La Vita
Cronologia delle opere
I Canti
Le Operette Morali
Lo Zibaldone
Diario Del Primo Amore
Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani
Pensieri
Recanati città della poesia
CNSL (Centro Naz.le di Studi Leopardiani)
Centro Mondiale della Poesia
Parco Letterario
Giunta Naz.le Leopardiana
Cattedre Leopardiane
Casa Leopardi e Casa Antici
Avvenimenti
Iconografia
Città
Lettere autografe
Laboratori
Multimedia
L'infinito nel mondo
Home - CATTEDRE LEOPARDIANE
La Cattedra leopardiana di Birmingham (UK)

La Cattedra leopardiana di Birmingham è stata istituita nel 1998 con il patrocinio e il sostegno finanziario del Centro Nazionale di Studi Leopardiani e dell'Università di Birmingham.
Il suo nome inglese è "The Leopardi Centre at Birmingham".
Il Direttore è Franco D'Intino.

Il Leopardi Centre (LC) ha sede presso il "Department of Italian Studies" dell'Università di Birmingham (UK). Al LC è stata assegnata una stanza al quinto piano della Muirhead Tower, nel campus dell'Università, all'interno della quale si trovano la biblioteca, ricca di centinaia di volumi specializzati, un telefono e un computer. Qui studiosi e docenti possono venire a studiare, a consultare libri, a usare la rete per ricerche. Questa sede è usata anche come luogo di lavoro e di incontro dai numerosi studenti che hanno conseguito (o stanno conseguendo) un dottorato o un Master con il patrocinio del LC (vedi sotto, 2).

Le attività del Leopardi Centre sono state inaugurate dal grande Convegno internazionale su "Leopardi e il libro nell'età romantica" (29-31 ottobre 1998), al quale hanno partecipato prestigiosi studiosi italiani e stranieri. Gli atti del convegno sono ora pubblicati nel volume Leopardi e il libro nell'età romantica, a cura di Franco D'Intino e Michael Caesar, Roma, Bulzoni, 2000.

Negli anni successivi il LC ha lavorato su più livelli per realizzare i seguenti obiettivi:

1. L'obiettivo primario è stato quello di garantire tutti gli anni un corso su Leopardi, con appositi contratti offerti a vari studiosi inglesi. La cosa non è affatto scontata, giacché nelle università inglesi i corsi cambiano continuamente. Solo a Birmingham gli studenti hanno sempre avuto per dieci anni di seguito, a partire dal 1995, e poi dopo il 1998 anche grazie alle risorse del LC, l'opportunità di studiare Leopardi, un autore incredibilmente trascurato nelle altre università.

2. Il secondo obiettivo è stato quello di incoraggiare il proseguimento degli studi su Leopardi dopo la laurea, con progetti di master (MPhil) e di Dottorato (PhD) in parte finanziati dal LC. Finora hanno conseguito un MPhil o un Dottorato di argomento leopardiano o affine (o sono in procinto di conseguirlo), con il patrocinio del LC, i seguenti studenti: Craig Boulton, Elizabeth Dunstan, Mariagabriella Di Giacomo, Anne O'Brien, Kay Baldwin, Cosetta Veronese, Floriana Di Ruzza.

3. Il terzo obiettivo è stato quello di organizzare ogni anno (e in certi casi due volte all'anno) eventi leopardiani (la cosiddetta "settimana leopardiana"), invitando a parlare e a confrontarsi con gli studenti di Birmingham e di altre università inglesi studiosi di prestigio italiani e stranieri.
Le iniziative sono state di due tipi:
a) Seminari (o piccoli convegni). Se ne sono svolti finora tre, sui seguenti temi: "Leopardi e le passioni" (ottobre 1999), "Leopardi e la traduzione" (marzo 2001), "La fuga degli dèi. Crisi della verità tra illuminismo e romanticismo" (marzo 2003). Tra gli altri, hanno partecipato a questi seminari: E. Tandello (Oxford), G. Stabile (Roma), A. Prete (Siena), J.-C. Vegliante (Parigi), F. D'Intino (Perugia), Maria de las Nieves Muñiz Muñiz (Barcellona), L. Crescenzi (Pisa), M.A. Bazzocchi (Bologna), A. Folin (Padova). I programmi e alcuni testi degli interventi sono ora sul sito del LC.
b) Cicli di lezioni e conferenze tenute da studiosi ospiti (Visiting lecturers): M.A. Rigoni (ottobre 2000), M.A. Bazzocchi (febbraio 2003), M. Bacigalupo (febbraio 2004), C. Genetelli (febbraio/marzo 2005).
Grazie a un piccolo contributo del LC hanno potuto partecipare a questi eventi studenti di tutte le università inglesi.

Birmingham University Birmingham Student Working

Dal prossimo anno le attività saranno strutturate nel seguente modo:

a) in autunno, all'inizio dell'anno accademico, si terrà una "Leopardi Lecture" (sul modello della "T.S. Eliot Lecture"): ogni anno un prestigioso studioso terrà una conferenza su temi leopardiani o affini, che sarà poi pubblicata sia sul sito sia su una importante rivista inglese. Il primo conferenziere sarà Paul Hamilton, professore di Letteratura inglese al Queen Mary, University of London, studioso e saggista esperto di Romanticismo.
b) in inverno, a metà anno accademico, ogni anno un diverso studioso di Leopardi visiterà Birmingham e lavorerà con gli studenti del corso leopardiano: terrà cicli di lezioni e seminari, seguirà le tesi su Leopardi ecc.

4. Il quarto obiettivo è stato quello di creare e aggiornare puntualmente un sito web dedicato al LC, con il resoconto di tutte le iniziative e alcuni testi on-line. Il sito serve per fare pubblicità al LC e per attrarre studenti di altre università eventualmente interessati a studiare Leopardi a Birmingham.
Il suo indirizzo è: www.leopardi.bham.ac.uk.

5. Altri ambiziosi obiettivi del LC, ai quali si sta lavorando, sono:
a) la traduzione in inglese dello Zibaldone.
b) l'organizzazione di una serie di seminari e convegni internazionali e interdisciplinari, da tenersi in varie città europee, sul tema "Suono, Voce, Canto: dal pastore errante a Leopardi".
c) l'istituzione di borse di sudio che permettano a studenti di ottima qualità di scegliere Leopardi come argomento di Master o PhD.

Torna all'elenco delle cattedre leopardiane

P.IVA: 00325900439 - www.leopardi.it - Powered by Mercurio Net