La Vita
Cronologia delle opere
I Canti
Le Operette Morali
Lo Zibaldone
Diario Del Primo Amore
Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani
Pensieri
Recanati città della poesia
CNSL (Centro Naz.le di Studi Leopardiani)
Centro Mondiale della Poesia
Parco Letterario
Giunta Naz.le Leopardiana
Cattedre Leopardiane
Casa Leopardi e Casa Antici
Avvenimenti
Iconografia
Città
Lettere autografe
Laboratori
Multimedia
L'infinito nel mondo
Home - NEWS
Data e ora di inserimento: (28-06-2017, 09:25:19)

Clicca per visualizzare le immagini associateLaboratorio ER-SMMA_LAB.LEO in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore e il patrocinio del Centro Nazionale di Studi Leopardiani di Recanati. Dal 2 all'8 luglio 2017

La memoria dell’uomo è impotentissima senza l’aiuto de’ segni». Laboratorio di Studi ermeneutici di simbologia sacra e mitologia religiosa della ‘modernità dell’antico’ nella Letteratura italiana e nelle Arti dal Rinascimento ai nostri giorni, con sezione leopardiana

Recanati, CNSL, 2-8 luglio 2017

________________________________________

I simboli sono i segni di una cultura sacra secolare, anzi millenaria, che parlano tuttavia compiutamente soltanto a coloro che possiedono un bagaglio culturale idoneo per arrivare a decriptare il messaggio in essi incorporato e nel contempo velato.

Organizzato dall’Università Cattolica del Sacro Cuore, attraverso la sua Formazione Permanente, il corso laboratoriale ER-SMMA_Lab.Leo. (1a ed., 2017) si terrà dal 2 all’8 luglio a Recanati, presso il “Centro Nazionale di Studi Leopardiani” (CNSL).

Le lezioni di carattere teorico (I modulo) verteranno sui seguenti argomenti:
- l’“Arte della memoria” dall’antichità al Rinascimento”;
- il simbolo, il segno, il mito, l’ermeneutica e la divina ispirazione del poeta (entusiasmo) nell’antichità classica; la simbologia sacra, la mitologia religiosa e le rispettive fonti nella prospettiva della storia delle religioni antiche;
- la circolazione manoscritta e a stampa dei testi del paganesimo religioso nell’Umanesimo-Rinascimento;
- il riaffiorare del paganesimo religioso, dei suoi temi e dei suoi simboli, nel Rinascimento: il caso del libro dell’Hypnerotomachia Poliphili (1499) illustrato da xilografie;
- la dea pagana dell’amore (nonché della guerra) da Oriente a Occidente nella storia delle religioni antiche (Inanna, Ishtar, Astarte, Derceto, Hator, Afrodite, Venere, Tanit, Celestis). Simbologia, iconografia, fonti antiche, bibliografia moderna;
- un paredro della dea pagana dell’amore nella storia delle religioni antiche: Dumuzi, Tammuz, Adon, Adone. Simbologia, iconografia, fonti antiche, bibliografia moderna;
- due teorizzatori della simbologia sacra, della mitologia religiosa e della “nuova mitologia dei tempi moderni”: Georg Friedrich Creuzer (Marburg an der Lahn, 1771 – Heidelberg, 1858) e Charles François Dupuis (Trie-Château, 1742 – Is-sur-Tille, 1809);
- l’approccio ermeneutico della “modernità simbolico-mitologica dell’antico”.

Le lezioni di carattere laboratoriale (II modulo) avranno lo scopo di spiegare come fattivamente riuscire a interpretare opere letterarie e artistiche nella prospettiva ermeneutica interdisciplinare della “modernità simbolico-mitologica dell’antico”, che chiama in causa la storia delle religioni antiche e le sue fonti come fondamentale chiave di decifrazione.

La sezione artistica, dopo una introduzione riguardante la riemersione del paganesimo nell’Arte del Rinascimento, verterà su alcune opere di Sandro Botticelli: individuando e decriptando la simbologia sacra velata nelle immagini di alcuni suoi celebri quadri dal soggetto mitologico, ma non solo, verrà portato alla luce il significato cripto-pagano dell’opera – concepita come uno scrigno-palinsesto –, occultato nella sua scriptio inferior, approdando in tal modo a soluzioni ermeneutiche innovative. Verranno inoltre presi in esame alcuni quadri recanatesi (uno dei quali di incerta attribuzione a Caravaggio) al fine di decifrarne il significato complessivo nascosto, a partire dalla decriptazione delle immagini simbolico-religiose che essi contengono, considerate alla luce della “misteriosa mitologia locale” di Recanati, toponimo dalle “favole antiche” locali fatto derivare dall’epiclesi Ericina dell’Afrodite-Astarte venerata a Erice, in Sicilia.

