La Vita
Cronologia delle opere
I Canti
Le Operette Morali
Lo Zibaldone
Diario Del Primo Amore
Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani
Pensieri
Recanati città della poesia
CNSL (Centro Naz.le di Studi Leopardiani)
Centro Mondiale della Poesia
Parco Letterario
Giunta Naz.le Leopardiana
Cattedre Leopardiane
Casa Leopardi e Casa Antici
Avvenimenti
Iconografia
Città
Lettere autografe
Laboratori
Multimedia
L'infinito nel mondo
Home - NEWS
Data e ora di inserimento: (25-02-2018, 10:12:10)

Trentotto pagine inedite di Giacomo Leopardi ritrovate nel corpus di manoscritti conservato alla Biblioteca Nazionale di Napoli. Le hanno «scovate» gli studiosi Marcello Andria e Paola Zito che per anni hanno infaticabilmente lavorato con altri colleghi alle carte del recanatese e, dopo una lunga indagine interpretativa, le pubblicano ora nel libro Leopardi bibliografo dell’antico (Aracne) che si presenta oggi nelle sale di Palazzo Reale (alle 16,30) con contestuale esposizione dei preziosi documenti.

La lista: 557 annotazioni
Si tratta di un elenco di 557 annotazioni bibliografiche aggregate per lettera, in approssimativo ordine alfabetico. Non è, però, una mera lista di testi e autori da Omero ad Aristotele, da Platone a Cicerone, fino agli scrittori tardo antichi che il giovane poeta redige tra la fine del 1816 e l’inizio del 1817 nella «vile zolla» di Recanati. Lista che pur da sola testimonierebbe il vorace desiderio di conoscenza di quell’eruditissimo filologo diciannovenne qual era allora il figlio scalpitante e sempre inappagato di sapere del conte Monaldo. Leopardi, nella biblioteca paterna, prende nota — traendoli da riviste e cataloghi di librai — di tutti i testi che vorrebbe leggere e puntella molte di queste segnalazioni con commenti personali e critici, spesso in latino, che possono esser letti come una conversazione tra il poeta e quei libri. È un affondo in presa diretta nel suo laboratorio intellettuale, negli itinerari di lettura tracciati o anche solo immaginati e desiderati.

L’ansia del bibliografo
Che cosa racconti del suo specialissimo estensore questa lista tutt’altro che asettica lo spiegano i curatori del volume. Paola Zito, che ora insegna biblioteconomia e bibliografia all’Università Vanvitelli, svela: «L’elenco racconta il momento in cui Giacomo inizia ad assere infelice nella “dipinta gabbia” della pur ricchissima biblioteca paterna. Al giovane filologo non bastavano più cinquecentine e vecchi commentari. Voleva l’avanguardia della filologia, aveva bisogno di leggere Epicuro e Omero nelle più recenti edizioni. Esplode il conflitto con il padre che finora è stato regista della sua vita anche intellettuale. Qui le due strade si dividono. Siamo di fronte a una svolta irreversibile. Inizia il suo percorso individuale all’insegna dell’ansia. Ritiene di non essere aggiornato, di avere un enorme arretrato e viene invaso dall’ansia di recuperare. È il sentimento del bibliografo consapevole della non esaustività del suo lavoro. Vuole leggere studi critici di respiro europeo, testi che, come scrive riferendosi all’attimo della stampa, “gemevano sotto i torchi...” ovvero erano in procinto di essere pubblicati». Leopardi ha un desiderio onnivoro di conoscenza e vuole portare l’Europa nel «natio borgo selvaggio».

Voleva l’avanguardia della filologia
«I testi annotati — spiega Marcello Andria — sono olandesi, tedeschi e francesi oltre che italiani e sono tutti a lui contemporanei. Leopardi non è un bibliofilo in cerca di libri antichi, è invece espertissimo di libri correnti, di nuove edizioni rigorose e aggiornate che vuole acquistare. Riuscirà però a procurarsi realmente solo due o tre titoli, gli altri forse li consultò nei suoi viaggi. Così la lista rimane in parte di soli desiderata».

Giudizi e commenti
Sembra vederlo, curvo e bramoso, lì ad annotare. «Sì, il poeta procedeva così: “Questo me lo appunto perché domani potrei avere interesse a leggerlo”. E quando il libro non gli piace, scrive commenti negativi del tipo: “i curatori non sono attendibili” oppure “congettura lacunosa”. Altre volte fa una specie di abstract sul contenuto e lo valuta, aggiungendo spessoni fallor, cioè se non sbaglio. Siamo di fronte, insomma a un materiale laterale rispetto ai manoscritti delle opere che costituisce però una sorta di importante contabilità intellettuale di Leopardi».

Lo stralcio
Ed ecco un esempio di commento inedito: «Biblia Sacra. (Il sig. Buchnan29 ecclesiastico inglese, ha presentato all’università di Cambridge due mss. venuti dalle Indie, che sembrano estremamente preziosi per la loro antichità. Il primo è un Pentateuco trovato nel 1806. a Malayala nella Sinagoga degli Ebrei di quel paese i quali hanno il sopranome di negri. Essi pretendono discendere dagli Ebrei, che in occasione della cattività di Babilonia furono dispersi nell’India, e che non conoscevano quasi altri libri dell’antico Testamento che i cinque libri di Mosè».

La scheda
Leopardi bibliografo dell’antico (Aracne) sarà presentato oggi, alle 16,30 alla Biblioteca Nazionale di Napoli, da Maria Luisa Chirico, Matteo Palumbo, Vincenzo Trombetta e Fabiana Cacciapuoti, con il saluto del direttore dell’Istituto, Francesco Mercurio. Il volume è a cura di Marcello Andria, ora direttore del Sistema Bibliotecario dell’Università di Salerno, e Paola Zito, docente di biblioteconomia e bibliografia all’Università della Campania «Luigi Vanvitelli». Le carte autografe saranno per l’occasione esposte al pubblico.

P.IVA: 00325900439 - www.leopardi.it - Powered by Mercurio Net