo, della violenza fatta alla propria natura, così la lingua tedesca, s’ella ha già forma propria e certa, s’ella ha carattere, s’ella è perfetta, non può per natura contraffare e ricopiare il carattere delle altre lingue, non può senza gl’inconvenienti sopraccennati e anche maggiori, rinunziando alle forme proprie, assumere nelle traduzioni le forme delle lingue straniere.

Astraendo da tutto questo, dico che in una lingua la quale abbia pienamente questa facoltà, le traduzioni di quel genere che i tedeschi vantano, meritano poca lode. Esse dimostrano che la lingua tedesca, [2857]come una cera o una pasta informe e tenera, è disposta a ricevere tutte le figure e tutte le impronte che se le vogliono dare. Applicatele le forme di una lingua straniera qualunque, e di un autore qualunque. La lingua tedesca le riceve, e la traduzione è fatta. Quest’opera non è gran lode al traduttore, perchè non ha nulla di maraviglioso; perchè nè la preparazione della pasta, nè la fattura della stampa ch’egli vi applica, appartiene a lui, il quale per conseguenza non è che un operaio servile e meccanico; perchè dov’è troppa facilità quivi non è luogo all’arte, nè il pregio dell’imitazione consiste nell’uguaglianza, ma nella simiglianza, nè tanto è maggiore quanto l’imitante più s’accosta all’imitato, ma quanto più vi s’accosta secondo la qualità della materia in cui s’imita, quanto questa materia è più degna; e quel ch’è più, quanto v’ha più di creazione nell’imitazione, cioè quanto più v’ha di creato dall’artefice nella somiglianza che il nuovo oggetto ha coll’imitato, ossia quanto questa somiglianza vien più dall’artefice che dalla materia, ed è più nell’arte [2858]che in essa materia, e più si deve al genio che alle circostanze esteriori. Neanche una tal opera può molto giovare alla lingua, nè servire ad arricchirla, o a variarla, o a formarla e determinarla, sì perch’ella dee perdere queste impronte e queste forme colla stessa facilità con cui le riceve e per la ragione stessa per cui così facilmente le riceve; sì perchè queste nella loro moltiplicità nocciono l’una all’altra, si scancellano e distruggono scambievolmente, e impediscono l’una all’altra l’immedesimarsi durabilmente e connaturarsi colla favella; sì perchè questa moltiplicità immoderata è incompatibile con quella tal quale unità di carattere che dee pur avere una favella ancorchè immensa, massime ch’elle sono diversissime l’une dall’altre, o ripugnano scambievolmente; sì perchè gran parte di queste forme o impronte essendo alienissime o affatto contrarie al carattere nazionale de’ tedeschi, e a quello della loro letteratura, non possono se non nuocere alla lingua, e guastarla, o impedire o ritardare ch’ella prenda e fortemente [2859]abbracci e ritenga quella sola forma e carattere che le può convenire, cioè quella che sia conforme al carattere della nazione e della nazionale letteratura, senza la qual forma perfettamente determinata, e da lei perfettamente ricevuta per costantemente conservarla, essa lingua non sarà mai compiuta e perfetta.

Conchiudo che se i traduttori tedeschi (grandissimi letterati e dottissimi, e spesso uomini di genio) fanno veramente quegli effetti che ho ragionati nel principio di questo pensiero, il che pienamente credo quanto alle cose che appartengono all’estrinseco; se con ciò non fanno alcuna violenza alla lingua, nel che credo assai ma assai meno di quel che si dice; se in somma la lingua tedesca, quanto alle qualità sopra discusse, è tale quale si ragiona, nel che non so che mi credere; la lingua tedesca come applicata assai tardi alla letteratura, e come appunto vastissima e immensamente varia, sì per l’antichità della sua origine, sì per la moltitudine degl’individui, e diversità de’ popoli che la parlano, non è ancora nè perfetta, nè formata e sufficientemente [2860]determinata; ch’ella è ancor troppo molle per troppa freschezza; ch’ella col tempo e forse presto (per l’immenso ardore, attività e infaticabilità letteraria di quella nazione) acquisterà quella sodezza e certezza che conviene a ciascuna lingua, e quella particolar forma e determinato e stabil carattere e proprietà, e quel genere di perfezione che conviene a lei, con quel tanto di unità caratteristica ch’è inseparabile dalla perfezione di qualunque lingua, siccome di qualunque nazione, e forse di qualunque cosa, se non altro, umana; che allora ella potrà essere e sarà liberissima, vastissima, ricchissima, potentissima, pieghevolissima, capacissima, immensa, e immensamente varia, pari in queste qualità astrattamente considerate, e superiore eziandio, se si vuole e se è possibile, non che all’italiana ma alla stessa lingua greca, ma non per tanto ella non avrà o non conserverà per niun modo quelle facoltà stravaganti e senza esempio, divisate di sopra; e quelle traduzioni ora lodate e celebrate piuttosto, cred’io, per gusto matematico che letterario, piuttosto come curiosità che come opere di genio, [2861]piuttosto come un panorama o un simulacro anatomico o un automa, che come una statua di Canova, piuttosto misurandole col compasso, che assaporandole e gustandole e paragonandole agli originali col palato, quelle traduzioni, dico, parranno ai tedeschi non tedesche, e nel tempo stesso non capaci di dare alla nazione la vera idea degli originali, aliene dalla lingua, e proprie di un’epoca d’imperfezione, e immaturità.

(29 30. Giugno 1823.)

In ciascun punto della vita, anche nell’atto del maggior piacere, anche nei sogni, l’uomo o il vivente è in istato di desiderio, e quindi non v’ha un solo momento nella vita (eccetto quelli di totale assopimento e sospensione dell’esercizio de’ sensi e di quello del pensiero, da qualunque cagione essa venga) nel quale l’individuo non sia in istato di pena, tanto maggiore quanto egli o per età, o per carattere e natura, o per circostanze mediate o immediate, o abitualmente o attualmente, è in istato di maggior sensibilità ed esercizio della vita, e viceversa.

(30. Giugno 1823.). V. p.3550.

[2862]L’amicizia, non che la piena ed intima confidenza tra’ fratelli, rade volte si conserva all’entrar che questi fanno nel mondo, ancorchè siano stati allevati insieme, ed abbiano esercitato l’estremo grado di questa confidenza sino a quel momento; e di più seguano ancora a convivere. E pure se l’uomo è capace di piena ed intima confidenza, e s’egli dovrebbe conservarla perpetuamente verso qualcuno, questo dovrebb’essere verso i fratelli coetanei, ed allevati con lui nella fanciullezza: e dico dovrebb’essere, non per forza naturale della