La sezione letteraria verterà sull’opera di Giacomo Leopardi “homo religiosus et symbolicus” («quella fede teologica, anzi quella coesistenza che noi abbiamo insieme»: così Giacomo scrisse al fratello Carlo, da Bologna, il 24 febbraio 1826; «Aspetto e invoco ferventemente il regno di Ormuzd, la vittoria di Osiride contro Tifone, la venuta del Redentore, il trionfo dell’agnello pasquale. Tu che hai letto il Dupuis, m’intendi bene»: così scrisse all’amico greco-veneziano Antonio Papadopoli, da Bologna, il 16 gennaio 1826»; «Io sono stato, vivendo, il tuo maggior predicatore ec. l’apostolo della tua religione»: così scrisse, probabilmente a Firenze nella primavera del 1833, nell’abbozzo dell’inno Ad Arimane). La sezione leopardiana presenterà una panoramica spaziante dalla formazione cristiana e dal tema del sacro cristiano nei testi giovanili alla componente cripto-pagana, in chiave simbolico-mitologico-religiosa, dei testi in verso e in prosa della maturità, passando attraverso gli interessi per le religioni pagane antiche, anche in prospettiva sincretistica, dimostrati in opere erudite giovanili quali la Storia dell’astronomia (1813) e il Saggio sopra gli errori popolari degli antichi (1815); prenderà inoltre in esame gli scritti leopardiani che registrano le riflessioni teoriche sul simbolo in accezione greco-antica e quelle sul simbolo e sulla mitologia in prospettiva religiosa, riecheggianti le teorie primo-ottocentesche di Georg Friedrich Creuzer e di Charles François Dupuis; considererà, poi, la presenza della filosofia del neoplatonismo pagano nel pensiero e nell’opera di Leopardi. Si concentrerà, quindi, su due componimenti leopardiani d’ambientazione recanatese (La sera del dì di festa e il Passero solitario) considerati nella prospettiva ermeneutica della “modernità simbolico-mitologica dell’antico” al fine di farne emergere il significato recondito, riposto nella scriptio inferior degli stessi testi, da Leopardi concepiti con la struttura semantica dello scrigno-palinsesto e criptati, nella loro scriprio inferior, con i simboli, i temi e le fonti della “misteriosa mitologia locale” di Recanati, il pagus intitolato a Venere-Astarte Ericina. Infine, considererà due poeti del Novecento (Mario Luzi e ed Eugenio Montale) in qualità di cripto-decifratori del Passero solitario tramite le chiavi ermeneutiche della “misteriosa mitologia locale” recanatese.

Tour recanatesi, visite a musei e a luoghi di culto e gite nelle Marche porteranno i corsisti a scoprire dal vivo la “misteriosa mitologia locale”, nonché le locali bellezze paesaggistiche e artistico-architettoniche.


________________________________________

Il corso laboratoriale ER-SMMA_Lab.Leo. è rivolto a studenti universitari, laureandi, laureati, insegnanti, cultori della materia, conduttori di laboratorio, dottorandi di ricerca, dottori di ricerca, assegnisti di ricerca, docenti a contratto, nonché agli studiosi e agli appassionati degli argomenti trattati dal corso.


Il corso laboratoriale ER-SMMA_Lab.Leo.è rivolto altresì – in funzione propedeutica – a coloro che vorrebbero tenere una relazione al “III Congresso Internazionale di Studi ermeneutici su simbolo, mito e ‘modernità dell’antico’ nella Letteratura italiana e nelle Arti dal Rinascimento ai nostri giorni” ER-SMMA_Con (Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, 15-16 dicembre 2017; deadline: 10 settembre).

Ai corsisti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

________________________________________

Formazione e aggiornamento degli insegnanti
Il corso rientra nelle iniziative di formazione e aggiornamento del personale della scuola organizzate dall’Università Cattolica, in quanto Soggetto qualificato dal MIUR ai sensi della Direttiva n. 170 del 21/03/2016.

La partecipazione dà luogo agli effetti giuridici ed economici previsti dalla normativa vigente (nota MIUR n. 2915 del 15/09/2016).

Il corso è finanziabile con la “Carta del docente” prevista dalla L. 107/2015 c.d. “buona scuola”.

Per eventuali delucidazioni contattare la Formazione Permanente dell’Università Cattolica (renata.dellafiori@unicatt.it)

A coloro che insegnano presso Scuole paritarie o private si fa presente che i Soggetti iscritti ad un Fondo Interprofessionale possono usufruire di forme di finanziamento in virtù del Fondo a cui sono iscritti. Per maggiori informazioni si prega di scrivere a: fondi.interprofessionali@unicatt.it

______
Prof.ssa ANGELA IDA VILLA
Università Cattolica del Sacro Cuore - Milano
http://docenti.unicatt.it/ita/angela_ida_villa/
http://unicatt.academia.edu/AngelaIdaVilla
http://www.unicatt.it/leopardi-pascoli-montale (III ed., Lucca, 23-29 luglio 2017)
http://convegni.unicatt.it/ermeneutica-simbolo-mito-e-modernitadellantico (III ed., Milano, 11-12 dicembre 2017; deadline: 10 settembre)
http://convegni.unicatt.it/laboratorio-ersmma (Recanati, CNSL, 2-8luglio 2017)





in ALLEGATO
il programma da scaricare....

P.IVA: 00325900439 - www.leopardi.it - Powered by Mercurio Net