La Vita
Cronologia delle opere
I Canti
Le Operette Morali
Lo Zibaldone
Diario Del Primo Amore
Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani
Pensieri
Recanati città della poesia
CNSL (Centro Naz.le di Studi Leopardiani)
Centro Mondiale della Poesia
Parco Letterario
Giunta Naz.le Leopardiana
Cattedre Leopardiane
Casa Leopardi e Casa Antici
Avvenimenti
Iconografia
Città
Lettere autografe
Laboratori
Multimedia
L'infinito nel mondo
Home - NEWS
Data e ora di inserimento: (18-09-2017, 09:09:07)

Clicca per visualizzare le immagini associateIl premio “La Ginestra” 2017
è stato assegnato a FIORENZA CERAGIOLI


A premiarla Fabio Corvatta pres del CNSL di Recanati.


Fiorenza Ceragioli appartiene alla migliore tradizione della Filologia italiana. Formatasi all'Università di Firenze e poi alla Scuola Normale di Pisa, ha dedicato a Leopardi saggi notevoli, che l'hanno caratterizzata come un'interprete raffinata e rigorosa. I suoi studi mostrano una capacità acuta di indagare sulla forma dei testi, sulle radici che hanno nella storia intellettuale del poeta e sui legami con gli ambienti in cui nascono. Espressione di tale ricerca meticolosa e illuminante sono soprattutto i volumi I canti fiorentini di Giacomo Leopardi (1981) e Il percorso della poesia. Giacomo Leopardi a Pisa (2005).

Il centro del lavoro di Fiorenza Ceragioli riguarda in particolare la seconda fase della lirica leopardiana: quella che nasce appunto negli anni di Pisa e nella stagione di A Silvia. Si tratta di momenti decisivi nella storia del poeta. Fiorenza Ceragioli sottolinea il senso che la ricostruzione del passato e della giovinezza assume negli anni 1827 -28. Il ricordo si offre per il poeta come una materia di riflessione e di giudizio.

Non rappresenta solo il richiamo di una stagione perduta della vita. Implica piuttosto la meditazione intorno al senso che la giovinezza e le speranze acquistano alla luce del presente e dell'esperienza che questo contiene. Leopardi, come sottolinea Ceragioli, a partire dagli anni pisani intende "riflettere quello ch'io fui, e paragonarmi meco medesimo". Questa coscienza costituisce uno snodo decisivo della riflessione teorica ed estetica e accompagna gli sviluppi finali della produzione leopardiana.

La competenza di Fiorenza Ceragioli si è concretizzata in ulteriori lavori, che mostrano la ricchezza dei suoi interessi. Ha organizzato una mostra fondamentale come quella allestita per il bicentenario della nascita del poeta, Leopardi a Pisa, e ha curato, insieme con Monica Ballerini, l'edizione critica informatizzata dello Zibaldone: uno strumento utilissimo per chi voglia interrogare un testo pieno di possibili incroci.

Non si può parlare dell'identità di studiosa di Fiorenza Ceragioli senza ricordare gli studi di edizione e di interpretazione che ha dedicato a un poeta come Dino Campana. L'autore dei Canti e quello dei Canti orfici, a partire dalla consonanza dello stesso titolo, si congiungono all'interno di una comune tradizione. Questa tradizione ha trovato proprio nelle ricerche della Ceragioli l'interprete più sapiente e legittimo.


con letture a cura di Massimiliano Foa
interventi musicali di Lucia Di Sapio
conduzione di Donatella Trotta.


per maggiori informazioni www.premiolaginestra.it

P.IVA: 00325900439 - www.leopardi.it - Powered by Mercurio Net